CHIESA ADI DI MISILMERI: il pastore ha accettato il proponimento dell’elezione di Dio?

Mi hanno segnalato che ieri a Misilmeri (Palermo) in seno alla Chiesa ADI durante il culto il pastore Massimo Zangari ha predicato su Giovanni 15:12-17 e la sua predica ha fatto scalpore. Ho ascoltato la predica e in effetti è diversa dalla solita predica adiana che fa dipendere la salvezza dalla scelta dell’uomo. Mi domando quindi: ha questo pastore accettato il proponimento dell’elezione di Dio? Ho estratto alcuni minuti della sua predica e vi invito ad ascoltarli per giudicare voi quello che dice.

Aspettiamo, vediamo ….

Giacinto Butindaro

Tutta la predica è ascoltabile qua

https://youtu.be/1ceI2uMeMd0

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a CHIESA ADI DI MISILMERI: il pastore ha accettato il proponimento dell’elezione di Dio?

  1. Massimo scrive:

    Giacinto, ho ascoltato questi tredici minuti, ma personalmente ritengo che sia il parlare di sempre ma in questo caso ad effetto, che è “frutto singolare” di questo pastore che non conosco affatto! In questi minuti lui non accenna a nulla che possa ricondurre il suo ragionamento all’ Elezione, ovvero al fatto di essere stati scelti “perchè preconosciuti e predestinati prima della fondazione del mondo”, no… ma bensì spinge l’uditore a gustare un effetto di salvezza che scaturisce solo successivamente, ovvero con Gesù, quando invece è il completamento dell’opera salvifica, di ricondurre al Padre quelli che sono i suoi! Non so se mi sono spiegato!
    Giacinto, credimi, vorrei sbagliarmi, ma questo pastore , almeno per questi minuti che ho potuto ascoltarlo, non dice nulla di nuovo o di diverso dalla solita minestra!
    E vuoi sapere di più? Fa un gran miscuglio di versetti, quando cita Giovanni 3:16, per poi dilungarsi con i molti chiamati ma pochi gli eletti, ecc… La Parola non inganna o si contraddice affatto, ma scende giù come l’olio sul capo di Aronne e rinvigorisce, rincuora, consola, fa star bene l’anima mia…ma non questo ragionare adiano!
    Ripeto, vorrei tanto sbagliarmi, ma non c’è nulla di nuovo! Questo pastore non lo conosco, come del resto 99% degli altri, mentre riconosco il tono, il medesime parlare e riconosco il suo proposito : che vorrebbe suscitare tra i credenti un certo effetto, ma lungi dalla Parola di Dio che insegna che i suoi, Dio li ha preconosciuti e predestinati prima della fondazione del mondo! Ribadisco…. questo è quello che ho avvertito e percepito nell’ascoltarlo. Niente perciò di nuovo sotto il sole delle ADI …almeno per me! Pace.

  2. Massimo scrive:

    Sempre nel contesto Giacinto, mi sono fatto un “giri in giro nella rete” e purtroppo mi sto sempre più rendendo conto che ho capito ben poco se non nulla della vita! Partendo infatti dal minuto 3:36 al 3:50 Zangari condiziona la “scelta” che Dio fa “in base alla risposta” che il cuore di ciascun uomo da’. Quindi secondo Zagari dipende sempre dall’uomo e non da Dio! Mi sbaglio forse?
    E dal minuto 4:30 questo pastore poi, sottolinea il tema della sua esposizione : “Scelti per servire” e cita un tal fratello : Roger KOFFI. Mai sentito nè conosciuto!
    Sono andato quindi in cerca di quest’ultimo, apprendendo che unitamente alla moglie Elizabeth, essendo una coppia missionaria, da parecchi anni vanno in giro per tutte le chiese evangeliche d’Italia, soprattutto invitati dalle ADI. Ma ho anche notato che i due hanno pubblicato due libri; il primo ha per titolo : “Modellato per servire” e viene venduto on-line a 10,00 euro. Il secondo s’intitola : “Il percorso d’una coppia di missionari” venduto sempre a 10 euro. Quello che mi ha altresì rammaricato è di aver visto una locandina con sopra scritto : “Domenica Gospel – Roger e Elisabeth Koffi – 28 gennaio 2018 – Sabaoth Theatre di Brescia e i due per certo, vanno in giro anche per altre denominazioni. Ho appreso altresì che Roger Koffi collabora da ben 35 anni con le chiese Italiane ed è direttore delle Opere Sociali delle ADI in Costa d’Avorio.
    Non lo so Giacinto, ma questo Roger mi ricorda molto Emmanuel Milingo, Monsignore della Chiesa Cattolica che vantava essere un guaritore ed esorcista, attirando a se migliaia di fedeli. E se le Chiese ADI invitano del continuo questa coppia e sono allineate a loro, come pure le chiese Sabaoth come altre denominazioni pentecostali come quella di Sciacca e chissà quante altre, se vendono libri, e così facendo , ovvero andando in giro per l’Italia credo che raccolgano molto denaro. E ricordo che lo stesso agire era anche di quel Mons. Milingo per la sua Africa. Non lo so Giacinto, ma il dolce e lusinghiero parlare di Roger e consorte (quest’ultima insegna alle donne) non mi convince per niente! A volte vorrei conoscere personalmente certe persone per esaminare i loro spiriti se davvero sono da Dio, perchè il loro agire non mi convince per niente. Personalmente giudico che il loro servizio sia al 50% per un padrone, mentre il restante 50% per l’altro. Questo credo e questo scrivo! Pace.

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, aspettiamo, il punto è il proponimento dell’elezione di Dio …. poi per il resto le ADI sono quelle che sono CORROTTE FINO ALLE MIDOLLE …. aspettiamo di capire se Zangari ha accettato il proponimento dell’elezione di Dio. Lo capiremo presto, non ti preoccupare. Se infatti lo ha accettato sarà cacciato dalle ADI, altrimenti rimarrà dentro le ADI. Perchè nelle ADI è risaputo che non si può fare il pastore se si crede nel proponimento dell’elezione di Dio. Nella sua predica non tutto era corretto biblicamente – lo sapevo -…. qualcosa di sbagliata l’ha detta, ma nel suo insieme si distanzia dalla solita predica adiana sull’argomento su diversi punti. Basta considerare che la stessa domenica Paolo Lombardo si è scagliato con ferocia contro il proponimento dell’elezione di Dio. E’ per questo che dico … aspettiamo, vediamo, anche perchè io so che nelle chiese ADI in sicilia ci sono non pochi membri che hanno accettato il proponimento dell’elezione di Dio e stanno affrontando delle dure lotte. Ripeto, aspettiamo … la situazione è molto complessa ed è in continua evoluzione. Pace

      • Massimo scrive:

        Ho ascoltato…ho ascoltato le parole di Lombardo del 24 c.m. e l’ho sentito più confuso che persuaso essendo chiaramente molto nostalgico dell’Antico Testamento!
        Ma oltre a Gesù anche l’apostolo Paolo, come pure lo scrittore della lettera agli Ebrei e Giacomo stesso (2:5) affermano e confermano che è Dio a scegliere!
        Ma aspettiamo, come saggiamente suggerisci tu Giacinto… del resto il Signore nostro non manca mai di sorprenderci! Pace.

  3. Disma G.B. scrive:

    Illustrissimi signori
    Sono membro di una Chiesa A.D.I. in Bassano del Grappa
    Francamente penso che un po’ in tutte le Chiese e in tutti gli uomini, in materia di fede, ci sia gran confusione.
    Dio salva gli uomini che aprono a Lui il loro cuore, Egli vorrebbe che tutti fossero salvati, perché Egli chiama a Se tutti; indistintamente. Non fa privilegio a pochi, ma a tutti: “Poiché non c’è distinzione tra Giudeo e Greco, essendo egli lo stesso Signore di tutti, ricco verso tutti quelli che lo invocano.
    Qui non c’è Greco o Giudeo, circoncisione o incirconcisione, barbaro, Scita, schiavo, libero, ma Cristo è tutto e in tutti
    E mi dispiace, non poco, leggere questi commenti così squalificanti nei confronti delle A.D.I. Noi a Basano del Grappa abbiamo un pastore ed una comunità di cui non si può assolutamente dire nulla; dunque è sbagliato generalizzare. E’ scritto, cari signori: “Non sparlate gli uni degli altri, fratelli.”

    • giacintobutindaro scrive:

      Uno di quelli in cui c’è GRANDE CONFUSIONE sei tu …. che dalla tua parlata ti dai a conoscere.

    • mirko scrive:

      Mah… nonostante tutto l’impressione che si ha quando si incontrano pastori o fedeli ADI è sempre la stessa…stessa pasta, stesso modo di pensare, di agire. Tanta omertà, tanto “amore” che “copre il peccato”, tanta ignoranza delle scritture, tanta tradizione umana. Nel mondo pentecostale le ADI sono state un mezzo per distruggere la dottrina degli apostoli ma il vento sta cambiando direzione.

    • Massimo scrive:

      DISMA, anch’io ho la tua stessa bibbia, ovvero la Nuova Riveduta, eppure non trovo scritto che : “Egli chiama a Se tutti” – Leggi Matteo 22:14, è scritto : “Poichè MOLTI sono i chiamati”. E’ così? Quindi non sono tutti, come tu hai scritto invece!
      Hai scritto altresì :” Non fa privilegio a pochi, ma a tutti”; eppure nella stessa tua bibbia trovo scritto :” ma POCHI sono gli eletti” . E’ sempre lo stesso versetto citato prima.
      Ma come leggi Disma? Hai bisogno “del collirio per ungerti gli occhi e vedere ! (Apoc. 3:18),
      Questo la dice molto lunga sul fatto che lì a Bassano del Grappa ci sia un pastore ed una comunità di cui tu Disma non puoi dire proprio nulla, perchè infatti un cieco come potrà mai guidare un’altro cieco, e lì purtroppo ce ne sono anche tanti altri! Chi vede invece, sa discernere la Parola di Dio, la Verità dalla menzogna; sa distinguere il buono dal cattivo albero, ma a te purtroppo pare non interessino affatto i frutti, a te interessano solo le foglie e sotto le stesse ripararti, vero? E più è frondoso meglio ci si può nascondere!
      Ma poi Disma, davanti al Signore, dimmi : “Che hai compreso delle parole di questo pastore di Misilmeri? Avrà accettato il proponimento dell’elezione di Dio, oppure no? Ti ha parlato lo Spirito Santo attraverso il pastore Zangari? E se sì, che ti ha fatto comprendere? Ti ha sorpreso il suo parlare oppure anche a Bassano il tuo pastore predica che la salvezza dipende dalla scelta dell’uomo? Per te è l’uomo, Greco o Giudeo che sia, che sceglie il Signore o è invece il Signore che sceglie? Ricorda :” MOLTI sono i chiamati, ma POCHI gli eletti”. In Apocalisse 17:14 è scritto ancor meglio :”…I Chiamati, gli Eletti e i Fedeli”.
      Secondo te Disma, qui si sparla troppo dei fratelli! Ma come definiresti tu invece coloro i quali predicano un’altro vangelo e spingono altri ad accettarlo? Purtroppo dalle tue parole emerge che tu sei più che soddisfatto del tuo pastore, che reputi veramente irreprensibile! E dei suoi vani ragionamenti? Non fanno una piega, vero? Che grande amarezza per tanta stoltezza!

  4. Disma G.B. scrive:

    Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me. Apocalisse 3: 20

    Prima o poi Dio bussa alla porta di ogni uomo e giacché sono pochi coloro i quali aprono e permettono al Signore di entrare, ecco che gli eletti sono pochi.
    La Parola di Dio è per tutti.
    “Come potrà il giovane render pura la sua via?
    Badando a essa mediante la Tua parola”. Salmi 119: 9

    Forse che Dio quando ispira questo brano ha in mente qualche giovane in particolare ?
    Non è forse questo messaggio per tutti i giovani ? E dunque per tutti gli uomini ?

    Insisto: “I predestinati solo perché preconosciuti”.
    A Bassano del Grappa non siamo ciechi e nemmeno ci facciamo turlupinare

    • giacintobutindaro scrive:

      A Bassano voi siete insensati e ignoranti …. speriamo dunque che Dio vi apra la mente per intendere le Scritture!

    • Massimo scrive:

      DISMA, come vedi Giacinto e Mirko ti hanno risposto!
      Personalmente apprezzo solo il fatto che tu abbia riscritto, è bastato questo per comprendere purtroppo che la vittima evidente del raggiro sei proprio tu! Vedo che hai letto il passo in Apocalisse 3:18. Vai allora al versetto successivo ovvero “19”…che leggi?
      Questo :” TUTTI QUELLI CHE IO AMO LI RIPRENDO E LI CORREGGO…”.
      E’ chiaro che quel “Tutti” significa solo “Alcuni tra i tutti”. Perchè?
      Perchè Dio è certamente buono e misericordioso, ma non ama certamente tutti! Il termine “Alcuni” quindi è in linea col ” se Qualcuno ascolta” come hai riportato tu. Quindi il Signore “non chiama a se tutti e non fa privilegio a tutti” come avevi scritto tu Disma in precedenza.
      Massima attenzione Disma…perchè al versetto 1 stesso capitolo, che leggi altresì ? :”Io conosco le tue opere: tu hai fama di vivere ma SEI MORTO. Sii vigilante e rafforza il RESTO che STA PER MORIRE. Ricordati dunque COME hai RICEVUTO ed ASCOLTATO LA PAROLA……se non sarai vigilante, Io verrò come un ladro e tu non saprai a che ora verrò a sorprenderti.” Apoc. 3:1-3). Sono tremende queste parole Disma!… non trovi?
      Le ADI hanno forse fama di vivere? Si…no? A sentir loro non esiste in Italia una Organizzazione religiosa migliore! Loro sì che vivono, o meglio, dicono di vivere, e hanno anche una certa fama in campo evangelico di vivere! Ma in verità i più sono tutti morti, il restante invece sta arrancando e respira affannosamente!
      Attenzione Disma pertanto all’avvertimento del nostro Signore Gesù Cristo :” SII VIGILANTE!…RICORDATI COME HAI RICEVUTO ED ASCOLTATO LA PAROLA”. Tu Disma COME l’hai ricevuta e come l’hai ascoltata?
      Ricordati Disma : “Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese!” Apoc. 3:6 – 3:13 3:22). Il blog di Giacinto ha questo stesso monito!
      Ma tu, il tuo pastore, la tua chiesa Come leggete? CHI state ascoltando? CHI vi sta guidando?
      Bassano del Grappa mi è cara per il Ponte degli Alpini, per l’Ossario e per la “Tagliatella di Bassano”, ma credimi, dovessi venirci, non cercherei certo quella chiesa… perchè già so che berrei dell’acqua (sii intelligente non intendo acquavite) inquinata e mangerei dell’erba avvelenata per certo!
      Investiga, investiga le Scritture e chiedi allo Spirito Santo che ti confermi se le ADI stanno servendo davvero il Signore, oppure l’altro signore. Ma che hai letto seriamente sinora in questo blog. Giacinto parla molto delle ADI, come anche di altre professioni religiose! Ma se veramente hai sete di Verità, esamina ogni cosa alla luce della Parola di Dio, così potrai discernere il bene dal male, la Giustizia dall’ingiustizia! Non confidare negli uomini, chiunque essi siano, confida solo in Dio! Tu affermi di vedere, eppure non ti accorgi che stai guardando con degli occhiali che altri ti hanno dato in prestito, apparentemente gratuitamente, invece è ad un prezzo molto caro!
      Questo mi sento di dirti!

    • fabio scrive:

      Pace Dima G. B,
      Prima di conoscere il blog di Giacinto ero una persona che affermavo e credevo nel cosiddetto “libero arbitrio”, immaginati Disma quando poi sentii parlare del proponimento dell’elezione di Dio, non ti so spiegare ma era un argomento che cercavo di evitare nonostante ascoltassi e condividessi gli insegnamenti/predicazioni che Giacinto negli anni ha pubblicato e che ti consiglio di ascoltare.

      Si cercavo di evitarlo nel senso che era talmente radicato il pensiero del libero arbitrio che non volevo proprio sentirne parlare finché un giorno mi proposi di ascoltare le motivazioni che portavano Giacinto a parlarne e allo stesso tempo di trovare conferma nella SACRA SCRITTURA LA BIBBIA.

      Una conferma la trovai proprio riflettendo su quelle stesse parole che hai usato tu e che ti riporto:”Prima o poi Dio bussa alla porta di ogni uomo e giacché sono pochi coloro i quali APRONO e PERMETTONO al Signore di entrare, ecco che gli eletti sono pochi.

      Se provi a rifletterci qui a queste tue parole sembra che la salvezza l’apertura del cuore sia un qualcosa che dipende dall’uomo ma l’apostolo Paolo ci fa sapere in 1 Corinzi 1:25-29 poiché la pazzia di Dio è più saggia degli uomini e la debolezza di Dio è più forte degli uomini. Infatti, fratelli, guardate la vostra vocazione; non ci sono tra di voi molti sapienti secondo la carne, né molti potenti, né molti nobili; MA DIO HA SCELTO LE COSE PAZZE DEL MONDO PER SVERGOGNARE I SAPIENTE; DIO HA SCELTO LE COSE DEBOLI DEL MONDO PER SVERGOGNARE LE FORTI; DIO HA SCELTO LE COSE IGNOBILI DEL MONDO E LE COSE DISPREZZATE, ANZI LE COSE CHE NON SONO, PER RIDURRE AL NIENTE LE COSE CHE SONO, PERCHÉ NESSUNO SI VANTI DI FRONTE A DIO.

      SI Disma “PERCHÉ NESSUNO SI VANTI DI FRONTE A DIO.”…Se l’apertura del proprio cuore a Dio fosse qualcosa che dipendesse dalla volontà dell’uomo allora l’uomo avrebbe di che vantarsi e la salvezza non sarebbe più grazia come si legge in Rmani 11:5-6 Così anche al presente, c’è un residuo eletto per grazia. Ma SE È PER GRAZIA, NON È PIÙ PER OPERE; ALTRIMENTI, LA GRAZIA NON È PIÙ GRAZIA.

      Disma, mi verrebbe da citarti ciò che scrisse sempre l’apostolo Paolo “o uomo tu chi sei per disputare con Dio?

      Si perché questo si legge in Romani 9:10-28
      E non è tutto; c’è anche Rebecca che ebbe figli da un solo uomo, Isacco nostro padre: QUANDO ESSI ANCORA NON ERANO NATI E NULLA AVEVANO FATTO DI BENE O DI MALE – PERCHÉ RIMANESSE FERMO IL DISEGNO DIVINO FONDATO SULL’ELEZIONE NON IN BASE ALLE OPERE, MA ALLA VOLONTÀ DI COLUI CHE CHIAMA – LE FU DICHIARATO: IL MAGGIORE SARÀ SOTTOMESSO AL MINORE, COME STA SCRITTO:
      HO AMATO GIACOBBE
      E HO ODIATO ESAÙ.
      Che diremo dunque? C’è forse ingiustizia da parte di Dio?No certamente! Egli infatti dice a Mosè:
      USERÒ MISERICORDIA CON CHI VORRÒ,
      E AVRÒ PIETÀ DI CHI VORRÒ AVERLA. QUINDI NON DIPENDE DALLA VOLONTÀ NÉ DAGLI SFORZI DELL’UOMO, MA DA DIO CHE USA MISERICORDIA. Dice infatti la Scrittura al faraone: Ti ho fatto sorgere per manifestare in te la mia potenza e perché il mio nome sia proclamato in tutta la terra. DIO QUINDI USA MISERICORDIA CON CHI VUOLE E INDURISCE CHI VUOLE
      Mi potrai però dire: «Ma allora perché ancora rimprovera? Chi può infatti resistere al suo volere?». O UOMO, TU CHI SEI PER DISPUTARE CON DIO? Oserà forse dire il vaso plasmato a colui che lo plasmò: «Perché mi hai fatto così?». Forse il vasaio non è padrone dell’argilla, per fare con la medesima pasta un vaso per uso nobile e uno per uso volgare? Se pertanto Dio, volendo manifestare la sua ira e far conoscere la sua potenza, ha sopportato con grande pazienza vasi di collera, già pronti per la perdizione, e questo per far conoscere la ricchezza della sua gloria verso vasi di misericordia, da lui predisposti alla gloria, cioè verso di noi, che egli ha chiamati non solo tra i Giudei ma anche tra i pagani, che potremmo dire? Esattamente come dice Osea:
      Chiamerò mio popolo quello che non era mio popolo
      e mia diletta quella che non era la diletta. E avverrà che nel luogo stesso dove fu detto loro:
      «Voi non siete mio popolo»,
      là saranno chiamati figli del Dio vivente.
      E quanto a Israele, Isaia esclama:
      Se anche il numero dei figli d’Israele
      fosse come la sabbia del mare,
      sarà salvato solo il resto; perché con pienezza e rapidità
      il Signore compirà la sua parola sopra la terra.

      In tanti che non accettano il proponimento SULL’ELEZIONE di Dio affermano che Dio aveva già visto prima chi avrebbe creduto e quindi che abbia agito di conseguenza ma non è cosi, ha ragione e Giacinto a rigettare anche questo ragionamento per Paolo nei versetti sopra citati dice in merito al vasaio e lo ripeto “Oserà forse dire il vaso plasmato a colui che lo plasmò: «Perché mi hai fatto così?». Forse il vasaio non è padrone dell’argilla, per fare con la medesima pasta un vaso per uso nobile e uno per uso volgare?”
      In questi versetti si comprende benissimo che è il Vasaio a plasmare i vasi prima ancora che fossero, e li predispone alcuni per un uso nobile ed altri per un uso volgare.

      Comunque Disma queste sono solo alcune conferme ma come spesso Giacinto fa presente un abisso (di menzogne) chiama un altro abisso e una VERITÀ CHIAMA ALTRE VERITÀ, quindi chiedi a Dio di darti conferma di questo insegnamento.

      Pace

    • Lino-Ambrogio scrive:

      Caro fratello di Bassano del Grappa, t’invito a riflettere su quanto afferma Apocalisse 3:20. Qui lo Spirito si rivolge ad una Chiesa, non al mondo, cioè a tutti, come purtroppo erroneamente stai affermando. Ti auguro la Pace del Signore e ti consiglio di meditare la Parola perché questo è molto importante. Dio ti Benedica grandemente.

  5. mirko chiera scrive:

    Disma ma lo sai che in apocalisse, quelle parole sono rivolte ad una chiesa e dunque a dei credenti? Ma chi vi insegna queste cose?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.