Non è di loro gradimento

Molti vogliono sentire soltanto dire che Dio è buono, e detestano sentire dire che Dio è vendicatore. Eppure la Parola di Dio dice ambedue le cose, che sono quindi ambedue vere. Ma molti vogliono sentire soltanto delle cose piacevoli, perché sono diventati duri d’orecchi e di cuore. Hanno rigettato la dottrina di Dio. Si sono volti alle favole, gettandosi la verità dietro alle spalle. Porteranno la pena della loro ribellione. Comunque, che tutti sappiano, che Dio continuerà ad esercitare le sue vendette sia su quelli di dentro che su quelli di fuori che si attirano l’ira di Dio a motivo delle loro iniquità. Dio non muta, ed è quello che ha detto di essere. E che tutti sappiano anche questo: i ministri di Dio che si trovano su Facebook continueranno a proclamare che Dio è un vendicatore, e non soltanto che Dio è buono, non curanti se i loro post che parlano delle vendette di Dio hanno pochi o nessun «mi piace». I ministri di Dio infatti si studiano di piacere a Dio e non agli uomini.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Non è di loro gradimento

  1. Massimo scrive:

    La VERITA’ Giacinto si sa… fa male, costa, comporta rinunce, incomprensioni, tribolazioni, suscita perplessità, persecuzioni, abbattimenti… ecc….; a chi potrà mai piacere? Solo agli amanti della stessa! Non piace neppure a coloro che invece dovrebbero portarla per cintura dei loro fianchi! ( Efesini 6:14). Loro preferiscono altre cinture, quelle di marca, in vera pelle, pelle possibilmente di coccodrillo, per paventare il loro gusto personale e il badget pecuniario! Per loro sono oramai troppo lontani i tempi tristi dei primi apostoli e della prima chiesa! Vogliamoci tutti bene e rispettiamo il credo degli altri con le loro tradizioni, usi e costumi ed il Signore accoglierà tutti! Chi siamo noi per giudicare?..ecc…ecc…
    Quanta stoltezza oramai sotto il sole!

  2. Marco scrive:

    Non è cambiato nulla, da quando registravi questo
    http://www.diretta.lanuovavia.org/i-137-popolo-ribelle.mp3
    “questo è un popolo ribelle che vuol sentire parlare di cose piacevoli”.

    Vogliono sentire profetare chimere, cose piacevoli e frivole che li giustifichi nel loro piacere al male.
    Non c’è da stupirsi che sia tutta gente che mette moltissimi like a cose come “nudismo cristiano”, “musica rock cristiana”, “sexy shop cristiano” e nessun like ad argomenti come i giudizi di Dio, il fuoco dell’inferno, la predestinazione…

    • fabio scrive:

      Pace a voi,
      Marco Grazie per aver riportato il Link di questa predilazione, mi hanno colpito le parole di Giacinto quando dice che si rattrista quando si sente dire che un Dio che castiga non è un Dio di amore, tante volte mi sono sentito anche io rispondere alla stessa maniera che il Dio di cui gli davo testimonianza era secondo quest’uomo appartenente all’organizzazione dei Testimoni di Geova un Dio che non gli piaceva ma sono d’accordo con Giacinto in quanto in tanti di noi abbiamo ricevuto “partacce” quando eravamo piccoli ed anche se li per li esse ci causavano un afflizione oggi da adulti sappiamo riconoscere l’amore che ha spinto un genitore a riprendermi e allo stesso tempo quanto più Amore scorgeremo in Dio se faremo tesoro della sua riprensione come si legge in Ebrei 12:5-9 e avete già dimenticato l’esortazione a voi rivolta come a figli:
      Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore e non ti perdere d’animo quando sei ripreso da lui; perché il Signore corregge colui che egli ama
      e sferza chiunque riconosce come figlio.
      È per la vostra correzione che voi soffrite! Dio vi tratta come figli; e qual è il figlio che non è corretto dal padre? Se siete senza correzione, mentre tutti ne hanno avuto la loro parte, siete bastardi, non figli! Del resto, noi abbiamo avuto come correttori i nostri padri secondo la carne e li abbiamo rispettati; non ci sottometteremo perciò molto di più al Padre degli spiriti, per avere la vita?

      Amen dico così sia, ringraziamo lo è riconosciamo il SUO IMMENSO AMORE che vediamo anche nella correzione che ci manda affinché possiamo crescere come si legge sempre nei versetti successivi Ebrei 12:10-11 Costoro infatti ci correggevano per pochi giorni, come sembrava loro; Dio invece lo fa per il nostro bene, allo scopo di renderci partecipi della sua santità. Certo, ogni correzione, sul momento, non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo però arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.

      Iniziamo come ha fatto Giacinto nel far memoria delle parole dell’apostolo Paolo con l’esaminare se stessi e nel riconoscere che Dio È nostro Padre

      Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.