Che sarà dell’anima tua quando morirai?

Sappi innanzi tutto che hai un’anima e che una volta che morirai essa continuerà a vivere, perché non può essere uccisa a differenza del corpo (cfr. Matteo 10:28). Ma sappi anche che se tu, essendo un peccatore (cfr. Romani 3:9-18), morirai nei tuoi peccati essa andrà in un luogo di tormento, dove arde il fuoco, che è chiamato Ades (cfr. Luca 16:22-24), e poi nel giorno del giudizio, quando risorgerai in resurrezione di giudizio comparirai davanti al trono di Dio, sarai giudicato secondo le tue opere e gettato nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, dove sarai tormentato nei secoli dei secoli (cfr. Apocalisse 20:12-15; 21:8). Ma ti voglio fare sapere che Dio, il Creatore di tutte le cose, ha mandato nel mondo il Suo Unigenito Figliuolo per salvare i peccatori, e il suo nome è Gesù (cfr. 1 Giovanni 4:14; 1 Timoteo 1:15; Matteo 1:21). Egli dunque, affinché si adempissero le parole pronunciate ab antico dai profeti di Dio sul Cristo (o Messia), morì per i nostri peccati, fu seppellito, e il terzo giorno risuscitò dai morti a cagione della nostra giustificazione e apparve ai suoi discepoli (cfr. 1 Corinzi 15:3-7). Chi dunque crede in Lui viene salvato dai suoi peccati e ottiene la remissione dei suoi peccati (cfr. Atti 16:31;10:43), e quindi viene strappato dal fuoco dove è diretto! Ravvediti dunque e credi nel Signore Gesù Cristo. Scamperai così all’orribile fine a cui stai andando incontro, perchè perseverando nella fede fino alla dei tuoi giorni, morirai in Cristo e perciò sarai salvato dal Signore nel Suo regno celeste, cioè in paradiso (cfr. 2 Timoteo 4:18).

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Messaggi per i peccatori e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.