Dopo i giornalisti arriveranno i magistrati!

Aspettavamo i giornalisti e sono arrivati (finora pochi ma con il tempo aumenteranno): d’altronde i giornalisti non potevano rimanere indifferenti dinanzi alle opere degli operatori di scandali e di iniquità presenti nelle Chiese Evangeliche, che vengono coperti e giustificati da persone corrotte di mente e private della verità. Si erano occupati per tanto tempo per lo più degli scandali perpetrati in seno alla Chiesa Cattolica Romana, per cui non si poteva pensare che non si sarebbero occupati degli stessi scandali che sono presenti anche nelle Chiese Evangeliche! Era una questione di tempo, ed ecco che sono arrivati! Per la gioia di coloro che vengono abusati, sfruttati, ingannati, e maltrattati, che finalmente vedono i carnefici smascherati sulla pubblica piazza da persone che non conoscono Dio! Li ha mandati Dio, e noi questo lo sappiamo.
Ma ora aspettiamo che entrino i magistrati nelle denominazioni evangeliche, nelle Onlus gestite da Chiese e denominazioni evangeliche, soprattutto PENTECOSTALI, etc. E’ solo una questione di tempo. Qualcuno si domanderà come mai questa attesa. Bene, perché il magistrato “è un ministro di Dio, per infliggere una giusta punizione contro colui che fa il male” (Romani 13:4), e in queste organizzazioni e denominazioni ci sono molti (soprattutto «pastori») che SONO DATI AL MALE E SI FANNO BEFFE DELLE AUTORITA’ perché per queste Chiese il male è bene – e difatti per essi il fine giustifica i mezzi – per cui Dio manderà contro di loro i magistrati, Suoi ministri. A Suo tempo Dio farà anche questo. Non vogliono ravvedersi, non vogliono convertirsi dalle loro vie malvagie e si fanno beffe di coloro che li esortano – E IL NOME DI DIO VIENE BESTEMMIATO A CAGIONE DI QUESTI OPERATORI DI INIQUITA’ – esattamente quello che avveniva ai giorni dei profeti, per cui Dio manderà contro di loro questi Suoi ministri, da Lui ordinati. 
Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.