Non si scandalizzano e non si adirano davanti a questo

I malvagi e gli impostori che stanno dietro i pulpiti (ma anche seduti sulle sedie) di tanti locali di culto e le cattedre delle scuole bibliche – sia di Chiese Protestanti che di Chiese Pentecostali – si scandalizzano e si adirano contro di noi quando ci sentono dire che Dio nella sua giustizia uccide i malvagi, secondo che Egli ha detto: “Non affliggerete alcuna vedova, né alcun orfano. Se in qualche modo li affliggi, ed essi gridano a me, io udrò senza dubbio il loro grido; la mia ira s’accenderà, e io vi ucciderò con la spada; e le vostre mogli saranno vedove, e i vostri figliuoli orfani” (Esodo 22:22-24), e: “Moab perirà in mezzo al tumulto, ai gridi di guerra e al suon delle trombe; e sterminerò di mezzo ad esso il giudice, e ucciderò tutti i suoi capi con lui, dice l’Eterno” (Amos 2:2-3), e secondo che è scritto: “Certo, tu ucciderai l’empio, o Dio; perciò dipartitevi da me, uomini di sangue” (Salmo 139:19). In altre parole, si scandalizzano e si adirano davanti ad una opera giusta compiuta dal Giudice di tutta la terra.
Ma essi non si scandalizzano e non si adirano affatto, anzi rimangono totalmente indifferenti davanti ai tantissimi aborti volontari – che agli occhi di Dio sono degli omicidi – che vengono del continuo compiuti. In altre parole, rimangono indifferenti davanti a delle opere malvagie compiute da esseri umani contro altri esseri umani.
Fino ad ora solo in Italia, dal 1978 (l’anno in cui fu approvata la legge che consente l’aborto), sono circa 6 milioni, ripeto 6 milioni, i bambini uccisi! I malvagi e gli impostori – tra cui abbondano i massoni con il grembiule e quelli senza grembiule – stanno in silenzio, e se dicono qualcosa la dicono a favore di questi omicidi, perché secondo questi scellerati la donna è libera di abortire. Basterebbe solo questo per capire che questi pastori e questi membri di Chiese non sono da Dio ma dal diavolo, e che queste denominazioni evangeliche che incoraggiano e tollerano l’uccisione di queste creature, sono delle trappole sataniche da cui uscire e separarsi. Ma nessuno si illuda, l’ira di Dio si manifesta a suo tempo sia contro coloro che volontariamente abortiscono, che contro questi pastori e membri di chiese, che contro queste malvagie organizzazioni. La punizione di Dio è certa contro costoro, ed è tremenda.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Aborto, Massoneria | Contrassegnato | Lascia un commento

L’indulgenza plenaria concessa da Francesco è un inganno satanico

Che cosa è l’indulgenza? «E’ una remissione di pena temporanea dovuta per i peccati; che la Chiesa concede sotto certe condizioni a chi è in grazia, (applicandogli i meriti e le soddisfazioni sovrabbondanti di Gesù Cristo, della Madonna e dei Santi, le quali costituiscono il tesoro della Chiesa)». Essa può essere plenaria quando per mezzo di essa è rimessa tutta la pena temporanea dovuta per i peccati; parziale quando è solo una remissione parziale della suddetta pena. Quindi l’indulgenza plenaria concessa da Francesco due giorni fa è un inganno satanico, in quanto non esiste questa indulgenza nella Scrittura. I Cristiani hanno in Cristo Gesù la remissione dei peccati, secondo che è scritto: “Poiché in lui noi abbiamo la redenzione mediante il suo sangue, la remissione de’ peccati, secondo le ricchezze della sua grazia” (Efesini 1:7), sono cosparsi con il sangue di Gesù Cristo (cfr. 1 Pietro 1:2), che li purifica da ogni peccato (cfr. 1 Giovanni 1:7); e quindi non hanno bisogno di alcuna indulgenza papale. I Cristiani dunque hanno la certezza che perseverando nella fede fino alla fine, moriranno nel Signore (anziché nei peccati come invece muoiono coloro che non hanno la fede in Gesù Cristo), e il Signore li salverà nel Suo regno celeste dove si riposeranno dalle loro fatiche. Al bando dunque le menzogne papiste, che stanno illudendo e trascinando in perdizione centinaia di milioni di anime. Cattolici Romani, ravvedetevi e credete nel Vangelo di Cristo, per ottenere la remissione dei peccati mediante la fede nel nome di Gesù Cristo, e uscite e separatevi dalla Chiesa papista. Altrimenti morirete nei vostri peccati andandovene nelle fiamme dell’inferno, nonostante tutte le assoluzioni ricevute dai vostri preti e le varie indulgenze. Io vi ho avvertito.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Chiesa cattolica romana | Contrassegnato , | Lascia un commento

Cosa devi fare per avere pace con Dio – Predicazione del 27 Marzo 2020

Per scaricarla vai qua

Pubblicato in Mie predicazioni audio | Contrassegnato | Lascia un commento

La parte degli increduli sarà nel fuoco eterno

Voglio ricordare a tutti che la Sacra Scrittura dichiara che coloro che non hanno creduto nel Vangelo di Cristo Gesù saranno tormentati eternamente nel fuoco eterno. La parte degli increduli infatti sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo (cfr. Apocalisse 21:8), dove “saran tormentati giorno e notte, nei secoli dei secoli” (Apocalisse 20:10), e il fumo del loro tormento salirà nei secoli dei secoli (cfr. Apocalisse 14:11). Lo ha detto Dio questo, per cui sia Dio riconosciuto verace ma ogni uomo che nega ciò sia dichiarato un bugiardo.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Insegnamenti | Contrassegnato | 3 commenti

Il bene va fatto specialmente ai santi

Fratelli nel Signore, vi ricordo che l’apostolo Paolo fece raccogliere fra le Chiese di Dio una “colletta per i santi” (1 Corinzi 16:1), e non per i peccatori, cioè per quelli del mondo. E difatti ai santi di Roma Paolo scrisse che stava andando a Gerusalemme “a portarvi una sovvenzione per i santi; perché la Macedonia e l’Acaia si son compiaciute di raccogliere una contribuzione a pro dei poveri fra i santi che sono in Gerusalemme” (Romani 15:25-26). I santi sono i figliuoli di Dio, i membri della famiglia di Dio, coloro che sono stati rigenerati da Dio secondo la Sua volontà mediante la Parola di verità (cfr. Giacomo 1:18). Mentre i peccatori sono figliuoli d’ira, e non membri della famiglia di Dio. E questo Paolo lo fece perché il bene va fatto “specialmente a quei della famiglia dei credenti” (Galati 6:10). E a conferma di ciò vi ricordo che quando ad Antiochia il profeta Agabo “predisse per lo Spirito che ci sarebbe stata una gran carestia per tutta la terra” – carestia che ci fu sotto l’imperatore Claudio – è scritto che “i discepoli determinarono di mandare, ciascuno secondo le sue facoltà, una sovvenzione ai fratelli che abitavano in Giudea, il che difatti fecero, mandandola agli anziani, per mano di Barnaba e di Saulo” (Atti 11:29-30). Notate che la sovvenzione raccolta ad Antiochia fu mandata ai fratelli in Cristo, quindi ai figliuoli di Dio, che stavano in Giudea, e non ai peccatori. Se dunque la Chiesa di cui fate parte vuole fare il bene specialmente alla famiglia degli increduli, sappiate che sta facendo il contrario di quello che dice di fare la Parola di Dio. Non date dunque assolutamente soldi a quelle Chiese, i cui pastori si preoccupano di aiutare con i soldi della Chiesa specialmente i peccatori – e questo perché sono Chiese alleate dello Stato da cui ricevono sovvenzioni di vario genere – anziché i poveri fra i santi, i quali invece vengono abbandonati a loro stessi.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni, Insegnamenti | Contrassegnato , | Lascia un commento

L’avversità coopera al nostro bene

L’avversità coopera al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati da Dio secondo il Suo proponimento. Voi dunque, fratelli, che amate Dio con tutto il vostro cuore, nel giorno dell’avversità riflettete, perché Dio usa l’avversità per farvi del bene. Non perdetevi dunque d’animo nell’avversità, ma abbiate piena fiducia in Colui che l’ha creata e non sarete confusi.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni, Meditazioni | Contrassegnato , | 1 commento

Dio fa tutto ciò che gli piace

Sappiate che tutti gli abitanti della terra sono da Dio reputati un nulla ed Egli agisce come vuole con gli abitanti della terra e non v’è alcuno che possa fermare la sua mano o dirgli: Che fai? (cfr. Daniele 4:35). Sì, il nostro Dio fa tutto ciò che gli piace anche sulla terra (cfr. Salmo 135:6). Egli adempie tutta la Sua volontà (cfr. Isaia 44:28), e “sventa i disegni degli astuti sicché le loro mani non giungono ad eseguirli” (Giobbe 5:12). Beati coloro che confidano in Dio, Lo amano, e Lo temono. A Lui sia la gloria ora e in eterno in Cristo Gesù. Amen

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Insegnamenti, Uncategorized | 5 commenti

Dio guida anche i navigatori di Internet

Internet in mano a coloro che conoscono, amano e diffondono e difendono la verità che è in Cristo Gesù, è un utile strumento. Naturalmente Internet viene usato anche dai nemici della verità, i quali amano, predicano e praticano la menzogna, ma Dio con la Sua sapienza e potenza fa sì che coloro che Egli ha predestinato a conoscere la verità la conoscano. Non è infatti in potere dell’uomo che cammina il dirigere i suoi passi, e così anche su Internet Dio guida i passi dell’uomo nella direzione da Lui decretata. Se dunque Dio ha decretato che un uomo deve essere salvato e conoscere la verità, e ha decretato che questo debba avvenire tramite Internet, opererà in maniera che il Suo decreto si compia in quell’uomo. Dio regna, è sul trono, e dall’alto della Sua dimora Egli continua a fare ciò che vuole, con chi vuole, dove e quando vuole Lui. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Meditazioni | Contrassegnato | Lascia un commento

Quella tana di lupi chiamata «casa di Dio» – Predicazione del 25 Marzo 2020

Per scaricarla vai qua

Pubblicato in Mie predicazioni audio | Contrassegnato | Lascia un commento

Leggete il libro del profeta Geremia

L'immagine può contenere: una o più persone

Vi invito a leggere il libro del profeta Geremia. Esso descrive in maniera perfetta la malvagità, la falsità, la stoltezza e la superbia che regnano nelle Chiese; ci mostra come il popolo indurito per inganno del peccato prenda piacere nelle menzogne e quindi nel dare ascolto a coloro che lo ingannano con le loro menzogne che pronunciano usando il nome del Signore, mentre disprezza e perseguita coloro che gli parlano da parte di Dio dicendogli la verità; ci conferma che Dio non lascia impuniti i colpevoli, in quanto a Suo tempo manifesta la Sua ardente ira contro di essi; e che onora quelli che parlano da parte Sua mandando ad effetto la loro parola. A Dio che fa giustizia ad ognuno sia la gloria ora e in eterno in Cristo Gesù. Amen

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni | Contrassegnato , | 1 commento

Le nazioni provocano Dio ad ira con la loro malvagità

“Iddio regna sulle nazioni” (Salmo 47:8), e castiga le nazioni conturbandole con ogni sorta di tribolazioni (cfr. Salmo 94:10; 2 Cronache 15:6). Sì, Dio le castiga per la loro malvagità, che è grande ai Suoi occhi. Le nazioni provocano Dio ad ira con la loro malvagità, ed Egli dall’alto della Sua dimora manifesta la Sua ardente ira contro di esse. Nessuno si illuda, il nostro Dio siede sul trono della sua santità e “se il malvagio non si converte egli aguzzerà la sua spada; egli ha teso l’arco suo e lo tien pronto; dispone contro di lui strumenti di morte; le sue frecce le rende infocate” (Salmo 7:12-13).

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Insegnamenti | Contrassegnato | Lascia un commento

Si avvicina la riapertura della «casa di Dio»

Stai pensando di ritornare nella «casa di Dio»? Preparati allora a pagare tutte le offerte «arretrate» che non hai dato in questo periodo, e a pagare anche per coloro che non rientreranno in quel luogo i quali grazie a Dio hanno capito che si tratta soltanto di una trappola ed un’esca usata abilmente dai servitori di Mammona per ingannare le anime che lo frequentano! Ti massacreranno, ti assaliranno con continue richieste di denaro, e moltiplicheranno le prediche sul dare soldi per l’«opera di Dio»! Quegli impostori che stavano dietro i pulpiti stanno meditando il da farsi contro te e tutti quelli che come te si fanno sedurre dai loro vani ragionamenti. Stanno scalpitando, non vedono l’ora di poter riaprire quel luogo senza il quale loro non sono e non si sentono nessuno, senza il quale non riescono a vivere, in quanto è la loro vita, o meglio la fonte del loro disonesto guadagno! D’altronde è scritto che «se sei beffardo tu solo ne porterai la pena» (Proverbi 9:12), e tu essendo un beffardo ne porterai sicuramente la pena.

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Esortazioni | Contrassegnato | Lascia un commento

Quando «Comunicazioni Cristiane» condannò la Massoneria

Era il Maggio del 2001 e sul giornale evangelico «Comunicazioni cristiane» – il cui direttore responsabile era Giuseppe Lo Voi e il condirettore Domenico Ricci – fu pubblicato un articolo dal titolo «Cristiani e Massoni, com’è possibile?», nel quale fu condannata la Massoneria, che fu definita «una sofisticata idolatria, un ‘culto di angeli’, che il Serpente usa per allontanare gli uomini dall’unico mediatore con Dio, Cristo Gesù, la ‘Via, la Verità, la Vita’ (Comunicazioni Cristiane, Maggio 2001, Anno XIII, n° 2, pag. 20).

Giacinto Butindaro

Pubblicato in Massoneria | Contrassegnato | Lascia un commento

Il sangue di Cristo ha purificato la nostra coscienza dalle opere morte per servire all’Iddio vivente – Predicazione del 23 Marzo 2020

Per scaricarla vai qua

Pubblicato in Mie predicazioni audio | Contrassegnato | Lascia un commento

Risposta a Silvano Bianco


Ieri sulla nostra pagina La nuova via ho risposto al commento di Silvano Bianco, da lui messo in difesa delle ADI e di Gennaro Chiocca sotto il mio post dal titolo ‘ADI … Gennaro Chiocca … era il Luglio del 2016’. Gli ho risposto e quindi vi metto qua sia il suo commento che la mia risposta.

——————————–

Domenica 22 Marzo 2020

COMMENTO DI SILVANO BIANCO

Buongiorno, scrivo qui perché ho la possibilità di commentare.Al di là del fatto che ognuno ha le sue idee e le porta avanti, credo sia buono da parte sua avere almeno il buon senso di scrivere cose esatte, dato che afferma delle inesattezze assolute.L’ordinanza del governo è chiarissima è vieta ogni riunione di culto, sia essa evangelica, cattolica, mussulmana, ecc.Alcune chiese cattoliche possono stare aperte, ma non per svolgere la messa, ma solo per poter permettere al fedele cattolico di recarsi in chiesa a pregare (anche se questo secondo le nuove normative andrebbe contro la decisone di restare a casa).In ogni caso, questo “rituale” è contrario all’insegnamento della Parola, perché come lei ben sa, non c’è un luogo ben preciso per andare a pregare, ma ogni credente può farlo nella sua cameretta segreta.Quindi, se lei vuole continuare a portare avanti la sua assurda battaglia contro le chiese, è libero di farlo (anche se io personalmente credo che in questo momento così delicato per la nazione è un insensato e irresponsabile a fare questo), ma abbia almeno la decenza di scrivere cose esatte.Inoltre, il fratello Gennaro, ha detto quello che ogni pastore sa e afferma, cioè che i social non possono sostituire il vero valore della chiesa , che non sono i locali di culto, ma il radunarsi insieme nel nome di Gesù.Noi speriamo che al più presto, a differenza sua e di quelli che la seguono, possiamo tornare a radunarci insieme per godere nuovamente della comunione fraterna e dell’aiuto che possiamo ricevere dal portare i pesi gli uni per gli altri.La mia speranza che possa cambiare atteggiamento, non per il bene della chiesa (le porte dell’ades non possono distruggerla) ma per il suo bene e per il bene di quelli che seguono la sua parola (come se fosse Dio in terra).Ravvedetevi c’è ancora speranza per voi.Silvano Bianco

—————————

LA MIA RISPOSTA

LEI: Buongiorno, scrivo qui perché ho la possibilità di commentare. Al di là del fatto che ognuno ha le sue idee e le porta avanti, credo sia buono da parte sua avere almeno il buon senso di scrivere cose esatte, dato che afferma delle inesattezze assolute. L’ordinanza del governo è chiarissima è vieta ogni riunione di culto, sia essa evangelica, cattolica, mussulmana, ecc. Alcune chiese cattoliche possono stare aperte, ma non per svolgere la messa, ma solo per poter permettere al fedele cattolico di recarsi in chiesa a pregare (anche se questo secondo le nuove normative andrebbe contro la decisone di restare a casa). In ogni caso, questo “rituale” è contrario all’insegnamento della Parola, perché come lei ben sa, non c’è un luogo ben preciso per andare a pregare, ma ogni credente può farlo nella sua cameretta segreta.

IO: Salve, ma infatti io non ho detto che la chiesa cattolica romana faccia la messa, che so che è vietata dalle autorità. Ma almeno ha aperto le parrocchie o gli edifici di culto a qualcuno che vuole andarvi, a pregare o a ricevere dal parroco qualche parola di consolazione. Come anche so che nei locali di culto delle chiese evangeliche sono vietate le cerimonie religiose. Ma non mi risulta che il decreto del Governo vieta di tenere aperto il locale di culto, e andarci a pregare o parlare con il pastore per avere una parola di conforto. Quindi non ho assolutamente detto delle inesattezze assolute, che è invece le afferma lei sul mio conto. Ma questo è comprensibile, visto e considerato a quale «parrocchia» » lei appartiene. Cioè a quella «parrocchia» » che ha infestato il Movimento Pentecostale di una marea di menzogne. Rituale contrario all’insegnamento della Parola? Ma da che pulpito viene l’affermazione! Ma la sua «parrocchia» ha lo stesso «rituale» della chiesa papista: non cambia pressoché niente. Il vostro locale di culto non è forse anche per voi la casa di Dio dove Dio ascolta le preghiere e le esaudisce, dove si offre il culto a Dio etc. etc. etc. etc.? E poi se i preti hanno la messa e il messale, anche voi avete qualcosa di simile, perché ormai partecipare al vostro culto è come andare a messa, e sentire una delle vostre prediche è come sentire l’omelia domenicale del prete! «Non c’è un luogo ben preciso per andare a pregare»? Adesso state dicendo queste cose, ma i vostri insegnamenti sono locali di culto centrici e tutto è centrato sul locale di culto, tanto è vero che chi abbandona il locale di culto della vostra «parrocchia» – in quanto decide di uscire e separarsi dalla vostra «parrocchia» per unirsi a dei santi che fanno il culto in casa – viene subito definito o eretico o apostata o sviato, a seconda. Ma che va cianciando? Lei può ingannare chi non conosce la dottrina della sua «parrocchia» , ma certamente non me. E poi qui non si tratta del fatto che ogni credente può entrare nella sua cameretta e pregare, ma il fatto che la sua «parrocchia» ha vietato ai credenti di tenere dei culti in casa. E’ una inesattezza questa? Perché non avete autorizzato i credenti a radunarsi nelle case a fare i culti al Signore radunandosi nelle case nel nome di Gesù come facevano i santi antichi? Anche a piccoli gruppi per ogni paese, per esempio? Semplice, perché voi siete schiavi di Cesare e non di Cristo; temete gli uomini anziché Dio; ubbidite agli uomini anziché a Dio. Avete avuto paura del virus e degli uomini e siete scappati. Voi fate vergogna al Movimento Pentecostale, anzi alla Chiesa di Dio …. E naturalmente questa vostra paura la coprite con il solito sofisma dell’ubbidienza alle autorità … che in effetti è vero ha vietato le riunioni di culto (cioè gli assembramenti di persone) anche in casa … ma la Chiesa è di Dio e nella Sua Chiesa sono in vigore i comandamenti di Dio che vanno ubbiditi quando Cesare ordina di violarli. La Chiesa deve radunarsi nel nome di Gesù, questa è la volontà di Dio, ed essa bisogna compiere. Se qualcuno non vuole fare la volontà di Dio ma la volontà di Cesare, peggio per lui. Sta disubbidendo a Dio per ubbidire agli uomini. Ma a voi di ubbidire a Dio non interessa proprio niente.

LEI: Quindi, se lei vuole continuare a portare avanti la sua assurda battaglia contro le chiese, è libero di farlo (anche se io personalmente credo che in questo momento così delicato per la nazione è un insensato e irresponsabile a fare questo), ma abbia almeno la decenza di scrivere cose esatte.

IO: Io certamente con l’aiuto che viene da Dio porterò avanti la mia battaglia, che non è assurda, perché è la buona guerra, e lo farò contro gli spiriti seduttori che infestano anche la vostra «parrocchia» . E questa battaglia la porterò avanti anche in questa situazione, perché è la volontà di Dio, che voi naturalmente non conoscete e non temete. Altrimenti non parlereste così. Ho la decenza di scrivere cose esatte. E’ lei semmai che non ha questa decenza. LEI: Inoltre, il fratello Gennaro, ha detto quello che ogni pastore sa e afferma, cioè che i social non possono sostituire il vero valore della chiesa , che non sono i locali di culto, ma il radunarsi insieme nel nome di Gesù. Noi speriamo che al più presto, a differenza sua e di quelli che la seguono, possiamo tornare a radunarci insieme per godere nuovamente della comunione fraterna e dell’aiuto che possiamo ricevere dal portare i pesi gli uni per gli altri.IO. I social non possono sostituire il vero valore della Chiesa? Lo sappiamo bene, infatti noi ci raduniamo nelle case da anni. Noi usiamo internet solo per trasmettere la Parola, confutare, riprendere, consolare, informarci ed anche tenerci in contatto tra di noi, ma poi abbiamo comunione fraterna fisica con i fratelli e le sorelle, ci raduniamo nel nome di Gesù. Voi volete «godere nuovamente della comunione fraterna e dell’aiuto che possiamo ricevere dal portare i pesi gli uni per gli altri». Io conosco bene cosa sia la vostra comunione fraterna, è un inganno, semplicemente un inganno, che voi usate per attirare i semplici nei vostri locali di culto per farvi dare le decime e le offerte che gli chiedete con insistenza. Voi portate i pesi gli uni degli altri? Assolutamente no, la dottrina pratica della vostra «parrocchia» è che i membri di Chiesa devono portare i «pesi» dei pastori, ma i pastori non devono portare i pesi dei membri, infatti i membri sono lasciati a loro stessi! I pastori nella vostra «parrocchia» pascono loro stessi, non le pecore. Ma Dio vi renderà secondo le vostre opere. Anzi già lo sta facendo, perché è giusto.

LEI: La mia speranza che possa cambiare atteggiamento, non per il bene della chiesa (le porte dell’ades non possono distruggerla) ma per il suo bene e per il bene di quelli che seguono la sua parola (come se fosse Dio in terra).

IO: Cambiare atteggiamento verso i peccatori? Così non sia! Cambiare atteggiamento verso i falsi pastori e i falsi fratelli che sovrabbondano nella vostra «parrocchia» ? Così non sia. Cambiare atteggiamento verso le false dottrine che la vostra «parrocchia» insegna? Così non sia Per il bene della Chiesa di Dio continuerò a fare quello che Dio mi ha chiamato a fare. Inoltre coloro che accettano la Parola che predico, non mi considerano come se fossi Dio in terra: mi considerano un servitore di Dio, infatti lo sono per la volontà di Dio. E mi stimano in quanto tale. Tutto qua. Ma a voi dà fastidio … lo so. Poi, guardi, sul cosiddetto pastorato presente nella vostra «parrocchia» potrei dire che ormai i vostri pastori nella pratica sono una casta di intoccabili, ed il pastore una sorta di mediatore tra Dio e gli uomini. Ma anche per questo Dio sta esercitando i suoi giusti giudizi contro la vostra «parrocchia» .

LEI: Ravvedetevi c’è ancora speranza per voi. Silvano Bianco

IO: Dovremmo quindi cambiare mente, perché questo significa ravvedersi? Noi che abbiamo la mente di Cristo, per la grazia di Dio, dovremmo quindi cambiare mente? Così non sia. A lei le rivolgo dunque le stesse parole che Gesù rivolse in una circostanza a Pietro: “Vattene via da me, Satana; tu mi sei di scandalo. Tu non hai il senso delle cose di Dio, ma delle cose degli uomini” (Matteo 16:23). Voi dovete ravvedervi, perché come Simone di Samaria, siete in fiele amaro e legami di iniquità. Voi dovete ravvedervi, perché avete le vostre menti corrotte, piene di pensieri iniqui e bugiardi contro la verità che è in Cristo Gesù il Signore. Butindaro Giacinto

Pubblicato in Assemblee di Dio in Italia | Contrassegnato , | 6 commenti