Né fratelli e neppure amici

Gli Ebrei che negano che Gesù è il Messia (o Cristo) non sono né nostri fratelli e neppure nostri amici, e questo perché non sono né fratelli e neppure amici di Gesù di Nazareth. La Scrittura infatti li definisce anticristi, in quanto l’apostolo Giovanni ha scritto: “Chi è il mendace se non colui che nega che Gesù è il Cristo? Esso è l’anticristo, che nega il Padre e il Figliuolo” (1 Giovanni 2:22). Nessuno dunque vi seduca con vani ragionamenti. Tra noi discepoli di Gesù Cristo e loro c’è la stessa differenza che passa tra la luce e le tenebre, tra il giorno e la notte. Ecco perché noi non abbiamo alcuna comunione con essi, ma proprio nessuna. Sono dei rami naturali troncati dall’ulivo domestico a motivo della loro incredulità. Noi abbiamo comunione soltanto con quegli Ebrei che credono che Gesù di Nazareth è il Messia, i quali fanno parte del Corpo di Cristo, la Chiesa di Dio. Annunciamo dunque agli Ebrei la Buona Novella che Gesù è il Messia, esortandoli a ravvedersi e a credere in essa per essere salvati dai loro peccati ed ottenere la vita eterna. Solo allora diventeranno nostri fratelli e amici.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Ebrei, Ebrei Messianici e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Né fratelli e neppure amici

  1. fabio scrive:

    Pace Giacinto e buonagiornata,
    Nella Bibbia si legge in Marco 3:31-35 Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, lo mandarono a chiamare. Tutto attorno era seduta la folla e gli dissero: «Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle sono fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «CHI È MIA MADRE, E CHI SONO I MIEI FRATELLI?». Girando lo sguardo su quelli che gli stavano seduti attorno, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! CHI COMPIE LA VOLONTÀ DI DIO, COSTUI È MIO FRATELLO, SORELLA E MADRE ».

    Ma come si può compiere la Volontà di Dio il Padre del nostro Signore Gesù Cristo se prima non si è conosciuto colui che Dio ha mandato (Giovanni 17:3) e come crederanno coloro che ascoltano se non vi è nessuno che testimoni nel nome di Gesù l’Unto di Dio poiché che cosa si legge sempre in Govanni 6,40
    Questa infatti è la volontà del Padre mio, che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; io lo risusciterò nell’ultimo giorno».

    Anzi coloro che hanno creduto hanno anche il dovere di adempiere a questa testimonianza altrimenti una colpa sarebbe sopra la testa di coloro che nascondono questa eterna verità come si legge dalle parole dell’apostolo Paolo in Atti 20:20-27
    Sapete come non mi sono mai sottratto a ciò che poteva essere utile, al fine di predicare a voi e di istruirvi in pubblico e nelle vostre case, SCONGIURANDO GIUDEI E GRECI DI CONVERTIRSI A DIO È DI CREDERE NEL SIGNORE NOSTRO GESÙ CRISTO. Ed ecco ora, avvinto dallo Spirito, io vado a Gerusalemme senza sapere ciò che là mi accadrà. So soltanto che lo Spirito Santo in ogni città mi attesta che mi attendono catene e tribolazioni. Non ritengo tuttavia la mia vita meritevole di nulla, purché conduca a termine la mia corsa e il servizio che mi fu affidato dal Signore Gesù, di rendere testimonianza al messaggio della grazia di Dio.
    Ecco, ora so che non vedrete più il mio volto, voi tutti tra i quali sono passato annunziando il regno di Dio. 26 PER QUESTO DICHIARÒ SOLENNEMENTE OGGI DAVANTI A VOI CHE IO SONO SENZA COLPA RIGUARDO A COLORO CHE SI PERDESSERO, PERCHÉ NON MI SONO SOTTRATTO AL COMPITO DI ANNUNZIARVI TUTTA LA VOLONTÀ DI DIO.

    Pace a tutta la vera chiesa di Dio formata da “piccole pietre scartate” affinché come Dio il Padre ci dimostra in te Giacinto, non si stanchi mai di dare testimonianza affinché tutti coloro che ascoltano possano giungere a conoscere Gesù Cristo il Figlio di Dio ed ottenere nel Suo nome la vita eterna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.