Chiesa ed Ebrei: siamo tutti figli d’Abrahamo? – Predicazione del 15 novembre 2017

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Per scaricarla fai clic qua

This entry was posted in Mie predicazioni audio and tagged . Bookmark the permalink.

4 Responses to Chiesa ed Ebrei: siamo tutti figli d’Abrahamo? – Predicazione del 15 novembre 2017

  1. Massimo says:

    Amen Giacinto, la Parola di Dio è una scure che taglia ogni radice velenosa, è come un fuoco e come un martello che spezza il sasso, sì il sasso del dubbio, dell’incredulità!
    C’è qualcuno che ha anche disprezzato pubblicamente il caro apostolo Paolo!
    Gente che non ha lo Spirito Santo ma bensì un’altro spirito, quello del mondo!
    Ribelli, disobbedienti…questo sono! Doveva poi venire qui in Italia dal Belgio “un messaggero di certi Ebrei e non solo di origine”, tal Luc Henrist della Chiesa dei Fratelli, accolto tanto calorosamente dalle ADI nel loro mezzo, per propagandare le sue tesi difensive a favore degli Scribi, Farisei, Dottori e Magistrati Ebrei, sostenendo che sono stati i Romani a togliere di mezzo Gesù e non loro!
    Quanta stoltezza c’è in giro!
    Chiesa ed Ebrei tutti figli di Abramo, dunque?
    Lo stesso Paolo scrive che Dio e Padre del Signore nostro Gesù Cristo, dopo aver riversata su quanti hanno creduto in Gesù, quale Messia, l’Unto di Dio e Figlio suo, ogni sorta di sapienza e d’intelligenza, il sigillo dello Spirito Santo che era stato promesso nonchè l’eredità di beni futuri, l’adozione come suoi figli eletti prima della creazione del mondo, ha un “disegno benevolo prestabilito” da realizzare quando i tempi fossero compiuti, ovvero : “raccogliere sotto un solo Capo, in CRISTO, tutte le cose: tanto quelle che sono in cielo, quanto quelle sulla terra”. (Efesini 1:3-14).
    E ancora : “Ogni cosa Egli (Dio) ha posta sotto i suoi piedi ( di Cristo) e lo ha dato per Capo Supremo alla Chiesa, che è il Corpo di Lui, il compimento di colui che porta a compimento ogni cosa in tutti” (Efesini 1:22-23).
    Ma chi è il capo supremo per molti? A chi sono assoldati? Chi stanno servendo? Di chi sono veramente figli? Solo chi riceve e crede in Gesù è figlio d’Abramo, tutti gli altri sono fuori da questo piano di salvezza, sono degli ESCLUSI! Questa è la GIUSTIZIA di Dio! Chi non ha Gesù non ha nemmeno Dio! Che grande delusione avranno molti illusi confusi!
    Pace

  2. fabio says:

    Pace,
    Ho appena finito di asvoltare questa predicazione, questa esortazione a rimanere saldi nella FEDE IN GESÙ CRISTO, e vorrei se mi permetti Giacinto esprimere qualche riflessione sulla Parola di Dio infatti per tutti coloro che affermano che tutti sono figli di Abrahamo si legge in Luca 3:8 Fate dunque opere degne della conversione e non cominciate a dire in voi stessi: Abbiamo Abramo per padre! Perché io vi dico che Dio può far nascere figli ad Abramo anche da queste pietre.

    Ed anche in 2 Tessalonicesi 1,11
    Anche per questo preghiamo di continuo per voi, perché il nostro Dio vi renda degni della sua chiamata e porti a compimento, con la sua potenza, ogni vostra volontà di bene e l’opera della vostra fede;

    Dice l’apostolo “L’OPERA DELLA VOSTRA FEDE” …e cosa leggiamo in riferimento ad Abrahamo nella Sacra Scrittura: Ebrei 11,8
    Per fede Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava…E sempre per FEDE si legge in Ebrei 11,17 Per fede Abramo, messo alla prova, offrì Isacco e proprio lui, che aveva ricevuto le promesse, offrì il suo unico figlio,
    Ed anche in Romani 4,16 EREDI QUINDI,SI DIVENTA PER LA FEDE, perché ciò sia per grazia e così la promessa sia sicura per tutta la discendenza, non soltanto per quella che deriva dalla legge, ma anche per quella che deriva dalla fede di Abramo, il quale è padre di tutti noi.

    Quindi si Giacinto Abrahamo è padre di tutti coloro che come lui hanno fede in Dio e come Massimo ha ben scritto non si può avere fede in Dio il Padre se non c’è la fede nel Figlio infatti si legge in Giovanni 5:20-24 Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati. Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi vuole; il Padre infatti non giudica nessuno ma ha rimesso ogni giudizio al Figlio, perché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.
    Ed anche in Giovanni 17,3 Questa è la vita eterna: che conoscano te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo

    Quindi che facciano nuove alleanze, patti, ma sono alleanze che mirano come hai detto Giacinto ad offuscare nascondere la verità poiché per non urtare nessuno si lascia fuori LA PIETRA PIÙ IMPORTANTE OVVERO IL FIGLIO DI DIO GESÙ CRISTO
    e non è forse questa la motivazione per cui gli apostoli dopo che avevano predicato il Vangelo di Gesù Cristo poi dovevano cambiare città perché persegusati dai giudei atti 14:4-7

    Certo Giacinto hai espresso un’altra verità ovvero quella di pregare affinché quegli ebrei che ancora non credono in Gesù possano esaminare attentamente la Scrittura poiché il nostro desiderio lo si legge in quelle parole di un Padre che dice al figlio in Luca 15,32 ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato».
    Gli ebrei hanno il “primato” del messaggio ovvero a loro doveva per primi essere annunziato come si legge in atti 13:46-47
    Allora Paolo e Barnaba con franchezza dichiararono: «Era necessario che fosse annunziata a voi per primi la parola di Dio, ma poiché la respingete e non vi giudicate degni della vita eterna, ecco noi ci rivolgiamo ai pagani. Così infatti ci ha ordinato il Signore:
    Io ti ho posto come luce per le genti,
    perché tu porti la salvezza sino all’estremità della terra».
    Quindi il messaggio che un cristiano deve portare agli ebrei non sono nuove alleanze o nuovi patti stipulati dagli uomini ma deve testimoniare Gesù il Figlio di Dio

    Pace Giacinto,Massimo e a tutti coloro che ogni giorno danno testimonianza con la propria vita a Dio il Padre ed a Gesù Cristo il Figlio per mezzo dello Spirito Santo

    • Massimo says:

      @ Fabio, proseguendo poi nella lettura dei versetti da te citati, leggiamo :
      “Gli stranieri, udendo queste cose, si rallegravano e glorificavano la Parola di Dio; e TUTTI QUELLI CHE ERANO ORDINATI A VITA ETERNA, CREDETTERO” (Atti 13:48). Quindi chi trova gioia, pace, conforto e diletto direi nella Parola di Dio, non può che rallegrarsi e glorificare Dio per mezzo di essa! E c’è una ragione ben precisa : perchè Dio li ha ORDINATI a vita eterna, perciò hanno creduto! Altri purtroppo sono fuori dal suo piano di salvezza! Pensa Fabio che mio figlio appena iniziata la scuola ha conosciuto due nuove compagne di studi le quali sono nate proprio a Nazaret! Quando me lo ha detto mi sono molto rallegrato pensando :” Che bello per molti nascere, vivere nei luoghi dove Gesù è nato, ha vissuto ed è anche morto”. La mia gioia però è durata solo pochi secondi perchè il figlio subito dopo ha aggiunto : “… sappi però papà che entrambi sono di religione musulmana”. E mi sono molto rattristato per loro, ben considerando che la salvezza è davvero una grazia di Dio immeritata; non è riservata a tutti, altrimenti non sarebbe più grazia e tanto meno la si ottiene per opere!
      Non resta che pregare per tutti questi increduli che stanno disprezzando la Parola di Dio e di riflesso di una così grande salvezza in Cristo Gesù!
      Pace.

      • fabio says:

        Pace Massimo,
        c’è da pregare con piena fiducia affinché non solo gli ebrei increduli ma pure tanti che si dicono cristiani ma non lo sono aprano gli occhi e inizino a proclamare che GESU’ CRISTO E’ IL SIGNORE ed anche se io sono l’ultimo che possa parlare qui ci vuole FEDELTA’ E AMORE PER LA SUA PAROLA COSI DA ACCOGLIERLA NEL NOSTRO CUORE COME UN TERRENO BUONO PER POI PORTARE FRUTTO ALLA GLORIA DI DIO IL CREATORE DEI CIELI E DELLA TERRA IL PADRE DEL NOSTRO SIGNORE GESU’

        Pace Massimo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *