Certezza di cose che si sperano – Predicazione del 30 ottobre 2017


[audio:http://www.diretta.lanuovavia.org/i-326-certezza.mp3]

Per scaricarla fai clic qua

Questa voce è stata pubblicata in Mie predicazioni audio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Certezza di cose che si sperano – Predicazione del 30 ottobre 2017

  1. Massimo scrive:

    Amen Giacinto….e volevo considerare con te il versetto in Ebrei 11:7 da te citato che credo riassuma il “carattere” del vero credente che è racchiuso in NOE’ :
    1) la Fede – Noè aveva un totale fiducia nel suo Dio e Creatore.
    2) la Comunione intima col Lui – Noè aveva un grande Amore per Dio e fu
    divinamente avvertito da Lui stesso.
    3) il pio Timore – Noè aveva un profondo sentimento religioso devozionale verso il suo
    Dio misto al santo timore perchè Dio è sì buono ma anche un fuoco consumante.
    4) l’Obbedienza – Noè fece “tutto” quello che Dio gli aveva comandato.
    5) l’Amore per il suo prossimo – Noè preparò un arca “per la sua famiglia”.

    Vorrei pertanto avere da te Giacinto un cenno di conferma o meno in relazione a queste parole :” con la sua fede CONDANNO’ il mondo”.
    Personalmente questo verbo :” condannò ” – lo interpreterei come “GIUDICO’ il mondo” alla stessa stregua di quanto scrive l’apostolo Paolo in 1° Corinzi 5:12 – 6:2-4, e pertanto credo che Noè fu conforme a Dio nel suo GIUDIZIO di CONDANNA del mondo : ” Ora la terra era corrotta davanti a Dio….piena di violenza…poichè tutti erano diventati corrotti sulla terra (Genesi 6:11). Ciò si riallaccerebbe quindi a quest’altra verità scritta da Paolo ovvero che ” l’ UOMO SPIRITUALE , invece, GIUDICA ogni cosa ed egli stesso non è giudicato da nessuno (1° Corinzi 2:15).
    Me lo confermi? Ciò rafforzerebbe maggiormente la nostra fede abbattendo ulteriormente il muro che invece vorrebbero innalzare certi “uomini del dubbio” ovvero i signori Massoni e di riflesso i filomassoni…ecc.. Ti ringrazio.
    Pace.

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo pace. Nell’originale greco il verbo significa «condannare, giudicare degno di punizione»
      http://biblehub.com/greek/2632.htm
      http://biblehub.com/greek/katekrinen_2632.htm

      • Massimo scrive:

        Grazie Giacinto. Quindi come Noè aveva la stessa mente di Dio anche nel Giudizio, similmente noi Cristiani dobbiamo avere la stessa mente di Cristo Gesù anche nel Giudicare le cose di questo mondo! Nel caso del diluvio universale fu un “Giudizio di Condanna” per la grande corruzione che c’era sulla terra ai tempi di Noè; così oggi un Giudizio di condanna per il peccato che c’è nel mondo che sfocerà nell’estrema corruzione come ai tempi di Noè!
        Pace.

        • fabio scrive:

          Pace Massimo,
          Non so se ci può servire per riflettere sulla domanda che hai posto a Giacinto ma si legge in Matteo 19:28
          E Gesù disse loro: «In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele.

          La Vera Chiesa di Dio non quella fatta di mura ma quella costituita da piccole pietre al seguito dell’Unica Pietra che È GESÙ è colonna e base della Verità (1 Timoteo 3:15) e tutto ciò che giudica è giusto perché Essa non ricerca la propria volontà ma quella di COLUI che l’ha inviata e questo si legge in Giovanni 20:21-22 Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi». 22 Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo

          Come hai scritto anche te Massimo in un altro post ci vuole AMORE PER GESÙ CRISTO IL FIGLIO CHE DIO IL PADRE HA MANDATO AFFINCHÉ CHIUNQUE CREDE IN LUI (CIOÈ NEL FIGLIO) NON PERISCE MA ABBIA VITA ETERNA.

          Pace a tutti coloro che ricercano la Volontà di Dio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.