Su Pietro e Giovanni

Erano dei peccatori, e di professione erano dei pescatori, quindi persone che non avevano fatto studi accademici. E il Signore Gesù li salvò e li scelse per farne dei suoi apostoli. Sì, il Figlio di Dio disceso dal cielo per volontà di Dio, passando per il mare di Galilea li chiamò affinché lo seguissero e poi li costituì apostoli, mandandoli a predicare il Vangelo con la potestà di cacciare gli spiriti immondi, e di sanare qualunque malattia e qualunque infermità. Sto parlando di Pietro e Giovanni. Sì, erano dei popolani senza istruzione, agli occhi del mondo che li odiava, ma erano stati eletti in Cristo prima della fondazione del mondo e quindi nel tempo prestabilito da Dio furono salvati, erano degli uomini santi e giusti e umili, degli uomini autorevoli, pieni di Spirito Santo, che conoscevano le Scritture, che trasmettevano ai santi tutto il consiglio di Dio con ogni franchezza, che temevano Dio, e che erano pronti a morire per il nome di Gesù Cristo; un esempio da imitare per i santi di tutte le generazioni, e tutto questo per la grazia di Dio che era con loro! E Dio si usò proprio di uomini come Pietro e Giovanni per edificare la Sua Chiesa e per mettere sottosopra il mondo di allora svergognando i savi di allora. Come dice l’apostolo Paolo: “Dio ha scelto le cose pazze del mondo per svergognare i savî; e Dio ha scelto le cose deboli del mondo per svergognare le forti; e Dio ha scelto le cose ignobili del mondo, e le cose sprezzate, anzi le cose che non sono, per ridurre al niente le cose che sono, affinché nessuna carne si glorî nel cospetto di Dio.” (1 Corinzi 1:27-29)
Ecco quello che Dio è in grado di fare, e che fa ancora oggi. Al bando dunque le ciance di coloro che dicono che occorre una formazione accademica adeguata per essere ministri di Dio, e quindi bisogna avere studiato in qualche università e poi avere frequentato una scuola biblica: quelli che parlano così sono i massoni, che sono degli anticristi, che usano le università e le scuole bibliche per traviare i credenti massonizzandoli con il loro diabolico pensiero, che è essenzialmente un pensiero gnostico. E questi empi si trovano in mezzo alle Chiese.
Oggi gli uomini come Pietro e Giovanni, proprio perché eletti da Dio, e chiamati ad essere ministri di Dio per volontà di Dio, e resi capaci d’essere tali da Dio, ed essendo un esempio per i santi, sono odiati e disprezzati proprio dai massoni, da questi anticristi travestiti da cristiani che hanno invaso le Chiese di ogni nazione e che bisogna togliere di mezzo dalle Chiese in quanto il loro scopo è quello di fare apostatare i santi dalla fede nel Figliuolo di Dio. Sì i massoni odiano i popolani senza istruzione costituiti da Dio suoi ministri, perché i ministri di Dio servono Dio e si studiano di piacere a Dio, e non servono la Massoneria e non si studiano di piacere al mondo; i ministri di Dio amano la sapienza di Dio e non quella del mondo, essi cercano la gloria che viene da Dio e non quella che viene dagli uomini.
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Insegnamenti, Massoneria, Meditazioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to Su Pietro e Giovanni

  1. Massimo says:

    Dici bene Giacinto :” Oggi gli uomini come Pietro e Giovanni, proprio perché eletti da Dio….. sono odiati e disprezzati proprio dai massoni, da questi anticristi travestiti da cristiani che hanno invaso le Chiese di ogni nazione e che bisogna togliere di mezzo dalle Chiese”.
    E mi chiedo :” Ma se il pastore è un massone non di nome ma di fatto perchè indotto e condotto dai vertici dell’Organizzazione cui fa parte, è un loro sottoposto e da questi dipende economicamente perchè è stipendiato; e se tale pastore influenza per certo corrompendo i suoi diaconi (i consiglieri ) e così di riflesso buona parte delle pecore della sua comunità, a che cosa e a chi servirà più tanto SALE INSIPIDO?
    Bisogna piuttosto che ogni singolo credente che desidera veramente santificarsi ABBANDONI tali Comunità, ESCA FUORI da esse, prima che anzichè cercare del continuo la santificazione senza la quale nessuno vedrà Dio, venga contaminato dalla filosofia religiosa che lo ammalia confondendolo, e che ha come unico scopo distruggere la sana dottrina!
    Come potrà mai Dio operare in assemblee così massonizzate e che quindi agiscono sotto una sempre più pressante influenza satanica?
    L’ira di Dio è sopra di loro eppure dai pulpiti costoro continuano a gridare :
    “Il Signore è buono e ci ama così come siamo”. IPOCRITI, RAZZA DI VIPERE!
    Sì…meglio la pazzia, meglio la debolezza, meglio lo sprezzo e così restando nascosti agli occhi degli uomini!… saremo invece preziosi agli occhi di Dio!

  2. fabio says:

    Pace,
    Pietro,Giovanni,il cieco poiché questo si legge in iovanni 9:17
    17 Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu che dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?». Egli rispose: «È un profeta!».

    Ed anche ciò che si legge in Giovanni 9:31-34 Ora, noi sappiamo che Dio non ascolta i peccatori, ma se uno è timorato di Dio e fa la sua volontà, egli lo ascolta. 32 Da che mondo è mondo, non s’è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato. 33 Se costui non fosse da Dio, non avrebbe potuto far nulla». 34 Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e vuoi insegnare a noi?». E lo cacciarono fuori.

    Questo si legge che lo cacciarono fuori perché così avevano decretato i Giudei come si legge al versetto 22 Questo dissero i suoi genitori, perché avevano paura dei Giudei; infatti i Giudei avevano già stabilito che, se uno lo avesse riconosciuto come il Cristo, venisse espulso dalla sinagoga

    Che escano i tanti che si dicono cristiani che mettano alla prova i conduttori delle comunità per capire chi servono se il Padre del nostro Signore Gesù o mammona

    Pace

    • Massimo says:

      Concordo Fabio…. ma per uscir fuori da certe comunità ci vuole “coraggio”, quel coraggio che viene da un amore vero, un amore profondo, perchè “nell’Amore non c’è paura” (1° Giovanni 4:18).
      Ma l’amore di molti per le cose di Dio è pressochè nullo e “Quindi chi ha paura non è perfetto nell’Amore”. Ma purtroppo benchè si trovino in questa triste condizione, si sono autoconvinti che il Signore li ami così come sono, anche con questa imperfezione, e s’incoraggiano l’un l’altro dicendosi : “Tanto…la Chiesa perfetta non esiste! Che gran stoltezza! Pace.

  3. fabio says:

    Pace Massimo,
    Certo l’uomo non ha in cuore le cose di Dio infatti si legge in Giovanni 5:40-43 Ma voi non volete venire a me per avere la vita.
    Io non ricevo gloria dagli uomini. Ma io vi conosco e so che non avete in voi l’amore di Dio. Io sono venuto nel nome del Padre mio e voi non mi ricevete; se un altro venisse nel proprio nome, lo ricevereste.

    Massimo io come disse l’apostolo Paolo in 1 Corinzi 15,8 Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto…Posso dirti per esperienza che in tanti di coloro che frequentavano le comunità cattoliche di cui facevo parte con mia moglie e i miei figli mi hanno detto di tutto compresa la classica frase ma così vi isolate ,oppure i tuoi figli saranno soli… Credo dicano questo per paura perché chi veramente crede nel FIGLIO DI DIO legge in Luca 20,17
    Allora egli si volse verso di loro e disse: «Che cos’è dunque ciò che è scritto:
    La pietra che i costruttori hanno scartata,
    è diventata testata d’angolo?

    Ma d’altronde Gesù già disse alle donne in Luca 23:27-31 Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso le donne, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: Beate le sterili e i grembi che non hanno generato e le mammelle che non hanno allattato.
    Allora cominceranno a dire ai monti:
    Cadete su di noi! e ai colli:Copriteci!
    Perché se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?».

    Eppure nonostante le frasi per aggiungere paura alla paura io Massimo vorrei cogliere ancora un piccolo spazio per dire GRAZIE A DIO NEL NOME DI SUO FIGLIO GESÙ perché come si legge in Luca 3,8
    Fate dunque opere degne della conversione e non cominciate a dire in voi stessi: Abbiamo Abramo per padre! Perché io vi dico che Dio può far nascere figli ad Abramo anche da queste pietre.

    Ebbene io ti dico che Dio suscita vere amicizie ai miei figli la dove non ce lo aspettavamo

    Credo anche Massimo che quando uno AMA IL SIGNORE DIO CON TUTTO IL COINVOLGIMENTO DEL PROPRIO ESSERE ancor prima di uscire Lui saranno quelli dell’organizzazione stessa a fargli capire che la sua presenza non è più gradita e questo perché avendo in cuore le cose di Dio diviene come il SUO SIGNORE UN SEGNO DI CONTRADDIZIONE come si legge in Luca 2,34
    Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione

    Pace Massimo,è bello risentirti

    • Massimo says:

      Fabio, anche se a volte sto in silenzio, leggo sempre ed ascolto le parole di Giacinto che reputo un fratello maggiore, riconoscendo il ministerio che Dio gli ha dato, come del resto leggo te e quanti partecipano ai commenti e che saluto, ma in particolar modo tutti i credenti nella pace del Signore!

      • fabio says:

        Pace Massimo,
        Anche se tanti non riconoscono in Giacinto il ministerio coloro che sono da Dio lo riconoscono perché nel suo parlare non v’è la ricerca della propria gloria ma di Colui che l’ha inviato ovvero Colui che disse in Atti 1,8 ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e MI SARETE TESTIMONI a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra».

        Si anche io Massimo riconosco non solo in Giacinto ma anche in tanti che scrivono i commenti La VOCE DELL’UNICO PASTORE che come disse l’apostolo Paolo in 1 Corinzi 15,28 E quando tutto gli sarà stato sottomesso, anche lui, il Figlio, sarà sottomesso a Colui che gli ha sottomesso ogni cosa, perché DIO SIA TUTTO IN TUTTI.

        Pace a te Massimo e a tutti coloro che ricercano Dio avendo in cuore di fare la SUA VOLONTÀ

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *