Basta costruire templi!

Alcuni dei templi delle ADI. Quanti milioni di euro buttati via! quanti debiti contratti! quanti mutui sulle spalle di tante famiglie! quanta vanità! quanta vanagloria! quanta ipocrisia! Pare proprio che Gesù per le ADI abbia detto: ‘Andate e costruite templi ….’.

Le ADI insegnano che ognuno di questi templi è la casa di Dio, ma dicono una menzogna perché l’Altissimo “non abita in templi fatti da man d’uomo, come dice il profeta: Il cielo è il mio trono, e la terra lo sgabello de’ miei piedi. Qual casa mi edificherete voi? dice il Signore; o qual sarà il luogo del mio riposo? Non ha la mia mano fatte tutte queste cose?” (Atti 7:48-50). Questi edifici di culto non sono la casa di Dio, perché la casa di Dio è l’assemblea dei santi. Questi edifici sono solo luoghi costruiti per adescare anime e chiedergli ripetutamente soldi.
Ve lo ripeto, fratelli, uscite e separatevi dalle ADI che non servono il nostro Signore Gesù Cristo, in quanto si prefiggono altre cose: fare soldi, accrescere il loro patrimonio immobiliare, farsi un nome sulla faccia della terra, etc. Radunatevi nelle case come gli antichi discepoli, e lasciate questi luoghi dove le anime vengono sedotte con un parlare dolce e lusinghiero da persone che servono il loro proprio ventre. Leggete il libro degli Atti degli Apostoli e capirete che le ADI hanno rigettato il modello della Chiesa primitiva. Questo discorso vale anche per tutte le altre denominazioni come le ADI. Provvedete ai bisogni dei poveri fra i santi.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Basta costruire templi!

  1. Massimo scrive:

    Ho conosciuto molte pecore ignare che hanno dato dei bei soldini per costruire questi templi che sono e resteranno proprietà immobiliare esclusiva delle ADI. E’ pura illusione quello che leggiamo in Atti 4:32-35, ovvero che di quell’edificio, poi una volta costruito ed avviato nelle sue varie attività un credente possa goderne appieno, sentendolo appunto parte di se. Non è affatto così! Altro che : “era tutto in comune”.
    Pensa Giacinto, che una volta avevamo formato un piccolo gruppo di preghiera tra noi credenti della stessa comunità e ci eravamo messi in cuore d’incontrarci una volta alla settimana presso quello stesso immobile/chiesa, e in giorni diversi da quelli stabiliti per il culto e lo studio. Ma rappresentata la cosa al nostro “caro” pastore, quest’ultimo apprendeva la nostra iniziativa/richiesta molto ma molto in malo modo, seccatamente e negativamente!! Ci diede la possibilità di andarci una sola volta… poi mai più. Avremmo dovuto arrangiarci a cercarci fuori da quel tempio, un luogo per riunirci!
    Da notare che il nostro unico e semplice intento non era quello di giocare chissà… a carte, o divertirci, a ridere e scherzare, o magari per mangiare e bere qualcosa insieme, no no, ma unicamente quello di PREGARE INSIEME! Come già detto, ci fu concesso una sola volta di radunarci lì! Quel tempio era zona off limits ed aperta solo nei stretti orari stabiliti! Per il tempo restante era nella piena disponibilità del pastore e della sua famiglia! Che bella cosa…vero?
    Pertanto i credenti, nonostante avessero concorso nel pagare i debiti contratti col mutuo per la realizzazione di quella chiesa, avevamo la possibilità di accedervi solo ed esclusivamente negli orari di culto e di studio stabiliti dal pastore! Punto e basta! Almeno le chiese cattoliche sono aperte dalla mattina alla sera, ma quei templi ADI sono aperti ed accessibili solo ed esclusivamente per qualche ora ed in orari ben precisi!… poi una volta chiusi diventano in toto proprietà esclusiva del pseudo Clero Adiano, nella fattispecie del rappresentante locale delòl’Organizzazione, ovvero del pastore e di nessuno più! Fatto sta’ che con quel gruppo, ci si riuniva per pregare insieme, presso l’abitazione di un fratello che ce ne aveva data ampia disponibilità!
    Questa è la pura verità!
    Che sappiano tante pecore di quegli ovili, che a quei pastori non interessa un bel nulla se poi lasciano la comunità perchè si sono accorte che lì non amano camminare in obbedienza alla Parola di Dio! A loro non gliene importa proprio nulla, a quei pastori interessano solo i vostri soldi che consigliano sempre di dare con larga generosità sia nelle offerte che nelle decime ed in qualsivoglia altra occasione! “Quello che avete dato” vi dirà poi il vostro pastore ” l’avete dato al Signore non a me”. E così l’Organizzazione prospera ed ingrassa, aumentando il suo patrimonio, come hai giustamente affermato tu Giacinto, e di riflesso tutti quei pastori assunti a tempo indeterminato presso quell’ Ente Morale.
    Questa è la triste realtà!

  2. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    Templi maestosi, cattedrali sempre più grandi, se ne vedono in ogni luogo si da diventare una rete pronta a intrappolare chiunque si accosti, oggi leggendo i versetti di quando l’apostolo Paolo e Sila furono messi in prigione mi è venuto alla mente come sono cambiati i tempi perché questo si legge in atti 16:16-19 Mentre andavamo alla preghiera, venne verso di noi una giovane schiava, che aveva uno spirito di divinazione e PROCURAVA MOLTO GUADAGNO AI SUOI PADRONI facendo l’indovina. Essa seguiva Paolo e noi gridando: «QUESTI UOMINI SONO SERVI DEL DIO ALTISSIMO E VI ANNUNZIANO LA VIA DELLA SALVEZZA ». Questo fece per molti giorni finché Paolo, mal sopportando la cosa, si volse e disse allo spirito: «In nome di Gesù Cristo ti ordino di partire da lei». E lo spirito partì all’istante. MA VEDENDO I PADRONI CHE ERA PARTITA ANCHE LA SPERANZA DEL LORO GUADAGNO, presero Paolo e Sila e li trascinarono nella piazza principale davanti ai capi della città;

    Sì gli apostoli non incrementano i guadagni dei “padroni uomini”, piuttosto si mettono in animo di annunziare Cristo Gesù, Via di salvezza di coloro che credono e lo fanno con l’unico scopo non di incrementare un patrimonio immobiliare ma per dare GLORIA A DIO.

    Giacinto qual sia la denominazione preghiamo che possa essere annunziato con coraggio Gesù Cristo e che possa ogni famiglia credere nel SUO NOME per essere salvata (atti 16:29-34)

    Pace

  3. Marco scrive:

    Uguali ai cattolici… uguali ai pagani… erano i pagani a costruire immensi templi per Zeus e tutte le altre false divinità…. ormai questi “evangelici” vanno chiamati con il nome di pagani. Infatti mettono anche le colonne, esattamente come i luoghi di culto pagano, tipo “Partenone”.
    E non mi stupirei di sapere che sono pure capaci di affittarlo a qualche associazione per tenere “eventi”, che loro spacceranno per “cristiani”, come concerti rock estivi o scene teatrali o grigliate e pic nic invitando anche quelli del mondo o qualche celebrità che si farà immortalare davanti alle telecamere! Tanto, lo spazio c’è, la voglia di ingrassare i portafogli anche…

  4. Giuseppe scrive:

    Pace a tutti.
    L’offerta è libera,nessuno impone la decima,o meglio,Dio impone la decima “di cuore”,cioè quello che si sente di dare.
    In passata,quando appartenevo al mondo,ho sprecato tantissimo denaro in alcool,droghe divertimento e fornicazione,e nonostante potessi arriavare a guadagnare anche fino a più di 2000 euro al mese,ero sempre vuoto dentro e con pochi soldi in tasca.
    Ora guadagno la metà,non ho nessun vizio (veramente grazia a Dio!) e mi sento di dare la decima con cuore allegro,non perchè me lo impone la chiesa ma semplicemente un modo come tanti di dire ;”GRAZIE GESù,accetta questa mia misera offerta per la tua opera affinchè la tua presenza di un locale di culto sul territorio possa far avvicinare e convertire tante persone al tuo Evangelo”.
    Tutto appartiene già a Dio e noi possiamo solo ringraziarlo e adorarlo,e quale modo migliore che far restare aperto una chiesa in un quartiere malfamato (nel mio caso,quartiere Miano,zona vicino a Scampia-Secondigliano).

    • giacintobutindaro scrive:

      Pace, Giuseppe, ma hai letto quello che ho scritto?

    • fabio scrive:

      Pace Giuseppe,
      Ho letto anche io il tuo commento e le risposte che hai ricevuto e credo che il tuo parlare sia in “buona fede”, vorrei pero che provassi a leggere quello che scrisse l’apostolo Paolo in Ebrei 10:5-10
      ECCO PERCHÉ CRISTO, entrando nel mondo, disse:
      «Tu non hai voluto né sacrificio né offerta
      MA MI HAI PREPARATO UN CORPO; non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato.
      Allora ho detto: “ECCO, VENGO”
      (NEL ROTOLO DEL LIBRO È SCRITTO DI ME)
      “PER FARE, O DIO, LA TUA VOLONTÀ”».
      Dopo aver detto:
      «Tu non hai voluto e non hai gradito né sacrifici, né offerte, né olocausti, né sacrifici per il peccato» (che sono offerti secondo la legge), aggiunge poi:
      «Ecco, vengo per fare la tua volontà».
      COSÌ, EGLI ABOLISCE IL PRIMO PER STABILIRE IL SECONDO. In virtù di questa «VOLONTÀ » noi siamo stati santificati, mediante l’offerta del corpo di Gesù Cristo fatta una volta per sempre.

      Certo Dio ama un donatore allegro ma per donare non vi è certo da prendere calcolatrice e calcolare la decima poi discutere se sul netto o sul lordo…mah

      Lo Spirito di Cristo si legge entrando nel mondo attesta “ma mi hai preparato un corpo…Per fare la Tua Volontà”

      Come ti hanno consigliato tutti gli altri investiga le scritture e come ti ha scritto Massimo sia lo Spirito di Dio il tuo Maestro non i ragionamenti vani degli uomini

      Pace

      • Massimo scrive:

        Fabio pace. Apprezzo anch’io la tua di sincerità, ma non quella di Giuseppe, perchè la sua non è buona fede, bensì un credo che temo oramai sia radicato su insegnamenti errati e di tornaconto impartiti dal suo pastore, forse delle Adi, o forse di una chiesa similare….visto lo stesso modus operandi, quando si tratta di soldi e loro amministrazione!
        Giuseppe prima di tutto, così scrivendo, ci fa capire che non conosce la distinzione tra : offerta, decima e sovvenzione.
        Ci fa sapere che lui versa mensilmente alla chiesa almeno 100 euro di decima, che lui definisce libera, ma che invece temo sia liberamente imposta dalla sua chiesa.
        Ma delle offerte domenicali che dovrebbe fare durante i culti domenicali perchè non ci dice nulla? Come mai? Forse Giuseppe non fa anche l’offerta domenicale? Eppure i cestini di sicuro passeranno sotto i suoi occhi durante il culto domenicale! Quindi, facendo sue conti, sono più di 100 euro che versa a quella chiesa ogni mese…o mi sbaglio?
        Giuseppe parla di “decima di cuore”, quando invece dovrebbe parlare solo di cuore al 100% da dare al Signore in “Amore” e soprattutto in “sottomissione ed obbedienza” alla sua Parola.
        Gradirà forse il Signore questa preghiera :” Grazie Signore…. eccoti i miei 100 euro!”. Questo è il tutto?
        Giuseppe parla di “presenza del Signore in un locale di culto”, quando invece la parola ci dice : “Poichè dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro” (Matteo 18:20). Pertanto dov’è la necessità alcuna di un edificio/ tempio di cui certuni, Giuseppe compreso, magari (ipotizzo) stanno pagando un mutuo decennale e forse più, accollato loro da menti benpensanti (Pastore & C) “dove incontrare il Signore” come scrive sempre Giuseppe. Ma mi rendo conto che è molto difficile sradicare certe credenze e convinzioni religiose. Eppure come ha ben ricordato Giacinto :”Quale casa vorreste costruirmi?”. Ma dei lupi astuti invece desiderano e ci riescono purtroppo a far breccia su certi “deboli”, certi “fragili”, “mancanti di conoscenza” e così certi lupi realizzano certi loro progetti alle spalle di altri “homo hominis lupus est” prosperano insieme all’ Organizzazione o Denominazione che amano definire astutamente “Opera del Signore”.
        Ci vuole molto più amore per il nostro Signore Gesù Cristo e la sua Parola e bisogna appunto lasciare che lo Spirito Santo possa agire nel cuore e nella mente, altrimenti (del resto facevo anch’ io così nella mia ignoranza, pendevo completamente dalle labbra di quei pastori) si resta nei propri peccati, felicemente morti in quanto ignorantemente convinti, illusi, di essere nel giusto e nella Verità, ma solo perchè era il mio caro pastore (pendendo dalle sue labbra e desiderando tanto compiacergli) a farmi credere di essere in tale falsa situazione di gioia, pace e amore, quando invece non era così!
        Giuseppe pertanto, se non se ne esce da quella chiesa e soprattutto se non si libera da tanti falsi insegnamenti di cui si ciba oramai da anni (pascolo velenoso) resterà intrappolato nelle loro maglie! La sua è una falsa buona fede!
        Raccolga invece la sua tenda ed abbia il coraggio di seguire il Signore dovunque Egli vada, costi quel che costi! Forse Giuseppe non sa nemmeno che se anche distribuisse tutti i suoi beni per nutrire i poveri e desse il suo corpo a essere arso, e non avesse “AMORE” non gli gioverebbe a nulla!
        Ma di quale amore parla l’apostolo Paolo? Di AMORE per il Signore e la sua Parola! Ma quelli delle ADI e tante altre chiese evangeliche similari hanno ben poco amore per il Signore e la sua Parola! Guai per tutte queste! Guai!!
        Pace.

        • fabio scrive:

          Pace Massimo e grazie per le tue parole che mi portano a riflettere sulla Parola di Dio, perché essendo debole mi rendo conto quanta falsità c’è in mezzo alle chiese che senza un attenta riflessione non vedrei…ecco l’importanza di investigare le scritture.
          Qualche giorno fa mi trovavo in un luogo con i miei due figli e mi è venuto in mente quello che hai scritto di quando hai incontrato un “fratello” di una comunità che frequentavi, mi è venuto alla mente la tua riflessione perché anche noi abbiamo incontrato il sacerdote della chiesa cattolica che frequentavamo e al di là della freddezza con cui ci ha detto Buongiorno aveva furia di andare neppure il tempo di dire Gesù che era già andato via, lasciandoci con questa frase ” un tempo ci conoscevamo”…
          Dentro di me ho pensato che non un tempo ci conoscevamo ma oggi nel vedere la sua corsa , la sua fretta come nella parabola del buon samaritano di coloro che passavano e nessuno si accorgeva dell’uomo incappato nelle mani dei briganti mi rendo conto solamente per la GRAZIA che di mi ha fatto di conoscere la natura di questi lupi vestiti da pecora…

          Pregherò per Giuseppe perché possa uscire e vedere…
          Pace Massimo

  5. Massimo scrive:

    Giuseppe, purtroppo ho conosciuto e conosco molti credenti evangelici pentecostali e non, che la pensano come te, ovvero che non hanno la piena conoscenza del Vangelo della Grazia. E ciò mi rammarica molto! Tu sei proprio uno di quelli che incrementa il patrimonio di certe chiese come ha scritto Giacinto!
    Leggere questo tra le altre cose che hai scritto :”….. e mi sento di dare la decima con cuore allegro,non perchè me lo impone la chiesa ma semplicemente un modo come tanti di dire ;”GRAZIE GESù..” mi lascia basito!
    Qualche lupachiotto, con le sue ciance, ha fatto un gran lavoro su di te, illudendoti! Ma finchè ci sono molti che ripeto, la pensano come te, ma non hanno la mente di Cristo, certi altri vanno di bene in meglio! Non vivo a Miano dove invece vivi tu Giuseppe, ma vivo in una città che forse è peggiore per certi aspetti di quella tua zona! Qui la droga passa indisturbata davanti alla mia porta tutti i giorni trasportata su zaini da anziani e giovani. L’illegalità regna anche qui…eppure sembra tutto in ordine ed a posto! Ma appunto sembra! Solo che dove vivi tu magari viene fatto alla luce del sole, mentre qui tutto si muove di nascosto, nell’ombra! Dove vivo io ci sono più chiese cattoliche; non mancano chiese o piccole comunità evangeliche come anche centri di culto islamico! Non credo proprio che la situazione qui dove vivo io sia affatto diversa dalla tua! Ma il Signore opera ovunque e dove il peccato abbonda la grazia sovrabbonda! Per cui se ti posso dare un consiglio, smettila di seguire falsi maestri, prendi sul serio in mano la Parola di Dio e mettila in pratica, fatti guidare dallo Spirito Santo. La tua decima, che Dio non impone affatto perchè siamo sotto il Vangelo della Grazia, non ha bisogno assolutamente davvero dei tuoi soldi. Ha bisogno soltanto di cuori arresi al suo volere, disposti ad obbedirgli e a seguirlo, ma quei templi nei quali viene insegnato un falso vangelo devono scomparire e ciò dipende moltissimo da credenti che sono disposti ad obbedire al Vangelo di Cristo e smettono di seguire tanti astuti pifferai magici!

  6. Luca Guidetti scrive:

    Basta templi massonici!e basta denominazioni massonizzate sotto l’ombra di faraone!sono in abominio a Dio!
    Giovanni 4:24 Dio è Spirito; e quelli che l’adorano, bisogna che l’adorino in spirito e verità.
    Pace nel Signore e Salvatore Gesù Cristo.Amen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.