Il ricco e Lazzaro

Lazzaro era un pover’uomo che giaceva alla porta di un uomo ricco che vestiva porpora e bisso ed ogni giorno godeva splendidamente; quel povero era pieno d’ulceri, e bramoso di sfamarsi con le briciole che cadevano dalla tavola del ricco; anzi perfino venivano i cani a leccargli le ulceri. Ma quando morì fu portato dagli angeli in un luogo di riposo (il seno d’Abramo, dove andavano i giusti sotto l’Antico Patto), mentre il ricco quando morì se ne andò in un luogo di tormento, ossia nell’Ades, in mezzo al fuoco (cfr. Luca 16:19-31); dove vanno i peccatori quando muoiono. La sorte dei peccatori quindi, quando muoiono, è totalmente diversa da quella dei giusti. Perché i peccatori sono tormentati nell’Ades, mentre i giusti si riposano e sono consolati (nel regno celeste sotto il Nuovo Patto).
Perciò voi che siete senza Dio, morti nei vostri falli, ravvedetevi e credete nel Vangelo di Cristo, affinché otteniate la giustificazione che dà vita e la vita eterna. Altrimenti, quando morirete andrete dov’è quel ricco, ossia in mezzo al fuoco dell’Ades.

Ascolta la mia predicazione audio

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in evangelizzazione, Messaggi per i peccatori e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.