Vogliono distruggere le famiglie

L’apostolo Paolo ha scritto: «Mogli, siate soggette ai vostri mariti, come al Signore; poiché il marito è capo della moglie, come anche Cristo è capo della Chiesa, egli, che è il Salvatore del corpo. Ma come la Chiesa è soggetta a Cristo, così debbono anche le mogli esser soggette a’ loro mariti in ogni cosa.” (Efesini 5:22-24).

Ma dei ministri di Satana travestiti da ministri di Cristo hanno introdotto di soppiatto nelle Chiese l’idea che il marito non è capo della moglie e che la moglie quindi non deve essere soggetta al marito. Nessuno di costoro vi seduca con i suoi vani ragionamenti. Continuate ad attenervi alla dottrina che gli apostoli ci hanno trasmesso per la grazia di Dio, e difendetela dagli attacchi di questi scellerati che vogliono distruggere la Chiesa di Dio andando a colpire le famiglie dei santi portando in mezzo ad esse divisione, discordia e disordine. Lo scopo di questi scellerati infatti è quello di fare insuperbire le mogli e metterle contro i loro mariti, le quali infatti avendo l’appoggio di questi scellerati (diranno ai loro mariti «lo ha detto il pastore, non ricordi?») si sentono autorizzate a usare autorità su di essi, il che invece non è loro permesso (cfr. 1 Timoteo 2:12). Altro scopo che si propongono questi scellerati è quello di fare diventare le donne delle pastoresse e quindi metterle alla conduzione delle Chiese, cosa anche questa che va contro la volontà di Dio in quanto alla donna non è permesso di insegnare (cfr. 1 Timoteo 2:12).

Questi scellerati odiano Dio e quindi odiano anche il suo popolo e ne procacciano il male. Sono uomini che servono il loro ventre, sono dei nemici della croce di Cristo. Guardatevi e ritiratevi da essi.

Giacinto Butindaro

This entry was posted in Confutazioni, Esortazioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

17 Responses to Vogliono distruggere le famiglie

  1. Diana says:

    Penso che Lei sarebbe segnalabile come pericoloso sessista che fomenta misoginia e discriminazione contro le donne, in quanto qui in Italia c’è la parità dei sessi, DIRITTO riconosciuto dalla nostra Costituzione e DIRITTO che le donne di anni fa si sono acquistate col sangue. Che ne pensa? Che ne dice se questo post lo linkiamo un po’ su certe sedi che monitorano le religioni pericolose, tipo l’islam o il cristianesimo maschilista? Le pare giuste fomentare così il sessismo e il disprezzo della donna? La donna non è la serva di nessuno. E non deve obbedire a nessun maschio o ipotetico dio di secoli fa. In tanto perché è immorale e poi perché è comunque un reato, la schiavitù e l’abuso di uno sull’altra. Ci riflette a queste cose, o continua ad avere il cervello obnubilato da precetti anti-umani di secoli fa? Perché guardi che è letto da molte donne, e non siamo per niente contente di vedere questi sproloqui misogini che incitano i maschi a sentirsi superiori alle femmine e a trattarle come serve, o che lasciano intendere che la donna è inferiore al maschio, più stupida, più debole, più peccaminosa e concetti folli del genere. Non solo non obbediamo a queste follie misogine, ma le dico anche di più: CI RIFIUTIAMO di avere a che fare con maschi della sua risma – ovvero frequentarli, ascoltarli, dar loro ragione ecc. , signor Butindaro. Famigerato già in altre sedi, a quanto vedo in giro. E ci sentiamo anche il dovere di dire alle donne di stare alla larga da chiunque sia maschio come Lei. Forse è anche la cosa migliore, mettere in guardia le donne di stare alla larga dai maschi cristiani e di non mettere piede nelle vostre associazioni – stare bene alla larga fisicamente da voi, e non solo da islamici fondamentalisti. Prevenire è meglio che curare.

    • giacintobutindaro says:

      Io predico la Parola di Dio. Chi è da Dio ascolta la parola di Dio. Per questo lei non l’ascolta, perchè lei non è da Dio.

      • Diana says:

        ottimo, quindi se nella bibbia ci fosse scritto di uccidere gli infedeli, Lei farebbe un attentato.

        La parola di dio non ci interessa, è un prodotto culturale SBAGLIATO DI SECOLI FA che nel 2017 NON PUò ESISTERE perché la donna NON è SERVA DI NESSUNO. Ha capito che la sua idea è retrograda e misogina? ed è pure anticostituzione, qui in Italia. Non siamo in Arabia Saudita o in Afghanistan!

        Comunque stia tranquillo, che ci pensiamo a fare la corretta informazione su questo vostro movimento cristiano, come tratta le donne, come le sminuisce, cosa pensa di esse e di come esse dovrebbero vivere. E diremo alle donne di starsene bene alla larga da certi individui che fomentano queste ideologie perverse e sessiste che servono a commettere abusi.

        • giacintobutindaro says:

          La legge di Cristo ci comanda di fare il bene al nostro prossimo e non il male. Noi dobbiamo amare i nostri nemici e pregare per loro. Vedo che lei non conosce la legge di Cristo. E poi in merito alla donna, sappia che la donna veramente libera è colei che crede che Gesù è il Cristo, e che cammina seguendo i suoi comandamenti che ci ha dato tramite gli apostoli. E non solo è veramente libera, ma anche veramente felice. Noi procacciamo il bene della donna esortandola ad ubbidire ai comandamenti di Cristo. Procacceremmo il suo male se la incitassimo a rigettarli. E poi qua non stiamo promuovendo nessuna schiavitù della donna, ma solo la sua obbedienza alla Parola di Dio. E poi non si dimentichi che esortiamo anche i mariti ad ubbidire ai comandamenti di Cristo, che in caso lei non li conoscesse glieli trascrivo qua, affinchè capisca che noi procacciamo il bene della famiglia:
          ““Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, affin di santificarla, dopo averla purificata col lavacro dell’acqua mediante la Parola, affin di far egli stesso comparire dinanzi a sé questa Chiesa, gloriosa, senza macchia, senza ruga o cosa alcuna simile, ma santa ed irreprensibile. Allo stesso modo anche i mariti debbono amare le loro mogli, come i loro proprî corpi. Chi ama sua moglie ama se stesso. Poiché niuno ebbe mai in odio la sua carne; anzi la nutre e la cura teneramente, come anche Cristo fa per la Chiesa, poiché noi siamo membra del suo corpo. Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e s’unirà a sua moglie, e i due diverranno una stessa carne. Questo mistero è grande; dico questo, riguardo a Cristo ed alla Chiesa. Ma d’altronde, anche fra voi, ciascuno individualmente così ami sua moglie, come ama se stesso; e altresì la moglie rispetti il marito” (Efesini 5:25-33)
          “Parimente, voi, mariti, convivete con esse colla discrezione dovuta al vaso più debole ch’è il femminile. Portate loro onore, poiché sono anch’esse eredi con voi della grazia della vita, onde le vostre preghiere non siano impedite” (1 Pietro 3:7)

  2. Diana says:

    Intanto si legga cosa dice la LEGGE ITALIANA in merito ai rapporti tra i sessi, nel matrimonio:
    http://www.dirittierisposte.it/Schede/Famiglia/Rapporti-tra-coniugi/eguaglianza_dei_coniugi_e_doveri_coniugali_id1107707_art.aspx
    Se lo legga attentamente, perché non c’è scritto che la donna è serva del marito e che lui è il suo capo. Ha capito o no?

    “Il matrimonio si fonda sul principio di eguaglianza morale e giuridica dei coniugi con i limiti che la legge stabilisce per garantire l’unità familiare. Il marito e la moglie, a differenza che in passato, hanno, infatti, gli stessi diritti, che dovrebbero esercitare congiuntamente e di comune accordo, e gli stessi reciproci doveri: alla fedeltà, all’assistenza, alla collaborazione e alla coabitazione.”

    Ci faccia sapere se è contrario a quanto dice la Legge italiana, signor Butindaro. Siamo usciti dalla schiavitù ormai da un secolo, forse Lei è rimasto al Medioevo e ragiona ancora come un proprietario feudale con i suoi vassalli. Si aggiorni, perché nel 2017 nessuno è il servo-sottomesso a qualcun altro.
    Ed è alquanto fastidioso vedere che qualcuno fa concorrenza ai peggiori islamici fanatici, scrivendo post che sminuiscono, diffamano e umiliano le donne, le appellano come serve e le incitano a sottomettersi e obbedire. Qui in Italia nel 2017 questa cosa non è accettabile.

    Io in quanto donna non sono proprio serva di nessuno, né del mio coniuge né dei Suoi ragionamenti retrogradi di millenni fa. Ho pari dignità e pari diritti, tanto quanto un uomo. E sarebbe preoccupante se qualche donna si facesse fare il lavaggio del cervello su queste sciocchezze di secoli fa.

  3. Diana says:

    Poi questi suoi post a chi sono rivolti? a maschi cristiani come Lei? ai suoi amici? Alle mogli dei suoi amici? a tutti gli uomini e a tutte le donne?
    Ma cosa è convinto di ottenere?
    Glielo dico io: ottiene solo che questi suoi post verranno fatti leggere bene, in giro, su siti per le donne. Così sapremo bene come tutelarci da certi sessisti maschilisti che esistono anche qui in Italia, purtroppo, e non solo nei paesi islamici.
    è ora di finirla con questo sessismo! E non ci interessa se è parola del suo dio.
    La nostra dignità femminile ce la siamo presa ormai da decenni, ottenendo tutti i diritti civili. E non sarà un manipolo di nostalgici dell’Inquisizione a toglierceli. Può starne certo. Qui nessuna donna si sottomette a capo o marito che sia, che lo dica dio o san Paolo o Butindaro o chi per voi. Anzi, situazioni di abuso verranno segnalate. Punto. Se ne faccia una ragione perché non viviamo nel medioevo e non viviamo in Arabia Saudita. è spaventoso cosa pensa delle donne, ed è ancora più spregevole che poi ha persino i seguaci che le obbediscono ciecamente.

    • giacintobutindaro says:

      Allora, ho capito cosa pensa. D’altronde, lei ha la mente accecata dal principe di questo mondo, e non può pensarla altrimenti. Spero e prego dunque che Dio le dia il ravvedimento e la fede, perchè solo così potrà diventare una donna veramente libera e felice.

      • Diana says:

        Signor Butindaro, a me non frega niente se Lei mi ritiene “accecata dal diavolo”. Pensi quello che vuole. A me frega che questi suoi post FOMENTANO un discorso SBAGLIATO di disuguaglianza sessista, dove uno si ritiene “capo” di qualcuna che deve ritenersi “serva e soggetta e obbedirgli in tutto”. E non mi importa se tale “capo” è innamorato o meno di questa donna. è un abuso, anche se il marito ama la moglie. Questo suo modo di agire FA DEL MALE perché contribuisce al sessismo, all’ingiustizia e alla prepotenza maschile di un uomo che “perché lo dice san paolo o lo dice dio” si sente superiore a una donna. è SESSISMO fomentato su base religiosa. Esattamente come se qualcuno scrivesse “sono bianco e mi sento superiore a un africano o ad un asiatico”, si chiamerebbe RAZZISMO. Sono due forme di pensiero che prevedono che un qualcuno si considera “di più” di qualcun altro. Lo capisce o no questo semplice concetto sociologico?

        Quanto a me, il suo dio e la sua religione non mi interessano. Perché sono prodotti culturali misogini ideati, secoli fa, per opprimere le donne. E la mia felicità non dipende certamente da ideologie perverse che fomentano le disuguaglianze sociali.
        Lo dimostra anche questo messaggio: “solo così potrà diventare una donna veramente libera e felice.”, solo un maschio che si sente arrogante e si mette sul pulpito accecato dalla sua superiorità può venir a dire ad una donna “cosa è meglio per lei”. Cosa è meglio per me lo decido io, non tizio e caio al posto mio.

        Credo che Lei, signor Butindaro, sia rimasto indietro di 40 o più anni. Dagli anni ’70 di progressi nell’emancipazione femminile, fisica e psichica, ne abbiamo fatti – e non certamente per merito di quelli come lei, ovviamente, se fosse dipeso da voi saremmo ancora qui a morire di parto all’età di 14 anni e anche più giovani –

        • Massimo says:

          @ Sig.ra Diana, questo è un sito, un blog, lo chiami come vuole, “cristiano”, significa quindi che è fondato esclusivamente sulla Parola di Dio, ovvero la Bibbia! E’ cristiano perchè si attiene a tutti gli insegnamenti del nostro unico Maestro ovvero Gesù il Cristo di Dio! Giacinto non fa altro che annunziare il Vangelo di Gesù Cristo..che a lei piaccia oppure no! Se conoscesse veramente la Parola di Dio e in particolare tutta quella che concerne mariti/moglie, figli e figlie ecc… sicuramente non parlerebbe come ha invece parlato o meglio scritto!
          Ma non c’è nulla da meravigliarsene e nemmeno lei si dovrebbe meravigliare e credo che lei sappia molte cose eccome… soltanto che le rifiuta, mentre Giacinto, molti altri e io ci sforziamo di obbedirle!!
          Lei cita le leggi dello Stato ma anche la Parola di Dio ne parla e insegna come il credente in Cristo deve comportarsi in merito! Bisogna conoscere tutta la Bibbia!! Personalmente amo mia moglie più di me stesso… ma mi rendo conto che sono solo parole e che certamente non la toccano affatto! Che fare allora? Star zitti? Giammai!
          Giacinto e molti altri, magari mi metto anch’io sì, ma come l’ultimo di tutti… amiamo Gesù, la sua Parola e testimoniamo come meglio possiamo di essa in obbedienza al preciso mandato ricevuto da Gesù, il Figlio di Dio, il Messia, il Cristo, l’Unto di Dio, com’è scritto in Matteo 28:19-20 e in Marco 16:15-20).
          Guai se Giacinto e tutti noi non lo facciamo, perchè necessità è imposta. Si legga magari solo queste poche parole se ha una bibbia in 1° Corinzi 9:16 (dal momento che ha citato l’apostolo Paolo…).
          Personalmente pregherò per lei Diana, come l’ho promesso già a qualche altro/a! Chissà poi come è entrata in questo blog…ma sappia che avrebbe molto da imparare e non solo criticare o altro! Stia tranquilla nessuno istiga o vuol fare il benchè minimo male a nessuno! Si RAVVEDA! E dal momento che chiude i suoi interventi parlando del morire all’età di 14 anni, sappia che c’è fin troppa gente al mondo che benchè viva è già morta (Luca 9:60), morta a causa dei propri peccati! So che lei magari ritiene di essere una brava persona, a posto con gli uomini e con lo Stato e le sue leggi, ma questo non basta affatto per il Signore! Molto probabilmente lei non crede nè a Dio Creatore del cielo e della terra, nè al suo Figliolo Gesù Cristo! Sappia bene che la Legge di Dio è una cosa, mentre la Legge degli uomini…è un’altra e sempre più spesso non legano insieme.. ma lei sa bene anche questo ma non lo accetta.. vero? Diana sappia che la giustizia degli uomini è “come un abito sporco” davanti a Dio (Isaia 64:6) e l’iniquità, che è il Peccato, non si fa riguardo dell’ età, ma fa incetta di uomini, donne e bambini!
          Si RAVVEDA!! Saluti.

        • fabio says:

          Pace Diana,
          Perdoni la mia franchezza ma mentre nelle parole di Giacinto e ancor prima nelle parole della Sacra Scrittura mi traspare AMORE, nel suo parlare mi traspare arroganza, lei ha già giudicato Giacinto e tutti quelli che scrivono su questo blog a parere mio secondo un giudizio sbagliato come è scritto in Giovanni 7,24 Non giudicate secondo le apparenze, ma giudicate con giusto giudizio.

          Lei signora Diana sicuramente mi risponderà che non gliene frega niente del mio Dio che ha pronunciato queste parole ma le garantisco che Giacinto non ha mai pronunciato niente per incitare chicchessia alla violenza verso le donne e qui vi aggiungo cosa che non ho sentito dalle sue parole anche verso bambini o uomini o persone di altre religioni…

          Anzi secondo ciò che vi è scritto nella Bibbia a sempre esortato neo suoi post ad avere rispetto delle autorità in quanto si legge in Romani ani 13,1 Ciascuno stia sottomesso alle autorità costituite; poiché non c’è autorità se non da Dio e quelle che esistono sono stabilite da Dio.

          Per quanto riguardano le sue minacce rivolte a Giacinto quando dice “Che ne pensa? Che ne dice se questo post lo linkiamo un po’ su certe sedi che monitorano le religioni pericolose, tipo l’islam o il cristianesimo maschilista” , Be credo che le minacce siano conyrstabilico a livello costituzionale comunque vorrei dirle cosa risponderebbe il nostro Signore Gesù Cristo ovvero ciò che si legge in Luca
          12:11-12 Quando vi condurranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi come discolparvi o che cosa dire; 12 perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire»…Ed anche in Matteo 10,18 e sarete condotti davanti ai governatori e ai re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani.

          Signora Diana spero che il Gesù che si mostrò a Saulo nella via di Damasco possa mostrarsi anche a lei affinché possa leggere in quelle righe della Bibbia che Giacinto le ha riportato quanto AMORE C’È , con quale tenerezza si invita i mariti a non fare violenza sulle proprie mogli poiché esse sono il corpo dell’uomo e di guardare ad esse come dei vasi più deboli

          Pace

          • Diana says:

            Le donne non sono dei vasi, perché le donne non sono oggetti.

            è sconcertante che nel 2017 ci siano personaggi maschili che ancora vanno avanti a ritenere le donne degli oggetti paragonabili a “vasi più deboli”. La donna non è un vaso perché NON SIAMO OGGETTI DI NESSUNO. Ha capito o no, che non siamo oggetti, non siamo vasi, non siamo pezzi di corpo a servizio delle vostre bestialità o serve a servizio dei vostri capricci?!
            E le mie non sono minacce, perché io, questi vostri post, li faccio leggere anche ad altre donne, su altri siti e blog. Poi non venite a dire che non lo sapevate. Fomentate idee misogine e maschiliste? Fatelo, ma poi vi assumete la responsabilità di ciò che sostenete. Ovvero, bisogna ostracizzarvi, e far sì che le donne la smettano di frequentare personaggi come voi. Restatevene soli, tra di voi, senza guastare i cervelli femminili.

            E smettetela di appellarvi a dio, gesù, apostolo paolo, sventolandoli a mo’ di spauracchio: a me non interessano queste vostre chimere inesistenti, frutto del patriarcato di millenni fa, chimere che vi servono per sentirvi capi delle donne.
            Ma pure, ammesso che siano esistenti, le ribadisco che di un dio sessista e patriarcale non so che farmene.

          • giacintobutindaro says:

            Diana, basta con i tuoi commenti. Hai parlato abbastanza. Non farò più passare tuoi commenti. Tutti hanno capito il tuo pensiero vano e malvagio. Devi solo ravvederti e credere nel Vangelo, per ottenere la remissione dei peccati e la vita eterna, altrimenti l’ira di Dio rimarrà sopra di te e te ne andrai all’inferno.

          • fabio says:

            Pace Diana
            Concordo con ciò che le hanno risposto Giacinto Massimo e Giuseppe, vorrei comunque esprimere un ultimo pensiero poiché sento nelle sue parole tanta rabbia, tanto che alza un muro e non comprende che qui nessuno considera la donna come un oggetto perché LA BIBBIA ovvero LA PAROLA DI DIO restituisce alla donna la sua piena realizzazione purché essa sia fedele…

            Quel DIO PADRE e quel GESÙ che lei scrive minuscolo quasi come una forma di disprezzo si mise accanto ad una donna e non permise che nessuno le scagliarsi neppure una pietra come si legge in Giovanni 8:7-11 E siccome insistevano nell’interrogarlo, alzò il capo e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei». 8 E chinatosi di nuovo, scriveva per terra. 9 Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi.
            Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. 10 Alzatosi allora Gesù le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». 11 Ed essa rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più».

            Questa donna era stata sorpresa in flagrante adulterio ma ha potuto ritrovare se stessa solamente mettendo in pratica quelle parole di Gesù “‘ Va e d’ora in poi non peccare più”

            Lei mi darà del maschilista perché qui si parla di una donna che ha tradito, certo anche gli uomini tradiscono e Gesù il Figlio di Dio è stato chiaro dicendo in Matteo 5,28
            Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.

            Sono certo di ciò che le scrivo e sono pienamente convinto che solamente accostandosi alla PAROLA DI DIO lei signora Diana potrà scacciare questa rabbia che si porta dentro per giungere alla piena liberta che si ottiene nella fede in Gesù Cristo solamente per Grazia di Dio Padre.

            Pace Diana

        • Da quello che leggo è molto adirata. Purtroppo lei dimentica o semplicemente non vuole accettare che in questo mondo, chi più chi meno, siamo tutti soggetti a qualcuno. Alle autorità, ai datori di lavoro, i figli ai genitori, ed è ben poca cosa che le mogli siano soggette ai loro mariti, non perché lo dice un uomo, ma solo perché lo dice Colui che ha fatto l’uomo e la donna e sa bene quello che dice e che fa. Le mogli devono stare soggette al marito, come anche i figli devono stare soggetti ai genitori per esempi, e non mi pare che i figli debbano essere considerati per questo degli SCHIAVI. Ciò lo si trova scritto anche nei libri di certi psicologi, e mi ricordo pure ho visto pubblicizzato un libro di una donna che incitava le donne a sottomettersi a casa al proprio marito, non a rendersi schiave, ma solo a portargli il massimo rispetto e a non soverchiare il marito per salvare il proprio matrimonio e tenerlo sempre vivo. Da quello che scrive e che dice lei è una donna molto aggressiva, e nelle famiglie oggi c’è bisogno di tante cose, ma non dell’aggressività e della discussione continua della moglie, che il più delle volte deve per forza di cose fare contrariamente a quello che dice il marito solo per dimostrare che è libera e autonoma. Lei ha erroneamente asserito che i cristiani dicono che la donna deve essere assoggettata IN TUTTO al marito, ma questo non è vero, perché le Scritture sacre ne presentano il limite che è NEL SIGNORE, secondo quanto è scritto:
          «Mogli, siate soggette ai vostri mariti, come si conviene NEL SIGNORE. Mariti, amate le vostre mogli, e non v’inasprite contro a loro. » (Colossesi 3:18-19)
          Nelle Scritture si può leggere il paragone tra la Chieas che è la sposa e Cristo Gesù. La Chiesa deve stare soggetta allo sposo che è Cristo, ma non dobbiamo dimenticare che Cristo Gesù ha dato la sua vita per la vita e il bene della Chiesa. Così i mariti devono dare tutto sè stessi per far stare bene la moglie, per renderla il più possibile felice.
          Naturalmente noi parliamo dal punto di vista biblico, della Parola di Dio, che tra tante cose dice di non fare alcun male in nessuna maniera né alle donne né a nessuno, quindi il suo equiparare il fondamentalismo islamico pericoloso per le donne, con il fondamentalismo cristiano non ha motivo di esistere, è solo un pretesto usato per insultare i cristiani.
          Lo si vede bene come è sistemata la società moderna grazie al divorzio e all’aborto tanto osannato e violentemente imposto dal femminismo. Per la libertà della donna molte volte si sacrifica la vita dei bambini, sia perché vengono UCCISI nel ventre materno, sia perché con il divorzio si violentano mentalmente i figli dell coppia che si separa. Non solo i principi tanto esaltati da lei della libertà della donna sono contrari alla volontà di Dio, ma pure dalle conseguenze che si vedono nella società moderna non presentano elementi positivi, anzi, notevolmente negativi.
          Inoltre, di come la coppia dovrà funzionare, per tutta la vita, se ne deve gettare le fondamenta durante il fidanzamento, si deve parlare di quale sarà il rapporto che si dovrà avere dentro la famiglia. Chiarito questo, le donne cristiane nella cui famglia si viva veramente il cristianesimo biblico e non solo formale, sono felici e Dio le bendice grandemente. Non è che vedo un gran che di felicità nelle donne che ad ogni occasione disprezzano il marito e non si sottomettono ad esso. Se vedessi quello che lei dice, allora il cristianesimo avrebbe fallito, ma le cose non stanno così. Aumentato il femminismo e la lotta contro l’autorità dell’uomo nella società, è aumentato anche l’infelicità delle donne. Mi viene in mente adesso un documentario, di un paese nordico, dove la parità dell’uomo e della donna era perfetta, e addirittura la possibilità di lavorare era paritaria in ogni tipo di attività lavorativa, ma in modo naturale i lavori erano divisi in quelli tipicamente maschili ci lavoravano i maschi e in quelli più adatti alle donne vi lavoravano le donne.
          Riassumendo, Iddio che ha fatto l’uomo e la donna, ha stabilito le posizioni e l’autorità di ciascuno all’interno della famiglia, e i ribelli a Dio naturalmente si oppongono all’ordine stabilito da Dio. Lei ne è l’esempio rabbioso di quello che viene dichiarato nella Bibbia. E per chiudere, lei se ne deve fare una ragione, che siccome ci sono delle donne cristiane che vogliono sottomettersi al proprio marito, lo fanno volentieri e non per imposizione di nessuno, quindi devono essere lascitate libere di farlo, mentre lei accusa i cristiani di fare violenza alle donne per tale cosa, me in realtà è lei e quelle come lei che fate violenza alle donne INCULCANDO NELLA LORO MENTE la ribellione contro l’uomo, contro il marito, producendo DIVORZI e SEPARAZIONEI dolorose per i figli e per loro stesse.
          Se una donna non vuole sottomettersi e al marito gli va bene così, facciano quello che vogliono, anche se è contrario alla Parola di Dio, ma se ci sono donne che si vogliono sottomettere al proprio marito perché così piace loro, voi fate loro violenza a IMPORRE il contrario. Siete persone violenti, siete voi che siete simili agli islamici per tutto il male che state facendo alle famiglie e ai figli.

          • Diana says:

            Signor Piredda, Lei non ha capito che voi siete anticostituzionali. Ho riportato sopra un link che spiega che in Italia NON ESISTE PIù LA PARITà MARITALE. Lei è contrario alla Costituzione? Lo faccia sapere, che linkiamo in giro tutto questo materiale scritto da voi, sono certa che tante donne, che occupano anche posti importanti, lo troveranno interessante, tanto quanto trovano interessanti i post islamici inneggianti alla jihad o cose del genere.
            Non siete uguali agli islamici?, Lei dice?
            ci sono gli stessi post che glorificano la sottomissione femminile anche sui siti islamici. Non vedo differenza tra voi e loro, e potrei linkare dozzine di forum e blog islamici che scrivono le stesse cose che avete scritto qui. Cambia solo che al posto di “apostolo paolo dice” scrivono “maometto dice”. Il principio che la femmina è inferiore al maschio e lui è suo capo “perché dio ha deciso così” è lo stesso. Quella figurina (dio-allah) vi serve per sentirvi il diritto di spadroneggiare a vostro piacimento. Serve a fomentare la vostra megalomania, dandovi l’illusione e la certezza di essere superiori.

            Quanto a me, io sono una Femminista Radicale, vuol dire che di un dio maschilista che afferma che io, in quanto donna, sono inferiore, non so che farmene, anzi, al massimo lo disprezzo e lo combatto. E questo vale per ogni religione o pseudo cultura sessista che affermi che la donna è inferiore perché lo ha detto un profeta o un dio.

            Ci sono donne che si vogliono sottomettere? Ma certo, lo so bene, ci sono donne che hanno subito traumi da piccole, e che sentono il bisogno di cercarsi lo stesso abusatore nella persona di qualcun altro. Lo sappiamo bene, come sappiamo bene anche che esistono forme di abusi e di lavaggio del cervello. Per cui attenzione a sbandierare in giro che sottomettete le donne, sia mai che qualcuna con più competenza di me venga a controllare, per vedere se vostra moglie è davvero così contenta di obbedire… se non ci sono gli estremi per riconoscere una violenza o un abuso o un plagio.

            Voi siete la dimostrazione di quanto queste religioni siano maschiliste e dannose: vi ritenete superiori alle donne, pensate di avere il diritto di sottometterle negando le loro libertà personali, DIRITTI CIVILI RICONOSCIUTI DALLA COSTITUZIONE. Li negate? siete passabili di segnalazione. Punto.

            Stia tranquillo che farò leggere questi e altri post similari – perché lo sappiamo da tempo che questo signore scrive cose contro le donne e voi gli andate dietro – a tanti altri siti femminili e femministi, di modo che tutte le donne siano informate su quanto portate avanti, che sia messo tutto alla luce del sole, e da parte mia c’è l’invito, per tutte le donne, di NON FREQUENTARE maschi della vostra risma. Vogliono farlo e diventare cristiane? Ebbene, lo facciano, ma prima siano informate su eventuali pericoli e su quello cui andranno incontro e poi faranno la loro scelta soppesando i pro e i contro.

            E la informo anche che non sta scritto da nessuna parte che una donna debba stare per forza con un marito o fidanzato, intanto perché l’eterosessualità non è certamente una norma, ma solo uno dei tanti orientamenti, come anche l’omosessualità e la transessualità. E siamo tutti e tutte detentori e detentrici di diritti, al pari degli eterosessuali – ma lo so bene che siete omofobi e transfobi e augurate l’inferno anche a loro – ma poi anche perché una donna può anche voler restare single e autonoma, non legarsi a nessuno o vivere la sessualità liberamente senza impegni.
            Anche questi sono diritti acquisiti. Se ne faccia una ragione. Una donna è un singolo individuo, e non sta scritto da nessuna parte, se non nei vostri testi maschilisti spacciati per volere di un dio e che vi servono per sentirvi il centro dell’universo, che debba “ammogliarsi” a un uomo. Può trovare realizzazione in tanto altro.

            Credete forse di non essere letti, ma le posso assicurare che tutto questo sarà linkato in giro, a tante, tante donne. In quanto Femminista non me ne sto zitta di fronte al perpetrarsi di queste arroganze maschiliste retrograde che si appellano a un dio o a un profeta o apostolo, per affermare che la femmina è inferiore e che il maschio è superiore e deve avere autorità su di essa.
            Scrivetelo pure, e io vi assicuro che userò questo materiale contro di voi, per far capire a tutte le altre donne che pericolo corrono a frequentare gente della vostra schiatta.
            Eviteremo anche i lavaggi del cervello e plagi fatti su donne che hanno la sola sventura di innamorarsi di maschilisti cristiani o islamici, per poi venir plagiate psichicamente senza pietà una volta che si fa leva sul loro bisogno di essere amate. Perché mostri maschilisti di questa specie abusano proprio toccando quella corda ben sapendo che una donna difficilmente dirà di no, se la illudono di amarla o “fallo per me, che ci tengo tanto” oppure la minacciano di “lo sai che dio ordina così, altrimenti si va all’inferno se non obbedisci!”. E così i maschilisti religiosi fanno passare le peggiori cose, i peggiori abusi, dagli stupri coniugali al velo alla segregazione in casa, su una donna che magari si tiene tutto il dolore dentro, perché troppo debole o sofferente o senza persone che possano aiutarla.
            Ho già detto che prevenire è meglio che curare.

            Del resto è anche meglio per voi, niente donne a ronzarvi intorno, niente tentazioni carnali, e quindi paradiso assicurato, o sbaglio?

  4. Massimo says:

    @ DIANA, che lei fosse una femminista radicale non c’era ombra di dubbio vista la tanta ostinatezza nel suo difendere a spada tratta la sua posizione, ma purtroppo ha ignorato completamente un concetto semplicissimo che le avevo espresso in precedenza e credo alla portata anche di un bambino e che le ribadisco ancora una volta nella speranza che lo somatizzi: la Legge degli uomini ha ben poco a che fare con la Legge di Dio! Se una legge fatta dagli uomini va contro la Legge di Dio non va obbedita dal credente cristiano!! Lo comprende o no??
    Un esempio : l’aborto per lo Stato è legale! Beh…per un credente cristiano non si può fare assolutamente! E’ chiaramente un omicidio e Dio comanda di non uccidere! Comprende? E ce ne sono tanti altri come potremmo citarne!
    Pertanto ogni considerazione e tutto il suo bla..bla..bla…..è vano!
    Lei vaga nel suo parlare………pur non conoscendo la Parola di Dio..insiste, ma è cosa vana! La lascio definitivamente con una risposta chiara, inconfutabile e che riassume tutto il nostro profondo credo cristiano, che è il medesimo di questo apostolo di Gesù Cristo che lei ha dimostrato ampiamente di non conoscere e di non voler conoscere affatto :
    “Ma Pietro e gli altri apostoli risposero :” BISOGNA UBBIDIRE A DIO, ANZICHE’ AGLI UOMINI”….. Noi siamo testimoni di queste cose; e anche lo Spirito Santo, che Dio ha dato a quelli che gli ubbidiscono” (Atti 5:29-32).
    Pertanto Diana, che lo accetti o meno, sappia che per noi la Parola di Dio viene prima di qualsiasi altra cosa…Costituzione e Leggi comprese… che lei invece cita del continuo come a farci da spauracchio! Guardi che sinora non ha detto proprio niente di nuovo! Se ne faccia una ragione e SI RAVVEDA!!
    Lei sta profanando “il sangue del patto”, sì quello del nostro Signore Gesù Cristo per mezzo del quale invece noi che abbiamo creduto, abbiamo anche ottenuto la salvezza delle nostre anime! Glielo ribadisco ancora e in tutta sincerità sono le ultime mie parole : SI RAVVEDA!!

  5. Lucian says:

    “Quanto a me, io sono una Femminista Radicale, vuol dire che di un dio maschilista che afferma che io, in quanto donna, sono inferiore, non so che farmene, anzi, al massimo lo disprezzo e lo combatto.”

    Questa frase fa pensare. Come puoi tu combattere Dio se non riesci a combattere anche solo questo tuo modo di pensare, così anti-cristiano ?
    Dopo aver letto quanto scritto nei commenti, quello che posso dedurre (almeno personalmente) è che qui, Diana, tu sei quella che ha avuto un trauma. Non sei nata con questo modo di pensare, ma quasi certamente qualcuno te lo ha inculcato.
    E sai cosa ? Non bisogna stare a chiedersi troppo come e perché, c’è solo da pregare che Dio ti faccia aprire gli occhi e tu possa vedere, essere veramente libera dalle catene di questo secolo, di cui il femminismo è solo un anello di giunzione.

    Il tuo modo di parlare non fa che confermare che quanto detto nella Bibbia, parola di Dio, vera oggi più che mai.
    Ben sta scritto:

    ‘Voi udrete con i vostri orecchi e non comprenderete; guarderete con i vostri occhi, e non vedrete; perché il cuore di questo popolo si è fatto insensibile, sono divenuti duri d’orecchi, e hanno chiuso gli occhi, affinché non vedano con gli occhi e non odano con gli orecchi, non comprendano con il cuore, non si convertano, e io non li guarisca’. (Atti 28:26-27)

    Ravvediti Diana !

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *