Lutero e Calvino sostenevano la perpetua verginità di Maria

Fratelli nel Signore, voglio che sappiate che i riformatori Martin Lutero (1483-1546) e Giovanni Calvino (1509-1564 ) sostenevano – come fanno i Cattolici Romani – la perpetua verginità di Maria, la madre di Gesù. E difatti i Cattolici Romani questo lo sanno e lo fanno notare, come su questo sito per esempio:

Lutero addirittura sosteneva pure l’immacolata concezione di Maria, molto tempo prima quindi che ciò diventasse dogma nella Chiesa Cattolica Romana, infatti egli disse: ‘E’ una credenza dolce e pia che l’infusione dell’anima di Maria fu effettuata senza peccato originale, cosicché nella stessa infusione della sua anima ella fu anche purificata dal peccato originale e adornata di doni di Dio, ricevendo un’anima pura infusa da Dio; perciò dal primo momento che ella cominciò a vivere, ella fu libera da ogni peccato’ (Sermone: ‘Sul giorno della concezione della Madre di Dio’, 1527), ed anche: ‘Ella è piena di grazia, viene dichiarata essere completamente senza peccato – qualcosa di estremamente grande. Perchè la grazia di Dio la riempie di ogni cosa buona e la rende priva di ogni male’ (Libro di Preghiera Personale (‘Piccolo’), 1522). [1] L’eminente studioso Luterano Arthur Carl Piepkorn (1907-73) ha confermato che Lutero credeva nell’Immacolata concezione di Maria persino da ‘Protestante’.

Lutero errava grandemente in questo, perché la Scrittura insegna che anche Maria, come qualunque altro essere umano eccetto Gesù Cristo, è nata nel peccato.

“Tutti hanno peccato” (Romani 3:23), dice Paolo, e perciò tra quel ‘tutti’ c’è anche Maria, e questo perché il peccato tramite Adamo è entrato nel mondo ed è passato su tutti gli uomini. Dice sempre Paolo: “…. con un sol fallo la condanna si è estesa a tutti gli uomini… ” (Romani 5:18).

E che sia così, cioè che anche Maria non nacque esente dal peccato, lo confermò lei stessa quando nel suo cantico che innalzò a Dio in casa di Zaccaria riconobbe che Dio era il suo Salvatore dicendo: “L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio mio Salvatore” (Luca 1:46,47). Come avrebbe infatti potuto chiamare Dio il suo Salvatore se fosse nata senza peccato?

Ma c’è un’altra prova che depone nettamente a favore di quello che stiamo dicendo, ed è il sacrificio che Giuseppe e Maria offrirono nel tempio quando andarono a presentare il bambino Gesù (cfr. Luca 2:22-24); uno di quegli animali offerti in sacrificio infatti fu offerto per il peccato di Maria perché secondo la legge era in questa maniera che veniva espiata l’iniquità della donna che aveva partorito. Ecco cosa dice infatti la legge a proposito di quello che doveva offrire la donna che aveva partorito un figlio o una figlia, quando i giorni della sua purificazione sarebbero stati compiuti: “E quando i giorni della sua purificazione, per un figliuolo o per una figliuola, saranno compiuti, porterà al sacerdote, all’ingresso della tenda di convegno, un agnello d’un anno come olocausto, e un giovine piccione o una tortora come sacrifizio per il peccato; e il sacerdote li offrirà davanti all’Eterno e farà l’espiazione per lei; ed ella sarà purificata del flusso del suo sangue. Questa è la legge relativa alla donna che partorisce un maschio o una femmina. E se non ha mezzi da offrire un agnello, prenderà due tortore o due giovani piccioni: uno per l’olocausto, e l’altro per il sacrifizio per il peccato. Il sacerdote farà l’espiazione per lei, ed ella sarà pura” (Levitico 12:6-8). Nel caso di Maria dato che era di basso stato furono offerti due tortore o due giovani piccioni. Ora, noi domandiamo: ‘Se Maria fosse stata senza peccato che bisogno c’era che offrisse quel sacrificio per il peccato?’

Veniamo ora a quello che hanno detto Lutero e Calvino sulla perpetua verginità di Maria.

Lutero disse: ‘Cristo … fu il solo Figlio di Maria, e la Vergine Maria non ebbe altri figli oltre a Lui … Io sono incline ad essere d’accordo con quelli che dichiarano che ‘fratelli’ veramente significa ‘cugini’ qua, perché la Sacra Scrittura e gli Ebrei chiamano i cugini sempre fratelli’ (Sermoni su Giovanni, cap. 1-4 [1539]). [2]

