La «tassa adiana» annuale che deve pagare ogni Chiesa ADI

Mi rivolgo ai membri delle Assemblee di Dio in Italia. Lo sapevate che esiste una «tassa adiana» per ogni Chiesa che appartiene alle ADI? Esiste dal 2012 quando in sede di Convegno Pastorale fu deliberato «l’invio di un contributo annuale al Fondo Amministrazione ADI per la/e comunità» in cura di ogni pastore, «proporzionato al numero dei membri»!

Ecco qui di seguito la tabella di riferimento, proporzionale al numero dei membri.

tabella-adi-fondo

(Fonte: da una lettera spedita nel 2014 dalle ADI – firmata dal presidente e dal tesoriere delle ADI – ad un pastore ADI avente come oggetto ‘Contribuzione – Fondo Amministrazione anno 2014’)

Abbiamo fatto un calcolo in base ai dati di questa tabella che risale all’anno in corso (2014), e il totale dei soldi che entra nelle casse di questo Fondo ammonta a € 207.860!!! E non dimenticatevi i soldi che le ADI prendono ogni anno con l’8 per mille, che è un finanziamento indiretto che le ADI ricevono dallo Stato, e che secondo la ripartizione del 2014 ammontano a € 1.457.185,54 (http://www.repubblica.it/economia/2014/11/28/news/corte_dei_conti_otto_per_mille-101616512/?ref=HREC1-9)!!!

adi-8-per-mille-2014

A tutto ciò aggiungete la decima del proprio stipendio o della propria pensione che ogni membro ADI deve dare, e poi tutte le offerte che gli vengono chieste con il cestino delle offerte durante i culti, i convegni, eccetera, e viene fuori veramente un quadro molto inquietante.

La Parola di Dio afferma: “Or io v’esorto, fratelli, tenete d’occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l’insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro. Poiché quei tali non servono al nostro Signor Gesù Cristo, ma al proprio ventre; e con dolce e lusinghiero parlare seducono il cuore de’ semplici” (Romani 16:17-18)

Perciò uscite e separatevi dalle ADI.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Comportamenti disordinati e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a La «tassa adiana» annuale che deve pagare ogni Chiesa ADI

  1. Adriano scrive:

    Pace Giacinto e a tutti i santi!
    Non mi meraviglio più … ancora c’è gente che REGALA i soldi a questi EMPI??? Ebbene sì… e sempre ci sarà, fino alla fine del mondo! Perchè non tutti che frequentano la casa di Dio sono figli. Io credo che chi dà i soldi a queste persone è perchè si compiace di vedere sui pulpiti gente in giacca e cravatta!

    Eppure Gesù è stato sempre molto chiaro Matteo 11):
    7 Ora, come essi se ne andavano, Gesù prese a dire alle folle intorno a Giovanni: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? 8 Ma che cosa siete andati a vedere? Un uomo avvolto in morbide vesti? Ecco, coloro che portano vesti morbide abitano nei palazzi dei re.

    Ed anche gli apostoli non erano da meno (Giacomo 2)
    1 Fratelli miei, non associate favoritismi personali alla fede del nostro Signore Gesù Cristo, il Signore della gloria. 2 Se nella vostra assemblea, infatti, entra un uomo con un anello d’oro, vestito splendidamente, ed entra anche un povero con un vestito sporco, 3 e voi avete un particolare riguardo a colui che porta la veste splendida e gli dite: «Tu siediti qui in un bel posto», e al povero dite: «Tu stattene là in piedi», oppure: «Siediti qui vicino al mio sgabello», 4 non avete fatto una discriminazione fra voi stessi, divenendo così giudici dai ragionamenti malvagi? 5 Ascoltate, fratelli miei carissimi, non ha Dio scelto i poveri del mondo, perché siano ricchi in fede ed eredi del regno, che egli ha promesso a coloro che lo amano? 6 Ma voi avete disonorato il povero! Non sono forse i ricchi quelli che vi tiranneggiano? Non sono essi quelli che vi trascinano davanti ai tribunali? 7 Non sono essi quelli che bestemmiano il glorioso nome che è stato invocato su di voi? 8 Se veramente adempite la legge regale secondo la Scrittura: «Ama il tuo prossimo come te stesso», fate bene; 9 ma se usate favoritismi personali, commettete peccato e siete condannati dalla legge come trasgressori.

    Invece a molti “cristiani” piace vedere ed ostentare la ricchezza… macchine lussuose, anelli d’oro, bei vestiti… piuttosto che avere una coscienza pura davanti a Dio.
    E quindi si meritano di pagare la decima, le offerte e di rimanere anche in mezzo ad una strada per aver dato i propri beni alle sanguisughe in giacca e cravatta. Se dessero il proprio cuore a Dio questo non gli succederebbe!
    Un cosa (i pastori fraudolenti) non esisterebbe senza l’altra (i “cristiani” che seguono il mondo).

