E nell’Ades ….

Muore all’improvviso un uomo ricco e famoso in tutto il mondo ma che era senza Cristo. La prima cosa che mi viene in mente è questo passo della Scrittura: “…morì anche il ricco, e fu seppellito. E nell’Ades, essendo ne’ tormenti …. “ (Luca 16:22-23). Sì, la sua anima è nei tormenti in mezzo al fuoco dell’Ades. Nessuno si illuda, gli increduli muoiono nei loro peccati in quanto non hanno la remissione dei peccati – che si ottiene credendo nella Buona Novella che Gesù è il Cristo di Dio (cfr. Atti 10:43) – per cui vanno nel fuoco dell’Ades dove sono tormentati.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Insegnamenti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a E nell’Ades ….

  1. Massimo scrive:

    Giacinto, questo passo della scrittura ogni volta che lo leggo, mi suscita sempre nuove sentimenti, in quanto vi trovo sempre nuovi insegnamenti e spunti di riflessione. Qui ci sono due uomini : uno ricco e l’altro povero, giusto? Del ricco non viene fatta menzione alcuna del suo nome, mentre del povero sì : Lazzaro! Quest’ultimo è scritto che era un mendicante, pieno di ulceri, e successivamente, dopo la sua morte sempre la Parola di Dio ci manifesta che era un credente, un figlio di Dio, mentre il ricco era un incredulo. Eppure quest’ultimo una volta nell’Ades rivolgendosi ad Abramo, lo chiama per ben tre volte “Padre”. Ma purtroppo e solo in quel contesto, in quella condizione straziante, il ricco riconosce Abramo come tale. E quest’ultimo chiamerà il ricco : “Figlio…”. Abramo però non è Dio! Quindi sia il ricco che il povero appartenevano alla stessa discendenza, quella di Abramo. Ma uno solo, ovvero il povero, mendicante, sofferente, pieno di ulceri , affamato e tribolato in vita, essendo però un credente, un vero figlio di Dio, ciò gli permise di salvarsi l’anima e di godere della beatitudine eterna! Due figli di una stessa radice, ma con due destini diversi: uno per la gloria, l’altro per una condanna eterna! Lazzaro solo era il predestinato ed il preconosciuto prima della fondazione del mondo!
    Pace.

  2. Giuseppe scrive:

    Dio abbia misericordia.
    Il maligno inganna e rende i cuori superbi a questo mondo.
    Padre,proteggici,nel nome di Gesú.

  3. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    Grazie a Dio nel Nome di Gesù perché tu parli secondo Verità, quella che si legge nella Bibbia e con questo blog la Verità da gloria a Dio specialmente in questa società dove gli uomini cercano di più l’approvazione di altri uomini anziché quella del Creatore di tutte le cose.

    Qui in questo blog ho imparato quello che si legge in Isaia 57:1
    IL GIUSTO MUORE, E NESSUNO VI BADA;
    gli uomini buoni sono tolti di mezzo, e nessuno considera
    che il giusto è tolto di mezzo per sottrarlo ai mali che sopraggiungono.

    MI viene sempre in mente questa frase tutte le volte che fanno cerimonie lussuose con tanto di pubblicità quando muoiono quelle persone che agli occhi del mondo sono “famose”, nessuno mai che si domandi “ma Dio che cosa ne pensa di come ha vissuto quella persona” poiché Giacinto credo che nel caso del “ricco” la sua ricchezza “materiale” parli da se stessa in quanto si legge in Luca 16:9 della ricchezza disonestà
    E che cosa si legge in 1 Timoteo 6:10
    Infatti l’amore del denaro è radice di ogni specie di mali; e alcuni che vi si sono dati, si sono sviati dalla fede e si sono procurati molti dolori.

    Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.