«A volte una foto può significare più di mille parole»

Nel mio libro ‘La Massoneria smascherata’, che ho pubblicato a dicembre dell’anno 2012, a pag. 505 ho messo una foto (presa da Pentecostal Evangel) di Umberto Gorietti, primo presidente delle ADI, ed altri esponenti delle Assemblee di Dio di allora, con dei massoni.
Il paragrafo in cui ho messo la foto si intitola ‘Umberto Gorietti e altri esponenti delle Assemblee di Dio in bella posa con i massoni: la prova visiva della collusione delle ADI con la Massoneria’.
In questa foto scattata negli USA nel 1948 e apparsa sull’organo ufficiale delle Assemblies of God USA The Pentecostal Evangel (7 Agosto 1948, pag. 11), potete vedere nel mezzo l’ambasciatore italiano negli USA Alberto Tarchiani (che era massone e a cui tempo prima Frank Gigliotti aveva fatto arrivare per conto delle ADI una memoria difensiva dei Pentecostali ed una sua lettera personale), e alla sua destra e sinistra i massoni Frank Gigliotti e Charles Fama, e vicino a quest’ultimo Umberto Gorietti allora presidente delle Assemblee di Dio in Italia (ADI). Ci sono anche Dominic Lisciandrelli (Dominick Lisciandrello) e Anthony Piraino, come anche Alexander Mauriello, importanti esponenti del ramo italiano delle Assemblee di Dio che era sorto nel Gennaio del 1948 a Syracuse (New York) e che operava in maniera simile ad un distretto all’interno delle Assemblee di Dio USA (cfr. Heritage, 2010, vol. 30, pag. 39-40). Ma di massoni in questa foto ce ne sono altri due che sono i ‘reverendi’ Angelo Di Domenica e Francis J. Panetta.
Questa che vedete qua è la foto originale (più nitida e chiara di quella che ho messo nel mio libro), che tempo dopo la pubblicazione del mio libro, fu messa su Facebook da quelli di Pentecostalismo ADI, che evidentemente hanno avuto accesso agli archivi delle ADI.

gorietti-con-massoni-foto-adi-storia-650x300

Alessandro Iovino, che è membro delle ADI, ha detto: «A volte una foto può significare più di mille parole». Quindi nelle stesse ADI viene riconosciuta la grande importanza che hanno certe foto, perché hanno un grande significato.
E questa foto infatti è una di quelle foto che dicono tanto, ma veramente tanto. E una delle cose che questa foto dice è che le ADI sin dall’inizio si sono alleate con i massoni, che fanno parte di una setta che adora e serve Satana, alleanza che peraltro dura fino a questo giorno. E questo messaggio lo hanno compreso tantissimi fino a questo giorno, grazie a Dio.
Questa è la ragione per cui esortiamo coloro che frequentano Chiese ADI ad uscire e separarsi dalle ADI.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, Assemblee di Dio USA, Massoneria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a «A volte una foto può significare più di mille parole»

  1. massimo scrive:

    Giacinto pace. Questo della foto, è davvero un bel quadretto di famiglia… allargata!
    Il massone Bent Parodi, studioso di esoterismo, le cui parole abbiamo potuto ascoltare in quel breve scorcio del Telegiornale Goi, ha ben evidenziato che questi “signori massoni” coesistono e lavorano in comunione d’intenti e in spirito di fratellanza, quali esponenti di fedi religiose verso le quali la Massoneria ha sempre avuto una grande apertura ed una grande tolleranza. FRATELLI di fede diverse che si ritrovano perfettamente e non soffrono di quella diversità che è tale soltanto al di fuori del tempio. Fratelli questi che credono nel G.A.D.U. e che nel suo nome lavorano e si impegnano sia nella vita di loggia che nella società. Ognuno di questi sarebbe una pietra grezza che poi verrebbe giorno dopo giorno levigata dal G.A.D.U. e quindi trasformata in pietra cubica : la “maestria” che ha come mira ed archetipo l’idea del G.A.D.U.”. Queste le sue testuali parole!

    Gorietti…Gorietti! Toppi…Toppi! Oramai loro non sono più tra noi… ma ora Giacinto che hai scoperchiata questa pentola, l’attuale presidente delle ADI : Felice Loria, che farà? Forse tanto….ma forse anche niente!
    Ciò che mi fa ancor più riflettere è che il massone Bent Parodi ha altresì affermato :
    ” l’idea del GADU è di matrice filosofica”, richiamando il filosofo Platone etc….
    E giusto giusto Felice Loria, ho letto in internet (quindi è notizia pubblica) è laureato in “Filosofia” all’Università di Perugia! Ummmm…. credo che per quanti frequentano ancora quelle chiese ahimè, sia giunto oramai il tempo di esaminare sul serio la loro posizione, perchè temo che gli insegnamenti impartiti in quei locali siano in forte odore di religiosa filosofia cristiana! Ma la VERITA’ del Vangelo è tutt’altra cosa!
    Pace.

  2. massimo scrive:

    Giacinto, vorrei aggiungere, mettendo così in guardia molti anche tra i semplicioni che lo stesso Alessandro Iovino, definendosi “storico ed amante della verità” nella sua intervista resa il 21 settembre 2015 : “In difesa del movimento pentecostale” (che si può tranquillamente ascoltare su You Tube dal minuto 5:25 al minuto 5:41) dichiara anche l’esatto opposto :
    “..PERCHE’ NON BASTA UNA FOTOGRAFIA PUBBLICA FATTA INSIEME A TANTE ALTRE PERSONE PER DIMOSTRARE L’APPARTENENZA MASSONICA DELLE ORGANIZZAZIONI PENTECOSTALI…”
    Quindi : Attenzione! Perchè IOVINO è doppio nel suo parlare!!
    Pace Giacinto e ai santi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.