L’invocazione dei santi è dal diavolo

devoto-statua-pio

La Chiesa Cattolica Romana insegna che i Cristiani si devono rivolgere in preghiera ai santi che sono in cielo (nella lista dei santi stilata dalla Chiesa papista però ce ne sono tanti che non sono in cielo perché erano dei peccatori che poi sono stati canonizzati santi dai papi) perché essi intercedono per loro presso Dio, infatti il concilio di Trento ha decretato quanto segue: ‘Il santo sinodo comanda a tutti i vescovi e a quelli che hanno l’ufficio e l’incarico di insegnare, che (…) prima di tutto istruiscano diligentemente i fedeli sull’intercessione dei santi, sulla loro invocazione (….) insegnando che i santi, regnando con Cristo, offrono a Dio le loro orazioni per gli uomini; che è cosa buona ed utile invocarli supplichevolmente e ricorrere alle loro orazioni, alla loro potenza e al loro aiuto, per impetrare da Dio i benefici, per mezzo del suo figlio Gesù Cristo, nostro Signore…’ (Concilio di Trento, Sess. XXV). E questo è quello che fanno i preti infatti insegnano ai cattolici: ‘Preghiamoli di intercedere per noi’.
Questo è un insegnamento falso in quanto la Scrittura ci ordina di pregare Dio Padre, e lo dobbiamo fare questo nel nome di Gesù Cristo, ossia appoggiandoci sulla sua mediazione perché lui è il solo mediatore tra Dio e noi secondo che è scritto: “V’è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo..” (1 Timoteo 2:5), e: “Quel che chiederete nel mio nome, lo farò” (Giovanni 14:13), ed anche: “In verità, in verità vi dico che quel che chiederete al Padre, Egli ve lo darà nel nome mio. Fino ad ora non avete chiesto nulla nel nome mio: chiedete e riceverete, affinché la vostra allegrezza sia completa” (Giovanni 16:23,24), ed ancora: “…affinché tutto quel che chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve lo dia” (Giovanni 15:16). Quindi è contrario alla sana dottrina sia rivolgersi in preghiera ai santi che sono in cielo e sia pregare Dio appoggiandoci sulla loro mediazione.
Alla luce di ciò, è impossibile avere comunione con i Cattolici Romani, perché mentre noi ci rivolgiamo all’Iddio vivente e vero nel nome di Colui che morì, risuscitò e vive in eterno, essi si rivolgono ai morti, che la Scrittura dice non sanno nulla (Ecclesiaste 9:5) e quindi non possono né vederci e neppure ascoltarci, e perciò quello che i Cattolici Romani fanno è peccato. Ma oltre a questo peccato ne commettono un altro che è quello di prostrarsi davanti alle statue e alle immagini che rappresentano questi uomini e queste donne che loro invocano e di servirle, perché Dio dice: “Non ti fare scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù ne’ cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra; non ti prostrare dinanzi a tali cose e non servir loro, perché io, l’Eterno, l’Iddio tuo, sono un Dio geloso che punisco l’iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso benignità, fino alla millesima generazione, verso quelli che m’amano e osservano i miei comandamenti” (Esodo 20:4-6).
Peraltro i Cattolici Romani definendo i santi che sono in cielo dei potenti ed efficaci intercessori in realtà sminuiscono e fanno passare per irrilevante la mediazione che Gesù Cristo compie alla destra del Padre in favore dei suoi discepoli sulla terra.
I Cattolici Romani sono quindi degli idolatri, che camminano nelle tenebre. E noi abbiamo il dovere non solo di riprovare il loro culto ai santi, ma anche quello di ammonirli e di esortarli a ravvedersi e convertirsi e credere nel Signore Gesù Cristo, affinché siano salvati ed escano dal mezzo della Chiesa Cattolica Romana che con le sue eresie di perdizione mena le anime nelle fiamme dell’inferno.
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Chiesa cattolica romana, Confutazioni, Esortazioni, idolatria and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

11 Responses to L’invocazione dei santi è dal diavolo

  1. Aldo Prendi says:

    Continua così fratello.
    A Dio sia la gloria perché la sua Parola si diffonde, e “corre velocissima” (Salmo 147:15)

  2. Matteo says:

    Caro fratello Giacinto,

    La chiesa cattolica non pretende la venerazione dei santi. Nella chiesa cattolica si parla di intercessione, il che è ben diverso. Sarebbe errato venerare i santi come dei. Si tornerebbe al politeismo. Noi cattolici ci rivolgiamo ai santi, così come alla nostra dolcissima madre Maria, poiché essi hanno già affrontato le insidie del mondo, e ora sono nella gloria di Cristo. Essi possono intercedere per noi, pregare con noi e per noi e vegliare su di noi. Per quanto riguarda poi la figura della vergine, Gesù sulla croce disse:” donna, ecco tuo figlio; Figlio, ecco tua madre”. Maria è la nuova Eva, colei che è stato grembo per Cristo ed è stata strumento di Dio per la nostra salvezza. Proprio per questo ci rivolgiamo a lei come madre, che può intercedere per noi presso Dio. Il demonio disse durante un esorcismo che quando Maria prega per noi, il suo divin figlio Gesù accorre immediatamente in nostro aiuto.

    Che Dio ti benedica, un abbraccio

    Matteo

    • giacintobutindaro says:

      Non sono tuo fratello, perchè io sono un figliuolo di Dio mentre tu sei un figliuolo d’ira. Ravvediti dunque e credi nel Vangelo di Cristo.

  3. mirko says:

    Maria con tutti i “santi” sono persone morte e non possono comunicare con noi. Fra l’altro invocare i morti e’ un gravissimo peccato. L’unico intercessore e’ Cristo Gesu’, l’unico che e’ andata in Croce per noi. Matteo scruta le scritture non quello che ti dice Il cattolicesimo.

    • Matteo says:

      Caro Mirko, sono ben consapevole che la necromanzia e le pratiche di dialogo con i morti sono pratiche abominevoli agli occhi di Dio. Diffatti non ho mai detto che dialogano con noi. Ho detto che possono pregare per noi e intercedere. È ben diverso. Per quanto riguarda le apparizioni il Signore può scegliere qualcuno a cui comunicare un messaggio, come per esempio i profeti del popolo ebraico, o gli stessi San Paolo e San Giovanni ( con Giovanni mi riferisco al libro dell’Apocalisse).

      Che Dio ti benedica, con affetto

      • Matteo says:

        Chiedo scusa per aver ripetuto la parola pratiche

      • Lorenzo says:

        Matteo… Stai paragonando la visione di Gesu a Giovanni, che rientra nel canone biblico, con presunte ‘rivelazioni’ di ‘santi’ cattolici…

        Ma non vedi che tutti questi ‘santi’, nei loro racconti, parlano di tremende torture fisiche e spirituali, al quale erano costretti a subire da queste ‘apparizioni’?Ma secondo te, può essere cosi crudele Dio, da rendergli la vita un inferno??

        Sveglia Matteo!!

  4. mirko says:

    Come fanno ad intercedere per Te se non possono sentirti? E poi non ti basta Gesu’ o non e’ sufficiente per Te? Poi come Mai dovete correre a destra a sinistra per vari santuari per ricevere qualche “Grazia” ? Matteo non CI nascondiamo dietro le parole e affidiamoci solo alle Sacre Scritture

  5. mirko says:

    Poi puo’ satana nemico delle nostre anime, mentre lo scacci, dirti come scacciarlo piu’ velocemente?? Non ti sembra invece un’inganno? Sappi che solo Il nome di Gesu’ puo’ liberare un’anima dal nemico e non Maria,oramai morta come tutte le altre persone della terra.

  6. mirko says:

    Per quanto riguarda eventuali messaggi, Dio ha I suoi ministri (viventi) che sono suoi mezzi, non per altro ha lasciato 5 ministeri, in questo caso in particolare Il profeta. Poi CI sono anche sogni, visioni ma sempre conformi alla Sacra Scrittura e sicuramente non manda altri morti come Maria ecc.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *