Bisogna turargli la bocca

Bisogna turare la bocca ai ribelli, ai cianciatori e ai seduttori di menti, questo dice l’apostolo Paolo quando afferma che il vescovo deve essere “attaccato alla fedel Parola quale gli è stata insegnata, onde sia capace d’esortare nella sana dottrina e di convincere i contradittori. Poiché vi son molti ribelli, cianciatori e seduttori di menti, specialmente fra quelli della circoncisione, ai quali bisogna turar la bocca; uomini che sovvertono le case intere, insegnando cose che non dovrebbero, per amor di disonesto guadagno” (Tito 1:9-11). Notate che di coloro ai quali bisogna turare la bocca viene detto che mettono sottosopra le case dei credenti insegnando cose perverse per amore del denaro. Quindi, a giusta ragione viene detto che bisogna turargli la bocca, affinché le anime siano liberate dal loro laccio smettendo di credere alle loro false dottrine e di essere sfruttate con parole finte. Coloro dunque che sono preposti nel Signore hanno il dovere di fare anche questo.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Bisogna turargli la bocca

  1. Luca scrive:

    Andrebbe specificato il senso di turare la bocca perché può essere inteso come un atto fisico di violenza. Ossia inteso letteralmente. Certo l’apostolo Paolo non intendeva mettere museruole a chi la pensava diversamente da Cristo, ma parlare con lo spirito di Cristo perché la sua parola è verace e utile a convertire. Poi chi è impenitente rimane tale. E continuerà a proferire ciance, questo è certo. Ma certo non gli si può turare fisicamente la bocca, ossia con la forza. Non sarebbe affatto cristiano.

    • giacintobutindaro scrive:

      Ah, ecco, perchè non è abbastanza chiaro quello che dice Paolo?

    • Massimo scrive:

      Luca, se permetti, è forse il combattimento del cristiano contro carne e sangue? No di certo! Questo l’hanno fatto gli anticristi cattolici (inquisizioni, crociate ecc..).
      In 2° Corinzi 10:1-6 l’apostolo Paolo lo dice ed anche molto chiaramente!
      E’ un servizio al Signore, ovvero una lotta/combattimento tutta spirituale. Quindi “chiudere o turare la bocca” non significa altro che demolire i ragionamenti e tutto ciò che si eleva orgogliosamente contro la conoscenza di Dio, quindi la Parola di Dio, la sua Volontà e Giustizia! Demoliti questi stolti ragionamenti il nemico dovrà per forza tacere, quindi terrà la bocca chiusa, non potrà più ribattere, ricordi l’ha fatto Gesù quando è stato tentato da Satana nel deserto, con gli scribi e farisei che cercavano di coglierlo in castagna, l’ha fatto Paolo con altri…
      Concordi Luca?

    • fabio scrive:

      Pace Luca,
      Mi è venuto alla mente questo post dopo aver letto in atti 18:27-28 Poi, siccome voleva andare in Acaia, i fratelli lo incoraggiarono, e scrissero ai discepoli di accoglierlo. Giunto là, egli fu di grande aiuto a quelli che avevano creduto mediante la grazia di Dio, PERCHÉ CON GRAN VIGORE CONFUTAVA PUBBLICAMENTE I GIUDEI, DIMOSTRANDO CON LE SCRITTURE CHE GESÙ È IL CRISTO.

      Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.