Eugenio Stretti parla a favore della Massoneria

stretti-libri

Eugenio Stretti è pastore di una Chiesa Valdese a Genova ed è conosciuto in ambito pentecostale soprattutto perché ha scritto il libro «Il Movimento pentecostale. Le Assemblee di Dio in Italia» (pubblicato nel 1998), che ha la presentazione di Francesco Toppi, che è stato presidente delle ADI per trent’anni. Peraltro da quello che mi è stato detto Francesco Toppi ed Eugenio Stretti erano amici.

Ora, Eugenio Stretti ha parlato bene della Massoneria infatti in una intervista fattagli da Radio Radicale il 26 agosto 2014 ha affermato: «… vorrei spendere anche una parola a favore della Massoneria di cui tutti parlano tanto male …. ma la Massoneria significa libero pensiero eh. E in Inghilterra Montesquieu se non avesse incontrato i protestanti e i massoni non avrebbe fatto L’esprit des lois» (Intervista al Pastore valdese Eugenio Stretti in occasione dell’uscita del libro di Jacques Ellul, “Il fondamento teologico del diritto” Gabrielli Editori – minuto 11:26-47 – http://www.radioradicale.it/scheda/419440/intervista-al-pastore-valdese-eugenio-stretti-in-occasione-delluscita-del-libro-di) Lo spirito delle leggi (L’esprit des lois) è lo scritto più importante del filosofo francese Montesquieu, che era un massone. «Il 12 maggio 1730 fu iniziato in Massoneria nella Loggia della “Horn Tavern” di Londra. Secondo un’altra fonte invece fu iniziato nel 1720, e nel 1725 fu tra i fondatori della prima loggia parigina» (https://it.wikipedia.org/wiki/Montesquieu)

Non sorprende quindi né che Eugenio Stretti ha scritto il libro «Testimoni di libertà» (Editore La Zisa – 1 gennaio 2015) in cui sono celebrati anche dei massoni protestanti per la loro opera a favore della libertà di pensiero, e neppure che il Grande Oriente d’Italia ci ha tenuto a mettere sul suo sito una recensione favorevole a questo libro di Eugenio Stretti fatta dal giornalista Marco Toracca sul Secolo XIX.

goi-stretti

http://www.grandeoriente.it/massoni-e-protestanti-tra-fede-e-storia-il-secolo-xix-la-spezia/

Per tornare a Francesco Toppi dunque, lui si sceglieva gli amici tra coloro che parlavano a favore della Massoneria, perché anche il suo amico Giorgio Spini parlava a favore della Massoneria.

Tutto squadra quindi!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Chiesa Valdese, Massoneria and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *