L’eretico e fornicatore Martin Luther King

luther-king

Per i massoni ‘evangelici’, Martin Luther King, pastore protestante e attivista statunitense, fu UN GRANDE UOMO da prendere ad esempio per le sue lotte sociali a favore delle persone di colore, già un esempio perchè lui proclamava il cosiddetto vangelo sociale (che è un falso vangelo) appoggiato dai massoni che proclama l’emancipazione sociale dei disagiati, emarginati e discriminati; vangelo sociale che è penetrato in quasi tutte le denominazioni evangeliche. Martin Luther King invece agli occhi di Dio era UN ERETICO in quanto rigettava l’inerranza della Bibbia, il peccato originale, la nascita verginale di Gesù Cristo, la sua divinità, la sua capacità di compiere miracoli, la sua morte espiatoria quale offerta del prezzo di riscatto per tutti, e il suo ritorno fisico, come rigettava anche l’inferno e il paradiso! Ed era non solo UN ERETICO, ma anche UN FORNICATORE infatti lui durante il giorno parlava a grandi folle, citando la Scrittura e invocando la volontà di Dio, e di notte egli aveva frequentemente rapporti sessuali con donne del suo uditorio. La sua abitudine di avere avventure extra-coniugali era ben nota. Uno dei suoi ammiratori, Michael Eric Dyson, ha detto che King raccontava spesso ‘barzellette oscene’, ‘condivideva donne con amici’, ed era ‘sessualmente sconsiderato’ (sexually reckless). Secondo Taylor Branch, il biografo di King, durante una lunga festa la notte del 6 e 7 Gennaio 1964, una microspia dell’FBI registrò la distinta voce di King che diceva: ‘Sto sc …. per Dio!’ La notte prima della sua morte, King tradì la moglie (Coretta Scott che aveva sposato nel 1953) andando con alcune donne. Questa informazione è stata data da Ralph Abernathy (nel suo libro And The Walls Came Tumbling Down), il suo miglior amico, che era con King in quella notte. King giustificava le sue infedeltà coniugali in questa maniera: ‘Io sto lontano da casa dai 25 ai 27 giorni ogni mese. S … è una forma di riduzione di ansietà’ (notizie tratte da: The Unknown Martin Luther King, Jr. a cura di Benjamin J. Ryan, American Renaissance, Gennaio 2009 – http://www.amren.com/news/2009/01/the_unknown_mar/).

Non seguite dunque l’esempio di Martin Luther King, che era un nemico della croce di Cristo. Seguite invece l’esempio dell’apostolo Paolo che era un imitatore di Cristo.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Leggete ‘Chi era veramente Martin Luther King’

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Martin Luther King, Massoneria e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a L’eretico e fornicatore Martin Luther King

  1. Vince scrive:

    Si realizzano così, in questo caso, le parole dell’apostolo Paolo, per effetto della guida dello Spirito Santo: “… e quando dessi il mio corpo ad essere arso, se non ho carità, ciò niente mi giova”. La carità (o Amore di Dio) niente ha a che vedere con l’attivismo politico, sociale, ecc.! Perché… se l’uomo e Dio sono in perfetta comunione di pensiero e azione, allora lo Spirito di Gesù si esprime liberamente nella vita, senza programmi o agganci secolari: “Voi (il corpo di Cristo = Amore di Dio! n.d.r.) siete la luce del mondo e il sale della terra. Ma se viene posto un muro tra l’uomo e Dio (carne vs spirito), allora il risultato buono di un’azione va attribuito solo allo spirito (non al terreno), è frutto solo dell’azione di Dio, il Padre degli spiriti. Ogni cosa buona che si fa sulla terra è opera del Signore, fa parte della Sua Sostanza, che è Amore. Gesù disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, salvo uno solo, cioè Iddio”. Ancora: “A chi ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha”. Così l’uomo carnale spreca i suoi talenti nel materiale e passeggero ─ nel migliore dei casi ─ fino a perderli nel computo divino, e nel peggiore dei casi fino a perdere sé stesso…

    • giacintobutindaro scrive:

      Vince, Martin Luther King non era un Cristiano, ma solo uno dei tanti FINTI Cristiani che esistono. Le eresie che professava lo stanno a dimostrare.

  2. Vince scrive:

    Sì, Giacinto, sono d’accordo… il mio commento vuole andare in linea con quanto affermato nell’articolo. Mi spiego meglio: il mio commento vuole sfatare l’aureola di santità che tantissima gente attribuisce a Martin Luther King come il non plus ultra del martire cristiano, per il fatto di aver lottato contro il razzismo ed esserne stato assassinato. Oltretutto “premio Nobel per la pace”. In effetti c’è stato un lato assolutamente apprezzabile nella sua vita: cioè l’essere stato contro il razzismo! Ma occorre tenere presente che non riconoscendo la sovranità divina, in ossequio alla sua fede al falso vangelo sociale, e oltretutto, dedito ai piaceri della carne, non può vantarne merito alla luce della verità divina. Fu quello che fu come uomo, nel bene e nel male: un trascinatore di masse, un politico, ecc. ma non un credente del Vero Dio! Inoltre, in quel tempo, dietro la lotta al razzismo, che la fomentava e sosteneva, stava la massoneria… Non dimentichiamo poi che proprio l’alto grado massonico, il satanista Albert Pike fu il massimo fondatore del peggiore razzismo, cioè del Ku Klux Klan. Sì… la stessa massoneria che attribuisce i nobel!

  3. gioele Bianchi scrive:

    Bravi. Solo voi vantate meriti. Siete i più santi, i più buoni e i più giusti e quanto godete a condannare gli altri. Davanti a Cristo non ci sono meriti. Voi state seduti a giudicare mentre altri mettono in pratica il vangelo.

    • giacintobutindaro scrive:

      Gioele, anche tu quindi sei tra gli ‘avvocati del diavolo’ …. ma proprio di difendere la verità che è in Cristo Gesù non vi importa niente a voi!

  4. gioele Bianchi scrive:

    Mi limito a dire quanto é fuori luogo citare Corinzi 13 come fa Vince. Per dire cosa? Che M. L King non aveva carità? Uno che amava in questo modo i propri nemici? Siete troppo arroganti. Lasciate giudicare a Dio. L’evangelo è prima di tutto Grazia e il giudizio spetta a Dio.

  5. Marco scrive:

    https://amp.tgcom24.mediaset.it/articolo/746/3104746.html

    Avevi ragione in tempi non sospetti Giacinto.
    Dio benedica i santi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.