Stefano Bisi alla Gran Loggia 2016 conferma che il valdese Paolo Paschetto era massone

Durante la sua allocuzione del 1 aprile 2016 alla Gran Loggia 2016 che si è tenuta al Palacongressi di Rimini dal primo al tre aprile, Stefano Bisi, gran maestro del Grande Oriente d’Italia, ha confermato che il 1 giugno nella sala del sinodo Valdese a Torre Pellice i massoni celebreranno il massone valdese Paolo Paschetto, che è l’autore dello stemma della Repubblica Italiana (nonché del logo delle Assemblee di Dio in Italia). Stefano Bisi ha tenuto la sua allocuzione davanti a tantissimi massoni provenienti da tutta Italia. Ascoltatelo da voi stessi.

Pubblico questo clip soprattutto per i membri delle Assemblee di Dio in Italia (ADI).

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Chiesa Valdese, Massoneria, Nuovo Ordine Mondiale and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Stefano Bisi alla Gran Loggia 2016 conferma che il valdese Paolo Paschetto era massone

  1. Massimo says:

    Quindi è oramai chiarissimo Giacinto che i Valdesi sono uniti fisicamente, intellettualmente e spiritualmente ai Massoni! E se Paolo Paschetto da buon “fratello massone e valdese” si è prodigato nell’ ideare e realizzare lo stemma della Repubblica Italiana, come pure il logo delle Assemblee di Dio In Italia, mi chiedo perchè i capi di quest’ultima Organizzazione religiosa, che tanto acclamano la sana dottrina, perchè negano o al massimo sminuiscono oltremodo la loro inequivocabile collusione con la Massoneria e di riflesso con la chiesa Valdese, con la Chiesa Cattolica…?
    Forse che Gesù Cristo, il Figlio di Dio ha lasciato detto ai suoi apostoli per mezzo di qualche rivelazione, affatto scritta però nella sua Parola, che si provvedessero un “logo” sì che li potesse distinguere dagli altri cristiani e dal mondo?

    Giacinto, trascrivo testualmente quanto Wikipedia riporta sul termine “logo” :
    “Un logo professionale è ormai diventato una necessità: infatti permette di riconoscere l’azienda a cui il logo si riferisce con effetto quasi immediato. Compito del logo è quello di ispirare fiducia e superiorità rispetto a un altro marchio. Al giorno d’oggi si tende ad accompagnare il logo con uno slogan, chiamato payoff, che aiuti a rafforzare l’identità del marchio (ad esempio: Nike – Just Do It).
    Il payoff, ovvero lo slogan che identifica le ADI, è proprio questo : “ADI TUTTO L’EVANGELO”. Sarebbe quindi questo il loro marchio di superiorità? Lo vediamo ben posto in evidenza nelle facciate di molti locali di culto, o stampato nei libri, volantini, riviste, persino nei furgoni in uso nelle varie comunità, e questo perchè? A motivo di slogan pubblicitario…si, sì. E si sa, come lo sanno molto bene gli addetti ai lavori, che ” la Pubblicità e l’anima del Commercio”.
    Ma da parte loro Giacinto non avremo mai una sincera risposta in merito, ma solo silenzio!
    Credo che stiano applicando alla lettera il motto tanto amato da JosèMaria Escriva, gesuita e fondatore dell’ Opus Dei, fatto santo da papa Giovanni Paolo II° :
    “In silentio et in spe erit fortitudo vestra” ovvero : “nel silenzio e nella perseveranza sarà la vostra forza”. Eh sì…. ma queste parole non possono affatto ricondurci a quanto invece afferma il profeta Isaia :” nella calma e nella fiducia sarà la vostra forza” (Isaia 30:15) perchè loro NON hanno voluto tornare al Signore, NON riconoscere gli errori dei loro fondatori, NON rimediandovi e NON ravvedendosi, ma anzi, purtroppo tuttora perseverano in essi con caparbietà e determinazione!
    Pace Giacinto e a tutti i santi che non necessitano di alcun logo, perchè hanno il marchio di Cristo impresso direttamente nel cuore!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *