La Società Biblica Britannica e Forestiera a braccetto con la Massoneria

goi-bibbia

Anche la Società Biblica Britannica e Forestiera, come ho dimostrato nel mio libro «La Massoneria smascherata» (pag. 783), è fortemente collusa con la Massoneria.
Questa collusione viene confermata dalla presenza di un esponente della Società Biblica ad un Convegno organizzato dal Grande Oriente d’Italia tenutosi il 29 novembre 2016 presso Casa Nathan, il Centro Polifunzionale del Grande Oriente d’Italia che si trova a Roma in Piazzale delle Medaglie d’Oro, 44. Il Convegno dal titolo “La libertà di stampa in Italia. Dal Risorgimento alla Costituente”, è stato «fortemente voluto dal Gran Maestro, soprattutto alla luce dei profondi cambiamenti all’interno del mondo dell’informazione prodotti dai nuovi media, si inserisce nel ciclo di manifestazioni che la Massoneria Italiana ha dedicato quest’anno ai settant’anni della Repubblica.» (Erasmo, Notiziario del GOI, anno 1, numero 11, Dicembre 2016, pag. 6)
Ascoltate ora cosa si dice su Erasmo in merito all’intervento di questo esponente della Società Biblica:
«L’intervento successivo è stato di Mario Cignoni esponente della Società Biblica Britannica e Forestiera che ha donato al Gran Maestro per la Biblioteca del Grande Oriente la ristampa anastatica della Bibbia di Diodati, il primo testo protestante tradotto in italiano nel 1641. Citando il contenuto dell’articolo 28 dello Statuto Albertino, Cignoni ha sottolineato come con l’affermazione della libertà di stampa, dapprima riconosciuta negli stati del Regno di Sardegna e poi con le tappe dell’Unità in tutta Italia, si andò di fatto concludendo l’epoca della censura preventiva. “Perse efficacia – ha detto – anche l’Indice dei libri proibiti che, nato nel 1558 come reazione alla Riforma protestante, era diventato ormai un’istituzione che colpiva ogni tipo di dissidenti: filosofi, politici, scienziati, storici, letterati erano caduti sotto il suo divieto. L’Indice reprimeva la lettura stessa, perché vietava il sapere. La libertà proclamata dallo Statuto non era comunque – ha osservato – assoluta ma veniva limitata dalla legge contenuta nel successivo Editto sulla stampa (1848) che reprimeva una serie di ‘reati’ che riguardavano i responsabili delle pubblicazioni (autori, direttori, editori, stampatori)”. “La libertà di stampa – ha aggiunto – fu così un principio che venne ammesso e negato al tempo stesso, che lasciava libertà di manovra a chi deteneva il potere. La legge fu dunque frutto di un compromesso, pur equilibrato e accettabile da tutti. Unica eccezione espressa alla libertà di stampa era quella religiosa, anzi quella che riguardava la Bibbia. Tutto quel che c’era da vietare si riassumeva in un solo libro: la Bibbia. Dopo trecento anni perdurava il timore della propaganda protestante, rinnovata nell’Ottocento dalla missione delle Società Bibliche”. La Chiesa temeva che la conoscenza della Bibbia portasse a una presa di coscienza auto-determinante: “Dio non era più mediato dalla Chiesa e dal messale latino, ma Cristo poteva essere conosciuto direttamente dagli evangeli tradotti in italiano”. Il libero esame dei testi sacri faceva ancora paura: alcuni avevano scoperto che si poteva essere cristiani senza il Papa. Acquisire una coscienza biblica personale, costruita sul testo sacro, significava – ha concluso Cignoni – crescere, iniziare un percorso per una fede matura, capace di prendere posizione con cognizione di causa nella società e, al limite, di mettere in crisi l’autorità della Chiesa”.» (pag. 7-8)

Fratelli, lo ripeto, i Massoni hanno invaso le denominazioni evangeliche e le controllano. Uscite e separatevi da esse.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

P.S. Nella foto Stefano Bisi, gran maestro del GOI, mostra l’esemplare della Bibbia Diodati. A suo fianco Mario Cignoni, che è membro della Chiesa valdese e della Commissione di evangelizzazione (http://www.tenews.it/giornale/2016/12/07/cittadinanza-onoraria-al-dottor-mario-cignoni-67924/)

This entry was posted in Chiesa Valdese, Massoneria and tagged , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to La Società Biblica Britannica e Forestiera a braccetto con la Massoneria

  1. Massimo says:

    Notizia molto interessante davvero questa Giacinto! Come lo è anche apprendere da una fonte correlata che : ” l‘Indice dei libri proibiti (in latino Index librorum prohibitorum) fu un elenco di pubblicazioni proibite dalla Chiesa cattolica, creato nel 1558 per opera della Congregazione della sacra romana e universale Inquisizione (o Sant’Uffizio), sotto Paolo IV. Chiamato infatti l’Indice Paolino e che fu soppresso solo nel 1966 con la fine dell’inquisizione romana sostituita dalla congregazione per la dottrina della fede.
    La Chiesa Cattolica Apostolica Romana in secoli di durissima Inquisizione compì le peggiori abominazioni vietando ai laici il possesso di copie della Bibbia, e col Concilio di Tarragona nel 1234 fu ordinato di bruciare delle traduzioni della Bibbia in volgare. Nel primo Indice del 1558 erano elencate ben 45 edizioni proibite della Bibbia mettendole anzi sullo stesso piano del “Decamerone” del Boccacio o come un qualsiasi altro libro di Magia! Le traduzioni della Bibbia in volgare potevano essere lette solo su specifica licenza, concessa ai soli conoscitori della lingua latina e vietata a prescindere a tutte le donne!
    Ecco Giacinto perchè tanti, anche a causa di questi diavoli travestiti da angeli di luce operanti nella sinagoga di Satana romana nei secoli, hanno perduto ogni affetto e timore verso la VERITA’ di DIO! Vergogna delle vergogne!
    E ora la stessa e medesima Chiesa Cattolica da molti anni sta invocando il NUOVO ORDINE MONDIALE, a cominciare in maniera più pressante dal papa cosiddetto “buono”, ovvero Papa Giovanni XXIII° e di cui da bambino i miei mi facevano ascoltare col mangiadischi questa canzoncina in suo onore : “Evviva il papa, papa Giovanni, il papa buono per l’Umanità…”. E si stanno così affannando per preparare il terreno all’Anticristo; un segnale chiaro di ciò ben sappiamo è l’Ecumenismo!
    Ma dove vorrebbero mai nascondere tutti questi parrucconi religiosi la loro faccia?
    I Massoni stessi credo che molto probabilmente siano vittime di questi secolari faccendieri di Satana! E le Organizzazioni religiose poi che fanno? Da che parte stanno? “Non c’è infatti albero buono che faccia frutto cattivo, nè vi è albero cattivo che faccia frutto buono; perchè OGNI ALBERO SI RICONOSCE DAL PROPRIO FRUTTO” (Luca 6:43-44). Pace.

    • giacintobutindaro says:

      Massimo, adesso la Chiesa Cattolica Romana nelle sue alte gerarchie è alleata con la Massoneria, e con gran parte delle Chiese Evangeliche. Formano un tutt’uno. E il loro nemico numero uno si chiama FONDAMENTALISMO CRISTIANO. Si sono uniti contro la Chiesa di Dio, colonna e base della verità.

  2. Massimo says:

    Il primo e il più grande “fondamentalista” è stato proprio Gesù, il Cristo di Dio, col Nuovo Patto, con la sua Legge di Libertà; e se lo è stato Lui, allora è doveroso quanto necessario che lo siano anche tutti i suoi imitatori!
    Per quanto concerne la grande frittura mista di tutti quei spiriti da te menzionati Giacinto è ben scritto : “Infatti Dio ha messo nei loro cuori di eseguire il suo disegno che è di dare, di comune accordo, il loro regno alla bestia fino a che le parole di Dio siano adempiute. La donna che hai vista è la grande città che domina sui re della terra” (Apocalisse 17:17-18). Pace.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *