Sulla menzogna secondo cui Gesù era sposato

SE QUESTO PAPIRO FOSSE AUTENTICO – come asseriscono diversi ricercatori – esso confermerebbe che la menzogna secondo cui Gesù era sposato è antica. Vi ricordo infatti che ai giorni nostri i Mormoni (che sono degli eretici seguaci del falso profeta Joseph Smith Jr nato nel 1805 e morto nel 1844) affermano che Gesù era sposato. Il mormone Orson Hyde, uno dei membri del primo consiglio dei «Dodici apostoli», ha affermato infatti: ‘Una volta ci fu un matrimonio a Cana di Galilea; (…) la persona che si sposò in quell’occasione era niente meno che Gesù Cristo…’ (Journal of Discourses, vol. IV, pag. 259), ed ancora: ‘Scopro che alcuni giornali orientali mi descrivono come un blasfemo perché dissi, nella mia relazione sul matrimonio (…) che Gesù Cristo si sposò a Cana di Galilea, che Maria, Marta ed altre furono sue mogli, e che egli generò dei figli …’ (ibid., vol. II, pag. 210). Chi ha orecchi da udire, oda. Giacinto Butindaro

———————-

gesu-papiro-moglie
Le foto sono tratte da: http://www.repubblica.it/scienze/2014/04/11/foto/vangelo_moglie_ges_test_provano_che_non_falso_moderno-83300440/1/#1

Il Vangelo della moglie di Gesù è autentico – Il papiro in cui si parla di una fantomatica moglie di Gesù risale al sesto-ottavo secolo d.C., un periodo in cui le prime sette cristiane dibattevano sull’opportunità del matrimonio e della famiglia

Ci sono voluti due anni di test, ma ora i ricercatori sembrano sicuri: il vangelo della moglie di Gesù (Gospel of Jesus’s Wife) è autentico. Il piccolo papiro, appena 4×9 centimetri, deve il suo nome a una frase alquanto inaspettata, scritta in lingua copta: “E Gesù disse loro, mia moglie…”. Ad annunciarne l’esistenza al mondo nel 2012 fu Karen King, una ricercatrice della Harvard Divinity School, durante il decimo Congresso internazionale di studi copti che si teneva quell’anno a Roma. Stando ai risultati delle nuove analisi presentati sull’Harvard Theological Review, il reperto, che rappresenta il primo scritto antico mai ritrovato in cui si faccia riferimento ad un possibile matrimonio di Gesù, sarebbe stato vergato tra il sesto e il nono secolo dopo Cristo. Il testo però potrebbe essere stato composto anche prima, tra il secondo e quarto secolo d.C.
Nonostante la frase riportata sul papiro, è la stessa autrice della scoperta a spiegare che il Vangelo della moglie di Gesù non rappresenta in alcun modo un indizio sul possibile stato civile del Gesù storico. “Il tema principale del frammento è l’affermazione del fatto che le donne, madri e mogli, possono essere discepole di Gesù”, ricorda King. “L’argomento era molto discusso agli inizi del cristianesimo, un periodo in cui verginità e celibato guadagnavano una considerazione sempre maggiore”.
Intorno al secondo secolo d.C. Infatti, sembra che fosse un tema caldo all’interno della comunità cristiana: meglio rimanere celibi e vergini, o sposarsi e avere figli? Il frammento sarebbe quindi una stesura successiva (datata sesto-ottavo secolo d.C.) di un testo pensato in origine proprio per dimostrare l’opportunità del matrimonio, mostrando ai credenti che anche Gesù era sposato.
King ha ricevuto il manufatto nel 2011 dal proprietario (un collezionista che è voluto rimanere anonimo), e ha quindi chiesto l’aiuto di moltissimi esperti per valutarne l’autenticità. Negli ultimi due anni il papiro è stato sottoposto alla datazione con carbonio-14 ad Harvard, ed esaminato con tecniche micro-spettroscopiche da un team dell’Mit, dimostrando di risalire ad un periodo compreso tra il 659 e i l’859 d.C.
Un’altra impressionante batteria di test, effettuati da specialisti della Columbia, Macquarie e New York University, ha analizzato invece l’inchiostro, la calligrafia dell’autore, la grammatica e la lingua usate, arrivando anche qui alla conclusione che il frammento è assolutamente autentico.
Non si tratterà quindi della dimostrazione che il figlio di Dio era sposato, ma il Vangelo della Moglie di Gesù rimane comunque un reperto di enorme importanza storica. “Questo frammento di Vangelo ci da motivo di riconsiderare molto di quello che credevamo di sapere, puntando il dito sul ruolo giocato da un ipotetica moglie di Gesù nelle controversie su matrimonio, celibato e famiglia all’interno del primo cristianesimo”, conclude King.

Fonte: http://www.wired.it/play/cultura/2014/04/11/vangelo-moglie-gesu-autentico/

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Gesù Cristo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Sulla menzogna secondo cui Gesù era sposato

  1. luciano scrive:

    pace a tutti i Santi, questi son solo dei calunniatori, dei rapaci, oltraggiatori , bugiardi, menzonieri, scellerati, ingiuriosi che credono di beffarsi di DIO. poveri illusi, puntate il dito su una ipotetica moglie mostrando che GESU’ era sposato, ma veramente i credenti credono a questa falsita’?, ma quali credenti? i tiepidi! io so in chi ho creduto, e invito tutti flli e slle a difendere il sacro vangelo della nostra salvazione, e di non cadere preda del diavolo!!!!. pace

  2. massimo scrive:

    Giacinto, Luciano e fratelli tutti, pace. In 2° Timoteo 3:1 leggiamo :” Or sappi questo: negli ultimi giorni verranno tempi difficili…”. Se è scritto, così deve essere! Ma chissà perchè mai tutti questi venti di novità….e perchè solo nel 2012 si viene a sapere dell’esistenza di questo papiro, e da chi poi?…da una ricercatrice? Alcuni diranno: “Ma cosa c’entra, è stato solo un caso che sia capitato alla sig.ra Karen King!” Ma io dico : “Ah sì..ma guarda un pò….che caso!” Perdonatemi fratelli, questa mia personale diffidenza, solo mia ovviamente!!
    Prepariamoci pertanto a cose ben peggiori….e che del resto sono già scritte! Per quel che mi riguarda io continuerò ad ascoltare la voce del mio Buon Pastore e andrò dove Lui vorrà condurmi! E’ scritto :”….perchè sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno grandi segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti” (Ebrei 13:24).
    “Questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra FEDE. Chi è che vince il mondo, se non colui che crede che Gesù è il Figlio di Dio” (1° Giovanni 5:4).
    Come biasimo amaramente quel mormone Orson Hyde (apostolo di chi?), citato da te Giacinto. Che ne avrà fatto del Vangelo della Grazia, questo membro del 1° consiglio apostolico? Non credo di sbagliarmi, se affermo che se è andato a braccetto con Giuda a presentarsi dai capi dei sacerdoti ed anziani e ha venduto per 30 sicli d’argento il nostro Signore Gesù Cristo! VERGOGNA!!…a questi operatori d’iniquità, collaboratori instancabili nell’opera del padre della menzogna! Guai a tutta questa accozzaglia di gente raccogliticcia che non sa nè da dove viene, nè dove va! Dio li ha abbandonati!
    Pace a te Giacinto e ai santi tutti!

  3. Lorenzo scrive:

    il papiro sarà anche “autentico”… ma è stato scritto MOLTO dopo i vangeli!

    Inoltre anche un bambino capirebbe che tutto questo è ridicolo: basta un frammento incerto per affermare una falsità (e cioè che Gesù era sposato) mentre non bastano (al’incredulo) migliaia di manoscritti che attestano la veridicità della Parola di Dio e che attestano che Gesù era il Cristo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.