Calvino disse: ‘Elvidio ha mostrato eccessiva ignoranza nel concludere che Maria deve avere avuto molti figli, perchè alcune volte sono menzionati i ‘fratelli’ di Cristo’ (Harmony of Matthew, Mark and Luke, sec. 39 [Geneva, 1562], vol. 2 / From Calvin’s Commentaries, translated by William Pringle, Grand Rapids, Michigan: Eerdmans, 1949, p. 215; on Matthew 13:55), ed anche: ‘[Su Matteo 1:25] La conclusione che lui [Elvidio[ ha tratto da esso fu che Maria rimase una vergine fino alla sua prima nascita [cioè fino al suo primo figlio], e che in seguito ella ebbe altri figli da suo marito … Nessuna giusta e ben fondata conclusione può essere tratta da queste parole … in merito a quello che accadde dopo la nascita di Cristo. Egli è chiamato ‘primogenito’; ma con il solo scopo di informarci che egli nacque da una vergine … Lo storico non ci informa di ciò che avvenne dopo …’ (Pringle, ibid., vol. I, p. 107)

Thomas Henry Louis Parker, nel suo libro Calvin: an Introduction to his Thought (Westminster John Knox Press, 1995), conferma che Calvino sosteneva la perpetua verginità di Maria: ‘… la Nascita Verginale, che Calvino sosteneva, assieme alla perpetua verginità di Maria’ (pag. 66)

Lutero e Calvino quindi su questo punto vanno confutati nella stessa maniera in cui vanno confutati i preti cattolici romani.

E’ falso infatti che Maria è rimasta vergine dopo il parto perché la Scrittura afferma che Giuseppe “prese con sé sua moglie; e non la conobbe finch’ella non ebbe partorito il suo figlio primogenito, e gli pose nome Gesù” (Matteo 1:24,25). Questo significa che Giuseppe, dopo che Maria partorì Gesù, conobbe sua moglie.

A conferma che il significato di queste parole di Matteo non può che essere questo, ecco i seguenti esempi tratti dalla Bibbia. Gesù prima di dipartirsi disse ai suoi: “quant’è a voi, rimanete in questa città, finché dall’alto siate rivestiti di potenza” (Luca 24:49). Questo significa che dopo che sarebbero stati rivestiti di potenza potevano dipartirsi da Gerusalemme, il che noi sappiamo poi avvenne. Negli Atti è scritto che più di quaranta Giudei si recarono dai capi sacerdoti e dagli anziani e dissero loro: “Noi abbiam fatto voto con imprecazione contro noi stessi, di non mangiare cosa alcuna, finché non abbiam ucciso Paolo” (Atti 23:14). Questo significa che dopo che l’avrebbero ucciso avrebbero ripreso a mangiare regolarmente.

Ma Giuseppe non soltanto conobbe Maria, dopo che questa partorì Gesù, ma ebbe anche dei figli da lei perché Gesù aveva dei fratelli e delle sorelle. Queste Scritture confermano che Maria concepì e partorì altri figli dopo Gesù.

– “Ella diè alla luce il suo figliuolo primogenito” (Luca 2:7), perciò se Gesù fosse stato il suo unico figlio sarebbe stato chiamato il suo unigenito e non il suo primogenito.
– “Poi si partì di là e venne nel suo paese e i suoi discepoli lo seguitarono. E venuto il sabato, si mise ad insegnar nella sinagoga; e la maggior parte, udendolo, stupivano dicendo: Donde ha costui queste cose? e che sapienza è questa che gli é data? e che cosa sono cotali opere potenti fatte per mano sua? Non é costui il falegname, il figliuol di Maria, e il fratello di Giacomo e di Giosè, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?” (Marco 6:1-3);
– “E giunsero sua madre ed i suoi fratelli; e fermatisi fuori, lo mandarono a chiamare” (Marco 3:31);
– “Neppure i suoi fratelli credevano in lui” (Giovanni 7:5);
– “Tutti costoro perseveravano di pari consentimento nella preghiera, con le donne, e con Maria, madre di Gesù, e coi fratelli di lui” (Atti 1:14);
– Paolo ai Corinzi: “Non abbiamo noi il diritto di condurre attorno con noi una moglie, sorella in fede, siccome fanno anche gli altri apostoli e i fratelli del Signore e Cefa?” (1 Corinzi 9:5);
– Paolo ai Galati: “In capo a tre anni, salii a Gerusalemme per visitar Cefa, e stetti da lui quindici giorni; e non vidi alcun altro degli apostoli; ma solo Giacomo, il fratello del Signore” (Galati 1:18,19);
– Nei Salmi è detto a proposito del Cristo: “Io son divenuto… un forestiero ai figliuoli di mia madre” (Salmo 69:8). Come potete vedere la Scrittura aveva preannunziato in questa particolare maniera che la vergine che avrebbe concepito e partorito il Cristo di Dio non sarebbe rimasta vergine perché avrebbe avuto altri figli infatti lo Spirito di Cristo disse tramite Davide: “Sono divenuto un forestiero ai figliuoli di mia madre”.

La Scrittura è chiara quindi a tale riguardo, Gesù aveva dei fratelli e delle sorelle. Ma sia Lutero che Calvino l’hanno oscurata dicendo che questi fratelli erano i cugini di Gesù perché nella Scrittura talvolta il termine fratelli si riferisce anche ai parenti, ed in questo caso ai cugini. Al che noi rispondiamo dicendo che è vero che talvolta la Scrittura con il termine fratelli si riferisce ai parenti, come nipoti, zii, e cugini; ma questo discorso non si può fare nel caso dei fratelli di Gesù perché è ampiamente dimostrato dai passi qui sopra esposti che essi erano veramente figli di sua madre e non suoi cugini. E poi occorre dire, a conferma di tutto ciò, che per quanto riguarda Giacomo egli è chiamato da Paolo il fratello (in greco: adelfòs) del Signore, e non il cugino (in greco: anepsiòs) del Signore. Con ciò vogliamo dire che se Giacomo, che é chiamato “il fratello del Signore”, fosse stato il cugino del Signore, Paolo non lo avrebbe chiamato il fratello del Signore, ma bensì il cugino del Signore; ma Paolo sapeva l’esatto grado di parentela che c’era tra Giacomo ed il Signore Gesù, perciò lo chiamò “il fratello del Signore”. Paolo non avrebbe mai chiamato il cugino del Signore “il fratello del Signore”, perché lui il cugino di qualcuno lo chiamava cugino infatti parlando di Marco ai Colossesi disse: “Vi salutano Aristarco, il mio compagno di prigione, e Marco, il cugino (in greco: anepsiòs) di Barnaba..” (Colossesi 4:10). Ma Paolo credeva che il Signore Gesù aveva non un fratello solo, ma più fratelli, infatti ai Corinzi parla dei “fratelli del Signore” (1 Corinzi 9:5) i quali, da quello che lui dice, erano ammogliati; confermando quindi le parole di Matteo, Marco, Luca e Giovanni.

L’interpretazione data quindi da Lutero e Calvino secondo la quale questi fratelli di Gesù erano i cugini di Gesù non ha quindi nessun fondamento scritturale appunto perché coloro che sono chiamati nel Vangelo “i suoi fratelli” erano figliuoli della madre di Gesù e non di sua zia.

La grazia del nostro Signore Gesù sia con voi

Giacinto Butindaro

[1] Da: http://www.davidmacd.com/catholic/martin_luther_on_mary.htm
‘It is a sweet and pious belief that the infusion of Mary’s soul was effected without original sin; so that in the very infusion of her soul she was also purified from original sin and adorned with God’s gifts, receiving a pure soul infused by God; thus from the first moment she began to live she was free from all sin’ (Sermon: “On the Day of the Conception of the Mother of God,” 1527).
‘She is full of grace, proclaimed to be entirely without sin- something exceedingly great. For God’s grace fills her with everything good and makes her devoid of all evil’ (Personal {“Little”} Prayer Book, 1522).

[2] Da: http://socrates58.blogspot.com/2010/06/john-calvins-belief-in-perpetual.html
‘Christ . . . was the only Son of Mary, and the Virgin Mary bore no children besides Him . . . I am inclined to agree with those who declare that “brothers” really mean “cousins” here, for Holy Writ and the Jews always call cousins brothers’ (Luther’s Works, vol. 22:214-15 / Sermons on John, chaps. 1-4 [1539] )
‘Helvidius displayed excessive ignorance in concluding that Mary must have had many sons, because Christ’s “brothers” are sometimes mentioned’ (Harmony of Matthew, Mark and Luke, sec. 39 [Geneva, 1562], vol. 2 / From Calvin’s Commentaries, translated by William Pringle, Grand Rapids, Michigan: Eerdmans, 1949, p. 215; on Matthew 13:55)
‘[On Matt 1:25:] The inference he [Helvidius] drew from it was, that Mary remained a virgin no longer than till her first birth, and that afterwards she had other children by her husband . . . No just and well-grounded inference can be drawn from these words . . . as to what took place after the birth of Christ. He is called “first-born”; but it is for the sole purpose of informing us that he was born of a virgin . . . What took place afterwards the historian does not inform us . . . No man will obstinately keep up the argument, except from an extreme fondness for disputation’ (Pringle, ibid., vol. I, p. 107)

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Dottrine false e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Lutero e Calvino sostenevano la perpetua verginità di Maria

  1. Hugo Castro scrive:

    Pace Giacinto

    Pare che sì che Lutero e Calvino sostenevano la perpetua verginità di Maria. Dico pare perchè non sono sicuro per queste citazioni si sostenevano solo che Maria non ebbe altri figli oltre a Gesù, e ciò non è lo stesso che la perpetua verginità di Maria (Maria fu vergine prima, DURANTE e dopo il parto). Però come sappiamo che non si hanno libertato di tutte le dottrine errate del cattolicesimo ed studiosi lo affermano, accetto che sia vero che sostenevano la perpetua verginità di Maria.

    Ma non mi resulta che Lutero sosteneva pure l’immacolata concezione di Maria.

    Guarda qui questa spiegazione con tutte la citazioni presentate in questo post. http://beggarsallreformation.blogspot.com/2010/09/did-martin-luther-believe-in-immaculate.html

    http://beggarsallreformation.blogspot.com/2010/10/luther-infusion-of-marys-soul-was.html

    Puoi vedere anchè tutta la categoria Luther’s Mariology http://beggarsallreformation.blogspot.com/search/label/Luther%27s%20Mariology.

    Non ti fidi troppo di quello che i cattolici romani dicono su Lutero, Calvino e i detti Padri della Chiesa. Generalmente sono citazioni fuora del contesto, manipolate per fare dire cose che non hanno detto. Come fanno con la Bibbia così fanno con gli altri scritti antichi.

    • giacintobutindaro scrive:

      Fratello Hugo, pace. Ho letto gli articoli da te segnalatami, anche se di fretta, e non dimostrano affatto che Lutero non abbia fatto quella affermazione del 1527 sulla immacolata concezione di Maria, anzi confermano questo. Poi per quanto riguarda il dopo, i discorsi fatti non mi convincono, perchè comunque sia Lutero parlava di una Maria senza peccato (perchè purificata dal peccato) quando Gesù fu concepito nel suo seno ed anche questo non è biblico. Per quanto riguarda la perpetua verginità di Maria, invece, sappi che è cosa risaputa in ambito di molti storici protestanti che sia Lutero che Calvino, come anche Zwigli, ed altri riformatori ancora, sostenevano che Maria non aveva avuto altri figli dopo Gesù.

  2. @Hugo Castro
    In uno dei suoi commenti, come si vede da ciò che ho riportato dalla Bibbia riveduta del 1641, Giovanni Diodati la chiama “SANTA VERGINE”, pertanto, possiamo ritenere con una buona approssimazione di certezza che anche Calvino credesse la medesima cosa, non che non avesse soltanto avuto altri figli, ma che proprio Giuseppe non abbia avuto relazioni carnali con Maria sua moglie.

  3. Anche Giovanni Diodati (1576 – 164), già professore di lingua ebraica a Ginevra nell’Accademia di Calvino, era della stessa opinione di Calvino, infatti nella traduzione della Bibbia in lingua ora italiana, ha scritto questi commenti che lo dimostrano:

    Su Matteo 1:25, Diodati ha commentato: “v.25 finche questo era necessario di sapere per la fede della Chiesa: se poi appresso Iosef ritenne Maria, astenendosi dalla sua compagnia, lo Spirito santo non l’ha specificato: ma pure piamente è creduto.” (Dal libro del vangelo di Matteo 1641, tradotto da Giovanni Diodati)

    Su Matteo 12:46, Diodati ha commentato. “v.46. fratelli secondo alcuni erano i suoi prossimi parenti. Ma pure alcuni antichi hanno creduto, ch’erano figlioli di Iosef, nati d’una prima moglie, creduti comunemente fratelli di Iesu, secondo che si stimava Iosef esser suo padre: e quelli seguitavano la santa Vergine, come madre della lor famiglia, dopo la morte di Iosef.” (Dal libro del vangelo di Matteo 1641, tradotto da Giovanni Diodati)

    Su altri passi il Diodati o tace o rimanda al suo commento su Matteo 12:46.

  4. Il vangelo di Matteo, in originale, traduzione del 1641 di Giovanni Diodati, lo potete scaricare da questa pagina: http://bibbia.sentieriantichi.org/1641/1641_00_tavola.html

  5. Hugo Castro scrive:

    Giacinto
    Sulla la origene della citazione può vedere con tempo http://beggarsallreformation.blogspot.com/2010/10/luther-infusion-of-marys-soul-was.html

    comunque sia la cita non parla della immacolata concezione di Maria ma che nel momento della infusione della sua anima il suo corpo (già dopo della concezione) fu purificato dal peccato originale. Cosa simile credeva Tommaso d’Aquino che possiamo dire che negò la immacolata concezione. Certo che ne una cosa ne la altra è biblico ma sono due dottrine differenti. E in altri scritti posteriori secondo lo che dice Lutero si vede che cambio di opinione.

    Giusseppe io no nego che Lutero e Calvino sostenevano la perpetua verginità di Maria. Voglio era chiamare l’attenzione per il fatto che sostenere che Maria non aveva avuto altri figli dopo Gesù, non è la stessa cosa che sostenere la perpetua verginità di Maria. Ti faccio un esempio. Talvolta in siti cattolici romani si vede che Origene, nel secolo II, già sosteneva la perpetua verginità di Maria, ma quello che Origene davvero sosteneva era che Gesù non aveva fratelli e quindi Maria non ebbe altri figli oltre a Gesù, lo che non è la stessa cosa che la dottrina della perpetua verginità di Maria. Origene non sosteneva la virginita “in partu” almeno.

  6. Hugo Castro scrive:

    Giacinto
    Sulla la origene della citazione può vedere con tempo http://beggarsallreformation.blogspot.com/2010/10/luther-infusion-of-marys-soul-was.html

    comunque sia la cita non parla della immacolata concezione di Maria ma che nel momento della infusione della sua anima il suo corpo (già dopo della concezione) fu purificato dal peccato originale. Cosa simile credeva Tommaso d’Aquino che possiamo dire che negò la immacolata concezione. Certo che ne una cosa ne la altra è biblico ma sono due dottrine differenti. E in altri scritti posteriori secondo lo che dice Lutero si vede che cambio di opinione.

    Giusseppe io no nego che Lutero e Calvino sostenevano la perpetua verginità di Maria. Voglio era chiamare l’attenzione per il fatto che sostenere che Maria non aveva avuto altri figli dopo Gesù, non è la stessa cosa che sostenere la perpetua verginità di Maria. Ti faccio un esempio. Talvolta in siti cattolici romani si vede che Origene, nel secolo II, già sosteneva la perpetua verginità di Maria, ma quello che Origene davvero sosteneva era che Gesù non aveva fratelli e quindi Maria non ebbe altri figli oltre a Gesù, lo che non è la stessa cosa che la dottrina della perpetua verginità di Maria. Origene non sosteneva la verginità “in partu” almeno.

  7. Hugo Castro scrive:

    Vede come la citazione è manipolata per nascondere che Lutero credeva qualcosa differente della immacolata concezione.

    E’ una credenza dolce e pia che l’infusione dell’anima di Maria fu effettuata senza peccato originale, cosicché nella stessa infusione della sua anima ella fu anche purificata dal peccato originale e adornata di doni di Dio, ricevendo un’anima pura infusa da Dio; perciò dal primo momento che ella cominciò a vivere, ella fu libera da ogni peccato’

    And the other conception, that is to say, the infusion of the soul, is piously believed to have been accomplished without original sin. So that, in that very infusing of the soul, the body was simultaneously purified from original sin, and endowed with divine gifts to receive that holy soul which was infused into it from God. And thus in the first moment it began to live, it was exempt from all sin. For before it could begin to live, perhaps it may be said that there was neither absence nor presence of sin, for that only belongs to the soul and to the living man.

    • giacintobutindaro scrive:

      Hugo, guarda, che le cose non cambiano. Guarda cosa viene detto su wikipedia su questo argomento:

      Immaculate conception

      In the course of his life, Martin Luther made contradictory statements about Mary’s immaculate conception. For example, in 1532 Luther says that Mary was conceived in sin, in 1544 he says: ‘God has formed the soul and body of the Virgin Mary full of the Holy Spirit, so that she is without all sins, for she has conceived and borne the Lord Jesus.'[19] Elsewhere, “All seed except Mary was vitiated [by original sin].”[20] When concentrating specifically on Mary herself as the Mother of God, Luther acknowledges God’s singular action in bringing her into the world, but in making general comments about the universality of human sinfulness, he includes her among all the rest of humanity.
      Mother Mary, like us, was born in sin of sinful parents, but the Holy Spirit covered her, sanctified and purified her so that this child was born of flesh and blood, but not with sinful flesh and blood. The Holy Spirit permitted the Virgin Mary to remain a true, natural human being of flesh and blood, just as we. However, he warded off sin from her flesh and blood so that she became the mother of a pure child, not poisoned by sin as we are. For in that moment when she conceived, she was a holy mother filled with the Holy Spirit and her fruit is a holy pure fruit, at once God and truly man, in one person.”[21]
      19] Martin Luther, D. Martin Luthers Werke, Kritische Gesamtausgabe, 61 vols., (Weimar: Verlag Hermann Böhlaus Nochfolger, 1883-1983), 52:39 [hereinafter: WA]
      20] WA, 39, II:107.
      21] Sermons of Martin Luther, 291
      http://en.wikipedia.org/wiki/Lutheran_Marian_theology

      Leggi pure quello che viene detto sul sito della Chiesa Luterana Americana a proposito del fatto che Lutero credeva nell’immacolata concezione di Maria: http://www.lcms.org/page.aspx?pid=699

      Q. I’ve heard that Martin Luther believed in Mary’s immaculate conception, in her perpetual virginity and in praying to her. Is this how Lutherans still view Mary today?
      A. Like Luther himself, Lutherans hold Mary in high esteem for the chosen role she played in God’s plan of salvation. Lutherans have never objected to denoting Mary as the “Mother of God” (theotokos, “God-bearer”), since she was the mother of Jesus and Jesus was and is indeed God. Since the Son of God was and is sinless, it is evident that some miraculous “exception” was made in the conception of Jesus through Mary that prevented original sin from tainting the Christ-child. This accounts for Luther’s comments about Mary being “entirely without sin” (as far as the conception was concerned). Lutherans today are not bound to Luther’s personal views regarding how this was accomplished; in any event, it is clear from Luther’s other and later writings on Mary that he did not hold to the view that Mary was personally devoid of all sin (which would mean that she would have had no need of forgiveness or salvation). Luther also held to the semper virgo (the perpetual virginity) of Mary. This, again, is a personal view to which Lutherans today are not bound. Scripture is not clear on this matter, and Lutherans do not regard it as a theological issue.
      In his early years Luther was still greatly influenced by his rigorous Roman Catholic and monastic training. In his later writings he clearly rejects invocation to Mary and/or the saints as having no Scriptural mandate or promise. None of this undermines the opening sentence of this response, which should be underscored as the final word on this issue.
      http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:AcDGmZ4JiEIJ:www.lcms.org/pages/internal.asp%3FNavID%3D2195+lutheran+church+mary+immaculate+conception&cd=4&hl=it&ct=clnk&gl=it&source=www.google.it

      Come puoi vedere, non viene smentito che Lutero abbia sostenuto l’immacolata concezione di Maria, e comunque c’è ambiguità quando parlano su questa posizione di Lutero e questo perchè Lutero ha fatto poi delle affermazioni contradditorie.

  8. Hugo Castro scrive:

    Scusa insistire ma questo è importante. Ancora non ho visto una citazione di Lutero che afferma chiaramente la dottrina dell’immacolata concezionee ho visto molte in contro.

    Non ti fidi troppo anchè in wikipedia. Da solito in argomenti controversi i apologisti cattolici la controllano. Per esempio, in questo caso la citazione che dà dove presuntamente Lutero sostiene l’immacolata concezione è: “in 1544 he says: ‘God has formed the soul and body of the Virgin Mary full of the Holy Spirit, so that she is without all sins, for she has conceived and borne the Lord Jesus.’[19] ”

    Primo la citazione non è di 1544 ma di 1532. Dopo vede la citazione nel contesto:

    “Adam and Eve were not born, but created. God made Adam out of the dust of the earth, and the woman of his rib. How much nearer is Christ to us than Eve to her husband Adam, since He is truly our flesh and blood. Such honor we should highly esteem and well take to heart, that the Son of God became flesh, and that ]there is no difference at all between His and our flesh, only that His flesh is without sin. For He was so conceived of the Holy Ghost, and God poured out so richly His Holy Spirit into the soul and body of the Virgin Mary that without any sin she conceived and bore our Lord Jesus.

    Lutero non dice qui che Maria fu concepita senza peccato ma che nel momento della concezione di Gesù fu purificata di tutto il pecatto. Questo non è lo stesso che la dottrina dell’immacolata concezione , anzi, è contrario a lei.

    Aquello che dice il sito luterano mi pare che è esattamente questo . Che Lutero credeva che Maria era «entirely without sin» a partire della concezione di Gesù. E che loro non credono in questo perchè non è bíblico.

    Riassumendo Lutero credeva che Maria diventò immacolata (senza peccato) in alcuno momento dopo la concezione, certo è una falsa dottrina che va confutata pero non è la dottrina dell’immacolata concezione come proclamata per la chiesa cattolica.

    Bisogna avere cura per non fare il gioco dei apologisti cattolici. Le citazione di Lutero dove presuntamente afferma questa dottrina viene praticamente tutte dei apologisti cattolici fuora del contesto o con intrepretazione errate delle sue parole.

  9. Hugo Castro scrive:

    Ancora su la citazione di wikipedia:

    The context provided above is translated in English as follows:

    Adam and Eve were not born, but created. God made Adam out of the dust of the earth, and the woman of his rib. How much nearer is Christ to us than Eve to her husband Adam, since He is truly our flesh and blood. Such honor we should highly esteem and well take to heart, that the Son of God became flesh, and that there is no difference at all between His and our flesh, only that His flesh is without sin. For He was so conceived of the Holy Ghost, and God poured out so richly His Holy Spirit into the soul and body of the Virgin Mary that without any sin she conceived and bore our Lord Jesus. Aside from this, in all other respects, He was like other men; He ate, drank, was hungry, thirsty, cold like other men. Such and similar natural infirmities, which have descended upon us by reason of sin, He, who was without sin, bore and had like unto us, as St. Paul says: “He was made in the likeness of men, and found in fashion as a man.”

    As can be seen from the context, the issue is Jesus’ conception, not Mary’s. She conceived and bore Jesus without sin. It is a reference to his immaculate conception, not hers.

