Credi che Gesù è il Cristo e sarai salvato – Predicazione del 15 dicembre 2016

predicazione-302-messaggio

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

This entry was posted in Mie predicazioni audio and tagged . Bookmark the permalink.

3 Responses to Credi che Gesù è il Cristo e sarai salvato – Predicazione del 15 dicembre 2016

  1. Massimo says:

    Amen Giacinto e se mi permetti, GESU’ non solo privatamente alla samaritana in Giovanni 4:25-26 ebbe a dichiarare di essere il MESSIA, il CRISTO, l’UNTO di Dio, ma lo dichiarò apertamente alla presenza di Caiafa, sommo sacerdote, presso il quale erano riuniti gli scribi e gli anziani, i capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio, compresi alcuni soldati e ad altri ancora tra cui dei falsi testimoni. A Caiafa che gli diceva:” Ti scongiuro per il Dio vivente di dirci se sei tu il CRISTO, il FIGLIO DI DIO?” Gesù gli rispose :” Tu l’hai detto; anzi vi dico che da ora in poi vedrete il Figlio dell’ uomo seduto alla destra della Potenza e venire sulle nuvole del cielo.” (Matteo 26:63-64)

    Inoltre molti non considerano pienamente che i veri e propri responsabili della morte di Gesù, furono questi :
    – i capi dei sacerdoti che l’avevano consegnato a Pilato per INVIDIA (Matteo 27:18);
    – i capi dei sacerdoti che diedero una magra ricompensa a Giuda per farlo arrestare (Matteo 26:47-50);
    – i capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio cercarono anche dei falsi testimoni pur di farlo morire;(Matteo 26:59)
    – i capi dei sacerdoti aizzarono la folla a gridare :” Sia crocifisso” (Matteo 27:20-23) e anche :” Toglilo, toglilo di mezzo, crocifiggilo!” (Giovanni 19:15)
    – i capi dei sacerdoti ricattarono Pilato stesso, dicendogli :”Se liberi costui, non sei amico di Cesare. Chiunque si fa re, si oppone a Cesare” (Giovanni 19:12);
    – i capi dei sacerdoti odiavano Gesù a morte e non riconoscendolo affatto come RE , il loro RE (Giovanni 19:15);
    – i capi dei sacerdoti Si appellarono alla loro legge secondo la quale Gesù doveva morire, perchè si era fatto Figlio di Dio (Giovanni 19:7)
    Mentre Pilato :
    – desiderava liberare Gesù (Luca 23:20) dicendo :” Io non ho trovato nulla in lui, che meriti la morte: Perciò, dopo averlo castigato, LO LIBERERO’ ” (Luca 23:22)
    – sapeva che Gesù era ” GIUSTO” (Matteo 27:24) dichiarandosi innocente del suo sangue!
    – fece scrivere sopra la testa di Gesù, contro il volere stesso dei Giudei :” QUESTO E’ IL RE DEI GIUDEI” (Luca 23:38).
    – fu costretto ad abbandonare Gesù alla loro volontà (Luca 23:25);
    – anche la moglie di Pilato sapeva che Egli era “GIUSTO” (Matteo 27:19).

    Pertanto Giacinto, le cose non sono mai cambiate, in quanto a tutt’oggi l’influenza diabolica esercitata da certe menti religiose anticristiane condizionano alla grande, fanno pressione, ricattando del continuo i governanti nel mondo costringendoli purtroppo a prendere gravi e tremende decisioni che comportano guerre, distruzioni e morte! Mi sbaglio forse? Pace.

    • giacintobutindaro says:

      Ma Dio regna e fa cooperare tutte le cose al bene di quelli che lo amano.

    • fabio says:

      Pace Giacinto,Massimo
      Mi ha sempre colpito questa risposta che diedero i sommi sacerdoti a Pilato in Giovanni 19,15 Ma quelli gridarono: «Via, via, crocifiggilo!». Disse loro Pilato: «Metterò in croce il vostro re?». Risposero i sommi sacerdoti: «Non abbiamo altro re all’infuori di Cesare».

      Non si può dire che non parlarono chiaro perché affermarono con decisione che il loro re era cesare e cosi si compirono quelle parole che si leggono in Giovanni 3,19 E il giudizio è questo: la LUCE è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla LUCE, perché le loro opere erano malvagie.

      In Ebrei 10:18-24 si legge Ora, dove c’è il perdono di queste cose, non c’è più bisogno di offerta per il peccato.
      Avendo dunque, fratelli, piena libertà di entrare nel santuario per mezzo del sangue di Gesù, per questa VIA NUOVA e VIVENTE che EGLI ha inaugurato per noi attraverso il velo, cioè la sua carne; avendo noi un SACERDOTE GRANDE sopra la CASA DI DIO, accostiamoci con cuore sincero nella PIENEZZA DELLA FEDE, con i cuori purificati da ogni cattiva coscienza e il corpo lavato con acqua pura. Manteniamo senza vacillare la professione della nostra speranza, perche’ E’ FEDELE COLUI CHE HA PROMESSO.
      Cerchiamo anche di stimolarci a vicenda nella carità e nelle opere buone

      altro che cesare, che politica, che governanti di questo mondo, il cristiano dovrebbe avere un solo Re, il Re dei re e Signore dei signori, Gesù Cristo e seguire scrupolosamente i suoi insegnamenti perché sono Via che conducono a Dio Padre.

      Pace nel Nome di Gesù

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *