John Wesley: «Non sono un Cristiano»

Quando pochi giorni fa ho fatto conoscere le dichiarazioni fatte nel 1766 da John Wesley – il famoso predicatore inglese che ha fondato il Metodismo – in cui diceva: «Io non ho mai creduto, nel senso Cristiano della parola. Quindi io sono soltanto un onesto pagano», ci sono stati alcuni che come al solito, nella loro stoltezza e ignoranza, mi hanno accusato di avere frainteso le parole di John Wesley per il gusto che io avrei di gettare fango sul prossimo! Mi domando però come si possano fraintendere delle parole così chiare che anche un bambino comprende immediatamente. Ma evidentemente costoro non comprendono neppure l’Italiano, o fanno finta di non comprenderlo per motivi interessati. Che si possano fraintendere le parole di qualcun altro è una cosa possibile, ma nel caso delle suddette parole di John Wesley mi pare proprio che sia impossibile farlo! Comunque, ho fatto ulteriori ricerche su John Wesley e ho scoperto che lui molti anni prima aveva dichiarato di non essere un Cristiano, e precisamente lo dichiarò nel 1739. L’anno in cui fece queste sconcertanti dichiarazioni, badate, è di fondamentale importanza, perché è l’anno dopo quando si dice ufficialmente che lui si convertì, infatti la «conversione» di John Wesley è datata 24 Maggio 1738.
Ora, ecco cosa scrisse John Wesley nel suo Diario nel Gennaio del 1739: «I miei amici affermano che io sia pazzo perché dissi che non ero un Cristiano un anno fa. Io affermo che non sono un Cristiano ora. [….] Ma che io ad oggi non sia un Cristiano lo so certamente come so che Gesù è il Cristo. Perché un Cristiano è uno che ha i frutti dello Spirito di Cristo, che (per non menzionarne altri) sono amore, pace, gioia. Ma questi io non li ho. Non ho alcun amore di Dio. Io non amo né il Padre né il Figlio. [….] Inoltre, non ho gioia nello Spirito Santo. Ho di quando in quando alcuni inizi di gioia in Dio. Ma non è quella gioia. Perché non è duratura. E non è neppure una gioia più grande di quella che ho avuto in alcune occasioni mondane. Cosicché non posso in nessun modo essere detto di ‘rallegrarmi sempre’, molto meno di ‘gioire d’un’allegrezza ineffabile e piena di gloria’. Ed ancora, non ho ‘la pace di Dio’; quella pace chiamata così particolarmente. La pace che io ho può essere spiegata in base a principi naturali. Ho salute, forza, amici, una discreta fortuna, e un carattere tranquillo e allegro. Chi non avrebbe una sorta di pace in tali circostanze? Ma io non ho niente che possa essere chiamata con ogni proprietà ‘una pace che sorpassa ogni conoscenza’. Da ciò io concludo [….], sebbene io abbia dato, e dia, tutti i miei beni per nutrire i poveri, io non sono un Cristiano. Sebbene io abbia sopportato avversità, sebbene io abbia in ogni cosa rinunziato a me stesso e preso la mia croce, io non sono un Cristiano. Le mie opere sono niente, le mie sofferenze sono nulla; io non ho i frutti dello Spirito di Cristo. Sebbene io abbia costantemente usato tutti i mezzi della grazia per venti anni, io non sono un Cristiano» (The Journal of the Rev. John Wesley, A.M. Edited by Nehemiah Curnock, Standard Edition, Vol. II, London, pag. 125,126).

Che dire? John Wesley fu molto chiaro anche in questa circostanza! Quindi John Wesley non si considerava un Cristiano, e spiegò anche i motivi! Noi gli crediamo! Non possiamo fare altrimenti.
Alla luce del fatto che John Wesley non fosse salvato, si comprende il suo forte odio verso la dottrina della predestinazione (o del proponimento dell’elezione di Dio), e sono persuaso che tanti credenti che hanno dato ascolto alle tante menzogne dette da John Wesley contro la predestinazione – che hanno contaminato tutto il Movimento Pentecostale – rifletteranno e Dio gli darà la grazia di rigettarle!

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, Esortazioni, Massoneria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a John Wesley: «Non sono un Cristiano»

  1. Maria scrive:

    un uomo molto corrotto e confuso, questo John Wesley.
    che seminava zizzania e false dottrine

    Ma chi è che può ancora difenderlo dopo tutte queste rivelazioni che sono state fatte su di lui?

    alla luce di quanto hai riportato, si capisce molto bene che non era cristiano.
    per cui, etichettiamolo come va etichettato: pagano, cattolico, falso cristiano.

    che stoltezza difenderlo e negare l’evidenza!

