La Chiesa Luterana in Italia approva ufficialmente il culto di benedizione per le coppie omosessuali: VERGOGNA!

Ecco come l’iniquità sta moltiplicandosi e diffondendosi in seno alle Chiese Protestanti storiche. Qui è la volta della Chiesa Luterana in Italia, che in base all’articolo che segue, pochi giorni fa ha dichiarato:

“le coppie dello stesso sesso che vivono in un legame vincolante di convivenza sono accompagnate come qualsiasi altro membro di chiesa. Per queste coppie può esservi anche un culto di benedizione. Il culto si differenzia nella forma liturgica dal matrimonio”.

Luterani, vi dovete vergognare, ravvedere e convertire dalle vostre vie malvagie. L’ira di Dio viene su persone come voi, ricordatevelo, che mutano le tenebre in luce, e l’amaro in dolce.

Giacinto Butindaro

———————————-
Concluso il Sinodo con l’istituzione di una commissione sulle “unioni di vita”

Roma (NEV), 5 maggio 2010 – Il Sinodo della chiesa evangelica luterana in Italia (CELI), svoltosi a Verona dal 30 aprile al 3 maggio presso il “Centro Carraro” ha riconfermato per un altro quadriennio il pastore Holger Milkau a decano della CELI. Nuovo vicedecano è invece Ulrich Eckert, che succede a Sebastian Zebe, rientrato in Germania alla scadenza del suo mandato alla guida della Comunità di Bolzano.

Tra le mozioni approvate quella riferita alle “unioni di vita”, in cui si afferma che tutte le persone, senza discriminazione alcuna, hanno il diritto di essere accompagnate nella fede, e in particolare che: “le coppie dello stesso sesso che vivono in un legame vincolante di convivenza sono accompagnate come qualsiasi altro membro di chiesa. Per queste coppie può esservi anche un culto di benedizione. Il culto si differenzia nella forma liturgica dal matrimonio”.

“Sono lieto che la mia rielezione coincida con una decisione in un certo senso storica per l’Italia, quale l’avvio di un percorso – per la prima volta da parte di una chiesa – che potrebbe portare all’approvazione della benedizione delle unioni di vita diverse da quelle tradizionali. Un percorso non facile, ma da affrontare con serenità e coraggio e in cui conciliare gli aspetti pastorali e umani” è stato il commento di Milkau a conclusione dei lavori sinodali che hanno visto l’istituzione di una commissione incaricata di approfondire la questione per il prossimo Sinodo. Tra i membri della commissione dovrà figurare almeno una persona che viva una relazione omosessuale.

“La commissione non dovrà stabilire se essere favorevoli o meno a forme di convivenza non tradizionali o alle unioni omosessuali, ma semplicemente lavorerà per capire come operare per accogliere e rispettare realmente tutti, anche chi è diverso dalla maggioranza – continua il decano Milkau -. Se il matrimonio, con il suo valore peculiare nella tradizione cristiana, non è equiparabile ad altre forme di convivenza, la chiesa luterana ritiene legittimo che persone che vivono un sentimento d’amore desiderino valorizzarlo con la benedizione di Dio, che non sarebbe comunque un’affermazione etica bensì pastorale-religiosa. D’altronde, al centro della convinzione evangelica del luteranesimo vi è l’ascolto della parola giustificante di Dio e il reciproco riconoscimento di chi vive percorsi di vita diversi”.

Molta soddisfazione è stata espressa dalla presidente del Sinodo, Christiane Groeben, per come si sono svolti i lavori, e in particolare per la presentazione del nuovo innario interamente bilingue, frutto di quasi dieci anni di lavoro, che permette alle comunità di lingua italiana e tedesca di cantare e pregare contemporaneamente. “Un bel traguardo per le nostre comunità il cui segno distintivo è proprio il bilinguismo – ha spiegato la Groeben -. Il culto di insediamento dei pastori Milkau e Eckert di domenica pomeriggio è stato molto commovente anche per questo fatto: per la prima volta tutti insieme abbiamo potuto celebrare il culto scegliendo la lingua preferita”.

Il Sinodo – tra le altre cose – ha anche approvato la rendicontazione dell’operato del Concistoro (organo esecutivo della CELI) e il gemellaggio con le chiese luterane di Slovenia e Ungheria. Inoltre, si è discusso delle realtà in cui i luterani sono impegnati in vario modo: dalla Casa editrice Claudiana alla Scuola a Santa Maria La Bruna, dal Centro Idelmo Poggioli al progetto culturale diffusione teatro, passando per il Centro Melantone di Roma.

Tratto da: http://www.fedevangelica.it/arch_nev/articoli/NEV_FCEI_777000544.html

Questa voce è stata pubblicata in Chiese protestanti storiche, Omosessualità e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.