Che cos’è la lettera che uccide? – Predicazione del 17 maggio 2015

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

This entry was posted in Mie predicazioni audio and tagged . Bookmark the permalink.

5 Responses to Che cos’è la lettera che uccide? – Predicazione del 17 maggio 2015

  1. Massimo says:

    Giacinto, il pastore della chiesa che frequentavo prima nove volte su dieci faceva il suo sermone prendendo spunto dall’ Antico Testamento. E ora che lo hai confermato anche tu ne comprendo meglio le vere motivazioni!
    La “Lettera” come hai ben evidenziato è “la Legge” in relazione all’ A.T. eppure molti ricordano spesso alla comunità che “la lettera uccide” perchè?
    Perchè sbizzarrirsi così tanto nel vecchio Patto, anzichè nel Nuovo?
    Beh… ci sono cose che tornano loro di gran utilità; quali ad esempio? : ” La DECIMA”. Eh…sì… con questa non si transige….s’ha da fare! E’ un ordine di Dio e va preso assolutamente alla lettera! STOLTI!!
    Ignorano che coloro i quali hanno creduto in Gesù Cristo, il Figlio di Dio, diventano loro stessi una lettera aperta conosciuta e letta da tutti, una “lettera di Cristo”, scritta con lo Spirito del Dio Vivente! In Lui sono vivificati! Diventano ministri di un Nuovo Patto, sottomettendosi ad una “Legge di Libertà” sotto l’esclusiva guida dello Spirito Santo e dove c’è lo Spirito del Signore lì c’è LIBERTA’.
    Questa è l’autentica Libertà in Cristo!
    Ma i Massoni infiltrati nelle chiese e tutti i filomassoni o paramassoni ignorando questo non possono realizzare questa grazia, perchè è fondata sulla sola FEDE.
    Quindi a loro non resta altro che disprezzarla e farsì che anche altri e quanti più possibile la disprezzino! Così facendo disprezzano quanti invece sospinti dallo Spirito di Dio vogliono ubbidire alla Parola di Dio in piena sottomissione così come è stata trasmessa ai santi una volta per sempre (Giuda 1:3) disprezzando soprattutto l’ apostolo Paolo! Stolti… a quando il Ravvedimento, a quando i frutti degni del Ravvedimento? Pace.

    • giacintobutindaro says:

      Non tutti i santi sono ministri del Nuovo Patto …. infatti non tutti i santi sono apostoli come Paolo o dottori come Paolo … per essere ministri del nuovo patto bisogna avere ricevuto un dono di ministerio

  2. Massimo says:

    Giusta correzione Giacinto! Mi sono limitato ad accennare il versetto 6 di 2° Cor. 3 ma doverosamente va precisato che l’apostolo Paolo inizia questa sua lettera proprio presentandosi come “apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio” alla chiesa di Corinto unitamente al fratello Timoteo e nel corso della quale menziona anche Tito!
    Tutti uomini di Dio che hanno anche ricevuto da Lui stesso uno straordinario dono di ministerio! Pace.

  3. fabio says:

    Pace,
    Gesù ebbe a dire queste parole di tutti costoro che hai descritto Massimo come si legge in Matteo 23:13-34 Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, CHE CHIUDETE IL REGNO DEI CIELI DAVANTI AGLI UOMINI; PERCHE’ COSI VOI NON VI ENTRATE ,E NON LASCIATE ENTRARE NEMMENO QUELLI CHE VOGLIONO ENTRARCI. Guai a voi, Scribi e Farisei ipocriti! perciocchè voi divorate le case delle vedove; e ciò, sotto specie di far lunghe orazioni; perciò, voi riceverete maggior condannazione. Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi.
    Guai a voi, guide cieche, che dite: Se si giura per il tempio non vale, ma se si giura per l’oro del tempio si è obbligati. Stolti e ciechi: CHE COSA E’ PIU’ GRANDE, L’ORO O IL TEMPIO CHE RENDE SACRO L’ORO? E dite ancora: Se si giura per l’altare non vale, ma se si giura per l’offerta che vi sta sopra, si resta obbligati. Ciechi! CHE COSA E’ PIU’ GRANDE, L’OFFERTA O L’ALTARE CHE RENDE SACRA L’OFFERTA? Ebbene, chi giura per l’altare, giura per l’altare e per quanto vi sta sopra; e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che l’abita. E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso.
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, CHE PAGATE LA DECIMA della menta, dell’anèto e del cumìno, E TRASGREDITE LE PRESCRIZIONI PIU’ GRAVI DELLA LEGGE: LA GIUSTIZIA , LA MISERICORDIA E LA FEDELTA’. QUESTE COSE BISOGNAVA PRATICARE,SENZA OMETTERE QUELLE. Guide cieche, che filtrate il moscerino e ingoiate il cammello!
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che pulite l’esterno del bicchiere e del piatto mentre all’interno sono pieni di rapina e d’intemperanza. Fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere, perché anche l’esterno diventi netto!
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all’esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. Così anche voi apparite giusti all’esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità.
    Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che innalzate i sepolcri ai profeti e adornate le tombe dei giusti, e dite: Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non ci saremmo associati a loro per versare il sangue dei profeti; e così testimoniate, contro voi stessi, di essere figli degli uccisori dei profeti. Ebbene, colmate la misura dei vostri padri!
    Serpenti, razza di vipere, come potrete scampare dalla condanna della Geenna? Perciò ECCO, IO VI MANDO PROFETI,SAPIENTI E SCRIBI; di questi alcuni ne ucciderete e crocifiggerete, altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe e li perseguiterete di città in città;

    ed anche in Atti 15,10 Or dunque, perché continuate a tentare Dio, IMPONENDO SUL COLLO DEI DISCEPOLI,UN GIOGO CHE NE’ I NOSTRI PADRI NE’ NOI SIAMO STATI IN GRADO DI PORTARE?

    ebbene come ha detto Giacinto in un’altra predicazione che cosa dobbiamo fare davanti alla menzogna che questi rappresentanti usano per trarne il loro profitto? bisogna abbassare la testa e dire “amen” …NO, qui c’e’ da alzare la voce e dire “cosi non sia” affinchè chi ascolterà la VERITA’ DI DIO ovvero IL SUO CRISTO ,IL FIGLIO, GESU’ possa DARE GLORIA AL CREATORE DEI CIELI E DELLA TERRA , AFFINCHE’ DIO IL PADRE DI GESU’ SIA RESO VIVO NELLA VITA DI OGNI UOMO DA LUI SCELTO SIN DALLA FONDAZIONE DEL MONDO.

    pace

  4. fabio says:

    Pace
    Giacinto potremo fare memoria per ciò che concerne alla “lettera uccide” anche ciò che si legge in 1 Cor 15,54-58 Quando poi questo corpo corruttibile si sarà vestito d’incorruttibilità e questo corpo mortale d’immortalità, si compirà la parola della Scrittura: La morte è stata inghiottita nella vittoria. Dov’è, o morte, la tua vittoria?
    Dov’è, o morte, il tuo pungiglione? IL PUNGIGLIONE DELLA MORTE E’ IL PECCATO E LA FORZA DEL PECCATOE’ LA LEGGE. SIANO RESE GRAZIE A DIO, CHE CI DA’ LA VITTORIA PER MEZZO DEL SIGNORE NOSTRO GESU’ CRISTO! Perciò, fratelli miei carissimi, rimanete saldi e irremovibili, progredendo sempre più nell’opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore.

    Credo Giacinto che sia giusto leggere sia l’Antico Testamento che il Nuovo Testamento ma credo altresi come è stato gia detto da te e da Massimo che tanti leggono l’Antico Testamento per far dire alla Parola di Dio ciò che non dice e cosi essi dimostrano di non comprendere ciò che leggono e di non conoscere né il Padre né il Figlio Gesù Cristo come si legge in Giovanni 5,36-46 Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato. E anche il Padre, che mi ha mandato, ha dato testimonianza di me. Ma voi non avete mai ascoltato LA SUA VOCE Né AVETE MAI VISTO IL SUO VOLTO, e la sua parola non rimane in voi; infatti non credete a colui che egli ha mandato. Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna: sono proprio esse che danno testimonianza di me. Ma voi non volete venire a me per avere vita.
    Io non ricevo gloria dagli uomini. Ma vi conosco: non avete in voi l’amore di Dio. Io sono venuto nel nome del Padre mio e voi non mi accogliete; se un altro venisse nel proprio nome, lo accogliereste. E come potete credere, voi che ricevete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene dall’unico Dio?
    Non crediate che sarò io ad accusarvi davanti al Padre; vi è già chi vi accusa: Mosè, nel quale riponete la vostra speranza. Se infatti credeste a Mosè, credereste anche a me; perché egli ha scritto di me.

    questo dice Gesù , MA VOI NON VOLETE VENIRE A ME PER AVERE VITA.

    Quante volte Giacinto ci viene detto che allora siamo fondamentalisti nel leggere la Parola di Dio eppure io ti dico che non sono stanco di ripetere che cosi va letta cosi va accolta come una terra che accoglie il seme e cosi va predicata e testimoniata, mentre mi sono stancato di tutti coloro che portano e insegnano “un altro Vangelo” Galati 1,6 Mi meraviglio che, così in fretta, da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo voi passiate a un altro vangelo… di tutti coloro che ci parlano di un altro Gesù ma con fermezza come pietra ferma c’è da testimoniare in ciò che crediamo ovvero ciò che si legge in Mt 16,16 Rispose Simon Pietro: «TU SEI IL CRISTO, IL FIGLIO DEL DIO VIVENTE». ed anche Mc 8,29 Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «TU SEI IL CRISTO» ed ancora Gv 11,27 (Marta) Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che TU SEI IL CRISTO, IL FIGLIO DI DIO, colui che viene nel mondo».

    E QUESTA FEDE E’ IL FRUTTO DELLA GRAZIA DI DIO CHE VIENE DALLO SPIRITO come si legge in 2 Corinzi 1,22 ci ha impresso il sigillo e ci ha dato la caparra dello Spirito nei nostri cuori.

    quando si legge in Marco 16,18 prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
    cosi è infatti si legge anche in Atti 28,3-6 Mentre Paolo raccoglieva un fascio di sarmenti e lo gettava sul fuoco, una vipera, risvegliata dal calore, lo morse a una mano. Al vedere la serpe pendergli dalla mano, gli indigeni dicevano tra loro: «Certamente costui è un assassino, se, anche scampato dal mare, la Giustizia non lo lascia vivere». Ma egli scosse la serpe nel fuoco e non ne patì alcun male. Quella gente si aspettava di vederlo gonfiare e cadere morto sul colpo, ma, dopo avere molto atteso senza vedere succedergli nulla di straordinario, cambiò parere e diceva che era un dio.

    siano rese grazie al Padre ed al Figlio per mezzo dello Spirito Santo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *