Uno spettacolo al posto del culto al Signore!

I santi antichi si radunavano per offrire un culto al Signore “accettevole, con riverenza e timore “ (Ebrei 12:28), e da quelle riunioni di culto tornavano edificati, ammaestrati, corretti, confermati e fortificati e consolati! Oggi invece per molti che si dicono Cristiani radunarsi significa andare ad assistere ad uno spettacolo (interpretato da degli attori ben preparati, infatti è tutta una recitazione, dalla predicazione vuota scritta e letta da uomini senza Dio, ai cantici – ma quali cantici, sono canzoni vuote cantate da una band musicale con la corale dove le donne sono ben messe in mostra con il loro abbigliamento provocante, per cui i membri possono anche stare comodi ed ascoltare come nei concerti mondani – e alle preghiere anche queste vuote e preconfezionate, tutti compiti naturalmente assegnati per meriti acquisiti a fedeli dipendenti della denominazione, che sono corrotti e quindi pronti a mentire su tutto pur di difendere la propria denominazione corrotta e pervertita), seduti comodamente su delle poltrone … dove mancano solo i pop-corn e la coca-cola! Ma non si può escludere che in futuro arriveranno pure quelli! E da queste riunioni un vero credente che dovesse parteciparvi torna turbato, scontento, e arrabbiato per tutte le cose perverse e storte che sente e vede. Se state frequentando questi luoghi di intrattenimento, vi esorto ad uscire e separarvi e a radunarvi nelle case come facevano i discepoli antichi.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Uno spettacolo al posto del culto al Signore!

  1. Raffaele scrive:

    Purtroppo hai ragione. Alcune chiese già usano l’aperitivo di benvenuto. Consiste che ad esempio il culto incomincia alle 19:00, l’aperitivo e alle 18:30. Di male in peggio. Pace Giacinto❤

    • fabio scrive:

      Pace Raffaele,
      Tu hai parlato di aperitivo nelle chiese e come nel post di Giacinto questo fa parte dello spettacolo perché si sono tutti adeguati al mondo odierno, dicono che parlare come parlavano gli apostoli si è antiquati e quindi che si fa…Una nuova enciclopedia con nuove terminologie ma credo che siamo ben lontani dal mangiare quel CIBO di cui Gesù il Figlio di Dio parlò ai suoi apostoli quando gli disse in Giovanni 4:31-34 Intanto i discepoli lo pregavano, dicendo: «Maestro, mangia». Ma egli disse loro: «Io ho un cibo da mangiare che voi non conoscete». Perciò i discepoli si dicevano gli uni gli altri: «Forse qualcuno gli ha portato da mangiare?» GESÙ DISSE LORO: «IL MIO CIBO È FARE LA VOLONTÀ DI COLUI CHE MI HA MANDATO, E COMPIERE L’OPERA SUA.

      Questo che sta avvenendo in tante chiese è sempre un compimento della Parola di Dio che si legge in Luca 12:45-46 Ma se quel servo dice in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”; e comincia a battere i servi e le serve, a mangiare, bere e ubriacarsi, il padrone di quel servo verrà nel giorno che non se lo aspetta e nell’ora che non sa, e lo punirà severamente, e gli assegnerà la sorte degli infedeli.

      Giacinto con tante sue predicazioni compie l’opera della sentinella e mette in guardia la chiesa affinché per la Grazia che viene da Dio Padre in Gesù si possa destare e RITORNARE ALLA RICERCA DELLA SANA DOTTRINA.

      Pace ai santi che sono sparsi su tutta la tera

  2. Nunzio Metali scrive:

    Sappiamo che Benny Hinn è arrivato a vendere anche l’acqua del Giordano (tra le altre cose che vende…)
    penso che l’idea di vendere anche “la santa coca cola” o “i pop corn benedetti” potrebbe anche venirgli. E purtroppo, penso che saranno tanti i “cristiani” che abboccheranno comprando queste cose.

    si va di male in peggio!

    Pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.