Perché?

giornata-memoria-blog

Perché le Chiese che il 27 gennaio «celebrano» il giorno della memoria (che è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione dello sterminio degli ebrei per mano dei nazisti durante la seconda guerra mondiale) non ricordano mai che gli Ebrei uccisero il nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo e prima di lui i profeti? Perché non ricordano mai le persecuzioni che gli Ebrei inflissero ai discepoli di Cristo in vari posti dell’impero romano nel primo secolo dopo Cristo? E perché non ricordano mai l’odio odierno degli Ebrei verso i nostri fratelli Ebrei che hanno creduto che Gesù è il Cristo e gli insulti e le persecuzioni che questi nostri fratelli ricevono dagli Ebrei a motivo di ciò? E perché non ricordano mai gli insulti che gli Ebrei lanciano tuttora contro il nostro Signore Gesù Cristo? Sono delle domande alle quali ormai abbiamo trovato la risposta: queste Chiese sono state massonizzate!

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Ebrei, Ebrei Messianici, Massoneria and tagged , , , . Bookmark the permalink.

9 Responses to Perché?

  1. Marco says:

    Concordo pienamente con te Giacinto!!!con il giorno della memoria si dimenticano stermini incredibili tipo quello degli armeni..E che dire del giorno della morte di Gesù?Quello è IL GIORNO di tutti i giorni e della stessa importanza è il giorno della sua resurrezione!!

    • giacintobutindaro says:

      Hai fatto bene a ricordare lo sterminio degli Armeni, perchè molti non sanno che in quello sterminio perirono anche dei nostri fratelli.

  2. Marco says:

    Quando crocefisso Gesù,Pilato voleva liberarlo e alla fine,dopo tanta insistenza se ne lavò le mani.. In Matteo 27,25 viene riportato quanto detto dagli ebrei stessi:”il suo sangue ricada su noi e i nostri figli”..Ed è esattamente quello che accadde..

    • franco says:

      Anche se gli ebrei si sono macchiati di tanti crimini, deve comunque dispiacere ad un figlio di Dio la persecuzione che loro hanno subito. Così parlando sembra che dite ” Gli stà bene: se la sono cercata”. Da come parlate trapela odio e non amore.

      • giacintobutindaro says:

        Nessun odio. Noi preghiamo per gli Ebrei affinchè siano salvati, e gli annunciano il ravvedimento e il vangelo.

      • Marco says:

        Dicendo che devono ravvedersi,anche della morte di Gesù operata dai loro padri,veniamo accusati di odiarli e per questo alla fine chi è odiato siamo proprio noi cristiani. Ma la nostra volontà che si ravvedano manifesta l’amore di Dio perchè preferiamo essere falsamente accusati purché qualcuno di loro si salvi dall’Inferno che credo sia la vera cosa che conta

        • franco says:

          Si, va bene, ma gli ebrei che sono ancora sotto la legge, appartengono a “quelli di fuori”, e ” quelli di fuori” li giudica Dio. Che Dio fà ricadere le conseguenze dei propri peccati su tutta la famiglia compresi i figli come è scritto in Esodo 20:5 è vero e questo vale per tutti, non solo per loro, ma ciò riguarda solo Dio. Evitiamo di puntare il dito sulle persone del mondo perché è come se puntassimo il dito verso noi stessi, perché anche noi eravamo peccatori sotto il giudizio di Dio. Evidenziando i peccati delle persone del mondo alimentiamo solo risentimento e disprezzo e così facendo cadiamo nello stesso sbagliato comportamento del fariseo in Luca 18:9-14. Già c’è ne tanto di disprezzo contro gli ebrei. Pace a voi!

          • giacintobutindaro says:

            Franco, ricordati di queste parole del nostro fratello Stefano pronunciate davanti al Sinedrio giudaico prima di essere messo a morte da degli Ebrei: “Gente di collo duro e incirconcisa di cuore e
            d’orecchi, voi contrastate sempre allo Spirito Santo; come fecero i padri vostri, così fate anche voi. Qual dei profeti non perseguitarono i padri vostri? E uccisero quelli che preannunziavano la venuta del
            Giusto, del quale voi ora siete stati i traditori e gli uccisori; voi, che avete ricevuto la legge promulgata dagli angeli, e non l’avete osservata” (Atti 7:51:53), e ricordati che Stefano era un uomo pieno di Spirito Santo, di grazia e di potenza. Noi dobbiamo dire sugli e agli Ebrei quello che dice la Parola. Questo non è odio verso i Giudei. E poi dicendo quello che dicono i profeti o gli apostoli sugli Ebrei stiamo trasmettendo quello che Dio dice degli Ebrei. Non vuoi dire quello che dice Dio sugli Ebrei? Tu hai bisogno di investigare le Scritture, perchè non le conosci. Il passo da te citato non c’entra proprio niente con quello che stiamo dicendo.

          • Marco says:

            Franco, il tuo discorso non ha senso… guarda che le chiese evengeliche sono piene di eresie e tu mi pare … correggimi se sbaglio … che segui quella del “una volta salvati sempre salvati”… infatti, che significa che Dio giudica “quelli di fuori”?
            perchè, credi che quelli “di dentro”, cioè i cristiani, non saranno giudicati? ti sbagli perchè Dio non fa distinzioni di persona e giudica secondo quello che ciascuno fa. tanti cattolici si illudono di essere cristiani ma mica Dio non li giudicherà! e lo stesso tanti evangelici…
            credere non è sufficiente per la salvezza ma solo necessario: bisogna infatti, dice la Parola, che ciascuno “perseveri nella grazia” sforzandosi di non peccare e non rinnegando mai Gesù che lo ha riscattato! altrimenti anche chi dice di essere cristiano e crede di esserlo andrà all’Inferno. è lo Spirito Santo che parla alla nostra coscienza affinchè ciascuno di noi, sforzandosi di piacere a Dio, possa essere sicuro di essergli accetto!
            ovviamente non sono le nostre opere a salvarci ma quando si riceve la grazia di Gesù Cristo è necessario perseverare in essa. questo dice ad esempio l’apostolo Giacomo nella sua lettera al capitolo 2.
            gli ebrei vogliono invece piacere a Dio attraverso la legge che diventa per loro maledizione… infatti nella Parola è scritto che “di due popoli ne ha fatto uno”… quindi gentili ed ebrei si salvano credendo in Gesù Cristo… non c’è distinzione!
            nostro compito è portare Gesù Cristo affinchè gli ebrei siano liberati dalla legge…
            la legge infatti, essendo stata data da Dio come nostro “precettore” per portarci fino a Gesù, è diventata un laccio per gli ebrei che hanno rinnegato il loro salvatore!! leggi la lettera ai Galati che lo spiega benissimo…
            e se li ami glielo devi dire che devono ravvedersi altrimenti vanno all’Inferno… che amore dimostri verso di loro se non ti importa della loro salvezza?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *