Vi porto sul Monte Faito dove è stata rapita Angela Celentano il 10 Agosto 1996

Quello che vedrete è un video composto da più video da me realizzati sul monte Faito nel luglio del 2017 mentre stavo scrivendo il mio libro: «Angela Celentano: un mistero che dura dal 10 Agosto 1996». Nel video mi trovo nello spiazzo antistante i ruderi del castello Giusso, e le riprese avvengono dal punto dove si trovavano a fare il pic-nic i gitanti della Chiesa Evangelica Pentecostale di Vico Equense. Praticamente mi trovo dalla parte dove c’erano i tavoli e le sedie, e quindi dove si trovavano anche i genitori della piccola Angela Celentano. Davanti a me potete vedere la parte dello spiazzo dove stavano giocando i bambini e i ragazzi. Tenete presente che in totale su quello spiazzo vi erano quaranta persone, tra adulti e bambini, appartenenti alla Chiesa. Allora i ruderi del castello Giusso si trovano alla mia estrema destra, e di fronte ai ruderi, quindi alla mia estrema sinistra c’è il sentiero che mena giù al parcheggio nei pressi del Centro Sportivo Faito, che è il sentiero lungo il quale la piccola Angela Celentano fu rapita.

Ora, la piccola – che aveva tre anni – attraversò quello spiazzo – o comunque partì da quello spiazzo – per prendere quel sentiero senza che alcuno se ne accorgesse!!! Ma non l’attraversò da sola perché un bambino di nome Renato Cangiano – che aveva undici anni – l’avrebbe presa e portata con sé lungo il sentiero che va al parcheggio. E’ praticamente impossibile dunque che nessuno dei gitanti su quello spiazzo l’abbia vista con le sue gambette avviarsi assieme a Renato verso il sentiero e scendere per esso. Ci sono coloro che hanno visto ma non parlano. Sfido chiunque a recarsi di persona su questo spiazzo e dirmi se sia mai possibile che tra decine di persone nessuno veda una bambina di tre anni avviarsi verso quel sentiero assieme ad un bambino più grande di lei! CHI SA PARLI! VADA IN PROCURA A RACCONTARE QUELLO CHE SA! NON SIA CODARDO!

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Pentecostali | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

La risposta

Siamo stati salvati perché abbiamo fatto qualcosa di buono e quindi perché abbiamo meritato la salvezza? No, perché è scritto: “Egli ci ha salvati non per opere giuste che noi avessimo fatte” (Tito 3:5). E allora perché siamo stati salvati? Perché siamo stati eletti da Dio a salvezza in Cristo prima della fondazione del mondo (cfr. Efesini 1:1-6; 2 Tessalonicesi 2:13). Sì, riconosciamo che Dio ci ha salvati secondo il beneplacito della sua volontà, affinché fossimo a lode della sua gloria. Non è dipeso da noi dunque, ma da Dio che ha voluto farci grazia, secondo che Dio disse a Mosè: “Farò grazia a chi vorrò far grazia, e avrò pietà di chi vorrò aver pietà” (Esodo 33:19). Ecco perché Paolo dice ai santi di Efeso: “Poiché gli è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non vien da voi; è il dono di Dio” (Efesini 2:8). A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Insegnamenti | Contrassegnato | 3 commenti

«L’Unto di Dio» è soltanto Gesù

Fratelli, vi esorto a non chiamare «l’Unto di Dio» il pastore della Chiesa che frequentate, o qualsiasi altro ministro del Vangelo, perché questo titolo appartiene soltanto a Gesù di Nazareth, il Figlio di Dio, infatti quando Gesù disse ai suoi discepoli: “E voi, chi dite ch’io sia?” Pietro, rispondendo, disse: “Il Cristo di Dio” (Luca 9:20). Ora, siccome Cristo (dal greco «Christós») è la traduzione greca del termine ebraico «Mašíakh», cioè «Unto», dal quale proviene l’italiano Messia, Pietro in quella circostanza chiamò Gesù: “L’Unto di Dio” (Luca 9:20). Solo Gesù di Nazareth dunque può essere da noi chiamato “l’Unto di Dio”. Infatti nei Salmi è scritto: “I re della terra si son fatti avanti, e i principi si son raunati assieme contro al Signore, e contro al suo Unto” (Atti 4:26; cfr. Salmo 2:2). E quindi se qualcuno si arroga questo titolo – cosa che purtroppo molti fanno nella loro stoltezza – lo dovete riprendere subito severamente, e se persiste a volersi fare chiamare «l’Unto di Dio», ritiratevi immediatamente da lui. Nessun servitore di Gesù disse mai: «Io sono l’Unto di Dio!» o fece capire di esserlo! Chiamare «l’Unto di Dio» un servitore di Gesù, equivale a chiamarlo «il Cristo di Dio» e quindi significa disprezzare Gesù, “che è chiamato Cristo” (Matteo 1:16). Nessuno vi seduca con vani ragionamenti.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Confutazioni, Esortazioni | Contrassegnato | 1 commento

Le avances di pastori

Esistono «pastori» sposati che fanno avances nei confronti di donne (sposate e non) che frequentano le riunioni di culto. Mi risulta che è un comportamento sempre più diffuso in ambito evangelico. Sorelle, se subite delle avances da parte del «pastore» della Chiesa che state frequentando, che vi fa capire chiaramente che vuole flirtare con voi, oltre a respingere le sue avances con fermezza vi esorto a riprenderlo e a mettere in guardia le altre donne da quell’uomo che è schiavo di concupiscenze carnali e a uscire e separarvi da quella Chiesa. Parlate, non tacete, affinché tutti sappiano come si comporta quell’uomo una volta che scende dal pulpito!

Giacinto Butindaro

Messaggio ricevuto il 9 Agosto 2018 poco dopo avere postato questo scritto ieri su Facebook:

«Pace, ho letto il tuo articolo sulle avances dei pastori… mi viene in mente un “pastore” siciliano di cui tu pubblicasti un articolo per via dell’ecumenismo… che in passato (parlo di 15 anni fa forse) ha corteggiato diverse sorelle e a causa di questo ha scandalizzato molte anime e in tanti sono usciti dalla sua chiesa… non ricordo il nome però. Il pastore della mia cittá invece commise fornicazione con una sorella… ci fu omertà da parte di alcuni, poi la cosa si scoprì, la moglie lo lasciò e si allontanò dal Signore, e la chiesa si disperse. Son cose tristi»

Messaggio ricevuto oggi 10 Agosto 2018:

«Pace. Desiderio confermare quanto hai postato in quanto io sono stata oggetto di attenzioni non volute e da me non raccolte; ciò non esime il pastore in questione dal peccato di adulterio commesso nel cuore. Ricordare questa esperienza è per me doloroso non solo per le conseguenze subite ma soprattutto, per il pensiero di essere stata oggetto di desiderio, in un luogo di culto, da parte di un uomo che non è mio marito mi fa tuttora star male e arrabbiare. Ti lascio la decisione di rendere pubblico quanto scritto. Sono certa che ci siano altre sorelle che hanno vissuto la mia stessa esperienza e a loro desidero dire: si è taciuto abbastanza. È ora di finirla di stare zitti. Gridiamo la verità perché per ogni donna molestata e offesa siamo tutte parte lesa. Credo che a forza di tacere il fango è arrivato agli altari. Vogliamo fare un po di pulizia affinché la Chiesa di Cristo sia santa e luogo di preghiera e non di altro? Grazie. Dio ti benedica fratello per la tua opera»

Commento postato da Sabrina Messina l’11 Agosto 2018 sul gruppo FB Cristiani d’Italia:

Giacinto, ho letto i messaggi delle due sorelle e anch’io confermo. Diversi anni fa un nostro amico pastore ci invitò al culto la sera, predicava un pastore che era stato invitato per l’occasione, non lo conoscevo ma per tutta la sera non mi toglieva lo sguardo di dosso nonostante fosse lì con la moglie. Per tutto il tempo mi sentii leggermente osservata(e in imbarazzo). Ma mica solo questo… anche un fratello già fidanzato mi ha approcciata, ne avrei da raccontarti. E poi qui su fb che roba… fratelli che fanno avances in privato tra cui anche un pastore sposato con figli, se ti facessi leggere quello che mi ha scritto… Non ho parole.

Fonte: Cristiani d’Italia

Pubblicato in Esortazioni | Contrassegnato , | 3 commenti

I segreti saranno palesati

L’Iddio Altissimo, che è il giusto giudice, ha già sentenziato che i segreti saranno palesati, perché Gesù Cristo ha detto che “non v’è nulla di nascosto che non abbia a diventar manifesto, né di segreto che non abbia a sapersi ed a farsi palese” (Luca 8:17), e una parte di queste cose nascoste e segrete vengono palesate da Dio già sulla terra. Noi abbiamo infatti già visto adempiersi queste parole, e continueremo a vederle adempiersi. Nessuno dunque si perda d’animo, perché quello che Dio ha decretato di portare alla luce già qui in terra, lo porterà alla luce. Potranno pure passare tanti anni, ma se lo ha decretato, eseguirà a suo tempo il suo decreto. Tutti i bugiardi, gli omertosi e i codardi sono quindi destinati da Dio ad essere svergognati. Si rallegrino nel Signore tutti coloro che amano la verità e sono assetati ed affamati di giustizia. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Noi non ci arrendiamo!

22 anni fa, il 10 Agosto 1996, veniva rapita la piccola Angela Celentano sul Monte Faito (Napoli), durante un pic-nic organizzato dalla Chiesa Pentecostale di Vico Equense. La nostra preghiera e il nostro desiderio è che Dio svergogni coloro che hanno mentito ed hanno nascosto quello che sanno sulla scomparsa di Angela Celentano, e faccia scovare gli ideatori e gli esecutori di questo rapimento, e naturalmente faccia trovare Angela Celentano. Esorto dunque tutti i santi a pregare Dio, anche quando si radunano come Chiesa, affinché Dio intervenga con il suo potente braccio e porti alla luce ciò che è ancora nascosto. Ricordatevi dunque di pregare per le autorità (la Procura di Torre Annunziata) che stanno lavorando in mezzo a grandi difficoltà per risolvere questo caso.
Vi invito a leggere il mio libro «Angela Celentano: un mistero che dura dal 10 Agosto 1996» che ho scritto l’anno scorso, che conferma senza ombra di dubbio l’esistenza di ombre nere sulla Chiesa Evangelica di Vico Equense che quel giorno era radunata sul Monte Faito.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Confutazioni | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Dio è con i risvegliati ma è contro coloro che odiano il risveglio

E’ in atto un risveglio, che è opera di Dio e noi per questo rendiamo a grazie a Dio. Molti sono stati risvegliati da Dio dal sonno nel quale erano sprofondati per opera di uomini astuti e perversi introdottosi nelle Chiese, i quali sono dei ministri di Satana. Dio si è compiaciuto dunque di risvegliarli secondo il beneplacito della Sua volontà. E naturalmente i risvegliati non parlano più, non ragionano più, non si conducono più stoltamente come quando dormivano. E che fanno le denominazioni evangeliche? Si oppongono ferocemente a questo risveglio e all’opera dei risvegliati, ma non riusciranno a fermare l’opera di Dio, perché nessuno può impedire a Dio di operare. “Io opererò; chi potrà impedire l’opera mia?” (Isaia 43:13), dice l’Iddio vivente e vero. Quindi Dio continuerà a risvegliare i Suoi e a tirarli fuori da queste carceri, cioè le denominazioni evangeliche!

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni | Contrassegnato | 1 commento

Ai pastori corrotti

Vi siete fatti beffe degli avvertimenti e degli ammonimenti che vi sono stati rivolti da parte di Dio in Cristo, per cui non avete voluto convertirvi dalle vostre vie malvagie e non avete voluto abbandonare le vostre eresie, ed ora è arrivato il castigo di Dio per le vostre iniquità e le vostre menzogne. Dio ha trasformato la vostra gioia in dolore, le vostre risate in lamenti. E vi sta strappando di mano le sue pecore. Questa è la fine che aspetta i beffardi come voi. E se continuerete a camminare per la strada della ribellione, Dio aggiungerà altri guai e dolori a quelli che avete già. Non scamperete alla sua ira ardente. Avete fatto tanto male ai santi dell’Altissimo, ed ora Dio si è ricordato delle vostre iniquità.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni | Contrassegnato | Lascia un commento

Gesù di Nazareth è il Cristo di Dio

Noi crediamo e proclamiamo con ogni franchezza che Gesù di Nazareth è il Cristo di Dio (cfr. Luca 9:20), ossia l’Unto che l’Iddio d’Abramo, d’Isacco e di Giacobbe nella pienezza dei tempi ha mandato nel mondo per essere la propiziazione dei nostri peccati (cfr. 1 Giovanni 4:10), affinché si adempissero le Scritture profetiche (cfr. Luca 24:25-27). Egli infatti è morto per i nostri peccati, secondo le Scritture, fu seppellito, e il terzo giorno fu risuscitato dai morti da Dio a cagione della nostra giustificazione, secondo le Scritture (cfr. 1 Corinzi 15:1-11; Romani 4:25). In Lui noi abbiamo la redenzione mediante il Suo sangue che Egli sparse. Siamo i redenti dell’Eterno (cfr. Isaia 62:12). A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni | Contrassegnato | 1 commento

Giancarlo Farina ti risveglio la memoria!

Oggi ho pubblicato un tuo commento che mi mandasti – con questa tua mail g.farina@bible.it – sul mio blog il 16 maggio 2014 che dice quanto segue: «Ci sono al mondo milioni di cattolici salvati. Come pure ci sono tanti sinceri massoni che servono il Signore con il pastorato o un servizio laico. Essere massone non è errato, se si tratta di massoneria ufficiale ed accreditata. i principi massoni sono molto elevati e mostrano una sensibilità spirituale speciale. Essere ecumenico significa cercare l’unità nella diversità e amare al di la delle barriere umane. Penso che la Chiesa debba unirsi, pur mantenendo diversità di teologia e iniziare anche un dialogo con gli ebrei e i mussulmani. Tutti crediamo nello stesso Dio Unico e Vero, Misericordioso e Ammirabile».

Ora, tu commentando sul mio blog hai scritto:
«Non ho nessuna intenzione di aprile una polemica sul tuo blog, ma voglio solo comunicarti che quello che riporti come un mio commento non mi appartiene. Probabilmente qualcuno ha scritto questo usando il mio nome. Mi chiedo anche perché hai aspettato 4 anni per renderlo pubblico. Evidentemente tu pubblichi ogni cosa senza andare alla fonte. Mi spiace. Non è corretto.»

E commentando sul profilo di Nicola Iannazzo hai scritto:
«Questo post non l’ho mai scritto. Nella migliore delle ipotesi e per non pensare male, ritengo che sia opera di qualcuno che si è spacciato per la mia persona. Bisognerebbe sempre verificare le fonti. Mi domando perché pubblicarlo 4 anni dopo. Queste parole sono molto forti. Immaginate che se io fossi veramente massone mi esporrei così pubblicamente sapendo di andare incontro ad un linciaggio pubblico? Perché questo post non è stato pubblicato a tempo debito? Probabilmente perché si aveva il sentore che fosse un “falso d’autore”… Perché non pubblicarlo due anni dopo, 8 marzo 2016 quando nel Blog di Butindaro venivo tacciato di odor di massoneria. Suvvia, siate seri…»

Ma quello che tu dici è falso, in quanto quel commento lo scrivesti proprio tu. E fosti tu stesso a dirmelo, infatti io dopo che ricevetti il commento volli assicurarmi che lo avessi scritto tu e ti scrissi una mail al tuo indirizzo fornitomi da te stesso (g.farina@bible.it che è una tua mail pubblica http://www.diffonderelabibbia.net/presentazione.html) e tu mi rispondesti a quella mail.

Ecco lo scambio di mail che avemmo:

«Ma no. Tu mi turbi con tutto il tuo odio. Ho anche paura perché a volte persone che si scagliano così violentemente contro tutto e tutti arrivano a far anche azioni violente.
Sono certo che tu non farai mai una cosa del genere… ma altri che leggono quello che scrivi possono andare fuori di testa e purtroppo ne ho conosciuti. Persone piene di odio.
Io l’altra sera sono andato io fuori di testa vedendo tutto il disprezzo che hai verso tanti servi del Sugnore e avendo ricevuto una email piena di insulti da un anonimo che forse conosci di persona e che si firma icabod.
Dopo aver insultato una marea di pastori ecc ha riportato i tuoi studi e ti cita come il nuovo profeta.
Davanti a tanto dolore ho scritto quelle stupidagini, sconvolto.
Ho passato due ore in preghiera per riavere la pace
Non sono arrabbiato con te… ho solo tanto dolore. ..
Pace
Giancarlo

Il 17/mag/2014 20:36 “Giacinto Butindaro” ha scritto:
Giancarlo, il tuo comportamento nei miei riguardi c stato riprovevole. ravvediti.
—— Original Message ——
From: Giancarlo
To: Giacinto Butindaro
Date: Sat, 17 May 2014 16:44:35 +0200
Subject: Re: da Giacinto Butindaro
> Caro Giacinto,
>
> Si l’ho scritto io il post, ma tutto quello che scrivo non c assolutamente il mio pensiero. Nulla di quello che ti ho scritto rappresenta quello che penso e credo, naturalmente.
>
> Ho voluto semplicemente aiutarti dandoti la possibilitr di scrivere male nei miei confronti, visto che lo stai facendo con tutti.
>
> Se vuoi posso scrivere cose anche peggiori cose hai gli elementi per attaccarmi. Fammi sapere. Potrei per esempio dire che faccio yoga o meditazione trascendentale o che seguo qualche guru indiano. Conoscendo bene la new age potrei scrivere che faccio strani riti.
>
> Un caro saluto
>
> Giancarlo Farina
>
> Inviato da iPad
>
> > Il giorno 17/mag/2014, alle ore 08:06, “Giacinto Butindaro” ha scritto:
> >
> > Pace a te Giancarlo. Mi c arrivato sul blog ieri sera un commento firmato da Giancarlo Farina, te lo metto in allegato cose lo puoi vedere.
> > Voglio pern avere una conferma da te, se lo hai scritto tu, prima di lasciarlo passare.
> > Quindi questa c la ragione per cui ti ho scritto.
> > In attesa di una tua risposta ti saluto
> >
> > Giacinto Butindaro
> >
> >
> >
>

——————-

Quindi hai mentito, e devi ravvederti e chiedermi perdono pubblicamente. Per quanto riguarda poi il motivo che mi ha spinto a pubblicare quel tuo commento dopo 4 anni circa è molto semplice: so che sei ecumenico ed approvi la Massoneria. Per cui quello che scrivesti 4 anni fa circa è il tuo pensiero. A quel tempo però credetti a quello che mi scrivesti nelle mail pensando che tu avessi agito per quelle ragioni, e quindi preferii non pubblicare quel tuo commento. Ma sbagliai perché mi mentisti pure sul contenuto di quel commento. In realtà mi dicesti quello che era il tuo vero pensiero. Ecco spiegate le cose.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Confutazioni, Esortazioni | Contrassegnato , , , , | 12 commenti