    Dio benedica i santi.

  2. Adriano scrive:

    Per casa di Dio non intendo il “locale di culto” ma parlavo in senso figurato.

  3. franco scrive:

    L’informazione è vera in parte, almeno stando a quanto mi è stato riferito da un membro dell’associazione.
    Nei fatti, la quota associativa che ogni chiesa locale adi è tenuta a pagare non è annuale ma mensile, e viene chiamata in alcune chiese “offerta pro campi nuovi” in altre “offerta pro missioni”, in altre chiese adi, con altre fantasie. Nei fatti, da quanto mi viene riferito, la somma raccolta non è destinata esclusivamente a missioni o campi nuovi, ma viene incamerata dalla cassa nazionale delle adi che poi ne dispone secondo le indicazioni degli amministratori (spese istituzionali, spese legali, ecc. ecc. ndr)

    La raccolta avviene regolarmente, durante una delle riunioni domenicali, con cadenza mensile. Sembra che se non si raggiunga la cifra minima il “pastore” rimbrotta l’auditorio per il mancato realizzo della somma minima, che nel caso, viene raggiunta attingendo il rimanente dalla cassa della chiesa. Più che di offerta libera si tratterebbe di reale quota associativa minima, che ogni chiesa locale deve pagare per poter restare come parte della denominazione.

    • giacintobutindaro scrive:

      Franco, ma da chi ti sei informato? E’ un pastore ADI? Ti posso assicurare che io sono in possesso della lettera su cui c’è la tabella che ho pubblicato, e di quello che dici tu non c’è l’ombra. La cosa risale a due anni fa. Io ti posso dire invece che ho parlato con un ex pastore ADI che mi ha confermato che ai suoi tempi non era stabilita nessuna quota per chiesa per quel fondo, ma solo una offerta libera. E ti posso dire che so di pastori adi che confermano che questa tassa annuale risale a due anni fa. La ragione è perchè nelle ADI è in atto un tracollo di entrate (decime e offerte sono calate tantissmo) Informati meglio. La notizia che ho dato è sicura. La quota è ANNUALE, E NON MENSILE COME DICI TU. Perchè non vai dal pastore della tua chiesa e gli dici di farti vedere la lettera che gli hanno mandato questa estate, con questa richiesta? Aspetto che tu lo faccia, e poi vieni e facci sapere. Insisto su questo, vai dal pastore e digli di esibire davanti a tutta la Chiesa la lettera dove si parla di questa quota annuale obbligatoria da dare in proporzione ai membri di Chiesa, come esposta nella lettera. Poi, ripeto, ne riparliamo. Ma non venire qui a creare confusione, come è solito fare da parte delle ADI. Se poi vuoi farti ingannare dalle ADI, peggio per te.

  4. Roberto scrive:

    Io faccio parte delle ADI, sono venuto a conoscenza di questa “tassa” non direttamente dal mio pastore. Ai fedeli non è stato spiegato che esiste questa tassa, la maggior parte la ignora. Sono assolutamente contrario a questa iniziativa e da quando ne sono venuto a conoscenza ho destinato altrove le mie offerte. Per onore del vero devo solo fare una precisazione, nella mia chiesa e in molte altre che conosco non si richiede la decima e non c’è alcun obbligo di versarla, io posso testimoniare che non l’ho mai fatto.

  5. massimo scrive:

    Roberto pace. Ho letto ora il tuo commento e personalmente apprezzo la sincerità per quello che hai scritto. Tuttavia, dal momento che sei entrato nel blog di Giacinto, ti inviterei a leggere con attenzione e prestare orecchio il più possibile a tutto quello che Giacinto ha più volte detto e scritto su ogni verità contenuta nella Parola di Dio, esaminandola ad una ad una!
    Sono certo che scoprirai molte cose che magari tu, come tanti altri, non sapevano e tuttora non sanno, come anch’io del resto non sapevo! Le distorsioni, le contraddizioni in seno alle ADI sono moltissime e qui avrai modo di scoprirle! Non sapevi di questa tassa adiana? Neppure io! Sei venuto a saperlo da altri non dal pastore? anch’io! Conosci lo Statuto (Regolamento interno) delle ADI nel suo contenuto, in tutti i suoi articoli? L’ha mai letto o chiesto al tuo pastore di dartene una copia? Neanche io l’avevo mai letto e perchè? Perchè mi fidavo! Se ritieni di avere davvero la mente di Cristo, leggi attentamente questo documento e poi prova anche solo per un momento ad immaginare che ne pensa il nostro Signore Gesù Cristo di questo! C’è scritto qualcosa del genere nel vangelo della Grazia, c’è un qualcosa di scritturale?
    Sappi Roberto che se tu non dai la decima per il tuo pastore, sei mancante agli occhi di Dio, sì “sei un ladro”, perchè stai derubando Dio! Anch’io sono stato per molti anni nelle ADI e loro sostengono caparbiamente quanto è scritto, per esempio, in Malachia 3:7-10. Sì, sì! Loro conservano un registro nominativo di chi da la decima! E chi è preposto a tenere questo registro sa benissimo se tu la dai o meno! E così facendo non sei considerato un buon cristiano ed affatto un buon membro di chiesa! Non te lo dicono in faccia, ma per loro sei un ladro! Il mio pastore un giorno mi disse al riguardo: ” Chi manca in uno dei comandamenti e come se mancasse in tutti!”. Hai ben inteso Roberto? Sostanzialmente mi ha voluto dire che per lui, ero alla stessa stregua di un adultero e di un ladro, un avaro! Informati bene con quelli che contano nella tua comunità (consiglieri…ad esempio).
    Roberto studiati di fare ogni cosa per amore del Signore, documentati altrettanto bene sulla vera origine storica delle ADI! Poi ci si può anche tornare sopra, ma esamina ogni cosa alla luce della Parola di Dio, e non quella di un Presidente di un Organizzazione religiosa o di altri illustri uomini! Sappi che se ti metterai in cuore di conoscere la Verità e di perseguirla, troverai ostacoli, verrai disprezzato, messo in disparte nella tua comunità..ma se fosse anche così…beh… rallegrati!…ciò significa che sei sulla strada giusta! Del resto chi vuol seguire Gesù sa bene che deve rinnegare se stesso prendere la sua croce e seguirlo! Tu l’hai fatto questo?
    Se esaminerai ogni cosa alla luce della parola di Dio, non difenderai più certe dottrine che sono il frutto transgenico di una organizzazione religiosa. Sì perchè nel tuo intervento è evidente la tua posizione di tiepidezza spirituale, o forse di diplomazia. Affermi infatti che pur sapendo di questa tassa non la condividi, la dai decima, però ci stai bene nelle ADI, ovvero prendi quello che più ti aggrada o è buono per te stesso, mentre quello che ritieni meno buono lo lasci! Non ti sembra di camminare col piede in due scarpe? Non sa di doppiezza questo comportamento, di tornacontismo? Se invece avrai a cuore veramente le vie di Dio, amerai la Verità e così vorrai scavare sempre di più per conoscere di più, e che lo Spirito Santo ti guidi ancor più in profondità negli insegnamenti del nostro amatissimo Signore Gesù Cristo! Se Lui ti renderà libero, allora sarai veramente libero! Ora come ora non credi di essere solo un discreto religioso? Se ti va bene così, allora non parliamone più!
    Ma col battesimo non hai forse scelto di essere un “soldato di Cristo”, essere arruolato nel suo esercito o mi sbaglio? Beh, sappi che da quel giorno la Parola di Dio è divenuta il tuo Codice Penale Militare di Guerra, o non te lo hanno mai detto? Tu sai che siamo in guerra? Da quando? Da sempre! O ti risulta che il nemico si sia preso un periodo di vacanza o una tregua? Tutti i giorni da qualche parte di questo mondo muoiono cristiani, o mi sbaglio? Sei pertanto chiamato a mettere in pratica gli articoli di quel C.P.M.G. ovvero la Volontà del tuo Capo, che è Gesù! Sei chiamato in difesa della Verità, a combattere strenuamente per la fede in Cristo Gesù e la Parola di Dio, o mi sto sbagliando? Magari pensi che se trasgredisci in qualche cosa va bene lo stesso, tanto : “Il Signore è buono, Dio è amore” come spesso dicono in quelle comunità : “il Signore odia il peccato ma non il peccatore…etc”. Ma un buon soldato è chiamato ad osservare, ad obbedire in tutto ciò che è scritto in quel codice penale, o mi sbaglio? Preferisci obbedire a Dio o agli uomini? Esamina ogni cosa e combatti da buon soldato in difesa della Verità! Pace a te, a Giacinto e ai santi.

  6. Franco scrive:

    Hai ragione Giacinto, anche se ci è voluto del tempo, ho fatto come mi hai suggerito, mi sono informato meglio. In effetti la tassa vera e propria, ha i meccanismi di esazione che hai illustrato tu. Ciò che invece dicevo io, altro non è che un’offerta mensile che viene destinata al fondo pro-missioni delle ADI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.