Due cose giuste e due cose sbagliate

La donna fa una cosa giusta agli occhi di Dio nel portare la chioma, in quanto è scritto che “se una donna porta la chioma, ciò è per lei un onore; perché la chioma le è data a guisa di velo” (1 Corinzi 11:15); come anche fa una cosa giusta nel coprirsi il capo con un velo quando prega o profetizza, in quanto è scritto che “la donna deve, a motivo degli angeli, aver sul capo un segno dell’autorità da cui dipende” (1 Corinzi 11:10), e questo segno è il velo che lei deve indossare per onorare il suo capo che è l’uomo, infatti è scritto che “il capo della donna è l’uomo” (1 Corinzi 11:3) e “ogni donna che prega o profetizza senz’avere il capo coperto da un velo, fa disonore al suo capo, perché è lo stesso che se fosse rasa” (1 Corinzi 11:5).
L’uomo fa una cosa sbagliata nel portare la chioma, perché la natura c’insegna “che se l’uomo porta la chioma, ciò è per lui un disonore” (1 Corinzi 11:14); come anche sbaglia nel pregare o profetizzare a capo coperto, perché “ogni uomo che prega o profetizza a capo coperto, fa disonore al suo capo” (1 Corinzi 11:4), che è Cristo (cfr. 1 Corinzi 11:3), in quanto “egli non deve velarsi il capo, essendo immagine e gloria di Dio” (1 Corinzi 11:7).
Coloro che negano queste cose sono contenziosi. Sono di quelli che non sopportano la sana dottrina, in quanto hanno distolto le orecchie dalla verità e si sono volti alle favole. Infatti quando parlano manifestano la loro ribellione anche contro altri precetti degli apostoli.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Due cose giuste e due cose sbagliate

  1. fabio scrive:

    Pace,
    Questo avviene perché in tanti non credono a ciò che si legge nella Bibbia, sai quante volte mi sono sentito rispondere ma questo lo ha detto l’apostolo Paolo oppure Pietro oppure Giacomo, mica Gesù.
    Ma in questa risposta se mi fermo a riflettere vi è incredulità perché così facendo affermano di non credere alla Bibbia poiché gli apostoli hanno parlato sotro la guida dello Spirito Santo come Gesù Cristo il Figlio di Dio gli aveva annunciato in Giovanni 16:13 quando però sarà venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annuncerà le cose a venire.

    Ma quanti credono veramente a questo? “È Va be ma quello lo ha detto l’apostolo Paolo che era solo un uomo…Io credo solo a quello che ha detto Gesù…”
    Ecco la risposta che soventemente osteggiando una gran sicurezza danbo e intanto non hanno mai letto quello che dice Giovanni in Apocalisse 21:14 LE MURA DELLA CITTÀ POGGIANO SU DODICI BASAMENTI, SOPRA I QUALI SONO I DODICI NOMI DEI DODICI APOSTOLI DELL’AGNELLO.

    Ed anche in 1 Timoteo 3:15 affinché tu sappia, nel caso che dovessi tardare, come bisogna comportarsi NELLA CASA DI DIO, CHE È LA CHIESA DEL DIO VIVENTE, COLONNA E SOSTEGNO DELLA VERITÀ

    certamente gli apostoli erano uomini ma ciò che hanno scritto è perché Dio il Padre per mezzo di Gesù ha mandato loro lo Spirito, il Quale ha attestato e confermato ciò che oggi leggiamo negli atti, nelle varie lettere che considero un grande aiuto che oggi Dio ci dà e nel libro dell’Apocalisse e una chiesa non si può dire “apostolica” se poi non intende riconoscere che ciò che gli apostoli hanno scritto È PAROLA DI DIO così come un cristiano non si può dire tale se non mette in pratica la Parola di Gesù Cristo che È la stessa di Dio Padre

    Ecco perché chiedo a Dio ogni giorno in ogni istante di aiutarmi ad essere cristiano e non solo a parole ma affinché il mio cuore sia vicino al Figlio Suo e se dicessi che riesco in questo sarei un gran bugiardo

    Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.