Il Signore Iddio castiga ancora oggi

Dio-castiga-ancora-oggi

Certo che coloro che credono che Dio oggi non castiga nessuno sono proprio ignoranti e insensati. Ignoranti perchè non conoscono le Scritture, e insensati perchè così dicendo presentano un Dio che è mutato.
Il profeta ha fatto questa domanda: “Una sciagura piomba ella sopra una città, senza che l’Eterno ne sia l’autore?” (Amos 3:6), la cui risposta è implicita nella domanda. E il Salmista afferma: “Egli, l’Eterno, è l’Iddio nostro; i suoi giudizi s’esercitano su tutta la terra” (Salmo 105:7). Eppure per tanti che si dicono Cristiani quello che dicono i profeti non ha alcun valore, ma non solo quello che hanno detto i profeti, ma anche quello che ha detto il Figlio di Dio. Gesù, il Figlio di Dio, infatti ha detto all’angelo della Chiesa di Laodicea: “Tutti quelli che amo, io li riprendo e li castigo” (Apocalisse 3:19), e il Figlio fa quello che vede fare al Padre, secondo che ha detto Gesù: “In verità, in verità io vi dico che il Figliuolo non può da se stesso far cosa alcuna, se non la vede fare dal Padre; perché le cose che il Padre fa, anche il Figlio le fa similmente” (Giovanni 5:19). E difatti Gesù castigò quella donna Jezabel, che insegnava eresie e commetteva fornicazione con dei servi del Signore, secondo che disse all’angelo della Chiesa di Tiatiri: “ho questo contro a te: che tu tolleri quella donna Jezabel, che si dice profetessa e insegna e seduce i miei servitori perché commettano fornicazione e mangino cose sacrificate agl’idoli. E io le ho dato tempo per ravvedersi, ed ella non vuol ravvedersi della sua fornicazione. Ecco, io getto lei sopra un letto di dolore, e quelli che commettono adulterio con lei in una gran tribolazione, se non si ravvedono delle opere d’essa. E metterò a morte i suoi figliuoli; e tutte le chiese conosceranno che io son colui che investigo le reni ed i cuori; e darò a ciascun di voi secondo le opere vostre” (Apocalisse 2:20-23).
Insensati e ignoranti, che siete stati sedotti dal serpente antico, ravvedetevi dunque. Non date ascolto alle ciance dei seduttori di menti che parlano da parte del diavolo, ma date ascolto alla Parola di Dio.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Esortazioni, Giudizi di Dio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il Signore Iddio castiga ancora oggi

  1. Marco scrive:

    Anche il coronavirus che ha colpito la Cina è uno dei castighi dell’Eterno.
    Tra l’altro trattasi di un virus nuovo, rispetto ai vecchi flagelli che già hanno colpito l’umanità, quando Iddio voleva castigare: peste, vaiolo, tifo, colera…
    questo è un nuovo tipo di virus, e i medici non hanno ancora una cura, mentre per le malattie che ho elencato sopra, la cura venne trovata verso l’Ottocento (la peste nel Medioevo provocò un’ecatombe, la popolazione europea venne quasi spazzata via del tutto)

    Il savio rifletterà anche pensando al coronavirus che ha colpito la Cina, oltre a quanto rivelò il profeta Amos, per nostro ammaestramento.

    Comunque, anche la vicenda dell’epidemia in Cina dimostra che i castighi dell’Eterno non sono “cessati” come sostengono cessazionisti, massoni e finti cristiani buonisti che pensano a Dio come ad un “babbo natale”, anzi magari lo chiamano anche “babbino” o “papà”!

    L’Eterno li esercita ancora, i suoi castighi. Per l’ira di Dio trema la terra.
    E – checchè ne dicano i massoni e i soliti lupi travestiti da pecore con le loro menzogne del tipo “Dio è amore e non castiga più nessuno!” o “Il Dio dell’Antico Testamento non era il vero Dio”, e menzogne del genere, noi ancora crediamo a tutto quanto è scritto nella Scrittura per nostro ammaestramento, infatti è scritto “La mia carne rabbrividisce per lo spavento di te, e io temo i tuoi giudizî” (Salmo 119:120) e anche
    “Quando i tuoi giudizi si compiono sulla terra, gli abitanti del mondo imparano la giustizia. Se si fa grazia all’empio, ei non impara la giustizia; agisce da perverso nel paese della rettitudine, e non considera la maestà dell’Eterno” (Isaia 26:9-10).

    e questo noi sentiamo e ancora affermiamo. Quanto altro si potrebbe scrivere sui castighi di Dio! Dio è colui che castiga le nazioni e la Scrittura non può essere annullata: sia Dio riconosciuto verace ma coloro che credono e insegnano che Dio non castiga, siano riconosciuti bugiardi.

    Pace.

    • Luca P. scrive:

      pace Marco.
      Solo una precisazione, per non essere accusati di ignoranza: peste, tifo e colera sono malattie causate da infezioni batteriche e quindi curabili con gli antibiotici.
      I virus invece non hanno una cura certa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.