Il ‘pastore’ Giovanni Traettino prega con il suo fratello ‘papa’ Francesco

traettino-papa-francesco

E’ una cosa scandalosa, una vergogna, una cosa gravissima che porta discredito alla via della verità. Non ci meravigliamo però, perchè sappiamo che Giovanni Traettino è da anni impegnato in un dialogo ecumenico con la Chiesa Cattolica Romana. Colgo quindi di nuovo l’occasione per esortarvi fratelli a guardarvi e ritirarvi da Traettino e da tutti quegli Evangelici che hanno il suo stesso sentimento e comportamento: sono dei ribelli agli occhi di Dio perchè si sono messi con gli infedeli.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro


Traettino, il pastore che prega con il Papa – L’evangelico casertano accolto nella casa di Santa Marta. E Francesco commenta l’incontro con i fedeli su Facebook

CASERTA — Quando si è fatto annunziare alla porta del complesso ha immaginato a qualche prelato che gli venisse incontro per accompagnarlo negli appartamenti. Invece grande è stato lo stupore vedendosi arrivare incontro il Pontefice in persona. L’abbraccio e i sorrisi scambiati sono stati il preludio ad un incontro che lo stesso Papa ha definito «significativo».
Non fosse stato per un post comparso l’altro ieri, mercoledì, a tarda sera sul profilo Facebook di Papa Francesco, forse non si sarebbe mai saputo dell’incontro privato avvenuto in mattinata fra questi e il pastore evangelista carismatico casertano, Giovanni Traettino. Il primo incontro fra i due risale al 2006, a Buenos Aires, in occasione di un incontro di preghiera fra l’allora cardinale Bergoglio e i pastori evangelici della capitale argentina.

I CONTATTI – Con quei «colleghi» sudamericani Traettino è poi rimasto in contatto. «Perché il cardinale ha sempre mostrato sensibilità verso il dialogo con noi, incoraggiando comuni riflessioni e sollecitando l’unità fra i cattolici». Papa Francesco, persona che dà del tu ai social network, ha postato nella serata di mercoledì queste parole: «Ci sono divisioni fra noi, ma anche divisioni fra le comunità: cristiani evangelici, cristiani ortodossi, cristiani cattolici. Ma perché divisi? Dobbiamo cercare di portare l’unità». Quindi il successore di Pietro sul soglio pontificio ha aggiunto: «Vi racconto una cosa: oggi, prima di uscire di casa, sono stato quaranta minuti con un Pastore evangelico e abbiamo pregato insieme e cercato l’unità. Ma dobbiamo pregare fra noi cattolici e anche con gli altri cristiani, pregare perché il Signore ci doni l’unità, l’unità fra noi. Buonanotte!».

L’ACCOGLIENZA – Quel pastore evangelico era Giovanni Traettino. Il Papa lo ha accolto nel suo alloggio di Santa Marta. C’è stato uno scambio di doni fra i due, alcune pubblicazioni. Quindi un momento di preghiera molto sentito prima di abbandonarsi ad alcune riflessioni sulla necessità di trovare l’unità tra i cristiani. «Un colloquio informale, molto fraterno» ha svelato ieri il pastore Traettino. «Mi sento anch’io fortemente impegnato in questo processo ma sono gli uomini, alla fine, a giocare un ruolo importante nel percorso di fratellanza autentica. L’auspicio — ha aggiunto il religioso casertano — è che anche momenti come questo giochino un ruolo nel processo di unità che tutti noi vogliamo». Settant’anni, il pastore Traettino fu ordinato nel 1968. A Caserta veglia su una comunità di centinaia di credenti che si riuniscono nella Chiesa evangelica della Riconciliazione di via Feudo San Martino.

Piero Rossano

21 giugno 2013

Fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/caserta/notizie/cronaca/2013/21-giugno-2013/traettino-pastore-che-prega-il-papa-2221779756612.shtml

Questa voce è stata pubblicata in Chiesa cattolica romana, Comportamenti disordinati, Cose strane, Ecumenismo, Giovanni Traettino, Jorge Mario Bergoglio - Francesco I, Massoneria, Nuovo Ordine Mondiale, Pastori o predicatori e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Il ‘pastore’ Giovanni Traettino prega con il suo fratello ‘papa’ Francesco

  1. Mario Prospero scrive:

    E’ tutto così pazzesco. Un pastore vestito da prete con il collare (immagino che il guinzaglio lo tengono i gesuiti…) che si fa ricevere da un papa magari chiamandolo “santità” o “santo padre”. Organi di stampa “evangelici” tipo buonanotizia.org che ne parlano appunto come di una “buona notizia”. Invece che portare frutti la chiesa di oggi è “alla frutta” (ovvero alla fine)!!!

  2. Federico Milani scrive:

    Trovo che il Pastore Traettino vada ammirato per quello che ha fatto; innanzitutto un Pastore di una chiesa cristiana che si chiama “Chiesa Cristiana della riconciliazione” non potrebbe agire diversamente; secondo, che un cattolico ed un evangelico preghino insieme non deve scandalizzare nessuno anzi, è un buon segno; questo non vuol dire che nella chiesa cattolica vada tutto bene così com’è ma, per ottenere cambiamenti, è meglio dialogare e amare piuttosto che condannare ergendosi a giudici. Ottimo Traettino!

    • giacintobutindaro scrive:

      Tu proprio i comandamenti di Dio li sprezzi e li rigetti. E non solo, arrivi a dire che quelli che violano i comandamenti di Dio vanno ammirati. Quindi si dovrebbero ammirare quelli che si dicono Cristiani e si mettono con gli idolatri? Vergognati, e ravvediti. Noi ammiriamo quelli che esortano i cattolici romani – compreso il tuo caro Francesco – a ravvedersi, convertirsi e a credere nel Vangelo e a uscire dalla Chiesa Cattolica Romana. Questo ho da dirti, e farai bene a non commentare più su questo blog, vista la tua ribellione nei confronti di Dio.

  3. Federico Milani scrive:

    Gentile Giacinto, mi rincresce se il mio commento ti è dispiaciuto, ma non trovo nulla di male in ciò che il Pastore Traettino ha fatto, nè vedo, nel mio scritto, alcun elemento di ribellione al Signore, dal momento che il nostro Maestro Gesù ci ha insegnato primariamente ad amare. Ti saluto nella pace del Signore.

    • giacintobutindaro scrive:

      Sì Gesù ci ha insegnato ad amare, ma non ad amare il male e neppure ci ha insegnato a compiacere il nostro prossimo nel male. Mettersi a collaborare con i Cattolici Romani, per noi che siamo seguaci di Cristo significa mettersi con gli infedeli, in questo caso con persone che sono degli idolatri, e questo ci è vietato dalla Parola di Dio perchè è male agli occhi di Dio. Come può quindi ciò essere gradito al Figlio di Dio? Non può esserlo. Un seguace di Gesù Cristo dunque non può che essere contrario all’ecumenismo.

      • Riccardo scrive:

        Il male e´ confondere il male con una persona. Questo e´ il tuo errore, fratello Giacinto Butindaro. Il Signore Gesü non ha mai commesso il tuo errore. Ha frequentato prostitute e uomini di pessima reputazione, ha mangiato con loro e pregato con loro. Se il Signore avesse incontrato il Sommo Sacerdote del Tempio di Gerusalemme avrebbe fatto lo stesso. Ciö che tu scrivi: “mettersi con gli infedeli che sono idolatri e´ male” e´ esattamente l´opposto di ciö che ha fatto Gesü.

        • giacintobutindaro scrive:

          Il tuo commento è utile a capire quanto sono ignoranti e insensati taluni che si definiscono Cristiani. Ravvediti

        • Massimo scrive:

          @ Riccardo, attenzione perchè soffri di una gravissima forma di cecità! Gesù ha incontrato non uno, ma ben due sommi sacerdoti : Anna e Caiafa. Caiafa poi, fu quello che aveva consigliato ai Giudei di ucciderlo (Giovanni 18:12-14). Non credette affatto in Gesù (Matteo 26:57-66), anzi!
          Riccardo, forse non ricordi nemmeno le parole dure di condanna che Gesù ebbe a pronunciare nei confronti degli scribi e farisei che siedono sulla cattedra di Mosè (Matteo 23:1-36). Il papa non si presenta forse come il Vicario di Cristo (Vicario significa = colui che esercita l’autorità o una funzione in sostituzione o in rappresentanza di altra persona di grado superiore),
          ha stabilito il suo trono a Roma, in Vaticano?
          Chi sarebbe secondo te “la grande Prostituta che siede su molte acque descritta in Apocalisse 17:1-18 e 18:1-24. Chi sarebbe “Babilonia, la grande, la Madre delle prostitute e delle abominazioni della terra… e che siede sui sette monti (Apocalisse 17:5-9). Rifletti!
          Traettino la corteggia da anni, addirittura le fa dei doni auspicando di commettere “adulterio” (Unità) con questa grande Prostituta! Nel suo cuore l’ha già fatto e molte volte! Ma che razza di pastore è? E su chi s’illude di vegliare costui? E’ un cieco e guida di ciechi altrochè! Ravvediti!
          Te lo dico con lo stesso sentimento di pietà, che amore per la Verità di Dio, che avrebbe usato lo stesso Gesù, come pure tutti i suoi apostoli, Giacinto compreso!

  4. fabio scrive:

    Pace Riccardo,
    Ciò che scrivi è vero in parte perché è vero che Gesù andò a mangiare a casa degli esattori delle tasse e via dicendo ma una volta li non diceva loro “continuate a vivere così” ma vi era sempre un richiamo di ravvedimento come si legge in Marco 1:14-15 Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; CONVERTITEVI e credete al vangelo

    E leggiamo in Luca 2:29-34 «Ora, Signore, lascia che il tuo servo muoia in pace secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza che TU hai preparato davanti a tutti i popoli; LUCE per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele». E Giuseppe e la madre del bambino si meravigliavano delle cose che si dicevano di lui. Poi Simeone li benedisse e disse a Maria sua madre: «Ecco, costui è posto per la caduta e per l’innalzamento di molti in Israele e per ESSERE SEGNO DI CONTRADDIZIONE
    Quindi costoro vengono invitati perché non divengono segno di contraddizione al contrario dei veri servi che come Giovanni il Battista fu messo in prigione perché non si fece mettere la museruola ma disse al re Erode che non gli era lecito prendere la moglie di suo fratello.

    Pace ai santi

    • giacintobutindaro scrive:

      Fabio, due correzioni: primo c’è scritto ravvedetevi e non convertitevi (Marco 1:15); secondo, il Battista diceva a Erode che non gli era lecito tenersi la moglie di suo fratello perchè se la era già presa, infatti è scritto: Giovanni infatti gli diceva: E’ non t’è lecito di tener la moglie di tuo fratello!” (Marco 6:18). Pace a te

  5. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    Grazie per la correzione perché mio è stato l’errore poiché non ho riportato le parole che si leggono nella Scrittura ma le ho riportate come le ricordavo e vedo questa precisazione come un invito a rimanere saldo nella scrittura poiché come Essa dice in Apocalisse 22:18-21 Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell’albero della vita e della città santa, descritti in questo libro.
    Colui che attesta queste cose dice: «Sì, verrò presto!». Amen. Vieni, Signore Gesù. La grazia del Signore Gesù sia con tutti voi. Amen!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.