Nelle ADI c’è chi insegna che il sangue di Gesù non era umano

adi-sangue

MASSIMA ATTENZIONE! Nelle ADI viene insegnata la falsa dottrina secondo cui il sangue di Gesù non era umano.
E’ presente infatti in uno studio a firma di Antonio Piraino dal titolo «Il sangue di Gesù Cristo» presente sia sul sito della Chiesa ADI di Guidonia (Roma),

guidonia-sangue

http://www.evangeliciadiguidonia.it/

che sul sito Tutto l’evangelo
evangelo-sangue

http://www.tuttolevangelo.com/studi/il_sangue_di_gesu.php

E’ la stessa eresia che insegnano Benny Hinn ed altri. Leggete dunque la mia confutazione di questa eresia.

«CONTRO L’ERESIA ‘IL SANGUE DI GESÙ CRISTO NON ERA UMANO’ (INSEGNATA TRA GLI ALTRI ANCHE DA BENNY HINN)»

E’ da secoli che in seno alla Chiesa di Dio circola una dottrina sul sangue di Cristo che afferma che il sangue di Gesù non era umano ma divino, in quanto Gesù Cristo lo ricevette direttamente da Dio Padre e non da Maria sua madre. Il principale verso della Scrittura preso dai sostenitori di questa dottrina è il seguente: “Badate a voi stessi e a tutto il gregge, in mezzo al quale lo Spirito Santo vi ha costituiti vescovi, per pascere la chiesa di Dio, la quale egli ha acquistata col proprio sangue” (Atti 20:28). Basandosi sulle ultime parole di questo verso, costoro concludono che il sangue di Cristo era il sangue di Dio, cioè il sangue del Padre, e perciò esso non era affatto sangue umano.
Secondo questa dottrina, dunque, Cristo non prese il suo sangue da Maria nel suo seno. Non lo prese da ella perché altrimenti esso sarebbe stato impuro, e quindi Dio Padre diede al Figlio un sangue divino.
Uno di quelli che sostengono questa dottrina è Benny Hinn, pastore dell’Orlando Christian Center in Orlando, Florida, predicatore della prosperità conosciuto e seguito da tanti anche qui in Italia. Durante una sua predicazione, Benny Hinn infatti ha affermato: ‘Non esiste l’immacolata concezione. Non voglio offendere i Cattolici, c’è solo un Agnello, perfetto Agnello. La Bibbia dice che noi siamo comprati con il sangue di Dio. Nel libro degli Atti Paolo scrive: “la quale egli ha acquistata col proprio sangue”. Ed egli dice: ‘Pascete la Chiesa di Dio, la quale egli ha acquistata col proprio sangue’. Quindi il sangue di Gesù è perfetto, il sangue di Gesù non venne da sua madre, non poteva venire (da sua madre). Se fosse venuto da sua madre, esso sarebbe stato contaminato, perché ella era una peccatrice, ella era una peccatrice quando nel Magnificat chiamò Dio ‘Mio Salvatore’. Non dimenticate questo: ‘L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio ha esultato in Dio mio Salvatore’. Quando lei entrò in casa di sua cugina Elisabetta, ella profetizzò; Maria disse: ‘L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio ha esultato in Dio mio Salvatore’. Nel momento in cui ella entrò in casa di Elisabetta, ella dichiarò: ‘Io sono una peccatrice ed ho bisogno di un salvatore’. … se il sangue di Maria era contaminato, allora il sangue di Gesù non venne da essa. Devo insegnare questo nelle chiese cattoliche. E quando ella disse: ‘Mio Salvatore’ ella dichiarò al mondo: ‘Ho bisogno di un Salvatore’. Quindi tutto quello che ella fu, fu colei che portò (nel suo seno) il Figlio di Dio. Quindi il sangue che scorreva attraverso le sue vene, non venne da Maria; venne direttamente da Dio. Perché? Perché il sangue del primo Adamo non venne da sua madre, egli non aveva una madre. Come il sangue del primo Adamo venne da Dio, così anche il sangue del secondo Adamo venne direttamente da Dio, non da una donna, non da un uomo di nome Giuseppe. Qualcuno gridi: ‘Alleluia!’ Noi siamo redenti dal sangue di Dio’.
Ora, questa dottrina è falsa e adesso la confuterò.
Innanzi tutto diciamo che l’espressione ‘Chiesa di Dio’ di Atti 20:28 non significa ‘la Chiesa del Padre’, in quanto alcune volte nel Nuovo Testamento il termine ‘Dio’ si riferisce anche al Figliuolo di Dio, come per esempio quando Paolo dice: “Dei quali (Israeliti) sono i padri, e dai quali è venuto, secondo la carne, il Cristo, che è sopra tutte le cose Dio benedetto in eterno. Amen.” (Romani 9:5). In questo caso dunque bisogna dire che ‘Dio’ si riferisce al Figliuolo e non al Padre.
In secondo luogo, diciamo che affermare che il sangue di Cristo era divino e non umano significa negare la vera umanità di Cristo. Gesù era perfettamente umano, il che significa che lui ricevette sia la sua carne che il suo sangue da sua madre Maria. Egli fu fatto in ogni cosa simile a noi, secondo che è scritto: “Laonde egli doveva esser fatto in ogni cosa simile ai suoi fratelli, affinché diventasse un misericordioso e fedel sommo sacerdote nelle cose appartenenti a Dio, per compiere l’espiazione de’ peccati del popolo” (Ebrei 2:17), e difatti è scritto anche: “Poiché dunque i figliuoli partecipano del sangue e della carne, anch’egli vi ha similmente partecipato” (Ebrei 2:14). Come potete vedere, le parole ‘fatto in ogni cosa simile ai suoi fratelli’ e ‘anch’egli ha partecipato del sangue e della carne dei figliuoli di Dio, cioè noi’ indicano che il corpo di Gesù Cristo era fatto di carne umana e di sangue umano, e difatti per questo la Scrittura lo chiama ‘uomo’. Giovanni il Battista lo chiamò uomo quando disse: “Dietro a me viene un uomo che mi ha preceduto, perché egli era prima di me” (Giovanni 1:30), e Gesù Cristo stesso si definì un uomo quando disse ai Giudei: “Ma ora cercate d’uccider me, uomo che v’ho detta la verità che ho udita da Dio; così non fece Abramo” (Giovanni 8:40). E in virtù di ciò quindi Egli potè offrire sia la sua carne che il suo sangue per riconciliarci con Dio. Ecco perché Paolo attribuisce la nostra riconciliazione con Dio Padre all’offerta sia della carne che del sangue di Cristo, quando dice: “Poiché in lui si compiacque il Padre di far abitare tutta la pienezza e di riconciliare con sé tutte le cose per mezzo di lui, avendo fatto la pace mediante il sangue della croce d’esso; per mezzo di lui, dico, tanto le cose che sono sulla terra, quanto quelle che sono nei cieli. E voi, che già eravate estranei e nemici nella vostra mente e nelle vostre opere malvage, ora Iddio vi ha riconciliati nel corpo della carne di lui, per mezzo della morte d’esso” (Colossesi 1:19-22). Come potete vedere, secondo Paolo, ambedue le cose tramite cui siamo stati riconciliati con Dio, vale a dire la carne e il sangue di Cristo, erano umani. Se invece dicessimo che il sangue di Cristo era divino mentre la sua carne era umana, allora bisognerebbe dire che Cristo per redimerci offrì un sacrificio, cioè il suo corpo, che aveva una parte umana (la carne) e una parte divina (il sangue), e quindi che non era interamente umano, e perciò che sulla croce non morì un vero uomo come noi per riconciliarci con Dio. E’ del tutto antibiblico quindi dire che la carne di Cristo era umana mentre il suo sangue era divino. Coloro che dicono una simile cosa per enfatizzare la divinità di Cristo, fanno un grave errore che va ad intaccare la Sua umanità e quindi le loro parole sono da rigettare.
In merito al discorso secondo cui se Cristo avesse ricevuto il suo sangue da Maria il suo sangue sarebbe stato contaminato, esso è fallace e vano, in quanto allora potremmo dire la stessa cosa anche riguardo ad altre parti del suo corpo fisico. In altre parole, potremmo e dovremmo dire pure che se Gesù avesse ricevuto la sua carne da Maria, allora la carne di Gesù sarebbe stata contaminata, e quindi la sua carne non era umana ma celeste, e così via. E allora dovremmo concludere che Gesù era un essere celeste, e non un essere umano, cioè un vero uomo come noi. Ma questo significherebbe annullare la natura umana di Cristo. Cosa che comunque si fa anche se si afferma che solo una singola parte del suo corpo era celeste mentre le altre erano umane. In altre parole, basta negare la natura umana di un solo componente del corpo di Cristo, per negare la natura umana di Cristo nella sua interezza.
In merito poi alla seguente affermazione di Benny Hinn ‘Come il sangue del primo Adamo venne da Dio, così anche il sangue del secondo Adamo venne direttamente da Dio, non da una donna, non da un uomo di nome Giuseppe’, dico questo. Paolo quando parla del primo Adamo e dell’ultimo Adamo, del primo uomo e del secondo uomo, sta parlando della resurrezione corporale in quanto dice che prima viene il corpo naturale (quello dalla terra), e dopo viene il corpo spirituale (quello dal cielo), secondo che egli dice: “Così pure della risurrezione de’ morti. Il corpo è seminato corruttibile, e risuscita incorruttibile; è seminato ignobile, e risuscita glorioso; è seminato debole, e risuscita potente; è seminato corpo naturale, e risuscita corpo spirituale. Se c’è un corpo naturale, c’è anche un corpo spirituale. Così anche sta scritto: Il primo uomo, Adamo, fu fatto anima vivente; l’ultimo Adamo è spirito vivificante. Però, ciò che è spirituale non vien prima; ma prima, ciò che è naturale; poi vien ciò che è spirituale. Il primo uomo, tratto dalla terra, è terreno; il secondo uomo è dal cielo. Quale è il terreno, tali sono anche i terreni; e quale è il celeste, tali saranno anche i celesti. E come abbiam portato l’immagine del terreno, così porteremo anche l’immagine del celeste” (1 Corinzi 15:42-49). Quindi mettersi a citare ‘il primo uomo e il secondo uomo’ per cercare di spiegare l’origine divina del sangue di Cristo è a dir poco assurdo.
Ma allora come facciamo a dire che Gesù prese anche il suo sangue da Maria, e nello stesso tempo che il suo sangue era perfetto, senza alcuna contaminazione? Possiamo dirlo perché il concepimento di Gesù fu opera dello Spirito Santo, secondo che l’angelo Gabriele disse a Maria: “Lo Spirito Santo verrà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà dell’ombra sua; perciò ancora il santo che nascerà, sarà chiamato Figliuolo di Dio” (Luca 1:35), e secondo che dice Matteo: “Maria, sua madre, era stata promessa sposa a Giuseppe; e prima che fossero venuti a stare insieme, si trovò incinta per virtù dello Spirito Santo” (Matteo 1:18). E quindi quando Maria rimase incinta per lo Spirito Santo, lo Spirito e la potenza di Dio fecero sì da impedire che il sangue del bambino nel suo grembo ricevesse una qualsiasi contaminazione. Quindi, il sangue di Cristo era puro e perfetto, ma non perché era il sangue di Dio Padre, cioè perché era un sangue celeste, ma in virtù dell’opera dello Spirito Santo e della potenza di Dio nel grembo di Maria, che impedirono che il fanciullo contraesse la sia pur minima impurità o contaminazione da sua madre. Che cosa impedisce di credere che lo Spirito di Dio e la potenza di Dio abbiano fatto una simile cosa? A noi niente. E poi se lo Spirito di Dio e la potenza di Dio fecero sì che la carne di Cristo non fosse contaminata dal peccato che era in Maria, che cosa ci impedisce di credere che poterono anche evitare che il sangue di Cristo ricevesse una qualche contaminazione da Maria? Se lo Spirito e la potenza di Dio ci sono riusciti con la carne di Cristo per forza di cose devono esserci riusciti anche con il suo sangue. Non vi pare?
Quindi, la verità è che Gesù Cristo, il Figlio di Dio, coeterno con il Padre, diventò un vero essere umano con un corpo quindi come il nostro, ma preservato da qualsiasi contaminazione spirituale in ogni suo componente. Egli era un vero uomo, e fu quindi in virtù del suo perfetto corpo umano (simile al nostro e non uguale, in quanto la sua carne non era contaminata dal peccato come lo è la nostra) che Egli poté diventare un misericordioso e fedel Sommo Sacerdote e redimerci dai nostri peccati mediante il Suo prezioso sangue.
A Lui sia la gloria ora e in eterno. Amen.
Nessuno dunque, fratelli, vi seduca con vani ragionamenti. Rigettate questa dottrina del sangue non umano di Cristo, perché va ad intaccare la natura umana di Cristo, e può condurre ad un’altra eresia che è quella della carne celeste di Cristo, anche questa una vecchia eresia.
La grazia del nostro Signore Gesù Cristo sia con tutti coloro che lo amano con purità incorrotta. Amen.
http://www.lanuovavia.org/confutazioni-hinn-sangue-cristo-non-umano.html

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

P.S. Peraltro in questo studio di Piraino viene insegnata anche un’altra falsa dottrina, che è quella che sostiene che l’anima dell’uomo è il sangue! Nello studio infatti viene detto: «Dio soffiò nelle narici un alito vitale e l’uomo divenne un’anima vivente. (Genesi 2:7). Era il sangue — naturalmente — non poteva essere altro, perché «la vita è nel sangue». (L’alito di Dio si trasformò in sangue).» Rigettate dunque anche questa falsa dottrina.

This entry was posted in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Confutazioni and tagged , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Nelle ADI c’è chi insegna che il sangue di Gesù non era umano

  1. fabio says:

    pace Giacinto,
    come altre volte ho scritto mi ritengo ignorante ma proprio non riesco a capire come fanno costoro ad affermare ciò perchè fanno dire a dei versetti biblici parole e pensieri di uomini quando invece la stessa BIBBIA afferma in Filippesi 2,6-7: il quale, pur essendo di natura divina,non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini;apparso in forma umana,
    quindi Gesù è di natura divina ma sta altresì scritto in 1Giovanni 4,1-6: Carissimi, non prestate fede a ogni ispirazione, ma mettete alla prova le ispirazioni, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono comparsi nel mondo. Da questo potete riconoscere lo spirito di Dio: ogni spirito che RICONOSCE che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio; ogni spirito che NON RICONOSCE Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo. Voi siete da Dio, figlioli, e avete vinto questi falsi profeti, perché colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo. Costoro sono del mondo, perciò insegnano cose del mondo e il mondo li ascolta. Noi siamo da Dio. Chi conosce Dio ascolta noi; chi non è da Dio non ci ascolta. Da ciò noi distinguiamo lo spirito della verità e lo spirito dell’errore.
    Qui l’apostolo non lascia spazio al dubbio che questi falsi profeti vogliono insinuare e insegnare perché CHIUNQUE NON riconosce che Gesù in quanto uomo è venuto mandato dal Padre (Figlio dell’uomo) e senza che ne carne ne sangue glielo rivelasse vuol dire che costui non è nato da Dio e come tu hai scritto Giacinto se anche una piccola parte di noi non è umana allora tutto il corpo non è umano sarebbe come dire che Gesù non ha sofferto sulla croce perché è Figlio di Dio invece Gesù ha SOFFERTO sulla CROCE come si legge sempre in Filippesi 2,8-11: umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce. Per questo Dio l’ha esaltato e gli ha dato il nome che è AL DI SOPRA di ogni altro NOME;perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre.
    E’ si perchè al contrario di tutti questi pastori, sacerdoti, maestri,laureati, che ricercano la propria gloria tra gli applausi e ammirazioni della gente Gesù non ha mai ricercato la propria gloria non si è mai sostituito al Padre Suo ma lo ha reso Vivo GlorificandoLo in mezzo a coloro che Lo hanno riconosciuto
    Sia Gloria al Padre e al Figlio per mezzo dello Spirito santo

  2. Massimo says:

    Giacinto, purtroppo anche il popolo di Guidonia è privo della giusta “guida”. Ahimè!
    L’ammaliatore, l’incantatore Benni Hynn è una ragazzo che fa stragi di cuori e di menti; ma del resto lui fa la sua parte, sì quella d’ indurre in inganno, cercare di far credere alla menzogna tutti quelli che non hanno aperto il cuore all’amore della Verità, che non hanno creduto in Essa, ma si sono compiaciuti nell’iniquità (2° Tessalonicesi 2: 9-12), quella di “sedurre se fosse possibile anche gli eletti” (Matteo 24:24). E con Piraino e non solo, pare che la cosa funzioni molto bene!

    Giacinto, personalmente ho letto almeno 80 (ottanta) versetti nel Vangelo della Grazia, in cui Gesù stesso testimonia di essere “il FIGLIO DELL’UOMO” da Matteo 8:20 a Giovanni 7:56. In queste due parole Gesù attesta tutta la sua fisicità, carnalità, umanità. avendo assunto in tutto e per tutto la natura umana. Nel Salmo 22 lo Spirito di Dio, per mezzo di Davide, parla chiaramente di ossa, cuore, viscere, lingua, mani, piedi, di nato dal grembo materno, che grida, che geme, che manifesta sentimenti di abbandono, d’angoscia, che è disprezzato, odiato a morte da certuni. Non sono forse tutte caratteristiche proprie di un essere umano? Il profeta ne ha data una chiarissima ed inconfutabile immagine del Dio, fatto uomo, sì di Gesù, il Cristo di Dio, che venendo sulla terra ha assunto in tutto e per tutto, e non certo in parte, la natura umana, chiamandolo :”UOMO DEL DOLORE” (Isaia 53:3). Stolti quanti affermano diversamente! Gesù, il Figlio di Dio, si è fatto uomo, Figlio dell’uomo, perchè ognuno che crede in Lui, divenuto figlio di Dio lo possa imitare in santità e giustizia, come anche Lui è cresciuto in sapienza, in statura e in grazia davanti a Dio e agli uomini! (Luca 2:52). Certuni invece remano sempre contro la Parola di Dio al fine se possibile, di scoraggiare i veri credenti a conservare quello zelo necessario a ricercare del continuo la perfezione per giungere all’altezza della statura perfetta (Efesini 4:13) quella di Gesù, di ricercare la santità, senza la quale nessuno vedrà Dio? “Siate santi come io sono santo” ( Levitico 19:2 / 1° Pietro 1:15-16).

    Giacinto, come hai riportato tu , Benny Hinn ha affermato : Nel libro degli Atti Paolo scrive: “la quale egli ha acquistata col proprio sangue”. Ed egli dice: ‘Pascete la Chiesa di Dio, la quale egli ha acquistata col proprio sangue’. Quindi il sangue di Gesù è perfetto, il sangue di Gesù non venne da sua madre, non poteva venire (da sua madre)”.

    Ebbene, Benny Hinn dimentica, o meglio finge di dimenticare anche quanto è scritto in Ebrei 5:7-8 :
    “ Nei giorni della sua carne, con alte grida e lacrime egli offrì preghiere e suppliche a Colui che poteva salvarlo dalla morte e fu esaudito per la sua pietà. BENCHE’ FOSSE FIGLIO, IMPARO’ L’UBBIDIENZA DALLA COSE CHE SOFFRI’; e RESO PERFETTO, DIVENNE per tutti quelli che gli ubbidiscono, autore di salvezza eterna..”

    Quindi è molto chiaro e spero che anche tu possa condividere questo mio pensiero, ovvero che Gesù, mediante l’OBBEDIENZA , esercitata durante la sua breve vita carnale, sottomessa in tutto e per tutto alla Volontà del Padre, fu irreprensibile, e per questo FU RESO PERFETTO! E di conseguenza DIVENNE in seguito, autore di salvezza! Quindi Egli poiché aveva assunto l’intera natura umana, non era ancora perfetto! No, assolutamente! Ma LO DIVENNE, crescendo in sapienza, in statura e in grazia, e mediante la sua totale OBBEDIENZA a Dio! E se ce l’ha fatta Lui, come primogenito, così siamo chiamati a fare anche noi : seguire il suo esempio! E ce la possiamo fare se ci sforziamo d’ imitarlo, con l’aiuto insostituibile dello Spirito Santo che ci ha dato, avendo creduto, come anche Lui ha ricevuto dopo il battesimo di Giovanni. Altrimenti perchè ci avrebbe promesso e mandato il Consolatore, lo Spirito Santo! Per imitare il Cristo di Dio, come anche Paolo esorta i credenti : “ Siate miei imitatori come io lo sono di Cristo” (1° Corinzi 4:16 / 11:1 Filippesi 3:17). Paolo afferma altresì :” Siate dunque imitatori di Dio, perché siate da Lui amati” (Efesini 5:1). Se oggi però certi illuminati delle varie Organizzazioni religiose mettono in dubbio che il sangue di Gesù fosse umano, e che Maria non ha concepito per opera dello Spirito Santo, domani pretenderanno di convincere certi semplicioni che anche gli asini volano e magari già oggi molti lo credono!
    Grazie Giacinto che da buona sentinella, continui a suonare la tromba, mettendoci in guardia da tante false dottrine di uomini corrotti il cui scopo è sempre più evidente è quello di seminare il dubbio! Sono UOMINI DI DUBBIO! E trovano piacere a mettere in dubbio l’uomo Gesù, separandolo da noi credenti ! Gesù con la sua morte gloriosa, col suo sangue prezioso di uomo, versato sulla croce per amor nostro ci ha riconciliati al Padre suo e nostro, al Dio suo e nostro! Ci chiama amici, non più servi; ci chiama fratelli e quindi figli come Lui di un unico Dio e Padre! Certuni, falsi apostoli, falsi fratelli, non veri credenti odiano i veri credenti che conoscono la Verità e che vivono per fede; perchè “la Fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono”. Certuni odiano davvero i veri credenti che non vivono di dubbi, ma di sole certezze! Quei tali dice la Parola : “sono falsi apostoli, operai fraudolenti, che si travestono da apostoli di Cristo” ( 2° Corinzi 11:13) e stanno insinuando “il dubbio”, stanno seminando a vagonate “zizzanie” nel campo di Dio! Il Signore li sgridi!
    Pace Giacinto.

    • giacintobutindaro says:

      Massimo, quell’essere stato reso perfetto in relazione a Gesù vuol dire che egli fu reso perfetto tramite le sofferenze: “Infatti, per condurre molti figliuoli alla gloria, ben s’addiceva a Colui per cagion del quale son tutte le cose e per mezzo del quale son tutte le cose, di rendere perfetto, per via di sofferenze, il duce della loro salvezza” (Ebrei 2:10), In altre parole, affinchè Gesù diventasse un fedele Sommo sacerdote nelle cose concernenti Dio, doveva soffrire. Quindi, oltre a dovere partecipare alla carne e al sangue, come vi partecipiamo noi, doveva soffrire: “Laonde egli doveva esser fatto in ogni cosa simile ai suoi fratelli, affinché diventasse un misericordioso e fedel sommo sacerdote nelle cose appartenenti a Dio, per compiere l’espiazione de’ peccati del popolo. Poiché, in quanto egli stesso ha sofferto essendo tentato, può soccorrere quelli che son tentati” (Ebrei 2:17-18). Infatti se Gesù non avesse sofferto come avrebbe potuto venire in nostro soccorso? Un vero uomo dunque, che soffrì come noi e per noi. Pace a te.

  3. Massimo says:

    Amen, Giacinto! Gesù è venuto sulla terra, visse e soffrì nella carne da vero uomo.
    E del resto, il Signore, per mezzo di Anania, fece sapere anche all’apostolo Paolo questo: “…perchè Io gli mostrerò quanto debba soffrire per il mio nome” (Atti 9:16).
    Lui stesso ebbe a dirgli: “La mia grazia ti basta, perchè la mia debolezza si dimostra perfetta nella debolezza” (2° Corinzi 12:9). ” Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non possa simpatizzare con noi nelle nostre debolezze, poichè Egli è stato tentato come noi in ogni cosa, senza commettere peccato” (Ebrei 4:15).
    Sì, Gesù soffrì come noi e per noi. Paolo soffrì alla stessa stregua del Maestro! E del resto : “Molte sono le afflizioni del giusto a il Signore lo libera da tutte” (Salmo 34:19) Pace.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *