Non imitare gli ipocriti

Quando fai l’elemosina, “non fare suonare la tromba dinnanzi a te, come fanno gli ipocriti” (Matteo 6:2), i quali “tutte le loro opere le fanno per essere osservati dagli uomini” (Matteo 23:5) e quindi per essere onorati dagli uomini. Perché quello è il premio che ne hanno. Non imitarli dunque; falla in segreto e Dio, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa in palese. Dio è giusto e fedele, e la tua ricompensa sarà piena da parte del Signore.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Non imitare gli ipocriti

  1. Paola De angelis scrive:

    Amennn… E vero

  2. Massimo Samadello scrive:

    Hai colto proprio nel segno Giacinto! Perchè quel filo-massone di cui ebbi a parlartene non molto tempo fa, ragionando sempre intorno alle cose di Dio, di punto in bianco se ne uscì un giorno, proprio con questa domanda::” Ma tu fai la carità?”. Perchè poco prima aveva vantato di partecipare ad “incontri” con altri signori/e proprio allo scopo di condividere progetti a fini umanitari, tipo la costruzione di un pozzo per portare l’acqua nei paesi poveri, dove la popolazione locale indigente, non ha nè soldi nè mezzi per farlo. E vi partecipava con rispettiva consorte, come pure tanti altri ma non solo per parlare, discutere, bensì per raccogliere anche dei fondi, in beneficenza, per realizzare tali progetti. La Massoneria le fa queste cose a fini socio-umanitari e lo fa alla luce del sole, mostrando, vantando simili iniziative. Ma li sentiamo anche alla TV tanti personaggi famosi del cinema, spettacolo, musica che donano soldi a destra e a manca per l’una o per altra causa Non che non siano opere buone, ma lo fanno per mettersi in mostra!…perchè molti occhi possano osservarli, vantarli, onorarli come benefattori dell’umanità! Mentre il Signore non gradisce affatto questo agire, la pubblicità ai quattro venti (il suonar tromba) nel donare, nel fare!
    E ben sappiamo Giacinto come si sono ridotte anche molte Organizzazioni religiose, si sono allineate a questa distorta verità! Non era questo che intende il Vangelo della grazia! Vogliono guadagnarsi la salvezza mediante le opere della carne! Fanno di tutto per mettersi in mostra, anche attraverso i media per far vedere che loro sono molto sensibili ed attivi in tal senso, disponibili nelle necessità altrui, aiutando soccorrendo, recuperando…collaborando…e hanno sempre bisogno di “denaro” per farlo! I soldi si sa’ non bastano mai! Non bastano le decime, le offerte, le sovvenzioni, i proventi di vendita di oggettistica religiosa, libri e il materiale audio/visivo ecc…
    Eppure come hai citato tu, è scritto altresì in Matteo 6:3-4 : “Non sappia la tua sinistra quel che fa la tua destra, affinchè la tua elemosina sia fatta in segreto; e il Padre tuo che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa”. Ma l’agire in segreto farebbe sì che nessuno saprebbe, nessuno li osserverebbe compiaciuti, mentre loro vogliono che ogni occhio li veda, eccome! A molti interessa poco la ricompensa di Dio, perchè è troppo in là…. interessa invece quella più immediata, palpabile e remunerativa, sì quella degli uomini! E avanzano istanze a destra a manca, se necessario, ai vari organi di Stato competenti, s’intascano l’8 per mille, si aggiudicano immobili confiscati alle organizzazioni malavitose, dicendo: “Ecco, vedi fratè…..tutte le cose cooperano al bene..”; sì ma per bene intendono il loro, aumentando il loro patrimonio immobiliare!
    Ben è scritto di certuni citati sopra : “…aventi l’apparenza della pietà, mentre ne hanno rinnegato la potenza. ANCHE DA COSTORO ALLONTANATI!” (2° Timoteo 3:5). Purtroppo, e tu Giacinto lo evidenzi sempre,, molti sono tornati indietro, in Egitto e si muovono all’ombra del Faraone, si sentono da lui così amati e protetti, perchè lì hanno il pane assicurato! Per loro è finito il tempo di aspettare che sia il Signore ad operare, a provvedere e a supplire al bisogno dei santi e per sola FEDE,
    col soccorso e l’aiuto di altri santi cui il Signore ha già provveduto in abbondanza, in stretta osservanza di quel principio evangelico di UGUAGLIANZA, predicato dal caro apostolo Paolo (2° Corinzi 8:13).
    Pace.

  3. Davide scrive:

    Amen
    Proprio così ministro.
    Pace e bene Giacinto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.