La testimonianza del fratello Rosario

Questa testimonianza conferma che quando un credente scopre le false dottrine insegnate dalle ADI e si ritira dalle ADI perchè non trova più comunione con persone che mentono contro la verità e non vogliono ravvedersi, vengono dall’interno delle ADI messe subito in giro ad arte contro di lui svariate menzogne per far credere che lui è rimasto sedotto da qualche falso ministro del Vangelo o da Satana stesso. Nessuno di costoro vi inganni, perchè le cose stanno al contrario; in quanto è nelle ADI e per mezzo delle ADI che si rimane vittime di inganni abilmente perpetrati a danno delle pecore del Signore, ma grazie siano rese a Dio che si compiace di liberare ancora oggi tante anime dal laccio dei seduttori per farle camminare nella verità che è in Cristo Gesù.

A Dio sia la gloria ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

———————-

Pace fratelli, mi chiamo Rosario e voglio dare questa testimonianza: il nostro Signore mi ha chiamato al Suo servizio nell’anno 1974 per mezzo di una malattia che io avevo. Non sapevo niente su di Lui,. Un giorno mi hanno dato un nuovo testamento e ho trovato scritto: “ io sono colui che ti guarisco”. E allora io dissi: “Se tu mi guarisci, io ti servirò”. Ed Egli mi guarì. Quindi lo accettai come Signore e trovai pace al mio cuore.
Cominciai a frequentare una chiesa ADI. Passato un po’ di tempo però sono cominciate le lotte e i contrasti con il pastore e ne ebbi tante lotte; e non trovandomi in pace con loro ogni tanto mi assentavo dalla comunità; Passarono molti anni e non ce la facevo più. Ogni anno mi assentavo per 5 o 6 mesi, e così nel 2008 decisi di non andare più nella comunità. Stavo male e non c’era comunione con loro, specialmente con il pastore; leggevo le Scritture e trovavo pace; cosi decisi di non andare più definitivamente. Stavo a casa e pregavo; dicevo al Signore: “Signore, cosa devo fare?”. Aspettavo una risposta.
Una sera venne il pastore della comunità dove andavo; lui si chiama Mimmo Mistretta. Fu quella sera che compresi la verità. Cominciammo una conversazione e dopo un pò di domande mi disse: “Ti dico da parte del Signore fratello: tu sei bugiardo e me lo ha detto il Signore, come la chiesa dei cretesi”. Subito dentro di me si accese un fuoco e una gelosia e senza aspettare gli dissi: “Questo non è da parte da DIO”. Lo ripresi duramente. Gli dissi: “Sei venuto con l’inganno” e lo ripresi. E di nuovo io gli dissi: “Io conosco i cretesi e so la loro dottrina, so che sono bugiardi, ma inverso di me non è cosi. Tu sei falso ed è falso anche quello che hai detto”. Gli dissi ancora: ‘Te la vedrai con DIO’. Appena gli dissi ciò lui mi chiese scusa. E voleva pacificare e pregare insieme; al che io gli dissi: “Tu non devi pregare, pregherò io per te”. E nella preghiera disse al Signore: “Tu Signore hai visto ogni cosa fra me e Lui, valuta e giudica tu la causa”. Poi lui si alzò, mi salutò e non si è visto più.
Ora dico questo: se il Signore non mi avesse aperto gli occhi, sarebbe stato facile cadere nella sua rete e prendermi questo torto e questa accusa ingiusta. La parola di DIO ci dice di provare gli spiriti per vedere se sono da DIO. E dò un consiglio: leggete le Sacre Scritture per non cadere in queste trappole.

DIO vi benedica.

Vostro fratello Rosario Micca

Menfi (AG), il 20 Gennaio 2012

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, Liberazioni, Pentecostali, Testimonianze e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.