2009: quando mi telefonò il segretario delle ADI

Davide Di Iorio

Era l’11 Dicembre 2009 quando ricevetti una telefonata da parte di Davide Di Iorio, segretario delle ADI (Assemblee di Dio in Italia). Mi telefonò per dirmi alcune cose in merito al mio articolo «Fino all’ultimo voto» (http://lanuovavia.org/video-perri-elezioni-comunali-2007.html). Ma dopo avermele dette, cominciò a parlare di altre cose, tra cui naturalmente quello che io stavo facendo alle ADI, secondo lui naturalmente. Ricordo che tra le altre cose mi disse che io non immaginavo neppure quello che stavo facendo nelle ADI, che stavo facendo un pandemonio, e che stavo distruggendo un movimento che aveva cento anni! Naturalmente, colsi l’occasione per riprendere lui e le ADI per alcune false dottrine che stavano insegnando, ma lui mi rispose facendomi capire che le ADI non avevano intenzione di rigettarle! Dopo circa dieci anni che cosa stiamo notando quindi? Che i dirigenti delle ADI continuano a indurarsi, a non volersi ravvedere e convertire, e Dio per questo sta moltiplicando i suoi giudizi su questa organizzazione. Ma Dio sta convertendo il male in bene, come nel caso di Faraone, affinché i Suoi siano liberati ed escano dalle ADI.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a 2009: quando mi telefonò il segretario delle ADI

  1. Massimo Samadello scrive:

    Il Movimento pentecostale in Italia avrà anche più di 100 anni, ma l’ Organizzazione ADI, ha ben poco a che fare col movimento dello Spirito Santo.
    Egli certamente non l’avrebbe mai guidata nell’introdurre false dottrine deviando
    così tante anime dalla Verità, nè nello stringere amicizie con Faraone (Stato e benefici derivanti dall’8 e 5 x mille) e con altre denominazioni /organizzazioni religiose che rigettano chiaramente la Sana Dottrina, ed ancor meno l’ avrebbe spinta a firmare alleanze commerciali con i nemici del Cristo di Dio che lo rinnegano… ecc..ecc…
    Se Di Iorio poi ti rispose Giacinto, facendoti capire che le ADI non avevano intenzione di rigettare alcune delle loro false dottrine, questo è molto grave! E se tutt’ oggi insegnano ancora queste false dottrine, significa certo che c’è stato un indurimento
    da parte del Signore e l’apostolo Paolo è molto severo su questo in Efesini 4:17-25. Insegnare false dottrine non significa forse insegnare la Menzogna e per di più al proprio prossimo? Certo che sì! Che ne sarà dunque di quest’albero?
    Beh…le parole in Luca 3:9 sono chiare!
    Pace.

  2. Stella Maria scrive:

    Ho letto il link sulla nuova via: ma il past Di Iorio ti ha detto “Noi come Chiesa ADI di Reggio Calabria non abbiamo nessun rappresentante politico e né sosteniamo politicamente nessun rappresentante politico. Ognuno vota chi vuole lui’, E poi ti ha anche detto che non sa assolutamente nulla della candidatura di Pepe Morabito alle elezioni comunali di Reggio Calabria del 2007, e ti ha smentito la presenza di qualsiasi candidato politico all’interno della Chiesa ADI di Reggio Calabria”.
    Quindi ti ha detto che la comunità che cura non ha nulla a che fare con le votazioni politiche, e nemmeno ne sa nulla…

  3. Antonio scrive:

    Grazie siano rese a Dio per come sta liberando tanti suoi eletti da questi servitori di mammona

  4. Massimo Samadello scrive:

    Stella, credo sia giusto ed altresì onesto dover prendere in seria considerazione anche tutta la prima parte di questo link, che è la più importante, ovvero :
    *** “In occasione delle elezioni comunali del Maggio 2007 a Reggio Calabria c’è stato un feroce scontro politico tra gli Evangelici, che avevano i loro candidati, e quelli della Chiesa di Gallico (di cui è pastore Gilberto Perri) che avevano candidato Massimo Ripepi nella lista ‘Area dello Stretto’. Ha vinto quest’ultimo.
    In questo video ascolterete Gilberto Perri parlare sia prima delle elezioni (25 Aprile 2007) che dopo (2 Giugno 2007), e rivelare che in questa competizione politica è stata coinvolta anche la Chiesa ADI, di cui è pastore Davide Di Iorio. ” +****
    Ora se Di Iorio ha negato ogni coinvolgimento della sua chiesa, il tutto andrebbe dimostrato con i fatti!
    Pertanto Giacinto, è possibile reperire da qualche parte e riascoltare questo video o quant’altro di utile che possa documentare e così avvalorare le dichiarazioni invece di questo Gilberto Perri e così svergognare i bugiardi? Grazie.
    Pace.

    • giacintobutindaro scrive:

      Non feci allora ulteriori accertamenti. Mi limitai a mettere la versione di Davide Di Iorio. Comunque è risaputo che nelle ADI facciano politica apertamente, basta considerare cosa è avvenuto a Catania alcuni anni fa con Alessandra Lombardo, una delle figlie di Paolo Lombardo, che è membro di quella Chiesa ADI http://giacintobutindaro.org/2013/06/29/per-i-fratelli-della-chiesa-adi-di-catania/

      • Massimo Samadello scrive:

        La semplicità delle colombe deve necessariamente camminare con la “prudenza dei serpenti” (Matteo 10:16). Ormai Giacinto bisogna camminare con registratori in tasca, video, foto, cercarsi testimoni… per dimostrare la verità!
        Alessandra poi, figlia di Paolo Lombardo ex pastore delle ADI di Catania, nel 2013 si è candidata nel Partito Democratico di quella città? Vergogna! Nessuno di quella chiesa ha mai letto dell’ IRREPRENSIBILITA’ che la Parola di Dio comanda in 1° Timoteo 3:1-2 e Tito 1:6-7 ad uno che aspira all’incarico di vescovo! Lo spirito di stordimento indisturbato aleggiava e temo aleggi tuttora liberamente in quella chiesa i cui membri sono raggirati da false dottrine, sfruttati nelle decime, collusi nello stringere alleanze col Faraone e suoi fedeli servitori. Lombardo li ha pure chiamati “Mammalucchi” ma loro non hanno fatto una grinza! Che indurimento!
        Pace.

        • giacintobutindaro scrive:

          Massimo, sappi che Paolo Lombardo è ANCORA pastore della Chiesa ADI di via Susanna. Questo è quello che mi risulta. Guerino Perugini è ancora ‘prova’

          • Massimo Samadello scrive:

            Perugini è ancora in prova? Mi sbaglio Giacinto o era sorta una questione sulla casa pastorale, nel senso che a Perugini pare non garbasse e pertanto gliene stavano cercando un’altra più consona alle sue esigenze e a spese della comunità? Ma poi, se anche fosse Perugini il nuovo conduttore che cambierebbe? Nulla! Stesso statuto, stesse dottrine, la decima quale pietra miliare, le amicizie già strette con Faraone ecc..ecc.. Cambiano i timonieri ma la barca segue sempre la stessa rotta!
            Che qualcuno possa riflettere e prenda decisioni coraggiose! (Giudici 5:15-16).
            Pace.

          • giacintobutindaro scrive:

            Sulla ‘casa pastorale’ in effetti questo è quello che si dice in seno alla Chiesa di Catania. E comunque gliel’hanno trovata in un posto di catania. Quindi la questione della casa si è risolta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.