«Rolls Royce»: un inno all’ectasy!

Striscia la Notizia mette in guardia dalla canzone «Rolls Royce» del cantante Achille Lauro, uno dei partecipanti al recente festival di Sanremo. Rolls Royce infatti è il nome con cui viene definita una pasticca di ecstasy, una droga micidiale. Questa canzone è dunque un inno all’ectasy! Ecco dunque un’altra macchinazione di Satana contro i giovani. Naturalmente anche qui, noi avremmo capito una cosa per un’altra, già perché saremmo tutte persone ignoranti che non si informano, perché Rolls Royce è una macchina! Ecco quindi l’astuzia di Satana in che cosa consiste … presentare il male o il peccato in una maniera da non dare tanto all’occhio a tanti o meglio in maniera tale che tante persone non se ne accorgano! State molto attenti, dunque! Vegliate e pregate, fratelli, perché Satana è fortemente all’opera nel mondo, e siccome molte Chiese si conformano al mondo, l’influenza satanica si riverbera poi anche nella Chiesa.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Esortazioni, Massoneria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a «Rolls Royce»: un inno all’ectasy!

  1. Davide scrive:

    Pace Giacinto!
    Sia ringraziato Iddio mediante Gesù Cristo per aver scoperto questo ennesimo inganno del diavolo!

    In effetti,il consumo di droga è dal diavolo,in quanto come ci ricorda l’apostolo Paolo in Romani, l’esortazione a presentare i nostri corpi in sacrificio spirituale gradito a Dio (cfr.Romani 12:1,2)e a non alterare la nostra mente tramite sostanze tossiche!

  2. Paola De angelis scrive:

    Eh lo so lo so, come far passare a tante persone dedotte dal diavolo tante comunità che alle persone che si lasciano sedurre sono buone in realtà sono sinagoghe di satana, e dentro ci trovi persone che si spacciano per fratelli ma hanno lo spirito di jezabel

  3. Nunzio scrive:

    sì anche tanti trappers (chi suona la musica trap) parlano di droga e sembra anche di simboli massonici. Si veda Sfera e Basta (ma ce ne sono tanti altri, anche stranieri)

    Negli anni Cinquanta, Sessanta, Settanta, Ottanta, ad istigare all’uso di droghe e al satanismo erano i rockers (Beatles, Rolling Stones, Jimi Hendrix, Led Zeppelin, Madonna, AC\DC. KISS, Alice Cooper e moltissimi altri) poi venne Marilyn Manson (anni Novanta) a strappare la Bibbia, a darle fuoco e a lodare l’Anticristo, adesso ci sono questi trappers diabolici.

  4. Nunzio scrive:

    Infatti, come ipotizzavo, è già uscita anche la “christian trap”. C’è un profilo facebook chiamato così che ha caricato diverse canzoni e video

  5. Nunzio scrive:

    Wikipedia dice che lo stesso nome “trap” è un termine slang per “spacciare”
    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Trap_(genere_musicale)

    La musica trap è caratterizzata da testi cupi e minacciosi, che comunque possono essere molto diversi per ogni trapper. I temi tipici rappresentati nei testi sono la vita di strada tra criminalità e disagio, la povertà, la violenza, lo spaccio di sostanze stupefacenti, e le dure esperienze che l’artista ha affrontato nei dintorni della sua città. La parola “trap” deriva da trap house, appartamenti abbandonati (solitamente nei sobborghi di Atlanta) dove gli spacciatori americani preparano e spacciano sostanze stupefacenti. Inoltre la parola trapping in slang significa “spacciare”. Questa musica è infatti molto legata ad ambienti e tematiche relative a vendita e dipendenza da droghe: inizialmente non è un genere vero e proprio, fino ai primi anni 2000 il termine indicava semplicemente un luogo (le trap house, appunto); successivamente comincia a essere utilizzato per indicare la musica legata a quel contesto. In anni più recenti l’etichetta “Trap” viene associata pure a brani e artisti che utilizzano determinati suoni, anche se nulla hanno a che vedere con il mondo delle trap house di Atlanta (ad esempio nel caso della EDM Trap).

    Infatti il riferimento alla droga è chiarissimo anche in “Rolls Royce”, d’altraparte questo tipo di musica parla di droghe.

  6. Stefania scrive:

    Giacinto guarda che questa canzone l’ha scritta il figlio del pastore Mungai. Puoi verificare da te stesso. E se leggi il testo ad un certo punto si parla anche di Dio.
    Il ragazzo suona anche in chiesa…..Credo di non dover fare alcun commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.