  2. Salvatore scrive:

    Pace

    Osservate la cd. “mano del marrano” (vds mano sx) visibile nel ritratto.
    Sono segni che i massoni/illuminati lasciano nei ritratti, sculture, architetture per dichiarare agli osservatori, in maniera criptica, la loro “fede”

  3. Massimo scrive:

    Giacinto, alla luce anche di quanto hai ora riportato, credo che in Wesley traspaia la piena quanto amara consapevolezza, avendo dichiarato :”…che io ad oggi non sia un Cristiano lo so certamente come so che Gesù è il Cristo”, di non aver aver mai realizzato i doni dello Spirito Santo, che invece devono esserci e vedersi in uno che veramente ha creduto in Cristo Gesù, che l’ha ricevuto nel suo cuore ed è in comunione con Lui! Ecco perchè probabilmente odiava la dottrina della predestinazione, perchè lui non si riconosceva come un preconosciuto ed un predestinato da Dio prima della fondazione del mondo, nonostante tutti i suoi sforzi umani era un uomo erudito, un eccellente oratore e quindi un trascinatore di anime, con la bibbia sempre in mano e che la predicava si può dire tutti i giorni e che scriveva libri spirituali, ma lui personalmente non aveva mai gustato la gioia della salvezza nel suo cuore! In un altro precedente post ricordo aveva detto addirittura di essere stato così tanto usato da Dio! Uno strumento nelle mani di Dio, usato sì ma per gli altri, perchè in lui la Parola di Dio non ha avuto alcun effetto! Affermava :” Ma non ho mai avuto alcun’altra evidenza del mondo eterno ed invisibile rispetto a quella che ho ora, e cioè nessuna, se non una che brilla fiocamente dai raggi di luce della ragione.” In sostanza non aveva mai fatto personalmente alcuna esperienza spirituale! Wesley a mio avviso si è tanto sforzato di capire, ma unicamente mediante la ragione e l’intelligenza umana cose che invece necessitano dell’ esercizio della sola FEDE, che è dono di Dio (1° Corinzi 12:9). Lui cercava una testimonianza diretta, personale di cose invisibili o eterne! Ecco “l’uomo pagano” che emerge in Wesley il quale voleva fare esperienze spirituali che non ha mai fatto, e vedere l’invisibile con occhi carnali!
    Mi riferisco al post del 3 ottobre 2018 Giacinto!
    Condividi questo mio pensiero Giacinto? Anche tu Giacinto, ci hai raccontato delle tua esperienza in cui Dio ti ha parlato tramite quel sogno/visione e magari altre esperienze! Il Signore può permettere certe esperienze spirituali ai suoi figlioli, certamente! Gesù disse infatti a Marta : “Non ti ho detto che se credi vedrai la gloria di Dio?” (Giovanni 11:40).
    Temo pertanto che per Wesley il Vangelo della grazia, fosse solo lettera morta! Pace.

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, ascolta, Wesley non era nato di nuovo … come tutti coloro che camminano nelle tenebre. Era senza Cristo, e quindi senza pace, senza gioia, senza amore ….. Lo ha detto lui, quindi c’è poco da aggiungere. Predicava qualcuno che non conosceva …. come fanno peraltro tanti anche oggi. Di John Wesley ce ne sono tantissimi nel mondo ….

      • Massimo scrive:

        Sì…Wesley non era un uomo di Dio, pur predicandolo, era un senza Cristo, quindi un pagano senza speranza!

        Scrivo ora quanto segue Giacinto, ma lascio a te la scelta di pubblicarlo o meno! Ebbene, sin da bambino posso dire che il Signore mi ha parlato in vari modi, anche se l’ho capito molto più tardi! Posso solo dire e per certo, perchè me lo ricordo come fosse ora, più volte di notte mi svegliavo di soprassalto, tutto sudato, perchè nel sogno/incubo avevo come la sensazione se un toro, sì proprio un toro, mi stesse caricando. Mi ricordo che d’istinto per qualche attimo mi sollevavo dal letto con la schiena perchè veramente percepivo le sue corna contro la stessa, come se l’animale volesse infilzarmi! Avevo anche paura, essendomi la cosa capitata più volte, ma poi dicevo tra me e me :”E’ solo un brutto sogno!”. Allora ero solo un bambino e mi piaceva fare il chierichetto, servendo messa, come si suol dire, presso la chiesa cattolica nel mio paesello. Soltanto dopo moltissimi anni, avvicinatomi alla Parola di Dio e quindi convertitomi al Signore, ho letto in Salmi 22:12 dove parla dei “tori di Basan”e così ho potuto comprendere certe cose! Ma il nemico negli anni ha fatto parimenti il suo di lavoro! Ne aggiungerò delle altre esperienze fatte col Signore, ma più avanti….Ecco perchè anch’io credo fermamente che i veri credenti in Cristo Gesù sono dei predestinati, la Parola lo afferma e siccome è vivente è altresì efficace perchè l’ho testata, provata, vissuta sulla mia persona.
        Pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.