L’Espresso del 16 ottobre 2016 che parla dei Pentecostali è on line

Faccio sapere che tutto il numero dell’Espresso di domenica 16 ottobre 2016 è leggibile in forma digitale a questo indirizzo

business-articolo

Scorrete fino a pagina 62 e troverete l’articolo «Un business chiamato Gesù» dedicato ai Pentecostali, ADI comprese!

P.S. In data 21 ottobre L’Espresso ha messo on line SUL SUO SITO in formato html l’articolo «Un business chiamato Gesù», mettendo altre foto oltre quelle che compaiono sulla versione cartacea!

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Assemblee di Dio in Italia, C.C.I.N.E., Massoneria, Pentecostali and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to L’Espresso del 16 ottobre 2016 che parla dei Pentecostali è on line

  1. Massimo says:

    Giacinto, leggendo quanto riportato sull’Espresso personalmente mi sono soffermato a riflettere in particolare su questo :
    ” Alla base del successo pentecostale, poi, c’è l’intrinseca solidità economica delle chiese. Tutti i fedeli versano infatti una decima, ovvero il 10 per cento dello stipendio. «È scritto nella Bibbia», ripetono. Bastano così 200 fedeli che guadagnano 1.500 euro al mese per avere una rendita da 30 mila euro da destinare ad altari, missioni, orologi al pastore o nuove sedi. L’espansione continua…”

    Che amarezza Giacinto leggere queste parole : “SOLIDITA’ ECONOMICA, DECIME, 10% DELLO STIPENDIO, GUADAGNO, RENDITA..” – “E’ scritto nella Bibbia” ripetono! Ma questa è un’affermazione che proviene da una gran massa di persone le quali benchè vantino il loro essere “pentecostali”, di fatto sono dei bigotti, fuorviati religiosi usciti per la maggior parte dal Cattolicesimo e basta!
    Perchè non leggono quanto è altresì scritto nella Bibbia :
    “SE DISTRIBUISSI TUTTI I MIEI BENI PER NUTRIRE I POVERI, SE DESSI IL MIO CORPO A ESSERE ARSO, E NON AVESSI AMORE, NON MI GIOVEREBBE A NIENTE” (1° Corinzi 13:3). L’apostolo Paolo qui intende sottolineare semplicemente ciò che è fondamentale, cioè : ” L’ AMORE”.
    Ma di quale Amore parla?”. Tutto è stato compiuto da Gesù ed Egli lo ha elargito GRATUITAMENTE! Solo per AMORE. “Nessuno ha Amore più grande di quello di dar la sua vita per i suoi Amici” (Giovanni 15:13).
    E chi sarebbero questi AMICI? ” Voi siete miei amici SE FATE LE COSE CHE IO VI COMANDO” (Giovanni 15:14). AMORE quindi verso GESU’ il CRISTO di DIO e verso la sua PAROLA!!
    Invece, ecco cosa fanno certi pentecostali per ricambiare il loro amore per LUI, come leggo sull’ Espresso :
    ” il pastore chiama i malati sul palco, impone le mani, loro cadono a terra. Il primo dice: «Sono appena guarito dal cancro», una donna da un’artrite. Applausi fragorosi. Altre preghiere, quindi la benedizione delle buste: chi vi metterà 120 euro ne riceverà da Gesù 10 volte tanti. Si alzano per donare in più di cento. È lunedì 19 settembre, il giorno di San Gennaro. Ma qui al Teatro Palapartenope di Napoli il miracolo non è per il sangue del santo, bensì per lo spirito servito dal pastore americano Benny Hinn, invitato in Campania da una chiesa locale. Chiesa cristiana pentecostale.”

    Che giudichino questi pentecostali se quest’uomo ovvero Benny Hinn è davvero al centro della Volontà di Dio che è scritta nella Bibbia!
    Non potrei nemmeno immaginare gli APPLAUSI rivolti un tempo agli apostoli, la BENEDIZIONE DELLE BUSTE CON TASSA FISSA : 120 EURO, un UOMO VESTITO ELEGANTEMENTE DI BIANCO! A chi vorrebbe poi somigliare questo Benny Hinn?

    Che giudichino “spiritualmente” certi pentecostali (1° Corinzi 2:14 e 10:15) e con retto giudizio (Giovanni 7:24) anche questo :
    “La chiesa di cui è pastore Davide Di Iorio porta la messa fuori, in piazza. Per due ore i passanti ascoltano il coro, le donne con la gonna al ginocchio, gli uomini in cravatta, mentre il predicatore prega con le mani sul volto dei fedeli. Di Iorio è la guida dell’Assemblea di Dio di via Fra Gregorio Carafa, un tempio maestoso, ristrutturato da poco.” – “Le “Assemblee di Dio” (Adi) sono una delle realtà pentecostali più antiche del paese. Hanno 1.180 sedi, un accordo con lo Stato per l’otto per mille…”

    Ecco chi sono : “UOMINI IN GIACCA E CRAVATTA”, dal “TEMPIO MAESTOSO”, che hanno “l’ ACCORDO CON LO STATO per l’8 PER MILLE…”
    Che amarezza davvero Giacinto!!

    Mentre ho apprezzato quanto altresì letto :
    ” Pastore Vladimir è un uomo serio. È scappato dal Salvador, 15 anni fa, per le minacce ricevute da una gang. In Italia combatte le piaghe che affliggono i suoi connazionali: alcolismo, degrado, criminalità. Ha salvato diversi giovani dalle bande dei latinos. E aperto la chiesa, la “Parola viva”, in una ex discoteca dove era stato accoltellato un peruviano, in una via dello spaccio di Milano. «Nel mio paese ero un funzionario di sicurezza d’alto livello, qui lavoro in un’impresa di pulizie, come molti di noi», racconta: «Lavoro, sì. Sono contrario ai pastori per professione. A quelli che lucrano sulle decime. Che si approfittano dei fedeli. Noi usiamo i fondi per le iniziative comuni». È l’unico che dà dettagli sui conti. Il mercoledì sera sono in una sessantina. Dopo la cerimonia, mangiano tutti insieme. «Spesso facciamo la veglia, fino al mattino». Anche la domenica uniti. «Dovete dedicare il vostro tempo al Signore», invita, poi aggiunge: «Cantando: noi siamo un popolo allegro».
    Pertanto, com’è ben evidenziato nel tuo blog Giacinto: “Chi ha orecchi da udire, oda”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *