La giustizia che viene da Dio basata sulla fede – Predicazione del 5 Marzo 2018


[audio:http://www.diretta.lanuovavia.org/i-341-giustiziadidio.mp3]

Per scaricarla fai clic qua

Questa voce è stata pubblicata in Mie predicazioni audio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La giustizia che viene da Dio basata sulla fede – Predicazione del 5 Marzo 2018

  1. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    I tanti pezzi del puzzle si incastrano trovando conferma di questa tua predicazione nella Parola di Dio e che questo disse Gesù in Luca 11:46
    Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!

    È si…nemmeno con un dito…e intanto con questo patto tra alcune chiese e i Giudei si vorrebbe portare i tanti a fare dei passi indietro, a ritornare a compiere quei sacrifici per i quali è impossibile eliminare i peccati come si legge in Ebrei 10,4
    poiché è impossibile eliminare i peccati con il sangue di tori e di capri.

    Tu Giacinto parli di “sofferenza per il Signore” e in tanti si scandalizzano perché forse non hanno mai letto che gli apostoli venivano oltraggiati per il nome di Gesù come si legge in Atti 5:35-41
    disse: «Uomini di Israele, badate bene a ciò che state per fare contro questi uomini. Qualche tempo fa venne Tèuda, dicendo di essere qualcuno, e a lui si aggregarono circa quattrocento uomini. Ma fu ucciso, e quanti s’erano lasciati persuadere da lui si dispersero e finirono nel nulla. Dopo di lui sorse Giuda il Galileo, al tempo del censimento, e indusse molta gente a seguirlo, ma anch’egli perì e quanti s’erano lasciati persuadere da lui furono dispersi. Per quanto riguarda il caso presente, ecco ciò che vi dico: Non occupatevi di questi uomini e lasciateli andare. Se infatti questa teoria o questa attività è di origine umana, verrà distrutta; ma se essa viene da Dio, non riuscirete a sconfiggerli; non vi accada di trovarvi a combattere contro Dio!».
    Seguirono il suo parere e, richiamati gli apostoli, li fecero fustigare e ordinarono loro di non continuare a parlare nel nome di Gesù; quindi li rimisero in libertà. Ma essi se ne andarono dal sinedrio LIETI DI ESSERE STATI OLTRAGGIATI PER AMORE DEL NOME DI GESÙ.

    Hai parlato Giacinto della Fede in Gesù e questo si legge in Colossesi 1:1-8
    Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, e il fratello Timòteo, ai santi e fedeli fratelli in Cristo dimoranti in Colosse grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro!
    Noi rendiamo continuamente grazie a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, nelle nostre preghiere per voi, PER LE NOTIZIE RICEVUTE DELLA VOSTRA FEDE IN CRISTO GESÙ, e della carità che avete verso tutti i santi, in vista della speranza che vi attende nei cieli. Di questa speranza voi avete già udito l’annunzio dalla parola di verità del vangelo che è giunto a voi, come pure in tutto il mondo fruttifica e si sviluppa; così anche fra voi dal giorno in cui avete ascoltato e conosciuto la grazia di Dio nella verità, che avete appresa da Epafra, nostro caro compagno nel ministero; egli ci supplisce come un fedele ministro di Cristo, e ci ha pure manifestato il vostro amore nello Spirito.

    Si Giacinto lo vogliamo gridare forte a tutti “Gesù Cristo È il Signore dei signori e il Re dei re” e vogliamo ringraziare Dio il Padre perché in Lui ci ha donato lo Spirito come si legge in 2Corinzi 1:18-22 Dio è testimone che la nostra parola verso di voi non è «sì» e «no».Il Figlio di Dio, Gesù Cristo che abbiamo predicato tra voi, io, Silvano e Timoteo, non fu «sì» e «no», ma in lui c’è stato il «sì». E in realtà TUTTE LE PROMESSE DI DIO IN LUI SONO DIVENUTE «SÌ ». Per questo sempre attraverso lui sale a Dio il nostro «AMEN » per la sua gloria. È Dio stesso che ci conferma, insieme a voi, in Cristo, e ci ha conferito l’unzione, ci ha impresso il sigillo E CI HA DATO LA CAPARRA DELLO SPIRITO SANTO NEI NOSTRI CUORI.

    MI appello a tutti quelli che fanno parte dell’organizzazione dei Testimoni di Geova affinché meditino su queste parole “Il Figlio di Dio, Gesù Cristo che abbiamo predicato tra voi, io, Silvano e Timoteo” poiché andare per il mondo ma non predicare il nome di Gesù equivale a parlare di un altro vangelo.

    Vorrei Giacinto ringraziare Dio il Padre nel Nome di Gesù Cristo per la costanza, per la irreprensibilita e per la franchezza con la quale dai voce alla Parola di Dio in mezzo a così tanta confusione tra le chiese affinché per mezzo di Gesù Cristo sia reso vivo Dio nel cuore e nella vita di chiunque ci circondi.
    Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.