Secondo Salvatore Cusumano, Dio dona la fede a tutti gli uomini

Salvatore Cusumano, «pastore» della Chiesa ADI che si raduna in Via dei Bruzi a Roma, durante questa sua predicazione (dal min. 15:24) ha affermato che “la fede in Cristo Gesù non è appannaggio di pochi eletti, non è il dono per alcuni, ma è il dono per tutti … è possibile ad ogni uomo credere …. la fede è un dono che Dio largisce a tutti gli uomini». Ascoltate da voi stessi queste sue parole.

Quanta ignoranza della Scrittura che c’è nelle ADI. E’ scritto infatti che “non tutti hanno la fede” (2 Tessalonicesi 3:2), e questo perché la fede è “la fede degli eletti di Dio” (Tito 1:1), e gli eletti sono pochi (cfr. Matteo 22:14). E’ a loro dunque che Dio dona la fede, affinché siano salvati. Ecco perché è scritto negli Atti: “e tutti quelli che erano ordinati a vita eterna, credettero” (Atti 13:48)

Non a tutti quindi è dato di credere in Cristo Gesù, da qui si spiega perché dei Giudei che videro Gesù operare tanti miracoli e non credettero in Lui, è scritto: “E sebbene avesse fatto tanti miracoli in loro presenza, pure NON CREDEVANO IN LUI; affinché s’adempisse la parola detta dal profeta Isaia: Signore, chi ha creduto a quel che ci è stato predicato? E a chi è stato rivelato il braccio del Signore? PERCIÒ NON POTEVANO CREDERE, per la ragione detta ancora da Isaia: Egli ha accecato gli occhi loro e ha indurato i loro cuori, affinché non veggano con gli occhi, e non intendano col cuore, e non si convertano, e io non li sani.” (Giovanni 12:37-40)

Fratelli, rigettate questo falso insegnamento delle ADI.

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Confutazioni, Salvatore Cusumano and tagged , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Secondo Salvatore Cusumano, Dio dona la fede a tutti gli uomini

  1. massimo says:

    E’ altresì scritto : “..ma a tutti quelli che l’hanno ricevuto Egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio; A QUELLI, cioè, CHE CREDONO NEL SUO NOME; I QUALI NON SONO NATI DA SANGUE, NE’ DA VOLONTA’ DI CARNE, NE’ DA VOLONTA’ D’UOMO, MA SONO NATI DA DIO” (Giovanni 1:12-13).
    Ma Cusumano affermando che “la fede è il dono per tutti”, intende forse dire che tutti gli uomini sono nati da Dio, sono tutti figli di Dio? Gravissimo! Non sa che il nostro amatissimo Signore Gesù è “colui che crea la fede e la rende perfetta” (Ebrei 12:2).
    Ed inoltre il caro apostolo Paolo scrive :”Ora a ciascuno è data la manifestazione dello Spirito per il bene comune. Infatti, a uno è data, mediante lo Spirito, parola di sapienza; a un altro parola di conoscenza, secondo il medesimo Spirito; a un altro FEDE, mediante il medesimo Spirito; a un altro potenza di operare miracoli…….profezia….discernimento degli spiriti….diversità di lingue…interpretazione delle lingue; ma tutte le cose le opera quell’unico e medesimo Spirito, distribuendo i doni a ciascuno, in particolare come vuole” (1° Corinzi 12:7-11). Su questo la Parola di Dio è chiarissima e scevra da interpretazioni di sorta!
    Ma Cusumano come legge e che insegna poi ad altri?
    Se questo pastore, che è anche di un certo spessore in seno alle A. D.I insegna che questo dono è per tutti, è molto grave e va contro il Vangelo che Gesù ha ordinato di predicare! Cusumano NON perseverando negli insegnamenti del Maestro, dimostra di NON essere un suo discepolo, di NON conoscere la Verità e pertanto NON è ancora libero in Cristo (Giovanni 8:32).
    Giacinto, davvero va rifiutato e condannato questo distorto insegnamento!
    Cusumano forse non se ne rende neanche conto, ma sta conducendo le sue pecore in pascoli avvelenati!
    Ben scriveva il profeta :” Le mie pecore hanno per pascolo quello che i vostri piedi hanno calpestato; devono bere ciò che i vostri piedi hanno intorbidito” (Ezechiele 34:19). Ahi..Ahi! Guai a tutti costoro! Pace.

    • giacintobutindaro says:

      Massimo, pace. Però non confondere la fede tramite la quale si viene salvati, che è data agli eletti; con il dono della fede, che è uno dei doni dello Spirito che non è dato a tutti gli eletti. Ovviamente sono tutti e due ‘doni’ che vengono da Dio, ma bisogna distinguerli.

  2. massimo says:

    Giacinto pace. Ho notato anche nel contesto che al minuto 12:58 viene citato il titolo di questa predicazione :” Credere è facile”. Questo mi ha ricordato un’analoga affermazione fatta dall’ex presidente delle Adi, F. Toppi che in un intervista ebbe a dire :”…non costa nulla oggi essere cristiani”.
    E Cusumano più volte sottolinea che “credere è possibile per tutti, non è difficile, parla di possibilità universale, di semplicità, che è una cosa facile credere, non è solo possibile a tutti ma anche facile per tutti”.
    Afferma che “la fede è un dono per tutti”, parla espressamente di “DONO”.
    Ed in questa triste circostanza in cui Paolo e Sila sono in carcere, vi è un’azione mirata da parte del Signore, in quanto diretta personalmente verso un’anima, ovvero quella del carceriere, che era già stata toccata, preparata da Lui! Infatti immediatamente dopo il gran terremoto, il carceriere stesso, rincuorato dal fatto che nessuno era fuggito, subito chiese espressamente a Paolo e Sila : “Signori, che debbo fare per essere salvato?” (Atti 16:30). Come avrebbe mai potuto fare quell’uomo una richiesta simile se non ci fosse stata già l’azione efficace dello Spirito del Signore? Quell’anima era stata chiaramente già toccata, sensibilizzata dalle accorate preghiere e dagli inni che Paolo e Sila avevano cantato a Dio (Atti 16:25). Quindi va considerato più propriamente come un vero e proprio DONO elargitogli dal Signore, alla stessa stregua di quanto scrive l’apostolo Paolo in 1° Corinzi 12:9. Diversa invece, e concordo con te Giacinto, è la circostanza e l’espressione di fede del ladrone sulla croce, della donna dal flusso di sangue, del cieco nato etc…
    Cusumano anche al minuto 16:30 ribadisce : ” la FEDE è un DONO che DIO elargisce a TUTTI gli uomini”. Al minuto afferma 17:42 :” la possibilità di credere in Gesù è un DONO UNIVERSALE, SEMPLICE, ALLA PORTATA DI TUTTI”. Al minuto 18:10 parla sempre della FEDE quale “REGALO”. Ma come è scritto e tu Giacinto hai riportato : “tutti quelli che erano ordinati a vita eterna, credettero”. Quindi non facilmente, universalmente è per Tutti, come affermato da Cusumano!!
    Perchè “Dio fa misericordia a chi vuole e indurisce chi vuole” (Romani 9:18).
    Altresì : “Chiunque avrà invocato il nome del Signore sarà salvato” (Romani 10:13). Ma come invocheranno colui nel quale non hanno creduto?…Non tutti hanno ubbidito alla Buona Notizia….Così la fede viene da ciò che si ascolta e ciò che si ascolta viene dalla Parola di Cristo” (Romani 10:17)…C’è un residuo eletto per grazia (Romani 11:5).
    E se la Parola di Dio parla di RESIDUO, significa che la PORTA è e resterà stretta (Matteo 7:13-14) nonostante che certuni si affatichino nel far credere che magari si potrebbe anche allargare facilmente! Pace.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *