Ex massone parla dei «pastori evangelici» amici della Massoneria

Un ex massone del 16° del Rito Scozzese Antico ed Accettato ha affermato in questa intervista: «… spesso e volentieri anche all’interno del mondo riformato, protestante, evangelico, ci sono delle zone grigie. Ci sono delle zone grigie significa che ci sono dei ministri di culto che si sa essere amici, per cui ci si può permettere magari anche di aprire un tempio massonico senza avere timore che dal pulpito venga catapultato un sermone o un messaggio antimassonico. Si ha una chiara geografia dei luoghi e delle persone che possono, diciamo, agevolare il lavoro della loggia, e la cosa che particolarmente mi preme oggi dire è che spesso questi ministri di culto evangelici non sono gli iniziati, però hanno un rapporto simbiotico, o comunque di compromesso con la Massoneria. Io non tocco te, tu non tocchi me, tu mi permetti magari all’interno di un particolare territorio appesantito, per esempio, dalla religione cattolica, di affermarmi, di avere mezzi a disposizione, di acquistare locali, di fare delle attività di evangelizzazione? Beh, il massone non si pone il problema, se tu non gli pesti i piedi lui ti fa andare avanti, ti fa andare avanti, e in alcuni casi ti coopta, in alcuni casi.» (min. 2:44-4:04)

Io queste cose ve le dico ormai da anni, fratelli. Quindi quello che dice questo ex massone conferma pienamente quello che vi ho detto. Ecco dunque perché tanti sedicenti pastori evangelici – compresi pentecostali – hanno «le porte aperte»: perché gliele apre la Massoneria, perché hanno il favore della Massoneria, perché sono amici della Massoneria in quanto non si oppongono alla Massoneria. Con le loro predicazioni essi infatti non condannano pubblicamente la Massoneria e non mettono in guardia i credenti da essa, per cui vengono considerati dagli stessi massoni degli amici della Massoneria.
Quindi, sappiate che tutti quei pastori che vi ripetono: «Noi non parliamo contro nessuno, e quindi neppure contro la Massoneria», o «Non facciamo polemica», o «La Massoneria è buona, e promuove il bene dell’umanità», pur non essendo iniziati alla Massoneria, sono considerati dagli stessi massoni degli amici della Massoneria, e quindi la Massoneria li favorisce per ricompensarli per il loro silenzio!
Torno dunque a dirvi di uscire e separarvi da tutte quelle Chiese che hanno pastori che si rifiutano di condannare pubblicamente la Massoneria e di mettere in guardia da essa. Sono degli alleati della Massoneria. Il loro silenzio è molto prezioso alla Massoneria, e la Massoneria ricambia il favore che gli fanno con favori di vario genere, favori dunque che non sono una benedizione di Dio ma il frutto di questa alleanza satanica che queste Chiese hanno fatto, sì un’alleanza con Satana, perché la Massoneria è una istituzione al servizio di Satana che promuove la distruzione del Cristianesimo. E queste Chiese rifiutandosi di parlare contro la Massoneria rifiutano di parlare contro le opere di Satana.
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Massoneria and tagged , . Bookmark the permalink.

One Response to Ex massone parla dei «pastori evangelici» amici della Massoneria

  1. fabio says:

    Pace Giacinto,
    Grazie per aver postato anche questi videi che fanno venire alla Luce ciò che tanti cercano di nascondere e così si adempie la Parola che si legge in Matteo 10,26
    Non li temete dunque, poiché non v’è nulla di nascosto che non debba essere svelato, e di segreto che non debba essere manifestato.

    E ciò che si legge in Galati 1:9-10
    L’abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema! Infatti, è forse il favore degli uomini che intendo guadagnarmi, o non piuttosto quello di Dio? Oppure cerco di piacere agli uomini? Se ancora io piacessi agli uomini, non sarei più servitore di Cristo!

    La Pace del Signore nostro Gesù Cristo sia con te Giacinto

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *