Le ADI si difendono condannandosi con le loro parole

Con questo comunicato (vedi sotto) apparso sul sito della Chiesa ADI di Catania le ADI hanno dato l’ennesima dimostrazione di essere un’associazione religiosa che cammina nelle tenebre, i cui dirigenti hanno il cuore indurito per inganno del peccato e le orecchie incirconcise. Le ADI con questo comunicato hanno dato ampia prova di amare e praticare la menzogna. Per confutare le ennesime loro menzogne mi limito a mettere qui di seguito il link alla lista (da me compilata) di cose perverse insegnate dalle ADI. Una lista parziale, che non contiene quindi tutte le cose perverse da loro insegnate, ma una lista che è sufficiente a confutare le loro false accuse contro il sottoscritto. Io le mie accuse contro le ADI non me le invento, ma le dimostro. E con questa lista ho dimostrato che le ADI hanno rigettato la dottrina di Dio. Questa è la ragione per cui continuo ad esortare i credenti che fanno parte di questa associazione ad uscire e separarsi da essa. Chi ha orecchi da udire, udrà.

«Sebbene con ritardo, sul nostro sito (adicatania.net) e dove altro possiamo, dichiariamo formalmente che le varie notizie e le tantissime contestazioni propinate molto spesso in Facebook e in diversi siti e link di internet, contro le “Assemblee di Dio in Italia” e contro diversi nostri pastori, sono semplicemente fasulle e malvage! Anche quando queste “notizie” e contestazioni fanno riferimento alla parola di Dio o a fatti dichiarati da loro come accaduti, sono soltanto stravolgimenti delle cose e della sana dottrina biblica. Sono tutte studiate e diffuse per ingannare i credenti nuovi, deboli e semplici, soprattutto per fomentare separazioni, sospetti e scoraggiamenti!
Purtroppo, però, anche scandali tra persone estranee alle nostre comunità! Massacrano, dicendo che siamo noi a massacrare! Dio, invece, mediante la Bibbia, ci chiama a salvezza e ad edificare le anime! Con il suo aiuto, noi questo vogliamo adoperarci continuamente a fare.
Sappiamo che anche la presente dichiarazione provocherà altre reazioni meglio studiate e capovolgimenti delle parole, ma essa corrisponde alla verità e noi, ancora una volta, l’abbiamo detta… nel nome del Signore!
Dio benedice gli onesti e quelli che pregano, anche con lacrime, per la chiesa del Signore e s’adoperano per la sua unità e per la sua edificazione!
I responsabili della comunità»

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Le ADI si difendono condannandosi con le loro parole

  1. Massimo scrive:

    Giacinto, potrebbe mai l’oste dire a certi avventori che si lamentano del suo vino :
    “Avete ragione!…. stò vino è troppo annacquato!”.
    Se fosse davvero onesto, dovrebbe : o cambiare fornitore o chiuder bottega!
    Stì ragazzi poi, anche se in ritardo, dichiarano che è colpa del palato di certuni che è troppo delicato e di conseguenza non sanno apprezzare il suo vino! Visti i tempi, certi avventori non dovrebbero essere troppo esigenti bensì accontentarsi, come già fanno tanti altri, a bere un qualcosa che assomigli al vino. Perchè il vino si può fare anche con l’uva…. ma non è poi così necessaria! Temo che quelli delle ADI ragionino così!
    Pace.

  2. fabio scrive:

    Pace a voi,
    Grazie per l’esempio riportato Massimo, perché credo che sintetizza la situazione non soltanto delle Adi ma anche di tante altre denominazioni…
    Giacinto Ho letto la risposta che hai riportato da parte dei ” responsabili della comunità “, e non vi ho trovato nessun rimando alla Parola di Dio, perché dovrebbe essere sempre e solo Lui il nostro punto di riferimento il Verbo che si È fatto carne…e invece no vi ho letto solo parole umane che anche a me come Massimo mi hanno fatto venire in mente delle parole che accostò alla Parola di Dio…
    Una volta lessi un articolo di giornale in cui vi età una contesa tra coloro che portavano il raccolto delle olive ai frantoi e i titolari dei frantoi accusati di alzare i prezzi senza ragione e mi colpii molto la riflessione di un coltivatore che fece presente ai titolari dei frantoi che senza i coltivatori senza quelli che gli portano le olive non vi sarebbero neppure i frantoi e qui entra in gioco la Parola di Dio secondo che si legge in 1 Corinzi 3:7
    Ora né chi pianta, né chi irrìga è qualche cosa, MA DIO CHE FA CRESCERE.

    Tra coloro che servono Cristo Gesù non ci dovrebbero essere maestri che si comportano come costoro che non vogliono assolutamente che il gregge pensi ma che li segua punto e basta qui hanno parlato dei responsabili di comunità ma che cosa ne pensa il gregge, la mia domanda è ma veramente sono tutti d’accordo con quel pensiero?

    Pace

    • Massimo scrive:

      Fabio, il gregge per quei pastori (responsabili) è importante solo per una cosa : per i “piccioli” poi a tutto il resto ci pensano loro!
      Amano molto queste parole : “Chi è con noi non è contro di noi”… e se ad una pecora non sta bene l’andazzo, quella è la porta!
      In mezzo a quel gregge c’è certamente qualcuno che il Signore ha chiamato dalle tenebre alla luce, ma poi questo necessariamente deve uscirsene fuori altrimenti si conforma a loro che oramai non possono più ricercare più la santificazione, è impossibile per loro!
      Basti pensare allo Statuto, alla gerarchia che c’è, i falsi insegnamenti come quelli in parte indicati da Giacinto. E queste sono le colonne portanti di tale Organizzazione, mica la sola Verità e toglierle significherebbe farla crollare tutto l’ Ambaradan adiano!
      Se una pecora chiamata resta in quegli ovili sarà costretto a tacere e amaramente condividere! E più gli anni passano, minor interesse e motivazioni realizzerà un soldato “imboscato”, avvolto nel suo torpore, di combattere!
      Pace.

      • fabio scrive:

        Pace Massimo,
        La Scrittura lo attesta in Apocalisse 3:15-16
        “Io conosco le tue opere: tu non sei né freddo né fervente. Oh, fossi tu pur freddo o fervente! Così, perché sei tiepido e non sei né freddo né fervente, io ti vomiterò dalla mia bocca.

        Certo Massimo bisogna essere ferventi nelle cose di Dio e se non è una persona a uscire da quegli ovili certamente se metterà in pratica la Parola di Dio saranno i cosiddetti responsabili ad accompagare fuori…pensa che una volta mi fermò una signora della comunità che frequentavo e mi disse cosa era successo perché in segreto il sacerdote di quella comunità cattolica aveva messo in guardia tutti i “fedeli” dalla mia persona…

        Pace Massimo

  3. Massimo scrive:

    Giacinto, purtroppo bisogna darne atto che Paolo Lombardo, non ha neppure voluto seguire i consigli del precedente presidente delle ADI, Francesco Toppi che nel suo libro : “Le radici del Movimento Pentecostale” (David A. Womack – F. Toppi – Adi-Media) alle pagine 114, 115 e 116 considerava “I fattori che possono determinare il futuro del Movimento”. Tra questi evidenziava ” l’attuale rinascita del SINCRETISMO, che trova una concreta realizzazione nel Movimento Ecumenico”. Toppi vedeva tutto questo come “l’antico errore commesso dai figliuoli d’Israele i quali, dopo essere stati liberati (dalla schiavitù egiziana) da Dio ed aver attraversato il Mar Rosso, adorarono il vitello d’oro o, come in seguito, mentre confessavano la loro fede in Yaweh, costruivano anche altari in onore a Baal. Così un gran numero di cristiani nominali introdussero nella chiesa antica tradizioni e teorie umane le quali nel tempo causarono la formazione della chiesa romana”.

    Le ADI infatti si sono alleate con altre chiese; addirittura nel tempio della Parola della Grazia di Palermo cui è pastore Lirio Porrello, per mano dello stesso Paolo Lombardo, hanno firmato unitamente ad altri rappresentanti di chiese consorelle quel patto scellerato con gli Ebrei, consegnandosi spontaneamente al nemico delle anime nostre! E questa commistione, questo stringere amicizie e comunione con tanti disobbedienti e ribelli, soprattutto con certi Ebrei nemici della croce, presto li porterà ad inchinarsi davanti al vitello d’oro e lì troveranno ad aspettarli a braccia aperta sempre la stessa “Donna” vestita di porpora e di scarlatto, adorna d’oro, di pietre preziose e di perle, ubriaca del sangue dei santi e del sangue dei martiri di Gesù “Babilonia la grande, la madre delle prostitute e delle abominazioni della terra” (Apocalisse 17) sì la Chiesa Cattolica.
    Toppi scriveva altresì :” Per chi è profondamente attaccato alla fedele Parola di Gesù Cristo, NON possono esistere intese dottrinali con altri credi; non importa quanto razionale e attraente appaia questa posizione intermedia”.
    Paolo Lombardo ha ignorato tutto questo e si è lasciato sedurre dal Serpente Antico, che l’ha avvolto nelle sue spire e presto anche questa Organizzazione verrà stritolata. Ahimè!

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo il patto con gli Ebrei le ADI lo hanno firmato a catania in viale lainò dove si raduna la chiesa ‘Gesù Cristo è il Signore’ di cui è pastore Ottavio Prato

      • Massimo scrive:

        Grazie della correzione Giacinto, ma vorrei anche meglio capire, quindi non è stata fatta una cosa unica, bensì due cose separate ovvero a Palermo presso la Chiesa “Parola della Grazia” cui è pastore Lirio Porrello, come anche a Catania nella Chiesa “Gesù Cristo è il Signore” cui è pastore Ottavio Prato?
        Quindi questi Ebrei sarebbero passati per più chiese al fine di raccogliere i consensi di quante più chiese consorelle possibili aperte e ben disposte a tale vergognoso patto? Se è così, la cosa mi sembra ancor più grave e riprovevole di quanto pensassi!
        Pace.

        • giacintobutindaro scrive:

          Sì, ma a quanto pare l’evento più importante è stato quello di catania …

          • Massimo scrive:

            Giacinto e poi non intervengo più su questo argomento, ma quel signore, ovvero il pastore Lombardo, che ben vediamo nella foto sopra ad un pulpito…ancor rugge? Quando afferma che “Dio benedice gli onesti e quelli che pregano, anche con lacrime, per la chiesa del Signore e s’adoperano per la sua unità e per la sua edificazione” possibile che non provi alcun senso di vergogna? Davvero non sa cosa sia arrossire! (Geremia 6:15). Che cosa intende dire veramente quando parla di unità e di edificazione? Unità con gli increduli, amicizia con i servitori di Satana…questo intenderebbe?
            Ma come fanno poi certuni a star ancora ad ascoltare le sue ciance? Come?
            Pace.

  4. luigi scrive:

    Salve
    Ho letto un po gli articoli postati sulle ADI ed altre denominazioni evangeliche come anche la Nuova Pentecoste di Aversa, dove secondo quanto scrivete , esse insegnano false dottrine e invitate coloro che ne fanno parte ad uscire da esse “credo sia questo il vostro messaggio”.
    Visto quanto vi chiedo:
    I quanti, uscendo da queste , in quale realtà evangelica dovrebbero rifugiarsi ,per essere cibati ed abbeverati dalla Sana Dottrina, visto anche il monito di “Ebrei 10, 24-25 ?
    Grazie per la risposta

    • giacintobutindaro scrive:

      Salve, sarà Dio a mostrargli la via …. Lui è la nostra guida

      • luigi scrive:

        Salve Giacinto
        Se sarà Dio a mostrargli la via “come scrivi”, leggo che il vostro dissenso, postato contro le dottrine di queste realtà evangeliche dura da circa 5 anni , e tali realtà evangeliche , tutt’ora sono attive e il gregge che dovrebbe abbandonarle, ancora si ciba ed abbevera ai loro sermoni….
        Chiedo: forse Dio non si prende cura di tale gregge, da circa 5 anni, e facendolo cibare ed abbeverare ai sermoni di tali pastori ?
        Grazie per la risposta

        • giacintobutindaro scrive:

          Salve, usciranno quelli che Dio vuole …. dipende da Lui. Tanti ne sono già usciti, altri ne seguiranno. Poi vedo che non sei informato, il nostro dissenso contro le false dottrine di queste denominazioni risale a molto tempo più indietro

    • Massimo scrive:

      Luigi…. quale sarebbe il tuo vero timore?..Di non poter fornire al mondo che magari te lo chiede, una tua identità religiosa ben precisa, non appartenendo a nessuna denominazione? Non è forse scritto che qui sulla terra il credente è un come pellegrino in cerca di una patria e che la sua patria è nel cielo?
      Quindi cittadino del cielo! Ciò non è forse di gran lunga preferibile al vantare un’identità religiosa di facciata, giustificando l’appartenenza ad una Organizzazione religiosa statalizzata? La Chiesa del nostro amato Signore Gesù Cristo non è forse colonna e sostegno della Verità? (1° Timoteo 3:15). Ma se non è tale? La sua Chiesa è sparsa su tutta la terra ed il nome di ciascun salvato è ben noto a Dio e registrato nel libro della vita dell’Agnello, ma non vuol dire che sia riportato anche nel registro di una chiesa terrena! Dove due o tre sono riuniti nel mio nome lì c’è Gesù, il Cristo di Dio ed è proprio lì la vera Chiesa di Cristo, che ne è il Capo! Se tu, alla luce della Parola di Dio, ti rendi conto che nella comunità che frequenti vengono predicate mezze verità che fai?… continui a restarci ancora? Non ti sentiresti forse un’ ipocrita? Se ami veramente Gesù devi necessariamente seguirlo ovunque egli vada! Se al contrario resti in certi ovili, ti uniformerai a loro e non ricercherai più la santificazione senza la quale nessuno vedrà Dio; al punto che non sarai più in grado di distinguere il bene dal male, resterai schiavo di uomini astuti, falsi dottori e apostoli!
      Come ti ha risposto Giacinto, fai il tuo passo di fede, prendi la tua croce e segui Gesù…sarà Lui, mediante lo Spirito Santo a guidarti e magari ti farà incontrare fratelli e sorelle veramente fondati/e sulla Parola di Dio e che lo vogliono servire come Egli comanda!

      Se permetti LUIGI, vorrei se possibile da te una risposta, ma ti pregherei veramente sincera su questo : “Tu, difendi la Nuova Pentecoste, avanzi certi dubbi, saluti col Buongiorno e con Salve”, non so se interpretarli come una sorta di prudenza o invece una volontà di mantenere debita distanza… dimmi…in tutta sincerità Luigi, a quale chiesa cristiana appartieni, o meglio quale identità religiosa attualmente attesti al mondo?

  5. fabio scrive:

    Pace
    Nel leggere le vostre riflessioni dalla domanda di Luigi mi è venuto in mente ciò che disse Gesù in Matteo 8:20
    E Gesù gli disse: «Le volpi hanno delle tane, e gli uccelli del cielo dei nidi, MA IL FIGLIO DELL’UOMO NON HA NEPPURE DOVE POSARE IL CAPO ».

    Credo che tanti oramai si sono adagiati all’interno della propria organizzazione/denominazione e vi stanno talmente comodi che anche quando riconoscono per grazia di Dio le menzogne che vengono dette dai pulpito per una situazione di comodo si girano facendo finta di non aver sentito ma Gesù nel suo parlare ci fa conoscere che chi lo vuole seguire deve lasciare ogni sicurezza terrena tutto ciò che rappresenta “le nostre abitudini” e Luigi lascia che sia Dio stesso la tua guida, che sia Lui a farti sentire in cuore chi incontrare a chi predicare il Vangelo altrimenti saranno soli proponimento umani che non porteranno mai frurto per la vita eterna.

    Pace

    • Massimo scrive:

      Fabio, hai ben citato… :”Le VOLPI hanno tane…” e aggiungerei quest’altre parole :” Prendeteci le VOLPI, le VOLPICINE che guastano le vigne, perchè le nostre vigne sono in fiore” (Cantico dei cantici 2:15) e ancora : “Per questo langue il nostro cuore, per questo si oscurano i nostri occhi perchè il monte di Sion è desolato e vi passeggiano le VOLPI” (Lamentazioni 5:18)…. a causa di molti falsi fratelli…altro che “cibare ed abbeverare ai sermoni di tali pastori” come sostiene questo LUIGI!
      Attenzione Fabio e fratelli… certe VOLPI non si stancano mai di provarci a guastare la vigna del Signore, bramano passeggiare per il monte Sion, ma per dominarvi, come dominatori benchè siano schiavi! Tra loro vi sono certi profeti che come VOLPI (Ezechiele 13:4) passeggiano insoddisfatti tra molte chiese in rovina e la loro brama non si spegne mai!
      Inviterei pertanto LUIGI ad uscire allo scoperto!
      Pace Fabio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.