Ricordate il passato (sui decreti dell’Altissimo) – Predicazione del 10 maggio 2017

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

This entry was posted in Mie predicazioni audio and tagged . Bookmark the permalink.

One Response to Ricordate il passato (sui decreti dell’Altissimo) – Predicazione del 10 maggio 2017

  1. fabio says:

    Pace Giacinto,
    credo che l’intento di tanti che si dicono cristiani ma che dipingono un Gesù diverso da quello descritto nei Vangeli sia lo stesso lo stesso del mondo ovvero quello di farci vedere che Dio abbia perso il controllo della situazione e quindi che cosa spingono a fare costoro se non a incitare la gente come avvenne ai tempi di Mosè quando quest’ultimo sali sul Monte per quaranta giorni e non vedendolo tornare dissero cio che si legge in Esodo 32:1 Il popolo, vedendo che Mosè tardava a scendere dalla montagna, si affollò intorno ad Aronne e gli disse: «Facci un dio che cammini alla nostra testa, perché a quel Mosè, l’uomo che ci ha fatti uscire dal paese d’Egitto, non sappiamo che cosa sia accaduto»

    quindi costoro credono di potersi permettere di dire ciò che vogliono persino che Dio non prestabilisce (ovvero stabilisce prima), ogni cosa secondo la Sua Volontà solo perché sempre secondo i loro ragionamenti “Egli tarda a venire”, ma non è così infatti la scrittura afferma in Ebrei 10,37 Ancora un poco, infatti, un poco appena, e COLUI che deve venire, VERRA’ E NON TARDERA’.

    DIO conosce tutta la sua creazione e cosi conosce quelli che sono suoi q quelli che sono suoi Lo conoscono infatti si legge in Giovanni 10,27 Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.

    Dio il Padre ha PRESTABILITO l’Unigenito Figlio Suo GESU’ CRISTO come il Salvatore di tutti gli uomini che crederanno nel SUO NOME e questo lo ha fatto per AMORE, e chiunque crederà in Lui nel Figlio non perirà ma avrà vita eterna

    pace

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *