Dobbiamo stare in guardia noi e poi avvertire gli altri

Fratelli nel Signore, sono sorti veramente molti impostori e malvagi in mezzo al popolo di Dio in questi ultimi termini dei tempi, che hanno portato confusione, disordine, e ogni sorta di falsa dottrina, e tanti sono rimasti vittime delle loro ciance e seguono le loro lascivie: sono giorni veramente difficili.

Ci troviamo davanti ad una situazione drammatica, molto grave. Ed è nostro dovere innanzi tutto stare in guardia da questa gente perversa, e poi avvertire quanti più fratelli della presenza di costoro, dicendo loro di guardarsi da essi e dalle loro false dottrine. Dobbiamo farlo, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù per noi.

Gesù Cristo esortò i suoi discepoli a guardarsi dalla dottrina dei Farisei come anche da quella dei Sadducei, e li mise in guardia dai falsi profeti e dai falsi cristi. E gli apostoli hanno continuato a mettere in guardia i santi sia dalle false dottrine, che dai falsi ministri. L’apostolo Pietro per esempio nella sua seconda epistola, dopo avere parlato molto dei falsi dottori che ci saranno fra noi, ha detto alla fine di essa: “Voi dunque, diletti, sapendo queste cose innanzi, state in guardia, che talora, trascinati anche voi dall’errore degli scellerati, non iscadiate dalla vostra fermezza; ma crescete nella grazia e nella conoscenza del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. A lui sia la gloria, ora e in sempiterno. Amen.” (2 Pietro 3:17-18). Noi non possiamo dunque che fare la stessa cosa che fecero loro.

Questo significa naturalmente farsi tanti nemici, e venire abbandonati e rigettati da tanti in mezzo alla Chiesa, ma questo non deve importare nulla. Noi dobbiamo piacere a Cristo e non agli uomini, perché come diceva Paolo: “Se cercassi ancora di piacere agli uomini, non sarei servitore di Cristo” (Galati 1:10).

La grazia del nostro Signore Gesù Cristo sia con voi

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Dottrine false, Esortazioni, Insegnamenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.