Contro i templi evangelici – Predicazione del 18 ottobre 2017

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

This entry was posted in Mie predicazioni audio and tagged . Bookmark the permalink.

7 Responses to Contro i templi evangelici – Predicazione del 18 ottobre 2017

  1. Massimo says:

    E’ scritto : “Il cielo è il mio trono e la terra è lo sgabello dei miei piedi; quale casa potreste costruirmi? Quale potrebbe essere il luogo del mio riposo?” (Isaia 66:1).
    Eppure molti “guastatori” nella loro astuzia fanno pressione su molte pecore smarrite per innalzare sinagoghe a Satana, cui poi le stesse si affezionano eccome, avendo sborsato tanti soldini dalle loro tasche!
    “L’Altissimo però non abita in edifici fatti da mano d’uomo, come dice il profeta..” (Atti 7:48) . Eppure molti conduttori/pastori stolti sfruttano le loro pecore per costruire edifici per adorare un dio che non è affatto l’Altissimo!
    Quanto sono tremendamente vere le tue parole Giacinto sul conto di questi pseudo pastori incravattati, sedicenti ministri di Cristo, che si affannano ad innalzare templi sfruttando l’ignoranza di tante pecore zoppe croniche!
    Ma ciò che fa ancor più male Giacinto è sapere che vi sono templi appartenenti a organizzazioni religiose che sono stati costruiti con denaro sporco, riciclato, grazie all’aiuto economico di organizzazioni criminali!
    Ma sai quale è la risposta più stolta che certuni potrebbero dare in proposito?
    Questa : ” Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano il Signore…” (Romani 8:28). Rispondono che Dio dal male può trarre del bene.. ecc…
    Questi maestri nel distorcere la Verità di Dio, lo fanno perchè sono letteralmente al soldo dell’organizzazione cui appartengono, in piena sottomissione e obbedienza al loro capo che non è certo Gesù Cristo bensì il Presidente dell’organizzazione, quello che di fatto li paga mensilmente con denaro tintinnante e che mette da parte anche i contributi previdenziali, sì quelli che garantiranno poi un giorno il godimento di una discreta pensioncina senza alcun mal di testa! Del resto loro sono dei professionisti altro che micio micio bau bau! E se poi se verranno fatti (sempre dagli uomini) dei “pastori emeriti ” allora “il tutto coopererà al bene, sì al loro bene personale”, ovvero a impinguare meglio la loro disponibilità economica e ciò non guasta mai! Del resto si sa : “Soldo chiama soldo!”.
    Pace.

  2. fabio says:

    AMEN Giacinto, e grazie a Dio il Padre del nostro Signore Gesù anche per questa predicazione per questo annuncio della verità
    che siano cattedrali cattoliche o templi evangelici o come si fanno chiamare, mi fa venire in mente ciò che disse quell’uomo ricco in Luca 12:17 Egli ragionava tra sé: Che farò, poiché non ho dove riporre i miei raccolti? 18 E disse: Farò così: demolirò i miei magazzini e ne costruirò di più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni.

    cosi ragionano tutti questi laureati alla scuola di teologia ,tutti questi rappresentanti e di certo non alla e per la GLORIA DI DIO ma bensi per ciò che disse sempre quell’uomo in Luca 12:19 Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e datti alla gioia.

    ma la risposta di Dio non si fa certo aspettare come si legge in Luca 12:20 Ma Dio gli disse: Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato di chi sarà?

    cosi sarà la fine di tutte queste strutture “costruzioni architettoniche” le quali ci ricordano non la casa di Dio ma bensi quella torre di babele in cui Dio disperse le loro lingue come si legge in Genesi 11:9 Per questo la si chiamò Babele, perché là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra.

    Giacinto quando frequentavo ancora la chiesa cattolica ci incontravamo anche nelle case e fnche predicavo la dottrina cattolica/massonica il gruppo di quelli che ci incontravamo cresceva ma quando iniziai solo per Grazia di Dio a parlare a predicare l’unico Vangelo della Grazia parlando non solo dell’AMORE di Dio ma anche della Sua GIUSTIZIA DELLA RICERCA DEL TIMORE DI DIO i miei occhi hanno visto il tavolo della cucina svuotarsi sempre di più ed anche se allora non capivo questo si legge in 2 Timoteo 4,3 Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie,

    ed anche in Romani 3:10-11 come sta scritto: Non c’è nessun giusto, nemmeno uno,
    non c’è sapiente, non c’è chi cerchi Dio!

    mi ricordo quanto destava scalpore tra i vescovi (cattolici) e tra alcuni preti che il sacerdote della comunità che frequentavo invitasse le persone a riunirsi nelle case, dico questo pur tenendo sempre presente che durante quegli incontri non vi era la vera ed unica predicazione della sana dottrina della PAROLA DI DIO, comunque oggi parlare di incontrarsi nelle case vieni annoverato come uno che appartiene a qualche setta poi invece di tutte le menzogne che vengono dette da tanti pulpiti di queste cattedrali quello no non desta l’attenzione di tanti che prendono quelle parole ascoltate senza andare a esaminare le scritture di ciò che gli è stato detto come invece fecero quelli della comunità di Berea come si legge in Atti 17:11 Questi erano di sentimenti più nobili di quelli di Tessalonica ed accolsero la parola con grande entusiasmo, esaminando ogni giorno le Scritture per vedere se le cose stavano davvero così.

    Pace

    • Massimo says:

      @ Fabio, noi abbiamo la Parola di Dio sicura e se parlando di Gesù, il Cristo di Dio sforzandoci d’ imitarlo secondo il suo Vangelo, succede che chi ci ascolta si allontana …beh… è tutto regolare : ” Chi conosce Dio ascolta noi, chi non è da Dio non ci ascolta. Da questo conosciamo lo Spirito della Verità e lo spirito dell’errore” 1° Giovanni 4:6.
      Ricordi quando Gesù proprio ai suoi: ” Non volete andarvene anche voi?” (Giovanni 6:67).
      E’ lo Spirito Santo che vivifica e le sue parole sono spirito e vita; ma in quei templi aleggia un’altro spirito, sì quello di stordimento, che conduce a morte!
      Pace.

      • fabio says:

        ppesi 1:15-18
        15 Alcuni, è vero, predicano Cristo anche per invidia e spirito di contesa, ma altri con buoni sentimenti. 16 Questi lo fanno per amore, sapendo che sono stato posto per la difesa del vangelo; 17 quelli invece predicano Cristo con spirito di rivalità, con intenzioni non pure, pensando di aggiungere dolore alle mie catene. 18 Ma questo che importa? Purché in ogni maniera, per ipocrisia o per sincerità, Cristo venga annunziato, io me ne rallegro e continuerò a rallegrarmene.

        Certo c’è necessità di esortarsi a vicenda servendosi della BIBBIA che è utile ad INSEGNARE, CONVINCERE, CORREGGERE E FORMARE ALLA GIUSTIZIA come si legge in 2 Timoteo 3:16, ecco perché ringrazio Dio anche per questo blog in cui si viene edificati nella Parola di Dio, io per primo poiché mi ritengo ignorante in quanto a conoscenza.

        Pace Massimo e che Dio il Padre di Gesù Cristo nostro Signore e Salvatore benedica tutti coloro che sparsi nel mondo sono perseguitati, messi in prigione, calunniati e uccisi a motivo della loro testimonianza

      • fabio says:

        Pace Massimo,
        purtroppo nel cellulare faccio fatica a scrivere senza che qualcosa vada perso e vorrei riscrivere quelli con cui avevo iniziato ovvero quello che si legge in 2 Corinzi 12:9-10 Ed egli mi ha detto: «Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza». Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo. Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte.

        Anche se certe volte ci si scoraggia quando ci si trova davanti a persecuzioni, a persone che non ti rivolgono più il saluto, ecco è proprio in quei momenti che dal cuore sale su una forza la potenza di Cristo che ci spinge a rialzarsi con ancora più fervore di quello con cui abbiamo iniziato e questo mi riporta alla mente quello che disse Gesù in Matteo 25,29 Perché a chiunque ha sarà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha.

        Continua…

        • Massimo says:

          Fabio, hai ben considerato… e il nostro Signore Gesù Cristo, lasciato solo, disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo di dolore, familiare con la sofferenza, ha vinto proprio lì, sul Golgota, appeso sulla croce, che per molti invece è simbolo di vergogna e di sconfitta!
          E noi siamo “il FRUTTO DEL SUO TORMENTO INTERIORE” (Isaia 53:11). Gloria a Dio!!
          Pace.

          • fabio says:

            Amen Massimo
            La gloria a Dio ora e per sempre

            1 Corinzi 1:17-19 Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma a predicare il vangelo; non però con un discorso sapiente, perché non venga resa vana la croce di Cristo. La parola della croce infatti è stoltezza per quelli che vanno in perdizione, ma per quelli che si salvano, per noi, è potenza di Dio. Sta scritto infatti:
            Distruggerò la sapienza dei sapienti
            e annullerò l’intelligenza degli intelligenti.

            Pace Massimo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *