E’ stata cercata e trovata dal pastore

Non è la pecora perduta che va in cerca del pastore e lo trova e gli salta sulle spalle, ma il pastore che va in cerca della perduta e la trova, e se la mette sulle spalle e la riporta all’ovile. Infatti Gesù disse: «Chi è l’uomo fra voi, che, avendo cento pecore, se ne perde una, non lasci le novantanove nel deserto e non vada dietro alla perduta finché non l’abbia ritrovata? E trovatala, tutto allegro se la mette sulle spalle; e giunto a casa, chiama assieme gli amici e i vicini, e dice loro: Rallegratevi meco, perché ho ritrovato la mia pecora ch’era perduta” (Luca 15:4-6). Il pastore dunque, dopo avere trovato la pecora, si rallegra di averla trovata. Siamo dunque stati salvati non perché abbiamo voluto essere salvati o perché abbiamo dato al Signore il permesso di salvarci, ma perché Dio ha voluto salvarci e questo perché Egli ci ha eletti a salvezza prima della fondazione del mondo. Ecco perché Gesù disse ai suoi discepoli: “Non siete voi che avete scelto me, ma son io che ho scelto voi, …. io v’ho scelti di mezzo al mondo” (Giovanni 15:16,19). La scelta l’ha fatta il Signore, non noi. Noi dunque che un tempo eravamo erranti come pecore, in quanto ognun di noi seguiva la sua propria via, ci rallegriamo di essere stati cercati e trovati dal Sommo Pastore. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Insegnamenti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.