Il terremoto è uno dei tanti giudizi di Dio

terremoto-uno-dei-giudizi

Molti qui in Italia si stanno domandando come mai Dio – visto che la terra trema per la Sua ira (cfr. Geremia 10:10) – non colpisce con il terremoto anche tutte le altre nazioni o città dove vengono commessi gli stessi peccati che provocano Dio ad ira (idolatria, omosessualità, fornicazione, adulterio, ladrocinio, omicidio, stregoneria, e così via). La risposta è la seguente: perché i giudizi che Dio esercita sulla terra sono di svariato genere: non esistono solo i terremoti. In altre parole, Dio certamente punisce i colpevoli, perché è scritto che non lascia impunito il colpevole (cfr. Numeri 14:18), ma li punisce quando e come vuole Lui, per cui per punirli non usa sempre il terremoto. Questo lo si capisce leggendo la Bibbia dalla Genesi all’Apocalisse, ma anche soltanto il libro del profeta Amos, dove il terremoto è uno dei giudizi che Dio esercitò contro Israele a motivo dei loro peccati. Quindi, possiamo riassumere la risposta in questa maniera: perché “l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà ed ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l’ingiustizia” (Romani 1:18), ma si rivela nella maniera decretata da Dio, e quindi non sempre tramite un terremoto.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Giudizi di Dio, Insegnamenti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Il terremoto è uno dei tanti giudizi di Dio

  1. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    Si legge infatti nel libro di Amos in 3:6-8
    MSquilla forse la tromba in una città,
    senza che il popolo tremi?
    Piomba forse una sciagura sopra una città,
    senza che il SIGNORE ne sia l’autore?
    Poiché il Signore, DIO, non fa nulla
    senza rivelare il suo segreto ai suoi servi, i profeti. Il leone ruggisce, chi non temerà?
    Il Signore, DIO, parla, chi non profetizzerà?

    Chi non riconosce questa VERITA SCRITTA NELLA PAROLA DI DIO, non è un profeta di Dio, perché quando il Signore parla, chi non profetizzera’, se non tutti coloro che si sono travestiti da falsi apostoli, da falsi servitori di Dio.

    Sempre l’apostolo Paolo ci esorta nella lettera ai Romani in 11:22
    Considera dunque la bontà e la severità di Dio: la severità verso quelli che sono caduti; ma verso di te la bontà di Dio, purché tu perseveri nella sua bontà; altrimenti, anche tu sarai reciso.

    Qui ci vuole AMORE VERSO DIO, e questo necessita di esserGLI FEDELI, IN TUTTA LA SUA PAROLA, IN TUTTI I SUOI INSEGNAMENTI, IN TUTTI I SUOI COMANDI, necessita di essere come scrisse sempre lapostolo Paolo IMITATORI DI GESÙ CRISTO IL FIGLIO DI DIO (1Corinzi 11:1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.