Sul proponimento dell’elezione di Dio

Quando leggi la storia di Esaù e Giacobbe non puoi non considerare il proponimento dell’elezione di Dio, e difatti l’apostolo Paolo prende proprio Esaù e Giacobbe per confermarlo. Egli dice infatti che quando Rebecca ebbe concepito da Isacco due gemelli “prima che fossero nati e che avessero fatto alcun che di bene o di male, affinché rimanesse fermo il proponimento dell’elezione di Dio, che dipende non dalle opere ma dalla volontà di colui che chiama, le fu detto: Il maggiore servirà al minore; secondo che è scritto: Ho amato Giacobbe, ma ho odiato Esaù. Che diremo dunque? V’è forse ingiustizia in Dio? Così non sia. Poiché Egli dice a Mosè: Io avrò mercé di chi avrò mercé, e avrò compassione di chi avrò compassione. Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia. Poiché la Scrittura dice a Faraone: Appunto per questo io t’ho suscitato: per mostrare in te la mia potenza, e perché il mio nome sia pubblicato per tutta la terra. Così dunque Egli fa misericordia a chi vuole, e indura chi vuole” (Romani 9:11-18). Non importa dunque quello che gli ignoranti e gli insensati dicono contro la predestinazione, le loro parole sono ciance, spazzatura.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Insegnamenti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sul proponimento dell’elezione di Dio

  1. Salvatore scrive:

    Marco Vuyet leggi quello che scrive Giacinto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.