Gesù Cristo è l’unica via che porta in cielo

gesu-unica-via

C’è solo una via che porta in cielo, ed è Colui che è disceso dal cielo per morire per i nostri peccati, e poi dopo essere risuscitato dai morti a cagione della nostra giustificazione è tornato in cielo, andandosi a sedere alla destra di Dio dove angeli, principati e potenze gli sono sottoposti. Il suo nome è Gesù Cristo, infatti Egli stesso disse: “Io son la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6), ed anche: “Io son la porta; se uno entra per me, sarà salvato, ed entrerà ed uscirà, e troverà pastura” (Giovanni 10:9). Gli uomini dunque per essere salvati nel regno di Dio, devono credere in Gesù Cristo, secondo che è scritto: “E in nessun altro è la salvezza; poiché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad esser salvati” (Atti 4:12). Coloro che non avranno creduto in Lui, non saranno salvati nel Regno di Dio, ma saranno condannati (cfr. Marco 16:16). Quando moriranno infatti se ne andranno nel fuoco dell’Ades (cfr. Luca 16:19-31), e poi nel giorno del giudizio risorgeranno per essere giudicati e gettati nel fuoco eterno, perché la parte degli increduli sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo (cfr. Apocalisse 21:8), dove saranno tormentati nei secoli dei secoli.

Giacinto Butindaro

Posted in Uncategorized | Leave a comment

La resurrezione di Cristo per il massone Voltaire? Un’impostura molto grossolana

voltaire-resurrezione

Ecco quello che il massone Voltaire ebbe a scrivere in merito alla resurrezione di Cristo: «I suoi discepoli, scottati dal supplizio del loro maestro, non potettero vendicarsene; si contentarono di gridare contro l’ingiustizia dei suoi assassini e non trovarono altro modo di farne arrossire i farisei e gli scribi, se non dire che Dio lo aveva risuscitato. E’ vero che questa impostura era molto grossolana; ma essi la spacciarono a degli uomini rozzi, abituati a credere tutto quello che si sia mai inventato di più assurdo, come i bambini credono tutte le storie di fantasmi e di maghi, che si raccontano loro.» (Voltaire, L’affermazione del Cristianesimo, Procaccini, Napoli 1988, pag. 67-68).
Che tutti sappiano come questo uomo, acclamato e celebrato dai massoni di tutto il mondo, parlava della resurrezione del nostro Signore Gesù Cristo! E che tutti i santi condannino con ogni franchezza le sue malvagie e stolte parole! A proposito, gli intellettuali come Voltaire che si radunano nelle logge, la pensano esattamente come il loro fratello Voltaire!
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Massoneria | Tagged , , , | Leave a comment

Per loro è tutto oro quello che luccica!

All-that-glitters-is-not-gold.-street-art-Bifido-Notalentart-for-this-600x301

E’ chiaro che nelle ADI, come anche nelle altre denominazioni evangeliche, controllate e influenzate dalla Massoneria, ai propri membri gli hanno insegnato praticamente che è tutto oro quello che luccica dentro la loro denominazione! Solo in questa maniera infatti hanno potuto ingannare i loro membri, facendogli passare le loro false dottrine per verità. Molti non riescono proprio a discernere la differenza tra il bene e il male, tra ciò che è vero e ciò che è falso, perché sono rimasti ammaliati dalle parole dolci e lusinghevoli dei loro conduttori che per difendere la loro denominazione devono promuovere e difendere menzogne di ogni tipo e lo fanno con il sorriso sulle labbra e con una voce dolce che apparentemente sembra la voce di uno che ti ama. E questo perché pensano che i loro conduttori non possono ingannarli in alcuna maniera!!! Tutto quello che gli dicono dal pulpito deve essere per forza di cose vero e giusto, e chi invece confuta quello che di falso costoro dicono deve per forza di cose avere torto! E quindi costoro hanno assimilato tanta spazzatura, prendendola per oro! Ma io dico a costoro: ‘Ma esaminate attentamente le cose, non giudicate le cose dall’apparenza, investigate le Scritture, pregate, e vi renderete conto che tante cose che prima vi parevano oro, non sono altro che spazzatura!’ Io stesso, all’inizio della mia conversione non avrei mai immaginato che ci fossero conduttori di Chiese che ingannassero i propri membri, facendogli assimilare menzogne di ogni genere, ma poi ho dovuto ravvedermi alla luce dei fatti, ma soprattutto alla luce di quello che dice la Sacra Scrittura. Smettete dunque di farvi ingannare.

Giacinto Butindaro

Posted in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Esortazioni | Tagged | 1 Comment

Pensieri ….

SÌ, DIO È BUONO

Sì, Dio è buono e la Sua benignità dura in eterno verso quelli che lo temono. Beati dunque coloro che temono Dio. A Lui sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

MERAVIGLIOSO SAPERLO, GLORIOSO SPERIMENTARLO!

L’Iddio d’Abramo, d’Isacco e di Giacobbe, che è il solo vero Dio, dimora in noi, è con noi e per noi. Meraviglioso saperlo, glorioso sperimentarlo. A Lui sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno.

SULL’AMORE VERSO I FRATELLI

Chi non ama il suo fratello, non lo riprende quando pecca. Chi lo ama invece lo riprende, e facendo ciò ubbidisce a Cristo che ha detto: “Se il tuo fratello pecca, riprendilo; e se si pente, perdonagli” (Luca 17:3).

I MASSONI IMITANO BILLY GRAHAM E NON PAOLO DA TARSO

E’ veramente una cosa vomitevole vedere che oggi molti vogliono imitare il predicatore massone Billy Graham (o qualche altro predicatore massone facente parte del circuito dei predicatori massoni), anziché l’apostolo e dottore dei Gentili Paolo da Tarso! Ma così vanno le cose nelle Chiese, cioè nelle Chiese massonizzate. Perché le Chiese che si attengono agli insegnamenti degli apostoli – che non hanno subito alcuna massonizzazione – considerano Billy Graham un uomo doppio, corrotto di mente e riprovato quanto alla fede, e quindi che non va assolutamente imitato (http://giacintobutindaro.org/2013/11/05/billy-graham-le-prove-che-e-un-massone/). Imitate l’apostolo Paolo fratelli, non imitate i massoni che non servono Cristo Gesù ma il diavolo.

SONO AMICI E SERVITORI DEL SERPENTE ANTICO

Il serpente antico è con loro e per loro. Sono amici e servitori del serpente antico. Sto parlando dei tanti nemici di Cristo travestiti da Cristiani che sono presenti in mezzo alle denominazioni evangeliche. Si riconoscono dai loro frutti, perché il frutto della loro bocca è malvagio, in quanto il loro cuore è malvagio, secondo che è scritto: “L’uomo malvagio dal suo malvagio tesoro trae cose malvage” (Matteo 12:35). Guardatevi da essi.

Continue reading

Posted in Esortazioni, Insegnamenti, Meditazioni | Tagged , , | Leave a comment

Quante sono le vie che portano in cielo? – Predicazione del 29 aprile 2016

predicazione-286-messaggio

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

Posted in Mie predicazioni audio | Tagged | Leave a comment

Una evangelizzazione non gradita agli uomini ma gradita a Dio

evangelizzazione-gradita-a-Dio

L’apostolo Paolo – che fu mandato ad evangelizzare da Cristo (cfr. 1 Corinzi 1:17) – scongiurava “Giudei e Greci a ravvedersi dinanzi a Dio e a credere nel Signor nostro Gesù Cristo” (Atti 20:21), mentre oggi tanti, troppi, affermano di evangelizzare o di essere stati mandati dal Signore ad evangelizzare, ma non evangelizzano nella stessa maniera, perché il loro messaggio è ‘Gesù ti ama, e ti accetta così come sei’, o ‘Fai entrare Gesù nel tuo cuore’, o ‘Accetta Gesù nella tua vita’.
C’è proprio una differenza abissale tra le evangelizzazioni degli apostoli e le evangelizzazioni «moderne», le chiamo così per comodità!
E’ chiaro quindi che le evangelizzazioni «moderne» non sono vere evangelizzazioni, perché non viene trasmesso al mondo lo stesso messaggio che trasmettevano gli apostoli.
Considerate questo infatti: gli apostoli esortavano i peccatori a ravvedersi, e quindi a cambiare mente (ravvedersi infatti significa questo, e perciò ravvedersi equivale ad abbandonare i propri pensieri vani e malvagi), e a credere nel Vangelo di Cristo, che significa credere nella sua morte espiatoria e nella sua resurrezione, perché il Vangelo di Cristo è che “che Cristo è morto per i nostri peccati, secondo le Scritture; che fu seppellito; che risuscitò il terzo giorno, secondo le Scritture” e che apparve poi ai suoi discepoli (1 Corinzi 15:3-4), mentre oggi in molte ‘evangelizzazioni’ non solo non viene predicato il ravvedimento, ma neppure il Vangelo, perché non viene annunziata la morte espiatoria di Cristo e la sua resurrezione dai morti. Ecco perché molti dicono di essere Cristiani ma non si sono mai ravveduti (pensano come pensano i pagani che non conoscono Dio), e non credono nella morte espiatoria di Cristo e nella sua resurrezione, per cui non hanno la certezza della salvezza, della giustificazione, e di andare in paradiso quando muoiono (perché è soltanto mediante la fede nel Vangelo di Cristo che si viene salvati, giustificati, e si ottiene la vita eterna) e di conseguenza non ne parlano! Ma d’altronde, gli apostoli hanno seguito l’esempio del Figlio di Dio, che nei giorni della sua carne evangelizzava dicendo alle turbe: “Ravvedetevi e credete all’evangelo” (Marco 1:15). Pensate, il Figlio di Dio, l’Unigenito venuto da presso al Padre, mentre era in questo mondo, evangelizzava in questa maniera!
Ecco perché io esorto gli uomini a ravvedersi e a credere nella morte di Cristo sulla croce per i nostri peccati e nella sua resurrezione fisica avvenuta il terzo giorno: perché seguo le orme degli apostoli.
Non mi importa se la mia predicazione non è gradita al mondo e alle Chiese mondanizzate e massonizzate, che sono corrotte fino alle midolle, perché io mi studio di essere gradito a Dio, che è Colui che mi ha chiamato e mandato a predicare il Vangelo. E’ il Suo gradimento quello che cerco, la Sua approvazione che desidero. I complimenti e le lodi dei corrotti, dei bugiardi, degli ipocriti, dei malvagi, non mi interessano: li considero tanta spazzatura!

Giacinto Butindaro

Posted in evangelizzazione, Meditazioni | Tagged , | Leave a comment

Il Dio mai adirato del filosofo Platone

platone-quadro

«… [negli scritti di Platone] mai Iddio appare in atto di sgridare, di arrabbiarsi» (Giuliano imperatore detto l’Apostata, Contro i Galilei [Contra Galileos], 190)
Purtroppo non solo negli scritti di questo filosofo ma anche negli scritti e nei discorsi di tanti sedicenti ministri di Cristo, che pare proprio abbiano attinto dalla filosofia platonica e si sono fatti quindi un Dio «platonico»! Sono rimasti vittima della filosofia, da cui la Scrittura ci mette in guardia in questi termini: “Guardate che non vi sia alcuno che faccia di voi sua preda con la filosofia e con vanità ingannatrice secondo la tradizione degli uomini, gli elementi del mondo, e non secondo Cristo” (Colossesi 2:8). Hanno abbracciato la sapienza di questo mondo che è pazzia presso Dio (cfr. 1 Corinzi 3:19)!
Nessuno di costoro vi inganni con parole seducenti, fratelli. Dio è un Dio che si adira, secondo che è scritto: “Iddio è un giusto giudice, un Dio che s’adira ogni giorno” (Salmo 7:11), ed anche: “l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà ed ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l’ingiustizia” (Romani 1:18), ed ancora: “Ma come si conviene a dei santi, né fornicazione, né alcuna impurità, né avarizia, sia neppur nominata fra voi; né disonestà, né buffonerie, né facezie scurrili, che son cose sconvenienti; ma piuttosto, rendimento di grazie. Poiché voi sapete molto bene che niun fornicatore o impuro, o avaro (che è un idolatra), ha eredità nel regno di Cristo e di Dio. Niuno vi seduca con vani ragionamenti; poiché è per queste cose che l’ira di Dio viene sugli uomini ribelli” (Efesini 5:3-6).
E viene il tempo in cui sette angeli di Dio riverseranno sulla terra le sette coppe dell’ira di Dio con cui si compie l’ira di Dio (cfr. Apocalisse 15:1), secondo che è scritto: “E udii una gran voce dal tempio che diceva ai sette angeli: Andate e versate sulla terra le sette coppe dell’ira di Dio. E il primo andò e versò la sua coppa sulla terra; e un’ulcera maligna e dolorosa colpì gli uomini che aveano il marchio della bestia e che adoravano la sua immagine. Poi il secondo angelo versò la sua coppa nel mare; ed esso divenne sangue come di morto; ed ogni essere vivente che si trovava nel mare morì. Poi il terzo angelo versò la sua coppa nei fiumi e nelle fonti delle acque; e le acque diventarono sangue. E udii l’angelo delle acque che diceva: Sei giusto, tu che sei e che eri, tu, il Santo, per aver così giudicato. Hanno sparso il sangue dei santi e dei profeti, e tu hai dato loro a bere del sangue; essi ne son degni! E udii l’altare che diceva: Sì, o Signore Iddio onnipotente, i tuoi giudicî sono veraci e giusti. Poi il quarto angelo versò la sua coppa sul sole; e al sole fu dato di bruciare gli uomini col fuoco. E gli uomini furon arsi dal gran calore; e bestemmiarono il nome di Dio che ha la potestà su queste piaghe, e non si ravvidero per dargli gloria. Poi il quinto angelo versò la sua coppa sul trono della bestia; e il regno d’essa divenne tenebroso, e gli uomini si mordevano la lingua per il dolore, e bestemmiarono l’Iddio del cielo a motivo de’ loro dolori e delle loro ulceri; e non si ravvidero delle loro opere. Poi il sesto angelo versò la sua coppa sul gran fiume Eufrate, e l’acqua ne fu asciugata affinché fosse preparata la via ai re che vengono dal levante. E vidi uscir dalla bocca del dragone e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta tre spiriti immondi, simili a rane; perché sono spiriti di demonî che fan de’ segni e si recano dai re di tutto il mondo per radunarli per la battaglia del gran giorno dell’Iddio Onnipotente. (Ecco, io vengo come un ladro; beato colui che veglia e serba le sue vesti onde non cammini ignudo e non si veggano le sue vergogne). Ed essi li radunarono nel luogo che si chiama in ebraico Harmaghedon. Poi il settimo angelo versò la sua coppa nell’aria; e una gran voce uscì dal tempio, dal trono, dicendo: È fatto. E si fecero lampi e voci e tuoni; e ci fu un gran terremoto, tale, che da quando gli uomini sono stati sulla terra, non si ebbe mai terremoto così grande e così forte. E la gran città fu divisa in tre parti, e le città delle nazioni caddero; e Dio si ricordò di Babilonia la grande per darle il calice del vino del furor dell’ira sua. Ed ogni isola fuggì e i monti non furon più trovati. E cadde dal cielo sugli uomini una gragnuola grossa del peso di circa un talento; e gli uomini bestemmiarono Iddio a motivo della piaga della gragnuola; perché la piaga d’essa era grandissima.” (Apocalisse 16:1-21).
Il Dio di Platone quindi, come anche il Dio di questi sedicenti ministri di Cristo, non è il vero Dio.
Dice il profeta Geremia: “Ma l’Eterno [Yahweh] è il vero Dio, egli è l’Iddio vivente, e il re eterno; per l’ira sua trema la terra, e le nazioni non posson reggere dinanzi al suo sdegno” (Geremia 10:10), ecco dunque chi è il vero Dio! Il suo nome è Yahweh, che è l’Iddio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo. Questo è il nostro Dio! A Lui sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen.
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Uncategorized | 4 Comments

«The Fabulous Frank Gigliotti» in pdf

gigliotti-foto-copertina

Ho deciso di digitalizzare il libro «The Fabulous Frank Gigliotti» [Il Favoloso Frank Gigliotti], (terza ristampa, La Mesa, California, s. d. [post 10 lug. 1950]), un libro rarissimo ormai fuori stampa, che traccia una parte della storia di questo potente massone ed agente della CIA che svolse un ruolo molto importante nella storia del dopoguerra in Italia, e che è un personaggio chiave nella storia delle Assemblee di Dio in Italia (ADI), come ho dimostrato nel mio libro «La Massoneria smascherata». Voglio renderlo disponibile a tutti i santi, ma anche a studenti universitari, giornalisti, scrittori, storici che non sono Cristiani, perché si tratta di un libro che contiene delle informazioni e dei documenti storici importanti su questo personaggio, nonché la foto in cui Gigliotti – assieme ad altri massoni – è con l’allora ambasciatore italiano negli USA Alberto Tarchiani assieme al primo presidente delle ADI, Umberto Gorietti.

Per scaricarlo fai clic qua

Giacinto Butindaro

Posted in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Massoneria | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Chiese guidate dallo spirito dell’anticristo

chiese-anticristo

Sono persuaso che anche se tutte le obbedienze massoniche sparse sulla faccia della terra dichiarassero all’unisono ufficialmente: «Stiamo preparando la strada all’anticristo, che finalmente eliminerà i Cristiani dalla faccia della terra e instaurerà il culto di Satana in tutto il mondo», molte Chiese continuerebbero a dire che il Cristianesimo è compatibile con la Massoneria, che la Massoneria è buona e non è contro la Chiesa di Cristo, che un Cristiano può essere un massone, e molte altre continuerebbero a stare in silenzio contro la Massoneria come se niente stesse accadendo, perché loro si sa non fanno polemica contro nessuno, tranne che contro di noi naturalmente che mettiamo in guardia la Chiesa dalla Massoneria. E questo perché ormai lo spirito dell’anticristo, tramite i massoni che sono degli anticristi, è penetrato così diffusamente in queste Chiese, che esse sono senza forza, in balia della Massoneria che le gestisce e le manipola a suo piacimento. Il diavolo in queste Chiese è di casa, per così dire, e per questa ragione non gli viene opposta alcuna resistenza. Anzi queste Chiese collaborano con il diavolo, ecco perché si trovano a loro agio nell’allearsi con la Massoneria e nel non dire una sola parola di condanna contro di essa. Fratelli, la situazione è drammatica oltremodo, continuiamo a suonare la tromba, affinché le anime del Signore escano e si separino da queste Chiese, e affinché nessuno di coloro che preferiscono farsi guidare dallo spirito dell’anticristo possa dire: ‘Non mi avevate avvertito!’

Giacinto Butindaro

Posted in Esortazioni, Massoneria, Meditazioni | Tagged , , , , | 2 Comments

Confutazione dell’eresia distruttiva secondo cui Paolo insegnava tre vie di salvezza – Predicazione del 27 aprile 2016

predicazione-286-confutazione-ok

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

Posted in Mie predicazioni audio | Tagged | Leave a comment

Il disprezzo degli intellettuali pagani verso gli Scritti Sacri

intellettuali

Queste parole di Lattanzio (250 circa – dopo il 317) mi hanno fatto riflettere sul disprezzo che ancora oggi nutrono gli intellettuali pagani verso gli Scritti Sacri: «Infatti la principale ragione per cui i saggi, i dotti, i grandi di questo mondo non credono nella Sacra Scrittura è questa: i profeti hanno adoperato frasi semplici e usuali, adatte al popolo. Pertanto sono tenuti in disprezzo da quanti non vogliono ascoltare o leggere se non quello che è espresso con forbitezza ed eleganza; nei loro animi può imprimersi soltanto ciò che accarezza gli orecchi con piacevole suono, mentre gli scritti che appaiono negletti sono giudicati cose da vecchiarella, di nessun valore, volgari. Talmente per essi nulla è vero all’infuori di ciò che riesce piacevole agli orecchi, nulla è credibile all’infuori di ciò che può produrre piacere: nessuno valuta una cosa secondo l’intrinseca verità, ma secondo l’esterno splendore. Dunque non credono nelle celesti dottrine, perché sono prive di ornamento; e nemmeno prestano fede a quelli che le interpretano perché anch’essi sono del tutto ignoranti o certamente poco colti» (Lattanzio, Le divine istituzioni, 5,1).
Dice bene l’apostolo Paolo di costoro: “E se il nostro vangelo è ancora velato, è velato per quelli che son sulla via della perdizione, per gl’increduli, dei quali l’iddio di questo secolo ha accecato le menti, affinché la luce dell’evangelo della gloria di Cristo, che è l’immagine di Dio, non risplenda loro” (2 Corinzi 4:3-4). Essi non ricevono le cose dello Spirito di Dio, perché gli sono pazzia; e non le possono conoscere, perché le si giudicano spiritualmente (cfr. 1 Corinzi 2:14). Essi cercano sapienza, la sapienza di questo mondo, ma noi predichiamo Cristo e Lui crocifisso che per loro è pazzia ma per noi che siamo sulla via della salvezza è sapienza di Dio. E tra coloro “che son maturi noi esponiamo una sapienza, una sapienza però non di questo secolo né de’ principi di questo secolo che stan per essere annientati, ma esponiamo la sapienza di Dio misteriosa ed occulta che Dio avea innanzi i secoli predestinata a nostra gloria, e che nessuno de’ principi di questo mondo ha conosciuta; perché, se l’avessero conosciuta, non avrebbero crocifisso il Signor della gloria” (1 Corinzi 2:6-8).
A Dio, che ci ha fatto conoscere la verità, sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Posted in Meditazioni | Tagged | Leave a comment

«L’unzione di Naaman»!

Tenetevi forti, fratelli, perché questa volta ci troviamo davanti a qualcosa di unico nel suo genere: «l’unzione di Naaman»! Vi ricordate chi era Naaman, vero? Il capo dell’esercito del re di Siria che era lebbroso, e che dopo che si tuffò sette volte nel Giordano, secondo la parola del profeta Eliseo, la sua carne tornò come la carne d’un piccolo fanciullo, e rimase puro (cfr. 2 Re 5:1-14). Ecco in questa comunità viene insegnata e praticata una unzione in suo ricordo! Guardate attentamente cosa gli impostori riescono a far fare a persone senza conoscenza e discernimento!

Giacinto Butindaro

Posted in Comportamenti disordinati, Cose strane | Tagged | Leave a comment

Esortazione a ritenere il Vangelo di Cristo fino alla fine

lettera-pergamena

A tutti coloro che fanno parte della Chiesa di Dio, eletti da Dio a salvezza in Cristo prima della fondazione del mondo (cfr. Efesini 1:4; 2 Tessalonicesi 2:13), grazia a voi e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo, morto e risorto per noi per strapparci al presente secolo malvagio. Vi esorto a ritenere fino alla fine il Vangelo di Cristo trasmessoci dagli apostoli del Signore (cfr. 1 Corinzi 15:1-11; Atti 2:22-36; 10:36-43; 13:17-39), affinché siate salvati dal Signore nel Suo regno celeste (cfr. 2 Timoteo 4:7,18). Guardatevi dunque da coloro che annunciano un vangelo diverso da quello che hanno annunziato gli apostoli, perché essi sono figli della maledizione (cfr. Galati 1:8) che vogliono menarvi in perdizione.

Giacinto Butindaro

Posted in Esortazioni | Tagged , | Leave a comment

Gli increduli saranno condannati – Predicazione del 25 aprile 2016

predicazione-286-insegnamento

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

Posted in Mie predicazioni audio | Tagged | Leave a comment

La liberazione dai peccati che abbiamo ottenuto mediante il sangue sparso da Cristo

grazie-gesu

Noi ci rallegriamo del continuo nel Signore per la liberazione dai peccati che abbiamo ottenuto grazie al sacrificio espiatorio di Gesù Cristo, perché è scritto che Gesù Cristo “ci ha liberati dai nostri peccati col suo sangue” (Apocalisse 1:5). Oggi dunque se non siamo più schiavi del peccato lo dobbiamo a Cristo Gesù, al suo prezioso sangue che Egli sparso sulla croce per noi. Questa è la libertà che conta, questa è la vera libertà. Senza questa libertà, l’uomo è solamente uno schiavo del peccato, può anche vivere nel paese più democratico di questo mondo, rimane uno schiavo, e quando morirà andrà nelle fiamme dell’inferno. Ma con questa libertà, l’uomo può anche vivere sotto una dittatura, rimane un uomo libero, veramente libero, e quando morirà il Signore lo salverà nel suo regno celeste. Noi dunque siamo in obbligo di rendere grazie a Dio per mezzo di Cristo per averci concesso questa grande liberazione. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Posted in Esortazioni | Tagged | Leave a comment