    Per vedere come c`è molte citazioni di Lutero manipolate su questo argomento:
    http://turretinfan.blogspot.com/2010/10/immaculate-conception-in-later-luther.html

    • giacintobutindaro scrive:

      Hugo, concludo dicendo questo dopo avere fatto ulteriori ricerche: PARE che Lutero dopo degli anni abbia abbandonato l’immacolata concezione di Maria e abbia insegnato e creduto che Maria sia stata purificata dal peccato quando fu concepito Cristo nel suo seno. Ma dico ‘pare’ perchè non è così chiaro. Comunque, anche la sua successiva credenza era sbagliata. Comunque Lutero queste affermazioni le ha fatte: ‘‘E’ una credenza dolce e pia che l’infusione dell’anima di Maria fu effettuata senza peccato originale, cosicché nella stessa infusione della sua anima ella fu anche purificata dal peccato originale e adornata di doni di Dio, ricevendo un’anima pura infusa da Dio; perciò dal primo momento che ella cominciò a vivere, ella fu libera da ogni peccato’ (Sermone: ‘Sul giorno della concezione della Madre di Dio’, 1527), ed anche: ‘Ella è piena di grazia, viene dichiarata essere completamente senza peccato – qualcosa di estremamente grande. Perchè la grazia di Dio la riempie di ogni cosa buona e la rende priva di ogni male’ (Libro di Preghiera Personale (‘Piccolo’), 1522).
      Chi conosce l’inglese può leggere quest’articolo che affronta anche questa questione: LUTHER’S THEOLOGY OF MARY: A RESPONSE TO CATHOLIC APOLOGIST DAVE ARMSTRONG By James Swan, June 2003 – http://tquid.sharpens.org/luther_mary2.htm

  10. Hugo Castro scrive:

    Ma questo sito dice questo e perde tutta la credibilità:
    The Immaculate Conception heresy teaches that Mary was born without any original sin, and was saved from birth.

    Questo è falso, non sanno neanche lo che è la immacolata concezione di Maria. Uno può sostenere che “Mary was born without any original sin, and was saved from birth senza credere nel immacolata concezione di Maria. Un caso famoso di questo è Tommaso d’Aquino.

    È vero la credenza nella perpetua verginità di Maria pero il resto può essere confutato.

  11. Renato scrive:

    Egr. Butindaro mi rincresce, e lo dico con sommo dispiacere, constatare da parte tua la presunzione di poter confutare il grande Riformatore Lutero; dicendo addirittura che ha detto delle falsità. Con questo lasci intendere che il solo oggi che possiede la verità e il solo che la predica integralmente è Giacinto BUTINDARO : attraverso il proprio blog e Bibbia alla mano. E’ l’ADORAZIONE alla madre di Gesù che offende il Nostro Dio, non le questioni se ha avuto o meno altri figli. Comprendere cosa ha subito Maria al momento della visitazione dello Spirito Santo si puó solo attraverso la FEDE la quale crede senza vedere. La Chiesa, fondata sulla fede nei sacramenti e sull’amore per il Salvatore Gesù Cristo, di Martin Lutero, il quale ci ha liberati tramite l’evangelo dall’oppressione e malvagitá cattolica, NON HA ADORATO MAI LA MADONNA. Ti faccio presente, semmai che la confusione vera e propria é venuta con gli anabattisti, i quali sono gli attuali Pentecostali, Avventisti, Battisti, Testimoni di G. etc. etc. Se mi dici poi che l’attuale Chiesa Luterana di oggi é perduta, sono d’accordo, ma affermare che Lutero ha detto delle falsitá é piuttosto azzardato. Ti domando: conosci il Greco, l’Ebraico, il Latino, il Tedesco? Ti domando: hai letto il De Servo Arbitrio, La libertà del Cristiano, l’Anticristo, La lettera ai Galati e ai Romani, la cattivitá babilonese della Chiesa Romana etc. etc. di Lutero? Personalmente non credo. Credo invece che con la mania di confutare a destra e a manca hai mancato il vero obiettivo e cioè quali sono le cose essenziali alla salvezza che dobbiamo conoscere. Tutto il resto è inutile discussione. Cordiali saluti.

    • giacintobutindaro scrive:

      Renato, quando Lutero si misea confutare il ‘papa’ fu accusato dai cattolici romani di essere un presuntuoso nel confutare il cosiddetto vicario di Cristo, vedo che oggi dopo secoli anch’io vengo accusato di avere la presunzione di confutare un’altra specie di papa, ma questa volta protestante, che tu definisci il grande riformatore Lutero. Ne prendo atto. Ho letto diversi libri di lutero, e mentre condivido certe cose che dice, confuto quelle cose che lui ha detto che vanno contro la Parola di Dio (che sono parecchie, tra cui anche il battesimo dei bambini che noi rigettiamo perchè va contro la Parola). Per confutarlo poi non bisogna conoscere n’è il greco, nè l’ebraico nè il latino e neppure il tedesco: basta conoscere la Bibbia e i suoi libri in lingua italiana. Tu hai letto Degli Ebrei e delle loro menzogne? Condividi questo libro? Io l’ho confutato perchè questo suo libro costituisce una delle pagine più vergognose della vita di Lutero. Ma su Lutero ci sarebbe tanto altro da scrivere. Dio volendo un giorno sarò più esauriente. Cordiali saluti

  12. Renato scrive:

    Caro Butindaro, a proposito degli Ebrei, stiamo parlando di quelli secondo la carne o i figli della promessa? Lutero di chi stava parlando? Ti scandalizzi per quelli che parlano male degli Ebrei dimenticando che il primo a farlo fu Gesù (Matteo 23), che disse: razza di vipere non sfuggirete al fuoco della Geenna e, il sangue dei giusti ricadrá su di voi. Ti domando: 6 milioni di ebrei, fu la volontá di Dio o la volontá di Lutero a portarli alla morte? Comprendere che davanti a Dio non c’è n’è giudeo n’è greco ma solo il credente che é figlio della promessa, questa é la questione principale. Non penso, che a motivo che il credente gentile non debba insuperbirsi riguardo agli Ebrei figli della promessa, tu voglia considerare fratelli anche quei figli della carne che come sappiamo sono massoni, sodomiti, bestemmiatori che disprezzano il Figlio di Dio e altro, no? Non credo proprio. Dio dice che solo l’Israele spirituale sará salvato. L’Israele eletto. Questi si che vengono prima di tutti i cristiani salvati perché a loro per primi furono fatte le promesse. Caro Butindaro, come dice Paolo, cerchiamo le cose che conducono alla salvezza, non i vani discorsi. Dio conosce i suoi figli sin dal seno materno, quindi seminiamo per essi cos’è buone e lasciamo giudicare a Dio tutto il resto.

    • giacintobutindaro scrive:

      Renato, sto parlando degli ebrei secondo la carne che non credono in Gesù, e quindi di quelli disubbidienti. Non confondere le acque però; Gesù, Stefano e Paolo ebbero parole dure verso di essi, ma nessuno di essi incitò le autorità di allora a dare fuoco alle loro sinagoghe e le loro scuole ecc , come fece Martin Lutero. E quindi questo basta per capire l’errore di Lutero.

  13. Giuseppe scrive:

    Maria concepì senza il seme virile. Il concepimento di Gesù fu un concepimento verginale, opera dello Spirito Santo. Anche il parto fu verginale, secondo le parole del profeta: «La Vergine concepirà e partorirà». Non vi fu partecipazione da parte di uomo nel concepimento di Gesù né vi fu nel parto alcun dolore né lesione né flusso di sangue. Perciò la Vergine non aveva bisogno di essere purificata. Ella tuttavia, volle compiere il rito della purificazione per via del precetto della legge. Perciò leggiamo: «venne il tempo della loro purificazione secondo la legge». Maria non era tenuta ad osservare quel precetto, ma tuttavia lo fece di sua volontà. In fondo anche Gesù, benché non fosse soggetto alla legge, volle subire la circoncisione. Ezechiele profetizzò che la porta a oriente del Tempio doveva restare chiusa per far passare il Signore: «Resterà chiusa, essa non s’aprirà, e nessuno entrerà per essa, poiché per essa è entrato il Signore, il Dio d’Israele, perciò rimarrà chiusa» (Ezechiele 44,2). In sé, questo versetto biblico è oscuro, ma se applicato alla Vergine Maria s’illumina di significato. Poiché solamente il Signore Gesù Cristo è passato per la porta chiusa della Vergine Maria, Tempio della Santissima Trinità. Quella porta resterà sempre chiusa, e nessun’altro potrà passare di là, poiché per essa è entrato nel mondo il Signore. Perciò Maria rimase vergine anche durante il parto. Cristo, figlio primogenito di Maria, «non diminuì la sua verginale integrità, ma la consacrò» (Lumen Gentium 57). A tutti pace nel Signore.

  14. Giuseppe scrive:

    Sig. Butindaro, ancora pace a tutti nel Signore. Noi cristiani cattolici non rifiutiamo la Sacra Scrittura. È proprio questa infatti ad insegnare che «la Vergine concepirà e partorirà» (Matteo 1,23). Perciò come è chiaro dalla scrittura sopracitata, senz’ombra di dubbio si deve credere che Maria concepì da vergine e partorì da vergine. San Tommaso afferma che «era conveniente da parte del fine dell’Incarnazione di Cristo che Maria fosse vergine anche durante il parto. Cristo infatti è venuto a togliere la nostra corruzione. Non era perciò opportuno che nascendo corrompesse la verginità di sua madre. Dice infatti Sant’Agostino: Non era giusto che violasse l’integrità con la sua nascita Colui che veniva a sanare la corruzione» (cf. Somma Teologica, III, q. 28, a. 2). Se nell’integrità verginale di Maria – come qualcuno osa affermare – vi fosse stata qualche lesione e quindi anche flusso di sangue, la madre del Redentore sarebbe rimasta impura per un tempo, il che non era conveniente al Redentore stesso. Infatti entrando nel mondo, il Redentore non avrebbe mai permesso che sua madre, partorendolo, rimanesse per un tempo impura. Chi mai oserebbe affermare che per via dell’entrata del Signore nel mondo, Maria sia rimasta impura per un tempo? Il solo pensiero di questo è cosa veramente abominevole. Dio infatti non peggiora lo stato delle sue creature, ma lo migliora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.