Il massone Frank Gigliotti incontrò molte volte il potente boss mafioso Lucky Luciano

Nel libro dal titolo «Onorate Società» si legge che il massone ed agente della CIA Frank Bruno Gigliotti nel 1947 in Sicilia si incontrò parecchie volte con il potente boss mafioso Lucky Luciano del quale su Wikipedia leggiamo: «Lucky Luciano, all’anagrafe Charles Luciano, nato Salvatore Lucania (Lercara Friddi, 24 novembre 1897 – Napoli, 26 gennaio 1962), è stato un mafioso italiano naturalizzato statunitense, legato alla cosiddetta “Cosa nostra statunitense”. Salvatore Lucania assunse legalmente, negli Stati Uniti d’America, il nome di Charles Luciano, e successivamente il soprannome “Lucky”, cioè “fortunato”. Tale soprannome gli venne attribuito in seguito ad una vicenda accaduta il 16 ottobre 1929: alcuni uomini non identificati lo accoltellarono più volte e lo lasciarono in una spiaggia di Staten Island con la gola squarciata, credendolo morto, ma Luciano si salvò, e da allora venne chiamato «Lucky», il fortunato. È considerato il padre del moderno crimine organizzato nonché uno dei protagonisti della massiccia espansione del commercio di eroina nel secondo dopoguerra. È stato un potente boss dell’attuale Famiglia Genovese. Il Time Magazine ha inserito Luciano tra i 20 uomini più influenti del XX secolo.» (https://it.wikipedia.org/wiki/Lucky_Luciano).

In questo documentario si parla di Lucky Luciano

Ecco un servizio giornalistico sul funerale di Lucky Luciano

Ora, considerato che Frank Gigliotti era amico del primo presidente delle ADI Umberto Gorietti (con il quale è anche in una fotografia), torno a dirvi, fratelli che ancora frequentate Chiese ADI, di scappare dalle ADI! Non aggiungo altro, non c’è bisogno di alcun mio commento a quanto si legge in questo libro, perché i savi di cuore intendono.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Assemblee di Dio in Italia, Massoneria and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Il massone Frank Gigliotti incontrò molte volte il potente boss mafioso Lucky Luciano

  1. Luana says:

    Signor Butindaro, non può attivare sul suo blog il servizio dove è possibile “abbonarsi” per mail, di modo che si ricevono tutti i suoi post come notifica nei commenti della mail? così renderebbe più facile per i suoi lettori affezionati visionare il suo lavoro, non perdersi neppure un post e conservare i post che interessano nella casella mail, di modo che si può aprirli con velocità mentre invece spesso per trovare un suo post si perdono diversi minuti perché bisogna fare la ricerca per parole chiave, ma così vengono fuori tutti incolonnati e ricercare il titolo preciso (se poi non lo si ricorda del tutto) diventa un po’ frustrante…
    Le lascio sempre i miei complimenti, utilissimo (come al solito) su questo post sulla mafia che ho letto pochi minuti fa.
    Volendo si potrebbe scrivere un lungo libro, perché se si facesse tutto il resoconto delle alleanze che la chiesa cattolica o il singolo vescovo/prete ha stabilito con questo o quel mafioso (non solo in Italia), credo che verrebbe già fuori molto materiale per un’inchiesta… chissà poi se la chiesa cattolica in Asia ha fatto alleanze anche con la Yakuza… o comunque, gli ambienti evangelici… chissà! se si espandono in paesi asiatici, ci sarà sicuramente il controllo/supervisione della mafia giapponese… bisognerebbe indagare anche su questo.

    • giacintobutindaro says:

      Signora Luana, ho inserito la possibilità di iscriversi alla Newsletter, guardi in alto alla sua destra sopra search.

      • Luana says:

        Grazie, utilissimo! Mi sono già iscritta! Così c’è la possibilità di tenere i post anche per mail e di trovare tutto subito anche se per un periodo non si può stare sempre connessi ad internet! Niente va perduto e si resta aggiornati! Grazie!!!

  2. Luana says:

    Qui c’è una pagina in anteprima di lettura di un libro che analizza il rapporto gerarchico della mafia e della chiesa cattolica
    https://books.google.it/books?id=TtEmBgAAQBAJ&pg=PT274&lpg=PT274&dq=yakuza+e+chiesa+cattolica&source=bl&ots=x3PrbfaGHx&sig=mkAjuhQjc2HEgINjKUzHV-Blx_0&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwi4sr3_5arWAhUGElAKHXD4AtAQ6AEIYTAM#v=onepage&q=yakuza%20e%20chiesa%20cattolica&f=false
    le metto il link, così può leggerlo (anche se non è in formato integrale), magari trova qualcosa di utile per un suo prossimo scritto a tema “mafia e chiese”. Tra l’altro qualche tempo fa in Italia abbiamo avuto la dimostrazione palese col funerale di Casamonica… e la chiesa addobbata con striscioni e fiori!!! Non mi pare neanche che la chiesa cattolica (criticata da tanti!) abbia poi cercato di salvare le apparenze… sono talmente collusi con i mafiosi che neanche di fronte all’evidenza negano o tentano scusanti!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *