Il massone Voltaire disprezza Gesù Cristo

voltaire-contro-Cristo

Il massone Voltaire (1694- 1778) nel suo libro «L’affermazione del Cristianesimo» mostra un grande disprezzo e odio verso il Signore Gesù Cristo. Tra le altre cose dice: «Un uomo sensato non può vedere in questo ebreo [Gesù] che un contadino un po’ più illuminato degli altri, benché sia incerto se sapesse leggere e scrivere» (Voltaire, L’affermazione del Cristianesimo, Procaccini, Napoli 1988, pag. 67).
La Sacra Scrittura afferma che Gesù era ed è la luce del mondo, secondo che disse Lui stesso: “Io son la luce del mondo; chi mi seguita non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita” (Giovanni 8:12), ed è certo che sapesse leggere e scrivere, perché Luca dice: “E insegnava nelle loro sinagoghe, glorificato da tutti. E venne a Nazaret, dov’era stato allevato; e com’era solito, entrò in giorno di sabato nella sinagoga, e alzatosi per leggere, gli fu dato il libro del profeta Isaia; e aperto il libro trovò quel passo dov’era scritto: Lo Spirito del Signore è sopra me; per questo egli mi ha unto per evangelizzare i poveri; mi ha mandato a bandir liberazione a’ prigionieri, ed ai ciechi ricupero della vista; a rimettere in libertà gli oppressi, e a predicare l’anno accettevole del Signore. Poi, chiuso il libro e resolo all’inserviente, si pose a sedere; e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi in lui” (Luca 4:15-20), e Giovanni dice: “E chinatosi di nuovo, scriveva in terra” (Giovanni 8:8).
Voltaire era un empio ed uno stolto, e quindi parlava e ragionava da empio e da stolto. E i suoi fratelli massoni che lo ammirano ed esaltano sono empi e stolti come lui.
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Confutazioni, Massoneria and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *